Phil Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phil Anderson
Phil Anderson.jpg
Dati biografici
Nome Philip Grant Anderson
Nazionalità Australia Australia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1994
Carriera
Squadre di club
1980-1983 Peugeot Peugeot
1984-1987 Panasonic Panasonic
1988-1990 TVM TVM
1991-1994 Motorola Motorola
Nazionale
1980-1993 Australia Australia
Carriera da allenatore
2002 iTeamNova.com
2005 MG-Xpower pb BigPond
 

Philip Grant Anderson (Londra, 12 marzo 1958) è un ex ciclista su strada, pistard e dirigente sportivo australiano. Professionista dal 1980 al 1994, conta numerose vittorie tra cui l'Amstel Gold Race 1983, il Meisterschaft von Zürich 1984 e la Parigi-Tours 1986, la E3 Harelbeke 1985, oltre a due tappe al Tour de France, di cui vinse la classifica giovani nel 1982, e altrettante al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Londra, si trasferì a Melbourne, Australia, ancora giovane. Crebbe nei sobborghi di Kew ed iniziò a correre nello Hawthorn Citizens' Youth Club, insieme ad Allan Peiper, altro futuro professionista[1].

Anderson, ancora dilettante, vinse il Tour of New Zealand nel 1977 e il campionato nazionale di cronometro a squadre a Brisbane nel 1978 correndo insieme a R. Sansonetti, S. Sansonetti e A. Goodrope. Nello stesso anno vinse la corsa in line ai Giochi del Commonwealth del 1978 ad Edmonton, Canada[1].

Nel 1979 si trasferì in Francia, passando nell'ACBB[1], club di Boulogne-Billancourt nei sobborghi di Parigi, fonte di giovani ciclisti per squadre professionistiche, in particolare la Peugeot. Con la squadra francese vinse il Tour de l'Essonne, il Tour de l'Hérault e la versione non ufficiale dei campionati del mondo a cronometro, il Grand Prix des Nations, a Cannes.[1]

Anderson passò professionista nel 1980, proprio nella Peugeot, uno dei più antichi club transalpini. Nella sua prima stagione vinse due gare, il Prix de Wetteren e una tappa alla Étoile des Espoirs, arrivando secondo in altre due. Arrivl quiubto nel Tour de France 1982, in cui vinse la classifica giovani, e nuovamente quinto nel 1985, anno in cui vinse il Tour de Suisse. Nella stessa stagione finì secondo al Super Prestige Pernod, predecessore delle graduatorie a punti della UCI. Il miglior risultato raggiunto in carriera fu la maglia gialla vestita nel Tour de France 1981 e, successivamente, per nove giorni nel 1982. Fu il primo corridore non europeo a guidare la classifica generale della corsa.

La sua miglior stagione fu la 1985, quando vinse il Tour Méditerranéen, Critérium du Dauphiné Libéré e il Tour de Suisse, finendo secondo al Giro delle Fiandre e alla Gand-Wevelgem. Nel 1986 vinse la Parigi-Tours. Continuò a correre al Tour fino al 1989, quando terminò trentottesim, ma contrasse una forma di artrite che lo limitò negli anni successivi. Nel 1991 passò alla americana Motorola e vinse il Tour Méditerranéen e il Settimana Ciclistica Internazionale, una tappa al Tour de Suisse e una al Tour de France.[1]

Nel 1987 gli venne assegnata la Medaglia dell'Ordine dell'Australia per l'attività ciclistica.[2] Si ritirò nel 1994, dedicandosi a una fattoria a Jamieson.

