Genazzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo vino, vedi Genazzano (vino).
Genazzano
comune
Genazzano – Stemma Genazzano – Bandiera
Genazzano – Veduta
Il "Castello Colonna" sotto la forte nevicata del gennaio 2012
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.svg Roma
Amministrazione
SindacoAlessandro Cefaro (lista civica)
Territorio
Coordinate41°50′N 12°58′E / 41.833333°N 12.966667°E41.833333; 12.966667 (Genazzano)
Altitudine375 m s.l.m.
Superficie32,07 km²
Abitanti5 652[1] (31-3-2021)
Densità176,24 ab./km²
FrazioniSan Filippo, San Sebastiano, Acqua Santa, Maccareccia, La Madonnella, La Creta
Comuni confinantiCapranica Prenestina, Cave, Colleferro, Olevano Romano, Paliano (FR), Rocca di Cave, San Vito Romano, Valmontone
Altre informazioni
Cod. postale00030
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058042
Cod. catastaleD964
TargaRM
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 886 GG[3]
Nome abitantigenazzanesi
Patronosan Nicola, Madre del Buon Consiglio
Giorno festivo6 dicembre, 25 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Genazzano
Genazzano
Genazzano – Mappa
Posizione del comune di Genazzano nella città metropolitana di Roma Capitale
Sito istituzionale

Genazzano è un comune italiano di 5 652 abitanti[1] nella città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Genazzano è un centro di suggestiva rusticità posto al confine tra la provincia di Roma e quella di Frosinone; sorge edificato su di uno stretto sperone di tufo vulcanico a 375 m s.l.m. che, con tenue inclinazione, declina dalle propaggini meridionali dei Monti Prenestini per immergersi nella vallata del Sacco. Si trova a 45 km da Roma.

La falda tufacea è orientata lungo l'asse nord-sud; parallelamente ai lati est ed ovest scorrono a fondo valle due corsi d'acqua: rispettivamente il Fossato, di modesta portata, tranquillo, ed il Rio, impetuoso e torrentizio. Il loro incessante lavoro di erosione ha, nel tempo, reso ripidi e scoscesi i fianchi della struttura tufacea sulla quale si estende l'abitato; quest'ultimo si eleva dai 320 m s.l.m. della valle sino a raggiungere la quota di circa 388 metri all'altezza del ponte che unisce il castello al parco comunale; la larghezza della piattaforma non supera mai in larghezza i 70-80 metri.

L'altezza massima del comune di Genazzano è 600 metri, quella minima intorno ai 280 metri. Vicino al comune si trova una collina chiamata Colle Pizzuto (445 m), dove c'è la Selva di Genazzano. Si trova nella parte alta del paese un parco chiamato Parco degli Elcini dove prima era collocata la "Castegna Rotonda", uno degli alberi più antichi e simbolici del parco: nel 2011 la Castegna Rotonda è stata abbattuta da un fulmine. Il campo sportivo di Genazzano si chiama "Campo Comunale Le Rose". I fiumi che scorrono a Genazzano sono il Fosso Ciaffo, il Ceraso, il Rio e il Sacco.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona D, 1886 GR/G

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuto già ai tempi dell'antica Roma quando era meta di villeggiatura della Gens Genucia, Antonina e Iulia. Il borgo si costituì nell'XI secolo successivamente divenne feudo storico dei Colonna, che dal Palazzo Baronale, comunemente chiamato "Castello Colonna" (o ancora più semplicemente "Castello" dai paesani), controllavano il passaggio verso Napoli e verso Roma. Diede i natali a Papa Martino V nato Ottone (o Oddone) Colonna (Genazzano, 1368 – Roma, 20 febbraio 1431) e a Giovanni Bracalone de Carlonibus detto Brancaleone, uno dei cavalieri della disfida di Barletta.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma di Genazzano deve la sua ideazione alla Disfida di Barletta, avvenuta nel 1503, che vide in contrapposizione 13 cavalieri italiani, che risultarono vincitori, e 13 cavalieri francesi. La partecipazione del cavaliere genazzanese Giovanni Brancaleone diede motivo all'amministrazione comunale, nella seconda metà dell'Ottocento, di rappresentare lo stemma cittadino inserendovi tredici triangolini bianchi e tredici celesti, uno per cavaliere. Inoltre, a Genazzano, ogni anno, per celebrare questa vittoria di Brancaleone, viene inscenata la suddetta Disfida. Il gonfalone è un partito di azzurro e di bianco.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Madonna del Buon Consiglio, affresco originale da Genazzano.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Santuario della Madonna del Buon Consiglio (Genazzano).

È la chiesa più importante di Genazzano e ha il rango di basilica minore. L'attuale santuario è meta di pellegrinaggi grazie a numerose guarigioni miracolose, che sarebbero avvenute in seguito a un evento narrato dalla tradizione, riguardante un affresco della Madonna col Bambino comparso miracolosamente su una parete della chiesa il 25 aprile 1467[4]. L'altare del Crocifisso custodisce un affresco di Gesù Crocifisso risalente al XV secolo, anch'esso ritenuto miracoloso dalla tradizione.

