Colonne di San Lorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°27′29.68″N 9°10′51.71″E / 45.458244°N 9.181031°E45.458244; 9.181031

Le Colonne viste dal sagrato.

Le colonne di San Lorenzo sono un'antica costruzione di epoca medioevale di Milano, costruite con materiali di epoca romana e situate di fronte alla basilica omonima in prossimità della porta Ticinese medievale. Esse rappresentano uno dei rari reperti superstiti della Milano imperiale.

Le Colonne prima delle demolizioni del 1935.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Milano romana.

Si tratta di sedici colonne, alte circa 7 metri e mezzo, in marmo, con capitelli corinzi che sostengono la trabeazione. Provengono da edifici romani risalenti al II o III secolo, probabilmente un tempio pagano sito nell'area dell'attuale via Santa Maria Beltrade[1]. Le colonne vennero trasportate nell'attuale locazione a completare la nascente basilica di San Lorenzo. I capitelli provengono invece da due edifici differenti; sono infatti diversi per stile e dimensioni. Ai capitelli più bassi è stato aggiunto uno spessore in laterizio per livellarli con gli altri. L'assemblaggio che si vede oggi fu realizzato in epoca medioevale, fra l'XI e il XII secolo, a cui risalgono le parti in laterizio che completano l'architrave, con l'arco sormonatato dalla croce al centro del colonnato.

Appoggiati alla basilica vi sono altri corpi, tra cui notevole è la cappella di sant'Aquilino con mosaici di età romana.

Lo "sfoltimento" degli anni Trenta[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1935, nell'attuale piazzale che sorge fra le Colonne e la Basilica di San Lorenzo sorgeva un intero isolato formato da vecchi edifici popolari; tale complesso venne abbattuto per dare, coerentemente coi principi e gli indirizzi urbanistici del tempo, maggiore respiro e monumentalità alla Basilica. Il nuovo piazzale venne successivamente occupato dai binari del tram, che negli anni novanta venne spostato al di là delle Colonne, su binari compenetranti. Agli anni trenta risale anche la statua bronzea di Costantino Imperatore, legato a Milano per la promulgazione del famoso editto, copia moderna di un originale tardoantico conservato a Roma.

Le Colonne tutt'oggi rivestono un particolare significato affettivo per i milanesi, testimoniando visibilmente la storia dell'antica Mediolanum, in qualche modo sopravvissuta alla furia distruttrice dei Goti, del Barbarossa e dei bombardamenti della seconda guerra mondiale

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fiorio, Le chiese di Milano, p. 409, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Teresa Fiorio, Le chiese di Milano, Electa, Milano, 2006.
  • Paolo Biscottini, La basilica di San Lorenzo Maggiore, Skira, Milano, 2000.
  • Milano, Touring Club Italiano, 2003, ISBN 88-365-2766-3

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]