Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lingua bengali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lingua bengalese)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Bengali" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo blocco Unicode, vedi Bengali (Unicode).
Bengali
বাংলা
Parlato in Bangladesh, India
comunità significative Regno Unito, Stati Uniti, Pakistan, Arabia Saudita, Malesia, Singapore, Emirati Arabi Uniti, Australia, Birmania, Canada
Locutori
Totale 207 milioni
Classifica 7
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto bengalese
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue indoiraniche
  Lingue indoarie
   Zona orientale
    Bengalese-assamese
Statuto ufficiale
Ufficiale in Bangladesh Bangladesh
India Bengala Occidentale
India Tripura
Codici di classificazione
ISO 639-1 bn
ISO 639-2 ben
ISO 639-3 ben (EN)
Glottolog beng1280 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
সমস্ত মানুষ স্বাধীনভাবে সমান মর্যাদা এবং অধিকার নিয়ে জন্মগ্রহণ করে | তাঁদের বিবেক এবং বুদ্ধি আছে সুতরাং সকলেরই একে অপরের প্রতি ভ্রাতৃত্বসুলভ মনোভাব নিয়ে আচরণ করা উচিত্
Traslitterazione
Samasta mānuṣa svādhīnbhābe samāna maryādā ebaṁ adhikāra niye janmagrahaṇa kare. Tnādera bibeka ebaṁ buddhi āche; sutarāṁ sakalerai' eke aparer prati bhrātṛtvasulabha manobhāba niye ācaraṇa karā ucit.

La lingua bengali[1] (nome nativo: বাংলা bangla, pronuncia: ['baŋla]; anche bengalese[1]) è una lingua indoaria parlata in Bangladesh e in India.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Il bengali è originario della regione orientale dell'Asia meridionale conosciuta come Bengala che comprende il Bangladesh e lo stato indiano del Bengala Occidentale. Ci sono diverse comunità di lingua bengali negli stati indiani dell'Assam e del Tripura e nelle popolazioni degli emigranti in Occidente e nel Medio Oriente. Con quasi 200 milioni di madrelingua è la settima lingua più parlata al mondo. Il bengali è la seconda lingua più parlata in India dopo l'hindi.

Insieme all'assamese, è geograficamente la più orientale delle lingue indo-europee L'assamese, l'oriya e il maithili, altre tre lingue appartenenti al ramo Maghadan orientale delle lingue indoarie, sono imparentate molto da vicino con il bengalese. L'assamese standard, l'oriya e il bengalese sono considerate da alcuni quasi reciprocamente intelligibili; alcuni dialetti locali di una lingua conservano una somiglianza impressionante ad uno o più dialetti delle altre due lingue.

Lingua ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Il bengali è lingua ufficiale in Bangladesh e negli stati indiani del Bengala Occidentale[2] e di Tripura.[3]

È una delle 22 lingue ufficialmente riconosciute dall'allegato VIII della Costituzione dell'India.[4]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il bengali è una lingua indoeuropea della famiglia indoiraniana appartenente al gruppo indoario dell'Asia meridionale che si è evoluta come discendente dal sanscrito, dal pāli e dalle lingue pracrite.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come risultato del rinascimento bengalese nei secoli XIX e XX, la maggior parte della più famosa letteratura, poesia e canzone indiana sono in bengali. Le opere di Rabindranath Tagore (il primo asiatico a ricevere il Premio Nobel), per esempio, sono in bengali. Molti dei movimenti riformisti religiosi, filosofici e politici che sono iniziati in quell'era erano condotti da bengalesi.

Fonologia[modifica | modifica wikitesto]

L'inventario fonemico del bengali consiste di 29 consonanti e 14 vocali, incluse le sette vocali nasali.

