Nazzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nazzano
comune
Nazzano – Stemma
Nazzano – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
SindacoAlfonso Giardini (Lista Civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate42°13′48.65″N 12°35′39.84″E / 42.23018°N 12.5944°E42.23018; 12.5944 (Nazzano)Coordinate: 42°13′48.65″N 12°35′39.84″E / 42.23018°N 12.5944°E42.23018; 12.5944 (Nazzano)
Altitudine202 m s.l.m.
Superficie12,4 km²
Abitanti1 392[1] (30-11-2017)
Densità112,26 ab./km²
Comuni confinantiCivitella San Paolo, Fiano Romano, Filacciano, Montopoli di Sabina (RI), Ponzano Romano, Sant'Oreste, Torrita Tiberina
Altre informazioni
Cod. postale00060
Prefisso0765
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058069
Cod. catastaleF857
TargaRM
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)
Cl. climaticazona D, 1 823 GG[2]
Nome abitantinazzanesi
Patronosant'Antimo
Giorno festivo11 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nazzano
Nazzano
Nazzano – Mappa
Posizione del comune di Nazzano nella provincia di Roma
Sito istituzionale

Nazzano è un comune italiano di 1.392 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume Tevere, disegna un'ampia ansa nel territorio comunale fino alla confluenza del fiume Farfa. Nel 1956 nel territorio di Nazzano è stato costruito uno sbarramento idroelettrico sul Tevere, utile anche per regolare le piene del fiume, in seguito è stata istituita la Riserva Tevere farfa.

Il territorio, pianeggiante in corrispondenza del Tevere, presenta un andamento collinare caratterizzato da terrazzi fluviali, nella restante parte del comune.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Nazzano è stato abitato sin dalla preistoria come è attestato dai reperti rinvenuti. Sorse in origine come oppidum nell'agro capenate.

Periodo Arcaico[modifica | modifica wikitesto]

Cratere a Calice a figure rosse attribuito al Pittore di Nazzano, scene dell'ilioupersis, Falerii Veteres 350 A.c, Museo Archeologico di Villa Giulia

Il Pittore di Nazzano trae il nome dalla tomba detta del pittore di Nazzano scoperta nella necropoli di Colle Carafa, [1] artista dell'area della Valle del Tevere affine alla cultura falisco capenate del IV sec. A.c. che da il nome ai crateri a figure rosse provenienti dalle necropoli di Nazzano, di Nepi e della valle del Tevere, ora nei Musei Archeologici di Villa Giulia, Louvre [2], British Museum [3]. Trafugati tra gli ultimi anni dell'800 e i primi del 900, alcuni reperti si trovano nella collezione privata del Drago a Roma. In uno in particolare è rappresentata Arianna dormiente, IV sec. a. C

Cratere a figure rosse del Pittore di Nazzano, divinità assistita da una Nike, Museo nazionale etrusco di Villa Giulia Roma, [4]

Cratere a figure rosse del Pittore di Nazzano, scena di Athena and Poseidone 360 A.c. Louvre [5] [6]

Cratere a calice a figure rosse del pittore di Nazzano (inv. 8360), proveniente dalla tomba III della necropoli di San Paolo di Nepi [7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Sant'Antimo: eretta nel X secolo sui resti di un tempio al dio Silvano, conserva nell'abside affreschi attribuiti ad Antoniazzo Romano.
  • Complesso di S. Francesco: convento e Chiesa (XV secolo), immersi in un bosco secolare di lecci e querce, sono di proprietà privata.
  • Oratorio di San Nicola
  • Chiesa di Santa Maria Consolatrice XV-XX secolo
  • Ruderi chiesa di San Valentino in via omonima fuori dal paese, direzione Fiano Romano

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Nazzano
  • Castello: la struttura (XIII secolo), di pianta quadrangolare, è caratterizzata da due imponenti torri in posizione panoramica sulla valle del Tevere. È raggiungibile tramite un'unica strada che s'inerpica a spirale attraverso l'abitato, caratteristica questa che lo rende originale tra i castelli del Lazio. Appartenuto alla confraternita dei monaci di S. Paolo con continuità dal XVI secolo, oggi il castello è della società CESMIL (Centro Studi Medievale Lazio).

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Porto di Nazzano: utilizzato un tempo dagli abitanti per il passaggio sull'altro lato del fiume e per il trasporto del grano.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo del fiume

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è attraversato dall'Autostrada A1, dalla SP 15/a Tiberina, che collega Nazzano a Fiano Romano e Torrita Tiberina, e dalla SP 19/a che collega Nazzano a Fiano Romano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1816 al 1870 fece parte della Comarca di Roma, una suddivisione amministrativa dello Stato Pontificio.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte dell'unione di comuni Unione Valle del Tevere - Soratte.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è la Polisportiva Comunale Nazzano che milita nel girone E laziale di 2ª Categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Comune di Iași:città gemellate, su primaria-iasi.ro. URL consultato il 18 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248741208 · BNF (FRcb14574299f (data)