Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Idiopidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Idiopidae
BannerghattaBlackSpiderFr.jpg
Idiops constructor - maschio
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Mygalomorphae
Infraordine Fornicephalae
Superfamiglia Idiopoidea
Famiglia Idiopidae
Simon, 1892
Generi
vedi testo

Idiopidae Simon, 1892 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco ῖδιος, ìdios cioè distinto, peculiare, proprio, e ὄψ, òps, cioè aspetto, riferendosi alle varie parti anatomiche ben chiare e distinguibili nelle varie specie, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di aspetto esteriore hanno una conformazione ben proporzionata del corpo che riporta alla mente per analogia quello delle tarantole. In alcune specie i maschi hanno uno sperone sulle loro zampe che protendono verso l'aggressore se minacciate. Le filiere laterali posteriori sono allungate.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono ragni costruttori di cunicoli che poi rivestono con la tela e, alcune specie, con un opercolo apribile. La specie thailandese Prothemenops siamensis, lunga circa 2 cm, costruisce il cunicolo lungo pareti di terra che si affacciano su corsi d'acqua nelle foreste pluviali di montagna. Ogni cunicolo ha due o tre ingressi che afferiscono nel tubo principale.

Idiopidae - distribuzione

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le oltre 300 specie sono distribuite fra l'America centro-meridionale, l'Africa, l'India e l'Oceania.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a giugno 2017, si compone di 22 generi e 322 specie;[1] per la classificazione in sottofamiglie si segue l'entomologo Joel Hallan:[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi