Cabbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cabbio
frazione
Cabbio – Stemma
Dati amministrativi
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Mendrisio
Comune Breggia
Territorio
Coordinate 45°53′55″N 9°02′50″E / 45.898611°N 9.047222°E45.898611; 9.047222 (Cabbio)Coordinate: 45°53′55″N 9°02′50″E / 45.898611°N 9.047222°E45.898611; 9.047222 (Cabbio)
Altitudine 667 m s.l.m.
Superficie 5,73 km²
Abitanti 181
Densità 31,59 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6838
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Cabbio
Cabbio – Mappa

1leftarrow.pngVoce principale: Breggia (comune).

Cabbio (Càbi in dialetto ticinese)[1] è un ex comune del Canton Ticino. In questo piccolo villaggio, situato nella valle di Muggio, ha sede il Museo etnografico della valle.

Politica regionale[modifica | modifica sorgente]

Il governo cantonale ha istituito il nuovo comune di Breggia mediante la fusione dei comuni di Bruzella, Cabbio, Caneggio, Morbio Superiore, Muggio e Sagno. Il ricorso del comune di Muggio contro la decisione del 27 ottobre 2007 del Gran Consiglio ticinese è stato respinto.

Il patriziato[modifica | modifica sorgente]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale ed ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.[2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ottavio Lurati Nomi di luoghi e famiglie e i loro perché?... Lombardia-Svizzera-Piemonte, Pietro Macchione, Varese 2011
  2. ^ Annuario del Canton Ticino

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 241, 439.
  • Agostino Robertini, Silvano Toppi, Gian Piero Pedrazzi, Cabbio, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1974, 9-24.
  • Giuseppe Martinola, Inventario d'arte del Mendrisiotto, I, Edizioni dello Stato, Bellinzona 1975, 88-97.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 384-385.
  • Adriano Caprioli, Antonio Rimoldi, Luciano Vaccaro (a cura di), Diocesi di Como, Editrice La Scuola, Brescia 1986, 82.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 478, 484, 485.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Frazioni di Breggia

Bruzella · Cabbio · Caneggio · Morbio Superiore · Muggio · Sagno