Monti Prenestini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monti Prenestini
Mti prenestini da guidonia montecelio.jpg
I Monti Prenestini (versante N-O) visti da Villalba di Guidonia Montecelio
Continente Europa
Stati Italia Italia
Catena principale Subappennino laziale (negli Appennini)
Cima più elevata monte Guadagnolo (1.218 m s.l.m.)

I Monti Prenestini costituiscono una catena montuosa di origine calcarea appartenente al subappennino laziale, in provincia di Roma, a sud-est della capitale. Prendono il nome dalla via Prenestina che da Roma raggiunge Palestrina.

La catena montuosa è compresa tra i Monti Tiburtini (a nord), da cui sono separati dal fosso d'Empiglione, i monti Ruffi (a nord-est), da cui sono separati dal torrente Fiumicino, dalla cosiddetta "soglia di Palestrina" e dalla valle del Sacco (a sud), dall'agro Tiburtino e dai Colli Albani (a ovest) separati dalla Via Casilina e l'autostrada A2 Roma-Napoli.

Constano di diverse cime sotto ed oltre i 1000 metri di quota e culminano nel monte Guadagnolo (1218 m s.l.m.), in cima al quale si trova il villaggio di Guadagnolo (l'unica frazione di Capranica Prenestina) e che ospita nel versante meridionale il Santuario della Mentorella, e nel vicino monte Cerella (1202 m s.l.m.).

Interessano i territori dei comuni di Palestrina, Gallicano nel Lazio, Poli, Capranica Prenestina, Genazzano, Cave, Rocca di Cave, Castel San Pietro Romano, Zagarolo, Ciciliano, San Gregorio da Sassola, Casape ,Sambuci, e Castel Madama

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN236844152