Sitticus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sitticus
Sitticus.floricola.jpg
Sitticus floricola
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Sitticinae
Genere Sitticus
Simon, 1901
Serie tipo
Araneus terebratus
Clerck, 1757
Sinonimi

Sitticulus
Dahl, 1926
Attinella
Banks, 1905
Tomis
F. O. P.-Cambridge, 1901

Specie
vedi testo

Sitticus Simon, 1901 è un genere di ragni appartenente alla famiglia Salticidae.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le 83 specie oggi note di questo genere sono state rinvenute in varie zone dell'Eurasia, delle Americhe e dell'Africa; ben 4 specie sono endemiche delle isole Galapagos[1].

In Italia sono state reperite 14 specie di questo genere[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Considerato un sinonimo anteriore di Sitticulus Dahl, 1926, da uno studio dell'aracnologo Prószynski del 1973 con trasferimento della specie tipo; è anche sinonimo anteriore di Attinella Banks, 1905 secondo un lavoro dell'aracnologo Richman del 1979 e di Tomis F. O. P.-Cambridge, 1901, a seguito di un lavoro dell'aracnologa Galiano del 1991[1].

Alcuni autori pongono la specie tipo del genere Attulus Simon, 1889, la Attulus helveolus (Simon, 1891), in questo genere, spesso considerata come sinonimo posteriore di Sitticus distinguendus (Simon, 1868); bisogna considerare però che, se tale posizionamento fosse corretto, la denominazione Attulus dovrebbe prendere il posto di Sitticus per priorità. La denominazione più giovane è ritenuta opportuna in questa sede, in quanto sembra probabile che il complesso di specie oggi afferente in Sitticus includa più di un genere[1].

A giugno 2011, si compone di 83 specie e due sottospecie[1]:

