Rovio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima azienda finlandese, vedi Rovio Mobile.
Rovio
comune
Rovio – Stemma
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Lugano
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 45°56′00″N 8°59′23″E / 45.933333°N 8.989722°E45.933333; 8.989722 (Rovio)Coordinate: 45°56′00″N 8°59′23″E / 45.933333°N 8.989722°E45.933333; 8.989722 (Rovio)
Altitudine 497 m s.l.m.
Superficie 5,56 km²
Abitanti 798[1] (31-12-2013)
Densità 143,53 ab./km²
Comuni confinanti Arogno, Castel San Pietro, Maroggia, Melano, Pellio Intelvi (IT-CO), San Fedele Intelvi (IT-CO)
Altre informazioni
Cod. postale 6821
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5219
Targa TI
Nome abitanti roviesi
Circolo Ceresio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Rovio
Rovio – Mappa
Sito istituzionale

Rovio (Röv in dialetto ticinese) è un comune svizzero del Canton Ticino. Nel suo territorio è compresa la cima del Monte Generoso condivisa col comune italiano di San Fedele Intelvi e la sorgente del Buco della Sovaglia, di interesse speleologico[2].

Personaggi illustri di Rovio[modifica | modifica sorgente]

I Carlone di Rovio, dinastia di marmorari ed artisti operanti in Genova tra i secoli XVII e XVIII, tra i quali lo scultore Taddeo Carlone, i figli pittori di questi Giovanni Battista Carlone e Giovanni Carlone, e il figlio di Giovanni Battista, Giovanni Andrea Carlone, anch'egli pittore.

Monumenti artistici[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione comunale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 37, 39, 125, 183-185, 237, 304, 361, 423, 493, 528-540.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 329-333.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 366-368.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Massimo Bartoletti, Laura Damiani Cabrini, I Carlone di Rovio, Feda SA, Lugano 1997, 30-33.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino