Corinnidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Corinnidae
5402883-LGPT.jpg
Castianeira descripta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Corinnoidea
Famiglia Corinnidae
Karsch, 1880
Generi

vedi testo

Corinnidae Karsch, 1880 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Il nome forse sarebbe il diminutivo del vocabolo greco κόρη, còre, cioè fanciulla, donzella, vergine, anche se non è ben chiaro il collegamento, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia fa parte dei cosiddetti ragni-sacco, i quali hanno l'opistosoma a forma di sacco più o meno allungato, ed ha una storia tassonomica alquanto travagliata e sicuramente non ancora terminata. All'inizio comprendeva disparate forme di ragni, purché avessero otto zampe sistemate in due file, le filiere anteriori e coniche; e costruissero tele a forma di sacco fra le piante o sotto le pietre e altri caratteri generici comuni che rendevano questa famiglia un guazzabuglio di diversità.

Col passare degli anni gli aracnologi hanno concordato nello staccare alcuni generi perché più simili ai Lycosidae e per altri generi, aventi caratteristiche comuni più precipue hanno deciso di formare famiglie a sé stanti come i Clubionidae, Anyphaenidae, Tengellidae, Zorocratidae, Miturgidae e Liocranidae.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Corinnidae - Distribuzione

Specie del genere Castianeira, Mazax, Myrmecium e Myrmecotypus sono imitatori di formiche, allo scopo di avvicinarle e predarle.

Corinna è il genere-tipo della famiglia ed è composto da ragni di piccole dimensioni in continuo movimento.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è cosmopolita[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Un recente lavoro di Ramírez del 2014, sulla base di considerazioni filogenetiche accurate ed approfondite, ha portato a precise caratterizzazioni nell'ambito dei Dionycha, con la costituzione di tre nuove famiglie (Eutichuridae, Phrurolithidae e Trachelidae) e la ristrutturazione di altre quattro (Miturgidae, Corinnidae, Clubionidae e Liocranidae)[2].

Per quanto riguarda le Corinnidae, oltre 30 generi sono stati trasferiti alle Phrurolithidae (ex sottofamiglia Phrurolithinae) ed alle Trachelidae (ex sottofamiglia Trachelinae)[2].

Attualmente, a gennaio 2016, si compone di 67 generi e 729 specie[1].

La suddivisione in sottofamiglie qui descritta segue l'entomologo Joel Hallan, escludendone le sottofamiglie non più presenti in quanto elevate al rango di famiglie nel 2014[3]:

  • Aetius O. P.-Cambridge, 1896 - India, Sri Lanka, Borneo
  • Allomedmassa Dankittipakul & Singtripop, 2014 - Thailandia, Borneo
  • Apochinomma Pavesi, 1881 - Brasile, Guyana, Africa centrale, occidentale e meridionale, Asia orientale
  • Cambalida Simon, 1910 - Guinea equatoriale, Costa d'Avorio, Sierra Leone, Guinea Bissau
  • Castianeira Keyserling, 1879 - pressoché cosmopolita
  • Castoponera Deeleman-Reinhold, 2001 - Borneo, Malaysia, Sumatra
  • Coenoptychus Simon, 1885 - India, Sri Lanka
  • Copa Simon, 1885 - Africa meridionale, orientale, occidentale, Madagascar
  • Copuetta Haddad, 2013 - Africa centrale, orientale e meridionale, isole Comore
  • Corinnomma Karsch, 1880 - Australia, Tanzania, Thailandia, Afghanistan, Giava, Mozambico, India, Molucche
  • Echinax Deeleman-Reinhold, 2001 - CIna, Thailandia, Sumatra, Celebes, Giava, Borneo
  • Graptartia Simon, 1896 - Africa centrale, orientale e meridionale, Marocco, Algeria
  • Humua Ono, 1987 - Isole Ryukyu
  • Mazax O. P.-Cambridge, 1898 - dagli USA al Panamá, Piccole Antille
  • Medmassa Simon, 1887 - Victoria e Nuovo Galles del Sud (Australia), Celebes, Filippine, Africa orientale e meridionale
  • Merenius Simon, 1910 - Africa orientale, Congo, Sierra Leone, Guinea Bissau, Yemen, Sudafrica
  • Messapus Simon, 1898 - Africa orientale, Sudafrica
  • Myrmecium Latreille, 1824 - Brasile, Argentina, Bolivia, Venezuela, Perù, Guyana
  • Myrmecotypus O. P.-Cambridge, 1894 - Panamá, Messico, USA
  • Poecilipta Simon, 1896 - Nuovo Galles del Sud, Queensland (Australia)
  • Pranburia Deeleman-Reinhold, 1993 - Thailandia, Cambogia, Malaysia
  • Pronophaea Simon, 1897 - Sudafrica
  • Psellocoptus Simon, 1896 - Venezuela
  • Serendib Deeleman-Reinhold, 2001 - Thailandia, Borneo, Bali
  • Sphecotypus O. P.-Cambridge, 1895 - Panamá, Venezuela, Brasile, Borneo, Sri Lanka, Myanmar
  • Supunna Simon, 1897 - Australia occidentale, centrale, Nuovo Galles del Sud, Victoria, Isole Figi, Tasmania
Supunna sp.
  • Arushina Caporiacco, 1947 - Tanzania
  • Crinopseudoa Jocqué & Bosselaers, 2011 - Guinea, Liberia
  • Cycais Thorell, 1877 - Giappone, Celebes
  • Hortipes Bosselaers & Ledoux, 1998 - Camerun, Sudafrica, Tanzania, Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Costa d'Avorio, Ruanda, Uganda, Guinea, Nigeria
  • Ianduba Bonaldo, 1997 - Brasile
  • Leichhardteus Raven & Baehr, 2013 - Queensland, Nuovo Galles del Sud, Australia orientale
  • Olbus Simon, 1880 - Cile
  • Scorteccia Caporiacco, 1936 - Libia
  • Thysanina Simon, 1910 - Sudafrica, Namibia, Tanzania
  • Vendaphaea Haddad, 2009 - Sudafrica
  • Wasaka Haddad, 2013 - Tanzania, Camerun, Burundi, Ruanda, Uganda

Generi e specie fossili[modifica | modifica wikitesto]

Generi trasferiti, inglobati, non più in uso[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b World Spider Catalogue, versione 16.5, Famiglie di ragni, con numero di generi e specie - URL consultato il 10 gennaio 2016
  2. ^ a b The morphology and phylogeny of dionychan spiders (Araneae: Arameomorphae) di M. Ramírez
  3. ^ Biology Catalog
  4. ^ genere ancora vivente
  5. ^ genere trasferito alla famiglia Gallieniellidae a seguito di uno studio dell'aracnologo Haddad del 2009 The world spider catalog, Corinnidae

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi