Pandemia di COVID-19 del 2020 in Corea del Sud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 in Corea del Sud
epidemia
COVID-19 Outbreak Cases in South Korea (Density).svg
Diffusione al 3 aprile 2020.

     Da 1 a 9 casi

     Da 10 a 99 casi

     Da 100 a 499 casi

     Da 500 a 999 casi

     Da 1000 a 9999 casi

     Più di 10000 casi

PatologiaCOVID-19
Nazione coinvoltaCorea del Sud Corea del Sud
Periodo20 gennaio 2020 - in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi10 062 (3 aprile 2020)
Numero di guariti6 021 (3 aprile 2020)
Numero di morti174 (3 aprile 2020)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 del 2020 in Corea del Sud è iniziata il 20 gennaio 2020.[2] Il 19 febbraio, il numero di casi confermati è aumentato del 20 e il 20 febbraio di 58[3] o 70,[4] per un totale di 346 casi confermati il 21 febbraio 2020, secondo i Centers for Disease Control and Prevention Korea (KCDC), con l'improvviso salto attribuito principalmente al "Paziente 31" che ha partecipato a un raduno presso una chiesa Shincheonji di Gesù, il tempio del Tabernacolo della chiesa della testimonianza a Daegu.[4] Al 23 febbraio 2020, il numero di casi confermati in Corea del Sud era di 602 e 6 morti, il più grande dopo la Cina e le infezioni sulla nave da crociera Diamond Princess.[5] Il 24 febbraio 2020, c'erano più casi in Corea del Sud che sulla nave da crociera con rispettivamente 763 e 691 infezioni.[6] Tra i timori di ulteriori contaminazioni, vengono radunate le riunioni di massa nelle città colpite, le basi militari sono state bloccate.[7][8]

Mappa al 30 marzo

     Casi confermati

     Nessun caso confermato in 14 giorni

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Per fonte di infezione
Classificazione Casi confermati totali Casi di morte Degente Dimessi
Relativi alla Chiesa di Gesù Shincheonji 731[9] - - -
Relativi all'Ospedale Cheongdo Daenam 114[9] 3[10] - -
Afflussi d'oltremare 33[9] - - 10
Altri 717[9] 1 - -
Totale 1.595[11] 12[11] 1.559[11] 24[11]
Casi di COVID-19 in Corea del Sud
Data Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
20 gennaio 2020
1 (+0%)
21 gennaio 2020
1 (+0%)
22 gennaio 2020
1 (+0%)
23 gennaio 2020
1 (+0%)
24 gennaio 2020
2 (+100%)
25 gennaio 2020
2 (+0%)
26 gennaio 2020
3 (+50%)
27 gennaio 2020
4 (+33%)
28 gennaio 2020
4 (+0%)
29 gennaio 2020
4 (+0%)
30 gennaio 2020
6 (+50%)
31 gennaio 2020
11 (+83%)
1º febbraio 2020
12 (+9%)
2 febbraio 2020
15 (+25%)
3 febbraio 2020
15 (+0%)
4 febbraio 2020
16 (+7%)
5 febbraio 2020
19 (+19%)
6 febbraio 2020
23 (+21%)
7 febbraio 2020
24 (+4%)
8 febbraio 2020
24 (+0%)
9 febbraio 2020
27 (+12,5%)
10 febbraio 2020
27 (+0%)
11 febbraio 2020
28 (+3,7%)
12 febbraio 2020
28 (+0%)
13 febbraio 2020
28 (+0%)
14 febbraio 2020
28 (+0%)
15 febbraio 2020
28 (+0%)
16 febbraio 2020
29 (+3,57%)
17 febbraio 2020
30 (+3,44%)
18 febbraio 2020
31 (+3,33%)
19 febbraio 2020
51 (+64%)
20 febbraio 2020
104 (+103%)
21 febbraio 2020
234 (+125%)
22 febbraio 2020
346 (+47%)
23 febbraio 2020
556 (+60%)
24 febbraio 2020
763 (+37%)
25 febbraio 2020
893 (+17%)
26 febbraio 2020
1146 (+28%)
27 febbraio 2020
1595 (+39%)
28 febbraio 2020
2022 (+26%)
29 febbraio 2020
2931 (+44%)
1º marzo 2020
3526 (+20%)
2 marzo 2020
4212 (+19%)
3 marzo 2020
4812 (+14%)
4 marzo 2020
5328 (+10%)
5 marzo 2020
5766 (+8,2%)
6 marzo 2020
6284 (+8,9%)
7 marzo 2020
6767 (+7,6%)
8 marzo 2020
7134 (+5,4%)
9 marzo 2020
7382 (+3,4%)
10 marzo 2020
7513 (+1,7%)
11 marzo 2020
7755 (+3,2%)
12 marzo 2020
7869 (+1,4%)
13 marzo 2020
7979 (+1,39%)
14 marzo 2020
8086 (+1,34%)
15 marzo 2020
8162 (+0,93%)
16 marzo 2020
8272 (+1,34%)
17 marzo 2020
8320 (+0,58%)
18 marzo 2020
8413 (+1,11%)
19 marzo 2020
8565 (+1,8%)
20 marzo 2020
8652 (+1,01%)
21 marzo 2020
8799 (+1,69%)
22 marzo 2020
8897 (+1,11%)
23 marzo 2020
8961 (+0,71%)
24 marzo 2020
9037 (+0,84%)
25 marzo 2020
9137 (+1,1%)
26 marzo 2020
9241 (+1,13%)
27 marzo 2020
9332 (+0,98%)
28 marzo 2020
9478 (+1,56%)
29 marzo 2020
9583 (+1,1%)
30 marzo 2020
9661 (+0,81%)
31 marzo 2020
9786 (+1,29%)
1º aprile 2020
9887 (+1,03%)
2 aprile 2020
9976 (+0,9%)
3 aprile 2020
10062 (+0,86%)
Fonti




20 gennaio–18 febbraio[modifica | modifica wikitesto]

Nuovo intervento di prevenzione delle infezioni da coronavirus e cose da non fare rilasciate dai Centers for Disease Control and Prevention Korea sotto il Ministero della salute e del benessere della Corea del Sud

Il 20 gennaio, il primo caso confermato è stato identificato come una donna cinese di 35 anni. Il primo cittadino sudcoreano ad essere stato contagiato tre giorni dopo era un uomo di 55 anni che lavorava a Wuhan e tornò per un controllo con i sintomi dell'influenza. Le due segnalazioni di infezione sono state rese pubbliche il 24 gennaio.[12]

Il 26 gennaio, un terzo caso come un uomo sudcoreano di 54 anni. Aveva usato un'auto a noleggio e aveva visitato tre ristoranti, un hotel, un negozio di alimentari e aveva incontrato la sua famiglia prima di ricoverarsi in ospedale. Tutti questi posti sono stati disinfettati.

Il 27 gennaio, un quarto caso è stato segnalato come un uomo sudcoreano di 55 anni tornato da Wuhan il 20 gennaio. Ha sperimentato per la prima volta sintomi influenzali il 21 gennaio e quattro giorni dopo ha sofferto di ulteriori complicazioni, alla fine si è consegnato. Entrambi i casi sono stati registrati nei documenti ufficiali il 27 gennaio.[13]

Il 1º febbraio, un aggiornamento sui primi quattro pazienti ha indicato che i primi tre pazienti stavano mostrando sintomi più deboli e si stavano riprendendo bene mentre il quarto paziente stava ricevendo un trattamento dalla polmonite. Circolavano voci secondo cui il quarto paziente era deceduto, negato dalle autorità sanitarie.[14]