Uno schema fonetico approssimativo fornito da IPA è il seguente:

Vocali
  Anteriore Centrale Posteriore
Acuta i   u
Medio-acuta e   o
Medio-grave æ   ɔ
Grave   a  
Consonanti
  Labiale Dentale Apico-
Alveolare
Apico-
Postalveolare
Lamino-
Postalveolare
Velare Glottale
Occlusive sorde p

t̪ʰ
  ʈ
ʈʰ
ʧ
ʧʰ
k
 
Occlusive sonore b

d̪ʰ
  ɖ
ɖʰ
ʤ
ʤʰ
g
 
Fricative sorde     s   ʃ   h
Nasali        
Liquide     l, r ɽ      

Traslitterazione[modifica | modifica wikitesto]

Ai fini della traslitterazione, viene usato qui il seguente schema, basato sul precedente schema IPA:

Vocali
  Anteriore Centrale Posteriore
Acuta i   u
Medio-acuta e   o
Medio-grave ê   ô
Grave   a  
Consonanti
  Labiale Dentale Apico-
Alveolare
Apico-
Postalveolare
Lamino-
Postalveolare
Velare Glottale
Occlusive sorde p

t̪ʰ
  ʈ
ʈʰ
ʧ
ʧʰ
k
 
Occlusive sonore b

d̪ʰ
  ɖ
ɖʰ
ʤ
ʤʰ
g
 
Fricative sorde     s   ʃ   h
Nasali m   n     ŋ  
Liquide     l, r ɽ      

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Il bengali è scritto nell'alfasillabario bengalese (chiamato anche alfabeto sillabico o abugida bengali), una scrittura della famiglia Brahmi simile all'abugida devanagari usato per l'hindi, il sanscrito e molte altre lingue indoarie. Si tratta di una scrittura corsiva con 12 segni per le vocali e 52 consonanti. Come in tutti gli alfasillabari, ogni consonante nella scrittura bengalese ha un suono vocalico racchiuso e un diacritico esterno deve essere aggiunto sotto alla consonante per cambiarne il valore vocalico. Le vocali possono essere scritte come lettere indipendenti o scrivendovi sopra una varietà di diacritici, sotto, davanti, dopo o attorno alla consonante a cui appartengono. I legami consonantici sono tipicamente indicati tramite la legatura di due o più simboli.

Il sistema di scrittura bengalese è basato su una varietà molto più antica della lingua e così non considera alcune fusioni di suono che hanno avuto luogo nella lingua parlata. Per esempio l'abugida ha due lettere per il suono [dʒ] e tre per il suono [ʃ]. Al contrario un numero di lettere adesso hanno più di una possibilità di pronuncia: la lettera এ può rappresentare o la vocale bassa [æ] o la vocale medio-alta [e]. Inoltre molte lettere e diacritici sono diventate "silenziose" nella lingua parlata. La parola per "salute" ad esempio è pronunciata [shastho], ma è scritta [swaysthyo]. Con queste inconsistenze e ridondanze minori, la scrittura bengalese non può essere descritta come interamente fonetica.

Esattamente questa scrittura, con poche modificazioni, è usata anche per scrivere l'assamese. Altre lingue imparentate della regione fanno uso dell'abugida bengalese. Il meithei, una lingua sino-tibetana fu scritta per secoli in abugida bengalese finché negli anni '80 tornò ad essere nuovamente di uso comune il meetei mayek (il sillabario meithei). Per secoli la lingua dylheti ha usato una scrittura diversa, basata sul sistema devanagari. Questa scrittura, chiamata sylheti nagori, non è al momento più in uso, poiché la maggior parte dei parlanti della lingua sylheti ha adottato la scrittura bengalese.

Premi Nobel per la letteratura di lingua bengali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b bengali, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ The Bengal Official Language Act, 1961, lawsofindia.org. URL consultato il 26 novembre 2012.
  3. ^ The Tripura Official Language Act, 1964, lawsofindia.org. URL consultato il 23 novembre 2012.
  4. ^ Germano Franceschini e Francesco Misuraca, 1.11. Le lingue del diritto indiano, in India: diritto commerciale, doganale e fiscale, Wolters Kluwer Italia, 2006, p. 16, ISBN 88-217-2356-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]