Bosco verticale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°29′08.84″N 9°11′24.99″E / 45.48579°N 9.190275°E45.48579; 9.190275

Bosco Verticale
Bosco Verticale, June 2013.jpg
Le due torri in costruzione a giugno 2013
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Informazioni
Condizioni completato
Costruzione 2009-2014
Inaugurazione 2014
Uso residenziale
Altezza Tetto: Torre E 111,15 m-Torre D 78 m
Piani Torre E 27 - Torre D 18
Area calpestabile 31.500 m²
Realizzazione
Architetto Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra.
 

Bosco verticale è il nome di due torri residenziali di 111 metri e 78 metri disegnate da Boeri Studio (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra) facenti parte del Progetto Porta Nuova inserito nel centro Direzionale di Milano. La peculiarità di queste costruzioni è la presenza di oltre 900 specie arboree (550 alberi nella prima torre e 350 nella seconda, circa) sugli 8 900  di terrazze.[1] La struttura è stata completata nel primo quadrimestre 2012 e, dopo un periodo di blocco dei lavori, l'opera è stata inaugurata nel mese di ottobre 2014. [2]

L'idea[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto ha come finalità la riqualificazione del quartiere storico Isola di Milano tra via De Castillia e via Confalonieri e si compone di due torri residenziali di cui la maggiore alta 111 metri (chiamata Torre E) con 27 piani e la minore alta 78 metri (chiamata Torre D) con 18 piani.[1]

È chiamato Bosco verticale in quanto a ogni torre verranno impiantati degli alberi, 550 arbusti tra i tre e i sei metri nella Torre E e 350 nella Torre D che aiuteranno ad assorbire polveri, smog e a produrre ossigeno.[1]

Il Bosco verticale non è da intendersi come un omaggio alle specie arboree dell'areale milanese in quanto esse sono circa una cinquantina.[3]

L'edificazione[modifica | modifica wikitesto]

Le torri in costruzione a gennaio 2012

La costruzione delle due torri è cominciata tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010, con l’inizio della posa delle fondamenta. Tra la metà del 2010 e l’inizio del 2011 la costruzione procede molto lentamente, le torri crescono di soli cinque piani, con il nucleo che arriva al settimo piano. Ciò nonostante, durante il 2011 la costruzione procede e, al 23 luglio, le torri toccano il decimo piano, per arrivare al quindicesimo attorno a settembre dello stesso anno. Ad inizio 2012 sono state completate le strutture. I lavori si sono arrestati il 22 aprile 2013, quando l'impresa altoatesina ZH si arrende ai debiti e presenta il concordato in bianco. Successivamente l’appalto è passato alla Colombo Costruzioni, che ha promesso di terminare le due torri entro 6/7 mesi.[4] Il Bosco Verticale è stato inaugurato nel mese di ottobre 2014.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 novembre 2014 il Bosco Verticale è risultato vincitore dell'International Highrise Award, competizione internazionale a cadenza biennale per l'assegnazione del premio di grattacielo più bello del mondo. L'edificio è stato scelto tra 800 grattacieli di tutti i continenti. [5]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stefano Boeri architetti, Bosco verticale. URL consultato l'11 maggio 2013.
  2. ^ Inaugurato il Bosco Verticale.
  3. ^ Allegato 1
  4. ^ 02 Blog, Il Bosco Verticale di Milano riparte. URL consultato il 18 luglio 2013.
  5. ^ http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_novembre_19/bosco-verticale-vince-premio-come-edifico-alto-piu-bello-mondo-444160f0-6ff6-11e4-921c-2aaad98d1bf7.shtml

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]