Tejay van Garderen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tejay van Garderen
Tejay van Garderen, 22 July 2012.jpg
Tejay van Garderen al Tour de France 2012
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185[1] cm
Peso 68[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra BMC BMC
Carriera
Squadre di club
2008-2009 Rabobank Cont. Rabobank Cont.
2010-2011 Team HTC Team HTC
2012- BMC BMC
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Argento Valkenburg 2012 Cronosquadre
 

Tejay van Garderen (Tacoma, 12 agosto 1988) è un ciclista su strada statunitense che corre per il team BMC. Specialista delle prove a cronometro[1], è professionista dal 2010.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato nello stato di Washington da famiglia di origini olandesi, Tejay van Garderen si mette in mostra già tra gli Under-23, categoria in cui, oltre ad aggiudicarsi alcune gare del calendario UCI Europe Tour, vince i campionati statunitensi in linea e a cronometro. Dopo due stagioni al Rabobank Continental Team passa professionista all'inizio del 2010 con il team Team HTC-Columbia. Ottiene ben presto buoni risultati, tra cui il terzo posto nella classifica finale del Critérium du Dauphiné 2010.

Anche nel 2011 coglie risultati degni di nota: alla Volta ao Algarve conclude secondo, e nella cronometro iniziale del Tour de Suisse viene battuto solo da Fabian Cancellara. Partecipa poi al Tour de France come gregario di Mark Cavendish, riuscendo a conquistare la maglia a pois al termine dell'ottava tappa (la perde nella frazione successiva). In stagione coglie il primo successo da pro, nella cronometro del Tour of Utah.

Per il 2012 firma un contratto con la squadra statunitense BMC Racing Team, capitanata da Cadel Evans.[2] Durante l'annata prende parte al Tour de France, ottenendo il quinto posto in graduatoria generale finale e la maglia bianca di vincitore della classifica Under-25[1]. Partecipa poi anche alla prova in linea dei Giochi olimpici di Londra e ai campionati del mondo: in quest'ultima rassegna coglie il secondo posto (con la BMC) nella cronometro a squadre e il quarto in quella individuale[1].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 (Rabobank Continental Team, tre vittorie)
1ª tappa Flèche du Sud
3ª tappa Grand Prix Tell
9ª tappa Tour de l'Avenir (Seix > Mirepoix)
  • 2009 (Rabobank Continental Team, tre vittorie)
Classifica generale Tour du Haut Anjou
5ª tappa Olympia's Tour
Classifica generale Circuito Montañés
  • 2011 (HTC-Highroad, una vittoria)
3ª tappa Tour of Utah (Miller Motorsports Park, cronometro)
  • 2012 (BMC Racing Team, una vittoria)
2ª tappa USA Pro Cycling Challenge (Montrose > Crested Butte)
  • 2013 (BMC Racing Team, quattro vittorie)
6ª tappa Tour of California (San Jose, cronometro)
Classifica generale Tour of California
5ª tappa USA Pro Cycling Challenge (Vail, cronometro)
Classifica generale USA Pro Cycling Challenge

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 (Rabobank Continental Team)
5ª tappa Volta Ciclista Internacional a Lleida (Cronometro a squadre)
  • 2009 (Rabobank Continental Team)
Prologo Olympia's Tour (Cronometro a squadre)
1ª tappa Vuelta a España (Cronometro a squadre)
Classifica giovani Tour de l'Ain
  • 2011 (HTC-Highroad)
Classifica giovani USA Pro Cycling Challenge
Classifica giovani Tour of California
  • 2012 (BMC Racing Team)
Classifica giovani Parigi-Nizza
Classifica giovani Tour de France
  • 2013 (BMC Racing Team)
Classifica giovani Critérium International

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2011: 82º
2012: 5º
2013: 45º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2010: 121º
2011: 18º
2012: 61º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Tejay van Garderen, www.bmcracingteam.com. URL consultato il 25 aprile 2013.
  2. ^ (EN) BMC Racing Team Signs Pinotti, Van Garderen in bmc-racing.com, 1 settembre 2011. URL consultato il 1 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]