Patto di bilancio europeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione europea

Flag of Europe.svg
Sistema politico dell'Unione europea


Istituzioni


Organismi giudiziari


Organismi finanziari


Organismi consultivi


Agenzie decentrate


Politiche dell'Unione europea


Argomenti legati all'Unione europea


Elezioni

modifica

Categorie: Politica, Diritto
e Organizzazioni internazionali

Portale Europa - Progetto Europa

Il Patto di bilancio europeo, formalmente Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell'unione economica e monetaria (conosciuto anche con l'anglicismo fiscal compact, letteralmente "patto finanziario"), è un accordo approvato con un trattato internazionale il 2 marzo 2012 da 25 dei 27 stati membri dell'Unione europea[1], con l'eccezione del Regno Unito e della Repubblica Ceca, entrato in vigore il 1º gennaio 2013.

Il patto contiene una serie di regole, chiamate "regole d'oro", che sono vincolanti nell'UE per il principio dell'equilibrio di bilancio[2]. Ad eccezione del Regno Unito e della Repubblica Ceca[3], tutti gli stati membri dell'Unione europea hanno firmato il trattato.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La maggioranza degli Stati membri dell'Unione europea partecipa all'unione economica e monetaria, basata sulla moneta unica, l'euro, ma la maggior parte delle decisioni riguardanti le tasse e la spesa pubblica rimane di competenza dei governi nazionali. Il controllo sulla politica fiscale è tradizionalmente considerato centrale per la sovranità nazionale e oggi, sostanzialmente, non esiste un'unione fiscale tra stati indipendenti.

Tuttavia l'UE ha dei poteri limitati in campo fiscale, in relazione alla determinazione dell'aliquota IVA, delle tariffe del commercio estero e alla determinazione di un bilancio annuale dei paesi. Proprio allo scopo di coordinare le politiche fiscali degli stati membri della zona euro è in vigore il Patto di stabilità e crescita. Una maggiore integrazione in tema di politiche fiscali, almeno tra i paesi della zona euro, è considerata, a livello europeo, precondizione del completamento del processo di integrazione europea e la necessaria strada per superare la crisi del debito sovrano. Assieme all'Unione economica e monetaria quella fiscale porterebbe, nei piani dell'UE, ad una maggiore integrazione economica.

Nel 1997 i paesi aderenti all'UE avevano adottato regole (Patto di stabilità e crescita) che avrebbero regolato i criteri di bilancio pubblico all'indomani dell'introduzione dell’euro. Tale accordo era stato raggiunto con l'idea che la partecipazione all'unione monetaria avrebbe contenuto i costi di indebitamento e, di conseguenza, se non erano stati posti vincoli a tal proposito, la possibilità di finanziare i deficit, tuttavia, faceva emergere il problema di porre un limite ai disavanzi tra gli stati, che se eccessivi, avrebbero potuto compromettere la stabilità della zona euro.[4] L'accordo poneva quindi limiti al deficit (entro un massimale del 3%) e alla percentuale di indebitamento sul Pil (che doveva rimanere nel limite del 60%), anche se quest'ultima non era imposta come vincolante al pari della prima.

Nella primavera 2010 la Germania spinse gli altri stati membri ad inasprire le regole sul raggiungimento del pareggio di bilancio: questo comportò una rigorosissima applicazione del requisito riguardante il rapporto deficit/PIL inferiore al 3%. Alla fine del 2010 furono avanzate proposte emendative del Patto di stabilità e crescita volte al rafforzamento del coordinamento delle politiche fiscali. Nel febbraio 2011 la Germania e la Francia proposero il Patto di competitività, volto a rafforzare il coordinamento economico nella zona euro; tale proposta è stata approvata anche dalla Spagna. Il cancelliere tedesco Angela Merkel, diversi ministri delle finanze europei ed il presidente della Banca centrale europea hanno sostenuto l'idea di un'unione fiscale.

Nel marzo 2011 fu proposta una nuova riforma del Patto di stabilità e crescita, volta a rendere automatiche le sanzioni per chi viola i parametri riguardanti il 3% nel rapporto deficit/PIL e il 60% nel rapporto debito/PIL. Angela Merkel insistette affinché la Commissione europea e la Corte di giustizia dell'Unione europea svolgessero un ruolo importante di garanzia nel controllare il rispetto degli obblighi da parte dei paesi. Nel 2011 la Germania, la Francia e altri paesi più piccoli dell'Unione europea hanno fatto un altro passo verso l'unione fiscale della zona euro, con regole di bilancio molto rigorose e sanzioni automatiche per chi dovesse mancare di rispettare quei parametri.

Il 9 dicembre 2011, nel Consiglio europeo, tutti i 17 membri della zona euro hanno concordato le linee fondamentali del Trattato di stabilità fiscale che irrigidisce i parametri riguardanti il rapporto deficit/PIL e quello debito/PIL, introducendo anche sanzioni automatiche per chi li violi. Dopo aver chiesto un parere ai rispettivi parlamenti, anche i paesi che non hanno adottato l'euro si sono detti pronti a partecipare, con l'eccezione del Regno Unito. Originariamente i leader europei volevano modificare i trattati vigenti, ma questa soluzione si è scontrata con il veto del Regno Unito, che ha chiesto che la City londinese fosse esclusa dalla regolamentazione dei mercati finanziari e dall'applicazione della tassa sulle transazioni finanziarie.

Dopo qualche mese di trattative, il 30 gennaio 2012 il Consiglio europeo, con l'eccezione del Regno Unito e della Repubblica Ceca, ha approvato il nuovo patto fiscale.[5]

A fine febbraio il capo del governo dell'Irlanda Enda Kenny annunciò che il suo paese intendeva sottoporre a referendum popolare l'accordo sul patto di bilancio europeo.[6]

Il nuovo trattato entrerà in vigore quando sarà stato ratificato da almeno 12 dei paesi interessati e a partire dal 1º gennaio 2013. Ogni paese, dopo la ratifica del trattato, avrà tempo fino al 1º gennaio 2014 per introdurre la regola che impone il pareggio di bilancio nella legislazione nazionale. Solo i paesi che avranno introdotto tale regola entro il 1º marzo 2014 potranno ottenere eventuali prestiti da parte del Meccanismo Europeo di Stabilità.[7] L'obiettivo, dopo l'entrata in vigore, è quello di incorporare entro cinque anni il nuovo trattato nella vigente legislazione europea.

Contenuti[modifica | modifica sorgente]

██ Membri della zona euro

██ Membri dello SME

██ Altri membri UE

██ Membri UE che non hanno firmato il patto di bilancio

L'accordo prevede per i paesi contraenti, secondo i parametri di Maastricht fissati dal Trattato CE[8][9], l'inserimento, in ciascun ordinamento statale (con norme di rango costituzionale, o comunque nella legislazione nazionale ordinaria), di diverse clausole o vincoli tra le quali:

  1. obbligo del perseguimento del pareggio di bilancio (art. 3, c. 1),[10]
  2. obbligo di non superamento della soglia di deficit strutturale superiore allo 0,5% del PIL (e superiore all'1% per i paesi con debito pubblico inferiore al 60% del PIL)
  3. significativa riduzione del rapporto fra debito pubblico e PIL, pari ogni anno a un ventesimo della parte eccedente il 60% del PIL
  4. impegno a coordinare i piani di emissione del debito col Consiglio dell'Unione e con la Commissione europea (art. 6).

Sebbene sia stato negoziato da 25 Paesi dell'Unione europea, l'accordo non fa formalmente parte del corpus normativo dell'Unione europea.

I principali punti contenuti nei 16 articoli del trattato sono:[11]

  • l'impegno ad avere un deficit pubblico strutturale che non deve superare lo 0,5% del PIL e, per i paesi il cui debito pubblico è inferiore al 60% del PIL, l'1%;
  • l'obbligo per i Paesi con un debito pubblico superiore al 60% del PIL, di rientrare entro tale soglia nel giro di 20 anni, ad un ritmo pari ad un ventesimo dell'eccedenza in ciascuna annualità;
  • l'obbligo per ogni stato di garantire correzioni automatiche con scadenze determinate quando non sia in grado di raggiungere altrimenti gli obiettivi di bilancio concordati;
  • l'impegno a inserire le nuove regole in norme di tipo costituzionale o comunque nella legislazione nazionale, che verrà verificato dalla Corte europea di giustizia;
  • l'obbligo di mantenere il deficit pubblico sempre al di sotto del 3% del PIL, come previsto dal Patto di stabilità e crescita; in caso contrario scatteranno sanzioni semi-automatiche;
  • l'impegno a tenere almeno due vertici all'anno dei 18 leader dei paesi che adottano l'euro.

Iter di ratifica[modifica | modifica sorgente]

Il 31 maggio 2012, nella consultazione popolare indetta per l'approvazione del Patto fiscale, il 60,3% degli elettori irlandesi si esprime per l'approvazione del vincolo europeo, mentre il 39,7% lo respinge con un’affluenza alle urne del 50%. L'Irlanda è l'unico Stato membro dell'UE ad aver indetto un referendum per autorizzare il Parlamento a ratificare il trattato.

Al 14 gennaio 2014 il trattato è stato ratificato da 24 dei 25 firmatari, di cui 17 membri dell'eurozona.

Nella tabella in calce sono riportati i dati riguardanti l'iter di ratifica del Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell'unione economica e monetaria. Le liste sono ordinate in base alla data di deposito degli strumenti di ratifica presso il Segretariato generale dell'Unione europea. Se la data di deposito risulta inserita, e dunque la consegna degli atti è avvenuta, risulterà la data di approvazione parlamentare. In grassetto i firmatari membri dell'eurozona.

Firmatario Data Istituzione Risultato Deposito[12] Entrata in vigore
Grecia Grecia 28/03/2012 Approvata dal Vulì ton Ellìnon (Parlamento ellenico). 194 sì, 47 astenuti e 59 no[13] 10/5/2012 1/1/2013
Slovenia Slovenia 19/04/2012 Approvata dal Državni zbor (Assemblea Nazionale). 74 sì e 2 astenuti 30/5/2012
30/04/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Danilo Türk[14][15]
Lettonia Lettonia[16] 31/05/2012 Approvata dal Saeima (Parlamento) 67 sì, 1 astenuto e 29 no[17] 22/6/2012
13/06/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Andris Bērziņš
Portogallo Portogallo 13/04/2012 Approvata dall'Assembleia da República (Assemblea della Repubblica). 204 sì, 2 astenuti e 24 no[18] 5/7/2012
27/06/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Aníbal Cavaco Silva
Danimarca Danimarca 31/05/2012 Approvata dal Folketing (Parlamento). 80 sì e 27 no[19] 19/7/2012
18/06/2012 Promulgata dalla regina Margherita II
Cipro Cipro 28/04/2012 Approvata dal Consiglio dei ministri. 26/7/2012
29/06/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Dimitris Christofias
Austria Austria 04/07/2012 Approvata dal Bundesrat (Consiglio federale) 103 sì e 60 no 30/7/2012
06/07/2012 Approvata dal Nationalrat (Consiglio nazionale). 42 sì e 13 no
17/07/2012 Promulgata dal presidente federale Heinz Fischer
Lituania Lituania 30/08/2012 Approvata dal Seimas (Parlamento) 80 sì, 21 astenuti e 11 no 6/9/2012
04/07/2012 Promulgata dalla presidentessa della Repubblica Dalia Grybauskaitė
Italia Italia 12/07/2012 Approvata dal Senato della Repubblica 216 sì, 21 astenuti e 24 no 14/9/2012
19/07/2012 Approvata dalla Camera dei deputati 368 sì, 65 astenuti e 65 no
23/07/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano[20]
Spagna Spagna 18/06/2012 Approvata dal Senado de España (Senato del Regno di Spagna) 240 sì, 1 astenuto e 4 no 27/9/2012
21/07/2012 Approvata dal Congreso de los Diputados de España (Congresso dei Deputati di Spagna)
25/07/2012 Promulgata dal re Juan Carlos I
Germania Germania 29/06/2012 Approvata dal Bundestag (Dieta federale) 477 sì, 6 astenuti e 111 no 27/9/2012
29/06/2012 Approvata dal Bundesrat (Consiglio federale) 65 sì e 4 astenuti
13/09/2012 Promulgata dal presidente federale Joachim Gauck
Romania Romania 08/05/2012 Approvata dal Camera Deputaţilor (Camera dei deputati). 237 sì e 2 astenuti 6/11/2012
21/05/2012 Approvata dal Senat (Senato) 89 sì e 1 no
13/06/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Traian Băsescu
Francia Francia 09/10/2012 Approvata dall'Assemblée nationale (Assemblea nazionale). 477 sì, 21 astenuti e 70 no 26/11/2012
11/10/2012 Approvata dal Sénat (Senato) 306 sì, 8 astenuti e 32 no
22/10/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica François Hollande[21]
Estonia Estonia 17/10/2012 Approvata dal Riigikogu (Assemblea dello Stato) all'unanimità 5/12/2012
05/11/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Toomas Hendrik Ilves
Irlanda Irlanda 31/05/2012 Approvata dal referendum 60,3% si e 30,7% no 14/12/2012
13/11/2012 Approvata dal Dáil Éireann (Camera dei rappresentanti) 90 si e 22 no
20/11/2012 Approvata dal Seanad Éireann (Senato) senza votazione
27/11/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Michael D. Higgins
Finlandia Finlandia 18/12/2012 Approvata dal ''Eduskunta/Riksdag (Parlamento finlandese) 139 si, 1 astenuto e 38 no 21/12/2012
21/11/2012 Promulgata dal presidente della Repubblica Sauli Niinistö
Slovacchia Slovacchia 18/12/2012 Approvata dal Národná rada Slovenskej republiky (Consiglio Nazionale della Repubblica Slovacca) 130 si e 2 astenuti 17/1/2013 1/2/2013
11/01/2013 Promulgata dal presidente della Repubblica Ivan Gašparovič
Svezia Svezia 07/03/2012 Approvata dal Riksdag (Parlamento) 251 sì, 37 astenuti e 20 no 3/5/2013 1/6/2013
Lussemburgo Lussemburgo 18/12/2012 Approvata dalla D'Chamber/Chambre des Députés/Abgeordnetenkammer (Camera dei deputati) 46 si e 10 no 8/5/2013
29/03/2013 Promulgata dal granduca Enrico
Ungheria Ungheria[22] 25/03/2013 Approvata dall'Országgyűlés (Assemblea Nazionale di Ungheria) 307 si, 13 astenuti e 32 no 13/5/2013
29/03/2013 Promulgata dal presidente della Repubblica János Áder
Malta Malta 11/06/2013 Approvata dalla Kamra (Camera dei deputati) all'unanimità 28/6/2013 1/7/2013
Polonia Polonia 20/02/2013 Approvato dalla Sejm Rzeczypospolitej Polskiej 262 si, 1 astenuto e 155 no 8/8/2013 1/9/2013
21/02/2013 Approvata dal Senat Rzeczypospolitej Polskiej (Senato polacco) 57 si e 26 no
24/07/2013 Promulgata dal presidente della Repubblica Bronisław Komorowski
Paesi Bassi Paesi Bassi 26/03/2013 Approvata dalla Tweede Kamer der Staten-Generaal (Camera dei Rappresentanti dei Paesi Bassi) 112 si e 33 no 8/10/2013
21/06/2013 Approvata dalla Eerste Kamer der Staten-Generaal (Senato dei Paesi Bassi) senza votazione
26/06/2013 Promulgata dal re Guglielmo Alessandro
Bulgaria Bulgaria 28/11/2013 Approvata dal Narodno sabranie (Assemblea Nazionale della Bulgaria) 109 si e 5 astenuti 14/1/2014 1/1/2014
3/12/2013 Promulgata dal presidente della Repubblica Rosen Plevneliev
Belgio Belgio 23/5/2013 Approvata dal Senaat/le Sénat/der Senat (Senato del Belgio) 49 si, 2 astenuti e 9 no 28/3/2014 1/4/2014
20/6/2013 Approvata dalla Chambre des Représentants/Kamer van volksvertegenwoordigers/Abgeordnetenkammer (Camera dei Rappresentanti del Belgio) 111 si e 23 no
18/8/2013 Promulgata dalla re Filippo
14/10/2013 Approvata dal Parlament der Deutschsprachigen Gemeinschaft (Parlamento della Comunità germanofona) 19 si e 5 no
19/12/2012 Approvata dal Vlaams Parlement (Parlamento fiammngo) all'unanimità sia per le competenze comunitarie sia per quelle regionali
14/10/2013 Approvata dal Parlament der Deutschsprachigen Gemeinschaft (Parlamento della Comunità germanofona) 19 si e 2 no
19/12/2013 Approvata dal Vlaams Parlement (Parlamento fiammngo) all'unanimità sia per le competenze comunitarie sia per quelle regionali
20/12/2013 Approvata dalla Commission communautaire/Gemeenschappelijke Gemeenschapscommissie (Commissione comunitaria) 54 si, 1 no e 3 astenuteti per la comunità francofona e 9 si e 7 no per quella nederlandese
20/12/2013 dal Parlement Bruxellois/Brussels Hoofdstedelijk Parlement (Parlamento della Regione di Bruxlles) 72 si 1 astenuto e 2 no
20/12/2013 Approvata dal Parlement de la Communauté française (Parlamento della Comunità francofona) all'unanimità
20/12/2013 Approvata dal Commission communautaire commune/Gemeenschappelijke Gemeenschapscommissie (Commissione comunitaria comune) 79 si, 1 astenuto e 2 no per la comunità francofona e con 13 si e 2 no per la comunità nederlandesae
20/12/2013 Approvata dal Parlement wallon (Parlamento vallone) 54 si e 1 no sia per le competenze comunitarie sia per quelle regionali
20/12/2013 Approvata dalla Commission communautaire française (Commissione comunitaria francese) 56 si, 1 astenuto e 3 no
21/12/2013 Approvata dal Parlement de la Communauté française (Parlamento Parlamento della comunità francese) 66 si, 1 astenuto e 3 no

Su ricorso del partito Die Linke, la Corte Costituzionale Federale tedesca ha stabilito che il Bundestag non può mettere in atto procedure permanenti da cui derivi l'assunzione di responsabilità per le decisioni volontarie di altri stati membri e che per la ratifica del patto di bilancio in Parlamento occorre la maggioranza dei due terzi, prevista per le leggi costituzionali.

A settembre, un'altra sentenza aveva stabilito che la gestione del bilancio da parte del Bundestag non può essere alienata a favore di alcuna istituzione europea.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Non tutti gli economisti (soprattutto di scuola keynesiana) concordano sui vincoli imposti dal patto di bilancio.

I premi Nobel per l'economia Kenneth Arrow, Peter Diamond, William Sharpe, Eric Maskin e Robert Solow, in un appello[23] rivolto al presidente Obama, hanno affermato che "Inserire nella costituzione il vincolo di pareggio del bilancio rappresenterebbe una scelta politica estremamente improvvida. Aggiungere ulteriori restrizioni, quale un tetto rigido della spesa pubblica, non farebbe che peggiorare le cose"; soprattutto questo "avrebbe effetti perversi in caso di recessione. Nei momenti di difficoltà diminuisce infatti il gettito fiscale (per concomitante diminuzione del PIL) e aumentano alcune spese pubbliche tra cui i sussidi di disoccupazione. Questi ammortizzatori sociali fanno dunque aumentare il deficit pubblico, ma limitano la contrazione del reddito disponibile e quindi del potere di acquisto (che influiscono sul consumo o domanda di beni o servizi)". Nell'attuale fase dell'economia, continuano, "è pericoloso tentare di riportare il bilancio in pareggio troppo rapidamente. I grossi tagli di spesa e/o gli incrementi della pressione fiscale necessari per raggiungere questo scopo, danneggerebbero una ripresa economica già di per sé debole".

Nell'appello si afferma che "anche nei periodi di espansione dell'economia, un tetto rigido di spesa potrebbe danneggiare la crescita economica, perché gli incrementi degli investimenti a elevata remunerazione - anche quelli interamente finanziati dall'aumento del gettito - sarebbero ritenuti incostituzionali se non controbilanciati da riduzioni della spesa di pari importo".

Infine si afferma che "un tetto vincolante di spesa comporterebbe la necessità, in caso di spese di emergenza (per esempio in caso di disastri naturali), di tagliare altri capitoli del bilancio mettendo in pericolo il finanziamento dei programmi non di emergenza".[24]