Altri due casi confermati sono stati segnalati il 30 gennaio con il quinto paziente che era un uomo sudcoreano di 32 anni tornato dal suo lavoro a Wuhan il 24 gennaio. Il sesto paziente fu il primo caso in Corea del Sud che non aveva mai visitato Wuhan. L'uomo di 56 anni ha preso il virus quando ha visitato un ristorante con il terzo paziente.[15]

Il 31 gennaio, un settimo paziente è stato segnalato come un uomo sudcoreano di 28 anni di ritorno da Wuhan il 23 gennaio. Ha sviluppato sintomi il 26 gennaio ed è stato ricoverato in ospedale il 28 gennaio.[16] Lo stesso giorno, altri quattro pazienti sono stati ammessi alla registrazione quando l'ottava paziente, una donna sudcoreana di 62 anni, è tornata da Wuhan. Il nono paziente ha preso il virus dal quinto paziente attraverso il contatto diretto mentre il decimo e l'undicesimo paziente erano la moglie e il bambino che erano stati infettati durante la visita del sesto paziente.[17]

Il 1º febbraio, un cittadino cinese di 49 anni che lavora in Giappone come guida turistica è stato confermato come dodicesimo paziente. Ha preso il virus mentre visitava un paziente giapponese in Giappone ed è entrato nella Corea del Sud attraverso l'aeroporto internazionale di Gimpo il 19 gennaio.[18] I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in Corea (KCDC) hanno confermato altri tre casi il 2 febbraio, portando il totale a quindici.[19]

Una donna, che era tornata dalla Thailandia dopo una vacanza di cinque giorni, è risultata positiva e confermata come sedicesimo caso il 4 febbraio.[20] Altri tre casi sono stati confermati il 5 febbraio, portando il conteggio totale dei casi a 19. Il diciassettesimo e diciannovesimo paziente avevano partecipato a una conferenza a Singapore ed erano stati in contatto con un individuo infetto lì.[21] Lo stesso giorno i Centers for Disease Control and Prevention Korea (KCDC) hanno annunciato che il secondo paziente era stato dimesso dall'ospedale dopo essere stato testato negativo in test consecutivi, diventando il primo paziente coronavirus del paese a guarire completamente.[22]

Epidemia 19 febbraio–presente[modifica | modifica wikitesto]

La diffusione della Corea del Sud di casi confermati di infezione da SARS-CoV-2 è aumentata a partire dal 19 febbraio.

Il 19 febbraio il numero di casi confermati è aumentato di 20. Il 20 febbraio sono stati confermati 70[23] nuovi casi, per un totale di 104 casi confermati, secondo i Centers for Disease Control and Prevention Korea (KCDC). Secondo Reuters, il KCDC ha attribuito l'improvviso balzo a 70 casi legati al "Paziente n. 31", che aveva partecipato a un raduno a Daegu presso la Chiesa di Gesù Shincheonji, il Tempio del Tabernacolo della Testimonianza.[23]

Il 20 febbraio, le strade di Daegu erano vuote in risposta allo scoppio di Shincheonji. Un residente ha descritto la reazione, affermando "È come se qualcuno avesse lanciato una bomba nel mezzo della città. Sembra un'apocalisse di zombi."[24] La prima morte è stata segnalata[25] in un reparto psichiatrico dell'ospedale Cheongdo Daenam nella contea di Cheongdo. Secondo il sindaco di Daegu, il numero di casi sospetti al 21 febbraio era 544 tra i 4.400 seguaci della chiesa esaminati.[26] L'ospedale è stato sospettato come la fonte dell'attuale focolaio dopo essere stato visitato da una donna che è diventata il secondo caso fatale della Corea quel giorno. L'infezione si diffuse all'esterno attraverso una cerimonia funebre cui parteciparono i membri della chiesa.[27][28]

Tutte le basi militari sudcoreane erano bloccate dopo che i test avevano confermato che tre soldati erano effettivamente positivi per il virus.[29] Le compagnie aeree interrompono i collegamenti e gli orari culturali vengono annullati a causa dei timori di un'ulteriore diffusione.[30][31] Le forze degli Stati Uniti in Corea hanno aumentato il livello di allerta da basso a moderato e hanno interrotto i viaggi non essenziali da e verso USFK Daegu.[32] Le strutture scolastiche dell'USFK Daegu erano chiuse e al personale non essenziale è stato ordinato di rimanere a casa mentre a tutti i visitatori che vi si recavano non era permesso entrare.[32] USFK ha annunciato che la vedova di un soldato in pensione che era a Daegu è stata diagnosticata positiva per il virus il 24 febbraio.[33] Camp Humphreys ha messo in atto protocolli di rilevazione dei virus, compresi i controlli della temperatura e ha aumentato il livello di allarme.[34]

Al 22 febbraio, tra 9.336 seguaci della chiesa, 1.261 hanno riportato sintomi.[35] All'epoca, 169 casi confermati riguardavano la chiesa e altri 111 provenivano dall'ospedale di Cheongdo Daenam.[36] 23 febbraio hanno visto altri 123 casi con 75 provenienti da Shincheonji[37] e il 24 febbraio hanno visto 161 ulteriori casi con 129 appartenenti al gruppo religioso. Oltre 27.000 persone sono state testate per il virus con 19.127 risultati negativi.[38]

Il 24 febbraio, 15 paesi hanno imposto restrizioni sui viaggi da e verso la Corea del Sud.[39] È stato anche riferito che il funzionario sanitario senior che sovrintende agli sforzi della COVID-19 a Daegu è risultato positivo ed è stato anche membro di Shincheonji.[40][41] Nel giro di pochi giorni, una petizione al presidente della nazione che sollecitava lo scioglimento della chiesa aveva oltre 750.000 firme. Il loro quartier generale a Gwacheon fu saccheggiato dalle forze dell'ordine e funzionari del governo dissero che tutti i 245.000 membri del gruppo religioso sarebbero stati trovati e testati.[41]

Il 28 febbraio sono stati segnalati oltre 2.000 casi confermati.[42]

Impatto e reazioni[modifica | modifica wikitesto]

A parte la città di Daegu e la comunità ecclesiale coinvolta, la maggior parte della Corea del Sud sta operando vicino alla normalità, anche se nove festival in programma sono stati chiusi e i rivenditori esenti da imposte stanno chiudendo.[43] L'agenzia per la forza lavoro militare sudcoreana ha annunciato che la coscrizione dal Daegu sarà temporaneamente sospesa.[44] Il Daegu Office of Education ha deciso di posticipare di una settimana l'inizio di ogni scuola nella regione.[45]

Numerosi istituti di istruzione hanno temporaneamente chiuso, tra cui dozzine di asili a Daegu e diverse scuole elementari a Seul.[46] A partire dal 18 febbraio, la maggior parte delle università della Corea del Sud aveva annunciato l'intenzione di rinviare l'inizio del semestre primaverile. Ciò ha incluso 155 università che prevedono di ritardare l'inizio del semestre di 2 settimane al 16 marzo e 22 università che prevedono di ritardare l'inizio del semestre di 1 settimana al 9 marzo. Inoltre, il 23 febbraio 2020, tutte le scuole materne, elementari, medie e superiori sono state annunciate per ritardare l'inizio del semestre dal 2 marzo al 9 marzo.[47]

Si prevede che l'economia della Corea del Sud cresca dell'1,9%, in calo dal 2,1%. Il governo ha fornito 136,7 miliardi di won per i governi locali come supporto.[43] Il governo ha anche organizzato l'approvvigionamento di maschere e altre attrezzature igieniche.[43]

Secondo quanto riferito, l'agenzia di intrattenimento SM Entertainment ha donato cinquecento milioni di won per combattere la malattia.[48][49][50]