Nel 2000 ricevette l'Australian Sports Medal[3] e nel 2001 ricevette una Centenary Medal per i servizi dati alla società attraverso l'attività ciclistica.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Tour of New Sealand
XI Giochi del Commonwealth, Prova in linea
Campionati australiani, Cronosquadre
Tour de l'Herault
Tour de l'Essonne
Grand Prix des Nations
9ª tappa Red Zinger
Grand Prix Wetteren-Omloop van de Rozenstreek
3ª tappa Etoile des Espoirs
Classifica generale Tour de l'Aude
6ª tappa Parigi-Nizza
1ª tappa Tour de Corse
2ª tappa Tour de France
Amstel Gold Race
2ª tappa Tour de l'Aude
Classifica generale Tour de l'Aude
5ª tappa Tour de Romandie
Cronoprologo Critérium du Dauphiné Libéré
3ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
4ª tappa Setmana Catalana de Ciclisme
Classifica generale Setmana Catalana de Ciclisme
Meisterschaft von Zürich
Rund um den Henninger-Turm
6ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
4ª tappa, 2ª semitappa Tour Méditerranéen
Classifica generale Tour Méditerranéen
Rund um den Henninger-Turm
Gran Premio E3 Harelbeke
2ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
Classifica generale Critérium du Dauphiné Libéré
3ª tappa Tour de Suisse
5ª tappa Tour de Suisse
8ª tappa Tour de Suisse
Classifica generale Tour de Suisse
2ª tappa Setmana Catalana de Ciclisme
3ª tappa Setmana Catalana de Ciclisme
Classifica generale Setmana Catalana de Ciclisme
2ª tappa Giro del Belgio
3ª tappa, 2ª semitappa Giro del Belgio
Creteil-Chaville (G.P. d'Automne)
Tour of New York
4ª tappa Coors Classic
3ª tappa 2ª semitappa Tour of Ireland
4ª tappa Tour of Ireland
Parigi-Tours
Milano-Torino
Purnode-Yvoir
Fleche de Sint Pieters-Leeuw
1ª tappa Tirreno-Adriatico
3ª tappa Post Danmark Rundt
Classifica generale Post Danmark Rundt
2ª tappa Tour of Ireland
4ª tappa Tour of Ireland
1ª tappa Tour de Romandie
Classifica generale Tour de Romandie
17ª tappa Giro d'Italia
2ª tappa Tour of Britain
5ª tappa 2ª semitappa Tour of Ireland
3ª tappa Giro d'Italia
5ª tappa Tour de Luxembourg
5ª tappa Tour Méditerranéen
6ª tappa Tour Méditerranéen
Classifica generale Tour Méditerranéen
6ª tappa Settimana Ciclistica Internazionale
Classifica generale Settimana Ciclistica Internazionale
1ª tappa Tour of Britain
3ª tappa Tour of Britain
Classifica generale Tour of Britain
9ª tappa Tour de France
8ª tappa Tour de Suisse
4ª tappa Tour du Pont
4ª tappa Tour of Ireland
Classifica generale Tour of Ireland
Grand Prix d'Isbergues
5ª tappa Tour du Pont
7ª tappa Tour du Pont
9ª tappa Tour du Pont
1ª tappa Tour of Britain
Classifica generale Tour of Britain
Grand Prix Impanis
4ª tappa Tour of Sweden-Postgirot Open
Classifica generale Tour of Sweden-Postgirot Open
5ª tappa Skilled Engineering

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Fontenay-souns-Bois
Classifica giovani Tour de France
Criterium di Chateau-Chinon
Nacht van Peer
Classifica a punti Tour de Romandie
Classifica a punti Tour de l'Aude
Criterium di Birminghan
Criterium di Glasgow
Classifica a punti Setmana Catalana de Ciclisme
Criterium di Tiel
Criterium di Redmond
Classifica scalatori Tour de Suisse
Classifica a punti Tour de Suisse
Classifica a punti Setmana Catalana de Ciclismo
Wielerronde van Boxmeer - Daags na de Tour
Leeuwse Pijl
Criterium di Woerden
Gouden Pijl-Emmen
Classifica a punti Tour de Romandie
Classifica combinata Tour de Romandie
Draai Van de Kaai-Roosendaal
Classifica traguardi volanti Giro del Lussemburgo
Classifica intergiro Giro d'Italia
Classifica scalatori Tour of Britain
Criterium di Watteringen

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Giochi del Commonwealth, Inseguimeto a squadre

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1987: 7º
1989: 13º
1990: 33º
1981: 10º
1982: 5º
1983: 9º
1984: 10º
1985: 5º
1986: 39º
1987: 27º
1989: 38º
1990: 71º
1991: 45º
1992: 81º
1993: 84º
1994: 69º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1980: 121
1983: 25º
1984: 22º
1985: 60º
1987: 32º
1991: 7º
1992: 45º
1994: 82º
1982: 42º
1983: 9º
1984: 23º
1985: 2º
1987: 23º
1988: 2º
1989: 13º
1990: 26º
1991: 18º
1992: 50º
1982: 12
1983: 4
1984: 2
1985: 7
1987: 12º
1988: 9º
1989: 3º
1990: 30
1991: 15º
1992: 19º
1993: 97º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Sallanches 1980 - In linea: ritirato
Goodwood 1982 - In linea: 27°
Altenrhein 1983 - In linea: 9°
Barcellona 1984 - In linea: ritirato
Giavera del Montello 1985 - In linea: 47°
Colorado Springs 1986 - In linea: 18°
Villach 1987 - In linea: 21°
Renaix 1988 - In linea: 33°
Chambéry 1989 - In linea: ritirato
Utsunomiya 1990 - In linea: ritirato
Stoccarda 1991 - In linea: ritirato
Oslo 1993 - In linea: ritirato

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine dell'Australia
«Per il servizio reso allo sport del ciclismo»
— 26 gennaio 1987[5]
Medaglia dello Sport - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dello Sport
«Per le buone prestazioni al Tour de France»
— 29 settembre 2000[6]
Medaglia del Centenario - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del Centenario
«Per il servizio reso alla società australiana attraverso lo sport del ciclismo»
— 1 gennaio 2001[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Cycling Weekly, UK, 21 novembre 1992
  2. ^ Phil Anderson, Australian Honours Database. URL consultato il 30 aprile 2007.
  3. ^ Phil Anderson, Australian Honours Database. URL consultato il 30 aprile 2007.
  4. ^ Phil Anderson, Australian Honours Database. URL consultato il 30 aprile 2007.
  5. ^ It's an Honour - Honours - Search Australian Honours
  6. ^ It's an Honour - Honours - Search Australian Honours
  7. ^ It's an Honour - Honours - Search Australian Honours

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 95126446