  1. Sitticus albolineatus (Kulczyński, 1895) — Russia, Cina, Corea
  2. Sitticus ammophilus (Thorell, 1875) — Russia, Asia centrale, Canada
  3. Sitticus ansobicus Andreeva, 1976 — Asia centrale
  4. Sitticus atricapillus (Simon, 1882) — Europa (presente in Italia)
  5. Sitticus avocator (O. P.-Cambridge, 1885) — Russia, dall'Asia centrale al Giappone
  6. Sitticus barsakelmes Logunov & Rakov, 1998 — Kazakistan
  7. Sitticus burjaticus Danilov & Logunov, 1994 — Russia
  8. Sitticus canus (Galiano, 1977) — Perù
  9. Sitticus caricis (Westring, 1861) — Regione paleartica (presente in Italia)
  10. Sitticus cautus (Peckham & Peckham, 1888) — Messico
  11. Sitticus cellulanus Galiano, 1989 — Argentina
  12. Sitticus clavator Schenkel, 1936 — Cina
  13. Sitticus concolor (Banks, 1895) — USA, Messico
  14. Sitticus cutleri Prószynski, 1980 — Regione olartica
  15. Sitticus damini (Chyzer, 1891) — Europa meridionale, Russia
  16. Sitticus designatus (Peckham & Peckham, 1903) — Sudafrica
  17. Sitticus diductus (O. P.-Cambridge, 1885) — Karakorum, Cina
  18. Sitticus distinguendus (Simon, 1868) — Regione paleartica (presente in Italia)
  19. Sitticus dorsatus (Banks, 1895) — USA
  20. Sitticus dubatolovi Logunov & Rakov, 1998 — Kazakistan
  21. Sitticus dudkoi Logunov, 1998 — Russia
  22. Sitticus dyali Roewer, 1951 — Pakistan
  23. Sitticus dzieduszyckii (L. Koch, 1870) — Europa (presente in Italia), Russia
  24. Sitticus eskovi Logunov & Wesolowska, 1995 — Russia, Sakhalin (Russia), Isole Curili
  25. Sitticus exiguus (Bösenberg, 1903) — Germania
  26. Sitticus fasciger (Simon, 1880) — Russia, Cina, Corea, Giappone, USA
  27. Sitticus finschi (L. Koch, 1879) — USA, Canada, Russia
  28. Sitticus flabellatus Galiano, 1989 — Argentina, Uruguay
  29. Sitticus floricola (C. L. Koch, 1837) — Regione paleartica (presente in Italia)
    • Sitticus floricola palustris (Peckham & Peckham, 1883) — America settentrionale
  30. Sitticus goricus Ovtsharenko, 1978 — Russia
  31. Sitticus inexpectus Logunov & Kronestedt, 1997 — dall'Europa all'Asia centrale
  32. Sitticus inopinabilis Logunov, 1992 — Russia, Asia centrale
  33. Sitticus japonicus Kishida, 1910 — Giappone
  34. Sitticus juniperi Gertsch & Riechert, 1976 — USA
  35. Sitticus karakumensis Logunov, 1992 — Turkmenistan
  36. Sitticus kazakhstanicus Logunov, 1992 — Kazakistan
  37. Sitticus leucoproctus (Mello-Leitão, 1944) — Brasile, Uruguay, Argentina
  38. Sitticus longipes (Canestrini, 1873) — Europa (presente in Italia)
  39. Sitticus magnus Chamberlin & Ivie, 1944 — USA
  40. Sitticus manni (Doleschall, 1852) — Croazia
  41. Sitticus mazorcanus Chamberlin, 1920 — Perù
  42. Sitticus mirandus Logunov, 1993 — Russia, Asia centrale, Cina
  43. Sitticus monstrabilis Logunov, 1992 — Asia centrale
  44. Sitticus montanus Kishida, 1910 — Giappone
  45. Sitticus morosus (Banks, 1895) — USA
  46. Sitticus nakamurae Kishida, 1910 — Giappone
  47. Sitticus nenilini Logunov & Wesolowska, 1993 — Kazakistan, Kirghizistan
  48. Sitticus nitidus Hu, 2001 — Cina
  49. Sitticus niveosignatus (Simon, 1880) — dal Nepal alla Cina
  50. Sitticus palpalis (F. O. P.-Cambridge, 1901) — Messico, Argentina
  51. Sitticus penicillatus (Simon, 1875) — Regione paleartica (presente in Italia)
    • Sitticus penicillatus adriaticus Kolosváry, 1938 — Penisola balcanica
  52. Sitticus penicilloides Wesolowska, 1981 — Corea del Nord
  53. Sitticus peninsulanus (Banks, 1898) — Messico
  54. Sitticus phaleratus Galiano & Baert, 1990 — Isole Galapagos
  55. Sitticus psammodes (Thorell, 1875) — Russia
  56. Sitticus pubescens (Fabricius, 1775) — Europa (presente in Italia), Russia, USA
  57. Sitticus pulchellus Logunov, 1992 — Kazakistan, Kirghizistan
  58. Sitticus ranieri (Peckham & Peckham, 1909) — Regione olartica
  59. Sitticus relictarius Logunov, 1998 — Russia, Georgia, Iran, Azerbaigian
  60. Sitticus rivalis Simon, 1937 — Francia, Italia
  61. Sitticus rupicola (C. L. Koch, 1837) — Regione olartica (presente in Italia)
  62. Sitticus saevus Dönitz & Strand, 1906 — Giappone
  63. Sitticus saganus Dönitz & Strand, 1906 — Giappone
  64. Sitticus saltator (O. P.-Cambridge, 1868) — Regione paleartica (presente in Italia)
  65. Sitticus saxicola (C. L. Koch, 1846) — Regione paleartica (presente in Italia)
  66. Sitticus sexsignatus (Franganillo, 1910) — Portogallo
  67. Sitticus sinensis Schenkel, 1963 — Cina, Corea
  68. Sitticus strandi Kolosváry, 1934 — Ungheria
  69. Sitticus striatus Emerton, 1911 — USA, Canada
  70. Sitticus subadultus Dönitz & Strand, 1906 — Giappone
  71. Sitticus taiwanensis Peng & Li, 2002 — Taiwan
  72. Sitticus talgarensis Logunov & Wesolowska, 1993 — Kazakistan, Kirghizistan
  73. Sitticus tannuolana Logunov, 1991 — Russia
  74. Sitticus tenebricus Galiano & Baert, 1990 — Isole Galapagos
  75. Sitticus terebratus (Clerck, 1757)[3] — Regione paleartica (presente in Italia)
  76. Sitticus uber Galiano & Baert, 1990 — Isole Galapagos
  77. Sitticus uphami (Peckham & Peckham, 1903) — Sudafrica
  78. Sitticus vanvolsemorum Baert, 2011 — isole Galapagos
  79. Sitticus walckenaeri Roewer, 1951 — Francia, Svezia
  80. Sitticus welchi Gertsch & Mulaik, 1936 — USA
  81. Sitticus wuae Peng, Tso & Li, 2002 — Taiwan
  82. Sitticus zaisanicus Logunov, 1998 — Kazakistan
  83. Sitticus zimmermanni (Simon, 1877) — dall'Europa all'Asia centrale (presente in Italia)

Specie trasferite[modifica | modifica wikitesto]

Nomina dubia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sitticus basalis (Karsch, 1879); un esemplare femminile, rinvenuto in Giappone e originariamente ascritto all'ex-genere Attus. A seguito di due studi, uno di Logunov del 1998 e uno di Logunov & Marusik del 2001, è da ritenersi nomen dubium[1].
  • Sitticus limbatus (Risso, 1826); gli esemplari reperiti in Francia e originariamente ascritti al genere Atypus, a seguito di due studi, uno dell'aracnologo Roewer del 1955 e uno di Bonnet del 1958, sono da ritenersi nomina dubia[1].
  • Sitticus littoralis (Hahn, 1832); un esemplare femminile, rinvenuto in Europa e in origine descritto nel genere Salticus, a seguito di un lavoro dell'aracnologo Bonnet del 1958, è da ritenersi nomen dubium[1].
  • Sitticus truncorum (Linnaeus, 1758); esemplari reperiti in Europa e originariamente posti in Aranea, a seguito di un lavoro dell'aracnologo Harm del 1973, sono da ritenersi nomina dubia[1].
  • Sitticus virgulatus (Walckenaer, 1802); esemplari reperiti in Francis e originariamente posti in Aranea, a seguito di due lavori, uno dell'aracnologo Roewer del 1955 e un altro di Bonnet del 1958, sono da ritenersi nomina dubia[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simon, 1901: Histoire naturelle des araignées. Paris, vol.2, p. 381-668.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi