Ivan Gašparovič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ivan Gašparovič
Ivan Gašparovič.jpg

Presidente della Slovacchia
In carica
Inizio mandato 15 giugno 2004
Predecessore Rudolf Schuster

Durata mandato 14 luglio 1998 –
30 ottobre 1998
facente funzione
Predecessore Michal Kováč
Successore Mikuláš Dzurinda (facente funzione)
Jozef Migaš (facente funzione)

Dati generali
Partito politico Movimento per la Democrazia
Firma Firma di Ivan Gašparovič
Slovacchia

Questa voce è parte della serie:
Politica della Slovacchia








Altri stati · Atlante

Ivan Gašparovič (Poltár, 27 marzo 1941) è un politico, giurista e docente slovacco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È di origini croate ed è divenuto Presidente della Slovacchia il 15 giugno 2004.

Gašparovič nacque a Poltár, presso Lučenec e Banská Bystrica, nella Slovacchia centro-meridionale. Il padre, Vladimir Gašparović, era immigrato in Slovacchia dalla Croazia alla fine della prima guerra mondiale ed era insegnante in una scuola superiore a Bratislava.

Gašparovič studiò alla Facoltà di Legge dell'Università Comenio di Bratislava dal 1959 al 1964. Lavorò all'Ufficio del Prosecutore del Distretto nel Distretto di Martin (19651966), e divenne in seguito Procuratore a Bratislava (19661968). Nel 1968 si unì al Partito Comunista della Slovacchia, per sostenere le riforme di Alexander Dubček, ma fu espulso dal partito dopo l'invasione in Cecoslovacchia dei Paesi del Patto di Varsavia nell'agosto del 1968 (vedere Storia della Cecoslovacchia).

Nonostante l'espulsione, Gašparovič poté continuare la sua carriera legale e dal 1968 al luglio 1990 fu insegnante al Dipartimento di Legge Criminale, Criminologia e Pratica criminologica alla Facoltà di Legge all'Università di Bratislava. Nel febbraio 1990 divenne prorettore dell'Università stessa.

Dopo la rivoluzione di velluto e la conseguente caduta del regime comunista, Gašparovič fu scelto dal neo-presidente eletto Václav Havel per diventare il procuratore generale federale della nazione. Dopo il marzo 1992, fu per un breve periodo Vice Presidente del Consiglio Legislativo della Cecoslovacchia, prima che la Cecoslovacchia federale si dividesse in due stati indipendenti (Repubblica Ceca e Slovacchia) nel gennaio 1993. Gašparovič tornò temporaneamente all'Università Comenius, come membro del Consiglio Scientifico universitario e del Consiglio Scientifico della Facoltà di Legge. Alla fine del 1992, fu uno degli autori della Costituzione della Slovacchia.

Nelle elezioni presidenziali del 21 marzo e 4 aprile 2009 Ivan Gašparovič è stato riconfermato presidente della Repubblica Slovacca.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze slovacche[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine della Doppia croce bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Doppia croce bianca
Gran maestro e membro di I classe dell'Ordine di Andrej Hlinka - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e membro di I classe dell'Ordine di Andrej Hlinka
— 1998
Gran maestro e membro di I classe dell'Ordine di Ľudovít Štúr - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e membro di I classe dell'Ordine di Ľudovít Štúr
— 2004
Croce di Milana Rastislava Štefánika di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Milana Rastislava Štefánika di I Classe
— 2004
Croce di Pribina di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Pribina di I Classe
— 2004

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 2005
Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
— 24 febbraio 2005
Ordine dell'Amicizia di I classe (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia di I classe (Kazakistan)
— 2007
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 2007
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— Roma, 20 febbraio 2007[1]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 21 maggio 2007
Cavaliere di gran croce del Grand'ordine del re Tomislavo (Croazia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce del Grand'ordine del re Tomislavo (Croazia)
«Per l'eccezionale contributo alla promozione dell'amicizia e della cooperazione allo sviluppo tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Slovacca.»
— Zagabria, 27 ottobre 2008[2]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 21 febbraio 2009
Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 26 ottobre 2010
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 2012[3]
Ordine della Repubblica (Serbia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Repubblica (Serbia)
— 21 gennaio 2013
Collare dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca)
— 6 marzo 2013[4]
Commendatore di gran croce dell'Ordine delle Tre stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce dell'Ordine delle Tre stelle (Lettonia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato. URL consultato il 06-11-2010.
  2. ^ (HR) Odluka o odlikovanju predsjednika Slovačke Ivana Gašparoviča, Narodne novine, 27 ottobre 2008. URL consultato il 06-11-2010.
  3. ^ Photo of Presidential couple with Danish Royal couple
  4. ^ Klaus si přijel do Brna pro vyznamenání, lidé se otočili zády at Novinky.cz

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della Slovacchia Successore Flag of the President of Slovakia.svg
Rudolf Schuster 15 giugno 2004 - in carica

Controllo di autorità VIAF: 9620899 LCCN: no2007046731