Gian Matteo Fagnini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Matteo Fagnini
Gian Matteo Fagnini Ruta del Sol 95.jpg
Gian Matteo Fagnini alla Ruta del Sol 1995
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2005
Carriera
Squadre di club
1994-1995 Mercatone Uno Mercatone Uno
1996-1999 Saeco Saeco
2000-2001 Deutsche Telekom Deutsche Telekom
2002-2003 Telekom Telekom
2004 Domina Vacanze Domina Vacanze
2005 Naturino Naturino
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Linguadoca-Rossiglione 1993 Strada
 

Gian Matteo Fagnini (Lecco, 11 ottobre 1970) è un ex ciclista su strada italiano. Professionista dal 1994 al 2005, conta due vittorie di tappa al Giro d'Italia, corsa in cui si è aggiudicato anche la classifica intergiro.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Passato professionista nel 1994 con la Mercatone Uno, dimostrò subito buone doti da velocista riuscendo già a vincere una corsa, una tappa alla Euskal Bizikleta. L'anno successivo si aggiudicò due tappe alla Vuelta Ciclista a Costa Rica e sfiora il ben più prestigioso successo nell'ultima tappa del Tour de France, dove giunse secondo alle spalle di Djamolidine Abdoujaparov. Nello stesso anno corse per la prima volta con Mario Cipollini, che per il 1996 lo volle nel treno delle sue volate alla Saeco.

Per Fagnini fu la svolta: nacque e si perfezionò in quegli anni il "treno rosso" della Saeco e il velocista lecchese fu designato come ultimo uomo (ossia colui che deve lanciare la volata al velocista principale fino agli ultimi 200 metri). Diventando dunque principalmente un gregario, non ebbe più molte occasioni per cercare vittorie personali. Tuttavia le poche che ebbe, riuscì a sfruttarle al meglio: nel 1997 vinse una tappa della Volta a la Comunitat Valenciana e durante il Giro d'Italia 1998 riuscì ad imporsi in due tappe.

Cipollini non riuscì a concludere la corsa a causa della durezza del percorso, si ritirò e la squadra decise così di dare via libera a Fagnini, che riuscì a ripagare la fiducia con due vittorie di tappa, nella ventesima frazione, che si concludeva in territorio svizzero a Mendrisio, e nell'ultima con il tradizionale arrivo a Milano. Inoltre, grazie anche ai punti conquistati nelle volate ai traguardi intermedi, Fagnini si aggiudicò anche la maglia azzurra dell'intergiro. Nel 1999 si piazzò secondo e terzo in due tappe della Tirreno-Adriatico e al Giro fu secondo nella volata alle Terme Luigiane.

A fine anno Fagnini lasciò la Saeco per trasferirsi nella tedesca Team Deutsche Telekom, per aiutare a vincere il tedesco Erik Zabel che, grazie al suo lavoro, riuscì a tornare competitivo, con vittorie di tappa al Tour de France e alla Milano-Sanremo (in quest'ultima riuscirà a portare a quattro i suoi successi). Negli anni alla Telekom riuscì a vincere anche il Giro di Bochum e una tappa al Vuelta a Asturias, poi, una volta lasciata la squadra tedesca, decise di mettere la sua esperienza soprattutto al servizio dei giovani nella Domina Vacanze nel 2004 e nella Naturino-Sapore di Mare nel 2005. Proprio al termine del 2005 Fagnini decise di chiudere l'attività agonistica.

Nelle grandi corse a tappe vanta tre partecipazioni al Giro d'Italia, che concluse due volte, con due vittorie di tappa nel 1998, otto partecipazioni al Tour de France (concluso in quattro occasioni) e una sola partecipazione alla Vuelta a España che, però, non riuscì a portare a termine.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa d'Inverno
8ª tappa Vuelta Ciclista a Costa Rica (Quesada)
9ª tappa Vuelta Ciclista a Costa Rica (Cañas)
Firenze-Viareggio
Coppa Cicogna
Ruota d'Oro
Giochi del Mediterraneo, Prova in linea (Agde-Roussillon)
Montecarlo-Alassio
2ª tappa Euskal Bizikleta
5ª tappa, 1ª semitappa Volta a la Comunitat Valenciana (Valencia)
20ª tappa Giro d'Italia (Mendrisio)
22ª tappa Giro d'Italia (Milano)
Classifica generale Coca-Cola Trophy
Rund um Köln
2ª tappa Vuelta a Asturias

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Jersey blue.svg Classifica intergiro Giro d'Italia

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi giri[modifica | modifica sorgente]

1995: 107º
1996: non partito (6ª tappa)
1997: 103º
1998: ritirato (10ª tappa)
1999: ritirato (9ª tappa)
2000: 104º
2002: 101º
2004: ritirato (2ª tappa)
1997: squalificato (4ª tappa)
1998: 77º
1999: 86º
1994: non partito (10ª tappa)

Classiche[modifica | modifica sorgente]

1997: 111º
1998: 77º
1999: 68º
2000: 29º
2001: 14º
2003: 71º
2004: 139º

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]