Leon Cooper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leon Cooper
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 1972

Leon Cooper (New York, 28 febbraio 1930) è un fisico statunitense, vincitore, insieme a John Bardeen e Robert Schrieffer, del premio Nobel per la fisica nel 1972, per «la loro teoria della superconduttività, generalmente denominata Teoria BCS».[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cooper si diplomò alla Bronx High School of Science nel 1947 e conseguì il Bachelor of Arts nel 1951, il Master's degree nel 1953 e il Ph.D. nel 1954 presso la Columbia University. Trascorse un anno all'Institute for Advanced Study di Princeton e insegnò presso l'Università dell'Illinois e l'Ohio State University, prima di giungere, nel 1958, alla Brown University. Ricopre il ruolo di Professore Thomas J. Watson di Scienze alla Brown e di direttore dell'Institute for Brain and Neural Systems.

Socio dell'American Physical Society, dell'American Academy of Arts and Sciences, membro della United States National Academy of Sciences, dell'American Philosophical Society e dell'American Association for the Advancement of Science, è stato Alfred P. Sloan Research Fellow dal 1959 al 1966 e Guggenheim Fellow tra il 1965 e il 1966.[2] Ha condotto diverse ricerche presso istituzioni come il già citato Institute for Advanced Study e il CERN di Ginevra.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie televisiva The Big Bang Theory i produttori hanno utilizzato il suo cognome per l'omonimo personaggio chiave Sheldon Cooper, anch'egli fisico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per la fisica nel 1972, su nobelprize.org. URL consultato l'8 luglio 2008.
  2. ^ (EN) Leon N. Cooper – 1965 - Physics [collegamento interrotto], su gf.org, John Simon Guggenheim Memorial Foundation. URL consultato il 12-08-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN91305453 · ISNI (EN0000 0000 8163 8938 · LCCN (ENn82259798 · GND (DE128723211 · BNF (FRcb160617085 (data) · J9U (ENHE987007273092505171 · NSK (HR000096559 · WorldCat Identities (ENlccn-n82259798