Nell'industria K-pop, la rapida diffusione del coronavirus all'interno della Corea del Sud ha portato alla cancellazione o al rinvio di concerti e altri eventi per gruppi K-pop all'interno e all'esterno della Corea del Sud, ad esempio situazioni come la cancellazione delle restanti date dell'Asia e dell'Europa tappa dell'Ode To You dei Seventeen del 9 febbraio 2020 e cancellazione di tutte le date di Seul per il tour Map of the Soul Tour dei BTS.[51][52]

Reazione del governo[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 febbraio, il governo sudcoreano si è scusato per aver chiamato il virus "Taegu Corona 19" in un rapporto ufficiale. Il termine è stato diffuso sui social media e fa sorgere preoccupazioni riguardo alla discriminazione.[53]

Reazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 febbraio, i centri per la prevenzione e il controllo delle malattie hanno portato lo stato della Corea del Sud al livello 3 (evitare viaggi non essenziali a causa della diffusa trasmissione comunitaria).[54]

Il 28 febbraio la Charles Schwab Corporation consigliò i dipendenti che avevano viaggiato in Cina e in Corea del Sud per auto-mettere in quarantena per 14 giorni.[55] Molte aziende come Amazon.com, Google, TD Bank Group, Bank of Nova Scotia, London Stock Exchange Group e Cargill, hanno rinviato tutti i viaggi non essenziali alle aree colpite dall'epidemia.[56]

A partire dal 2 marzo, 80 paesi e regioni limitano l'ingresso di visitatori dalla Corea del Sud.[57]

Dati statistici[modifica | modifica wikitesto]