Critico anche l'economista e premio Nobel Paul Krugman, il quale ritiene che l'inserimento in costituzione del vincolo di pareggio del bilancio possa portare alla dissoluzione dello stato sociale.[25]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Firmato il patto di bilancio europeo Monti: impegni precisi sulla crescita, La Stampa, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2012.
  2. ^ Europa, firmato il nuovo patto di bilancio, la Repubblica, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2012.
  3. ^ Ue: in 25 firmano il patto di bilancio, Corriere della Sera, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2012.
  4. ^ Fiscal Compact in “Dizionario di Economia e Finanza” – Treccani
  5. ^ Firmato il trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance
  6. ^ L'Irlanda ha deciso: referendum sul Fiscal compact europeo, Il Sole 24 ORE, 28 febbraio 2012. URL consultato il 12 marzo 2012.
  7. ^ Meccanismo di stabilità: Parlamento approva necessarie modifiche al Trattato
  8. ^ All'art. 121.
  9. ^ Banca d'Italia - Criteri di convergenza
  10. ^ La Costituzione è stata novellata all'art. 81 in data 18 aprile 2012 (Temi dell'attività Parlamentare - Il pareggio di bilancio in Costituzione), legge costituzionale n.1/2012, pubblicata nella G.U. del 23 aprile 2012 (LEGGE COSTITUZIONALE 20 aprile 2012, n. 1); il nuovo articolo reca al comma primo:
    Lo Stato assicura l'equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico; il novellato secondo comma statuisce invece che:
    Il ricorso all'indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali.
  11. ^ Ecco le regole d'oro del fiscal compact, Il Sole 24 ORE, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2012.
  12. ^ L'articolo 14, comma 2, del Trattato dispone che, affinché lo stesso possa entrare in vigore il 1º gennaio 2013 dodici firmatari che adottano l'euro entro il 1º gennaio 2013 dovranno depositare il loro strumento di ratifica presso il Segretariato generale dell'Unione europea
  13. ^ Grecia, Parlamento approva Patto bilancio europeo
  14. ^ Slovenia ratifies fiscal compact
  15. ^ 24. Zakon o ratifikaciji Pogodbe o stabilnosti, usklajevanju in upravljanju v ekonomski in monetarni uniji med Kraljevino Belgijo, Republiko Bolgarijo, Kraljevino Dansko, Zvezno republiko Nemčijo, Republiko Estonijo, Irsko, Helensko republiko, Kraljevino Španijo, Francosko republiko, Italijansko republiko, Republiko Ciper, Republiko Latvijo, Republiko Litvo, Velikim vojvodstvom Luksemburg, Madžarsko, Malto, Kraljevino Nizozemsko, Republiko Avstrijo, Republiko Poljsko, Portugalsko republiko, Romunijo, Republiko Slovenijo, Slovaško republiko, Republiko Finsko in Kraljevino Švedsko (MPSUUEMU) (Uradni list RS, št. 35/2012 z dne 14-5-2012)
  16. ^ La Lettonia ha adottato l'euro dal 1º gennaio 2014
  17. ^ Crisi: Lettonia ratifica patto fiscale europeo, ASCA, 31 maggio 2012. URL consultato il 1º giugno 2012.
  18. ^ Il Portogallo approva il patto fiscale europeo
  19. ^ Crisi: Danimarca e Svezia ratificano fiscal compact, ASCA, 31 maggio 2012. URL consultato il 1º giugno 2012.
  20. ^ Legge 23 luglio 2012, n. 114 Ratifica ed esecuzione del Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell'Unione economica e monetaria tra il Regno del Belgio, la Repubblica di Bulgaria, il Regno di Danimarca, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica di Estonia, l'Irlanda, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, la Repubblica francese, la Repubblica italiana, la Repubblica di Cipro, la Repubblica di Lettonia, la Repubblica di Lituania, il Granducato di Lussemburgo, l'Ungheria, Malta, il Regno dei Paesi Bassi, la Repubblica d'Austria, la Repubblica di Polonia, la Repubblica portoghese, la Romania, la Repubblica di Slovenia, la Repubblica slovacca, la Repubblica di Finlandia e il Regno di Svezia, con Allegati, fatto a Bruxelles il 2 marzo 2012 (Gazzetta ufficiale n. 175 del 28-7-2012 - Suppl. Ordinario n. 160)
  21. ^ Loi nº 2012-1171 du 22 octobre 2012 autorisant la ratification du traité sur la stabilité, la coordination et la gouvernance au sein de l'Union économique et monétaire (Journal officiel n. 247 du 23 octobre 2012)
  22. ^ La Costituzione ungherese dispone che i trattati internazionali vengano ratificati dall'Assemblea Nazionale con il voto favorevole di almeno 257 membri, pari ai due terzi su un totale di 386.
  23. ^ (EN) Il testo dell'appello
  24. ^ L'appello dei premi nobel contro il pareggio di bilancio
  25. ^ Cinque premi Nobel: “Pareggio di bilancio? Una camicia di forza per l’economia” – Il Fatto Quotidiano

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]