Lapillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lapilli del vulcano Kilauea, Hawaii

Lapillo è un termine internazionale che in geologia, e più precisamente in vulcanologia, viene utilizzato per indicare i piccoli frammenti solidi di lava, e più in generale di tefrite, che vengono espulsi con violenza dai vulcani durante eruzioni di tipo esplosivo.

I frammenti di tefrite vengono classificati come lapilli quando hanno dimensioni comprese fra i 2 e i 64 mm di diametro. I frammenti con dimensione inferiore ai 2 mm vengono classificati come cenere vulcanica, mentre i frammenti con dimensioni superiori ai 64 mm sono chiamati bombe vulcaniche.

I lapilli di tufo sono tipici di eruzioni riolitiche, andesitiche e dacitiche di tipo piroclastico, e possono essere depositati in grossi strati durante i surge piroclastici.

Particelle di forma perfettamente arrotondata detti lapilli di accrescimento si possono formare a partire da cenere vulcanica che si compatta in una nube o flusso di detriti, a causa dell'umidità o di forze elettrostatiche.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]