  • La Chiesa della S. Croce
  • La Chiesa di S. Paolo
  • La Chiesa di S. Nicola
  • La Chiesa di S. Giovanni
  • Il Convento di San Pio

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo Apolloni Vannutelli in una foto del 1935
  • Castello Colonna
  • Ninfeo di Donato Bramante
  • Acquedotto Claudio
  • Porta San Biagio
  • Palazzo Apolloni
  • Porta Romana detta "La Puorta"
  • Casa di Brancaleone
  • Portale Barocco di Villa Sonnina

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Fontana della Seminatrice dello scultore Massimiliano Lucci

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 a Genazzano risultano residenti 558 cittadini stranieri (9,24%), le nazionalità più rappresentate sono:[6]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

L'Infiorata a Genazzano a luglio 2012.
  • Palio di Brancaleone, ogni anno a fine maggio, festa popolare con rievocazione storica della Disfida di Barletta, col giuramento dei cavalieri, sfilata in costume rinascimentale, esibizione degli sbandieratori e certame cavalleresco.
  • Festa della Madre del Buon Consiglio, ogni 8 settembre dell'anno, si svolgono i festeggiamenti per la Madonna. La mattina si tiene la fiera a Piazza della Repubblica, nel pomeriggio si continua con la festa per arrivare alla festa della sera dove si tiene un concerto e l'estrazione della riffa. Il paese è coinvolto nella festa per tutta la settimana, «con itinerari nelle tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari»[7].
  • Infiorata, ogni prima domenica di luglio, a cui partecipa gran parte della popolazione sia per la raccolta dei fiori che per la realizzazione dei disegni; è una delle più antiche del Lazio (dal 1883). La processione del Sacro Cuore avviene, poi, nel tardo pomeriggio con numerosi personaggi in costume. Nel 2012 è entrata nel Guinness World Records con un'area totale del tappeto floreale di 1642,57 metri quadrati (tappeto lungo oltre 1642 m per 1 metro di larghezza) per "Estensione del tappeto floreale più grande al mondo"[8].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Banda Musicale Comunale "L. Gardini" di Genazzano[modifica | modifica wikitesto]

La Banda Musicale Comunale "L. Gardini" di Genazzano è stata costituita intorno al 1860 con il nome di "Concerto Civico" e partecipa regolarmente a manifestazioni in Italia ed all'Estero.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune scene della serie tv Mediaset I liceali (tra cui quelle iniziali e della gita in Ciociaria, anche se il paese si trova in provincia di Roma) sono state girate a Genazzano, nel settembre del 2007. Nella finzione scenica il paese viene chiamato Rocca Storta e vi è nato il prof. Antonio Cicerino (interpretato da Giorgio Tirabassi).

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

  • Gnocchi a Coa de sorica (cioè a "coda di topo"): sono un primo simile agli Strozzapreti, la versione più antica e tradizionale è al sugo, mentre ora vengono conditi anche in una versione meno tradizionale: con pancetta, aglio e un filo d'olio. Ultimamente è nata la Sagra degli spaghetti a coa de sorica.
  • Ciambelline al vino
  • Barachie (o baraghie): sono dei dolci ripieni di marmellata di prugne.
  • Vini rossi regolamentati dal disciplinare Cesanese di Olevano Romano DOC

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1992 2003 Margherita Coluccini centro-sinistra Sindaco
14 giugno 2004 26 settembre 2008 Francesco Pitocco centro-sinistra Sindaco
27 settembre 2008 7 giugno 2009 Ferdinando Santoriello Commissario Prefettizio
8 giugno 2009 26 maggio 2019 Fabio Ascenzi Partito Democratico Sindaco
27 maggio 2019 20 maggio 2021 (ora commissario prefettizio Alessandro Cefaro Lista Civica di centro-sinistra Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Atletica leggera[modifica | modifica wikitesto]

  • Atletica Genazzano.[9]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. Audace 1919 che, nel campionato 2022-23, milita nel campionato maschile di Eccellenza.[10]

Football americano[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadio Sportivo "Le Rose"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Cammilleri, p.175 (Edizione Kindle).
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dati ISTAT, su demo.istat.it. URL consultato il 17 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2016).
  7. ^ Così il dépliant della regione Lazio e di AT Lazio Tutto il Lazio è paese di settembre-ottobre 2009.
  8. ^ Genazzano, infiorata da 1642 metri entra in Guinness World Record
  9. ^ La società sul sito della Fidal (funzione cerca sulla mappa)
  10. ^ Comunicato Ufficiale N° 14 del 2/08/2022 (PDF), su lazio.lnd.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rino Cammilleri, Tutti i giorni con Maria, calendario delle apparizioni, Milano, Edizioni Ares, 2020, ISBN 978-88-815-59-367.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152191477 · SBN TO0L004430 · LCCN (ENn86067403 · GND (DE4447351-5 · BNF (FRcb135653074 (data) · J9U (ENHE987007560153905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n86067403
  Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lazio