Time e BBC hanno analizzato il motivo di molti casi confermati di coronavirus in Corea del Sud a causa della relativa "apertura" e "trasparenza" nella società coreana. Un'altra ragione per la diffusione del virus è stata attraverso il gruppo religioso Shincheonji Church.[58] La Casa Blu ha annunciato il 28 febbraio lo stato attuale dei test sul coronavirus in tre paesi: Corea, Stati Uniti e Giappone, e analizzato statisticamente sui motivi per cui c'erano molti casi confermati di coronavirus in Corea del Sud. In altre parole, il numero di ispezioni era 26 o 120 volte superiore rispetto ad altri paesi. Il numero cumulativo di ispezioni era di circa 53.000 dalla Corea del Sud, mentre il Giappone era di circa 2.000. gli Stati Uniti, sono stati esaminati circa 440 casi. Dopo aver confermato il test, il tasso di casi confermati è stato il più alto in Giappone (9,04%), seguito da Corea (3,3%) e Stati Uniti (3,15%).[59]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ (KO) 신종 코로나바이러스 한국인 첫환자 확인, su MK, 서진우. URL consultato il 24 gennaio 2020 (archiviato il 24 gennaio 2020).
  3. ^ 31번 환자 연관 신천지교회 대남병원서 확진자 58명, 1명 사망, su m.getnews.co.kr, 20 febbraio 2020.
  4. ^ a b Shin Hyonhee e Cha Sangmi, 'Like a zombie apocalypse': Residents on edge as coronavirus cases surge in South Korea, 20 febbraio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2020 (archiviato il 20 febbraio 2020).
  5. ^ (EN) Taylor Adam, China says most new coronavirus cases in Hubei, as outbreak widens in South Korea, Iran, Italy, su Washington Post, 23 febbraio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  6. ^ Coronavirus: South Korea reports 161 new cases, bringing total to 763; 7th death reported, su The Straits Times, 24 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  7. ^ Seoul city to ban rallies, Shincheonji church services to curb virus, 21 febbraio 2020. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  8. ^ Soldiers in Daegu areas banned from leaving bases, meeting visitors, 21 febbraio 2020. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  9. ^ a b c d 코로나바이러스감염증-19 국내 발생 현황(2월 27일, 정례브리핑), su cdc.go.kr, 27 febbraio 2020.
  10. ^ https://news.joins.com/article/23713028?cloc=joongang-home-toptype1basic
  11. ^ a b c d 코로나바이러스감염증-19 국내 발생 현황(일일집계통계, 16시 기준), su cdc.go.kr, 26 febbraio 2020.
  12. ^ (KO) 신종 코로나바이러스 한국인 첫환자 확인, su MK, 서진우. URL consultato il 24 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2020).
  13. ^ (KO) 한국 네번째 '신종 코로나' 확진자 발생…55살 남성, su 한겨레, 박현정, 27 gennaio 2020. URL consultato il 27 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2020).
  14. ^ (KO) '신종코로나'국내 12번째 환자…일본환자 접촉 49세 중국남성(종합), su Naver, Yonhap News Agency. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  15. ^ (KO) 신종코로나 확진자 2명 늘어···6번째 환자, 국내 최초 '2차감염', su 의사신문, 이한솔, 30 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  16. ^ '신종코로나' 7번째 확진자 발생…우한서 입국한 28세 한국남성(종합), su Naver News, 연합뉴스. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  17. ^ (KO) 신종 코로나바이러스: 11번째 환자 확인...현재까지 확진 사례 정리, in BBC News 코리아, 31 gennaio 2020. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  18. ^ (KO) '신종코로나'국내 12번째 환자…일본환자 접촉 49세 중국남성(종합), su Naver, Yonhap News Agency. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  19. ^ S. Korea Reports 3 More Cases of Novel Coronavirus, Total Now at 15, su Yonhap News Agency, 2 febbraio 2020. URL consultato il 2 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2020).
  20. ^ Coronavirus: South Korean woman travelling home from Thailand tests positive for virus, su The Straits Times, 4 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2020).
  21. ^ 3 More Virus Cases Bring S. Korea's Total to 19, Two Confirmed after Trip to Singapore, su Yonhap, 5 febbraio 2020. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  22. ^ S. Korea Releases First Fully Recovered Coronavirus Patient from Hospital, su Yonhap News Agency, 5 febbraio 2020. URL consultato il 5 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2020).
  23. ^ a b Hyonhee Shin e Sangmi Cha, 'Like a zombie apocalypse': Residents on edge as coronavirus cases surge in South Korea, 20 febbraio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2020).
  24. ^ Hyonhee Shin e Sangmi Cha, 'Like a zombie apocalypse': Residents on edge as coronavirus cases surge in South Korea, 20 febbraio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2020).
  25. ^ (EN) South Korea reports first coronavirus death as infections linked to church rise, su NBC News. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  26. ^ 신천지 관련 확진자 76명으로 늘어...대구 교인 의심자만 544명, Chosun.com, 21 febbraio 2020.
  27. ^ South Korea virus 'emergency' as cases increase, in BBC News, 21 febbraio 2020.
  28. ^ Han-soo Lee, COVID-19 patients soar to 204 in Korea, in Korea Biomedical Review, 21 febbraio 2020. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  29. ^ South Korea virus 'emergency' as cases increase, in BBC News, 21 febbraio 2020.
  30. ^ Airlines to suspend more flights over coronavirus, in Korea Herald, 21 febbraio 2020. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  31. ^ Seung-hyun Song, Foreign artists delay concerts in Korea due to spread of COVID-19, in Korea Herald, 21 febbraio 2020. URL consultato il 21 febbraio 2020.
  32. ^ a b US Forces Korea imposes new coronavirus protections after uptick in S Korea cases, su militarytimes.com, 19 febbraio 2020.
  33. ^ https://www.stripes.com/news/pacific/usfk-dependent-tests-positive-for-coronavirus-putting-military-on-high-alert-in-south-korea-1.620023
  34. ^ https://www.businessinsider.com/us-forces-korea-high-alert-for-coronavirus-after-positive-test-2020-2
  35. ^ 코로나바이러스감염증-19 국내 발생 현황 (2월 22일 09시), su mohw.go.kr, 22 febbraio 2020.
  36. ^ 질병관리본부, su Centers for Disease Control and Prevention Korea.
  37. ^ 123 additional cases have been confirmed, su Korea Centers for Disease Control and Prevention, 23 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  38. ^ 161 additional cases have been confirmed, su Korea Centers for Disease Control and Prevention, 24 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  39. ^ (EN) CNN, 15 countries have travel restrictions on South Korea, su CNN, 24 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  40. ^ Chan-kyong Park, Coronavirus: infected health official leading South Korea’s fight against Covid-19 is member of Shincheonji Church of Jesus doomsday cult, su South China Morning Post, 24 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020.
    «Official in charge of fight against the virus in western Daegu admits being member of cult after testing positive; 50 coworkers quarantined».
  41. ^ a b Kim Victoria, Were you on this bus with a coronavirus patient? South Korea is on the hunt for infections, su latimes.com, 27 febbraio 2020. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  42. ^ The Updates of COVID-19 in Republic of Korea As of 28 February, 2020, su cdc.go.kr. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  43. ^ a b c (EN) South Korea Coronavirus: Outbreak, measures and impact, su pharmaceutical-technology.com. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  44. ^ (KO) 이인영 "전국 학교 '개학연기' 검토해야"… 교육당국에 대책 주문 – 머니투데이 뉴스, su news.mt.co.kr, 23 febbraio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  45. ^ (EN) 최수향, Military to temporarily suspend drafting soldiers from Daegu, su Yonhap News Agency, 21 febbraio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  46. ^ Korean Ministry of Education, su Ministry of Education (South Korea). URL consultato il 24 febbraio 2020.
  47. ^ (KO) 177개 대학 개강 연기···80%가 '2주 결정', su 한국대학신문, 18 febbraio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  48. ^ SM엔터테인먼트, 코로나19 확산 방지 위한 성금 5억원 기부, su dailian.co.kr, 28 febbraio 2020.
  49. ^ SM, 코로나 19 사태에 5억원 기부 "의료진 위해 힘 써달라" [공식입장], su xportsnews.com, 28 febbraio 2020.
  50. ^ SM엔터, 코로나19 사태 5억 기부…“의료진에 힘되고자” [공식], su tvreport.co.kr, 1º marzo 2020.
  51. ^ pledis_17, SEVENTEEN WORLD TOUR [ODE TO YOU] 취소 관련 공지 (Tweet), su Twitter, 9 febbraio 2020.
  52. ^ bts_bighit, [공지] #BTS MAP OF THE SOUL TOUR – SEOUL 공연 취소 안내 (+ENG/JPN/CHN) (Tweet), su Twitter, 28 February 2020.
  53. ^ (KO) 정부, 보도자료에 '대구 코로나19'라고 썼다가 논란 일자 사과…"명백한 실수", The Chosun Ilbo, 22 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  54. ^ Coronavirus in South Korea - Warning - Level 3, Avoid Nonessential Travel - Travel Health Notices | Travelers' Health | CDC, su wwwnc.cdc.gov. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  55. ^ (EN) Schwab tells employees to self-quarantine after visiting China, South Korea, in Reuters, 28 febbraio 2020. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  56. ^ (EN) Amazon defers 'non-essential' moves even in U.S. as corporate travel bans spread, in Reuters, 28 febbraio 2020. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  57. ^ 한국발 입국제한 80곳…미국은 출국·입국 시 의료검사, su yna.co.kr, 2 marzo 2020.
  58. ^ Coronavirus: Why did infections shoot up in South Korea?, su bbc.com.
  59. ^ Il numero di test di coronavirus in Corea è 26 volte quello del Giappone, questo potrebbe essere il motivo di molte ragioni per i casi confermati.http://news.chosun.com/site/data/html_dir/2020/02/28/2020022803425.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]