Robert Mallet-Stevens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Robert Mallet-Stevens (Parigi, 24 marzo 1886Parigi, 8 febbraio 1945) è stato un architetto e designer francese.

Si diplomò all'École spéciale d'architecture di Parigi nel 1910. Dopo essere stato disegnatore di mobili e scenografo cinematografico (ad esempio ne L'inhumaine) per una ventina d'anni, intraprese a metà degli anni Venti la carriera di architetto, per una clientela esclusivamente privata, a parte la creazione solo di una caserma di pompieri a Parigi.

Fu tra i fondatori dell'Union des Artistes modernes (UAM) nel 1929, assieme a Francis Jourdain, René Herbst e altri. Il movimento era fermamente in opposizione col decorativismo dell'Art Nouveau e proponeva una purezza di linee e di forme che confluì nel movimento moderno internazionale.

Durante il regime di Vichy si rifugiò con la famiglia nel sud-est della Francia, a Penne-d'Agenais (Lot-et-Garonne). L'importanza della sua opera di architetto è stata riconosciuta solo dopo la morte, quando ormai la maggior parte delle sue opere erano state lasciate all'abbandono (come villa Cavrois).

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64102792 LCCN: n85039594