Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zoropsidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zoropsidae
Zoropsis spinimana.jpg
Zoropsis spinimana
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Lycosoidea
Famiglia Zoropsidae
Bertkau, 1882
Generi
vedi testo

Zoropsidae Bertkau, 1882 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva probabilmente dal greco ζωρὸς, zoròs cioè forte, robusto, e ὄψ, òps, cioè aspetto, sguardo, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Hanno otto occhi e sono abbastanza comuni soprattutto nelle case di campagna. Di minori dimensioni rispetto ai Zoridae, ne condividono la somiglianza, più nell'aspetto che nell'andatura, con i Lycosidae. Ne differiscono principalmente per il cefalotorace più ristretto e per il pattern oculare diverso. Hanno colore marrone scuro con macchie grigiastre sulle zampe e due-tre macchie brune sull'opistosoma.

Zoropsidae, distribuzione

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Poco è conosciuto della loro biologia, sono ragni che cacciano all'agguato di giorno ben nascosti nella vegetazione, non costruiscono ragnatele.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Sono distribuiti nei paesi dell'area mediterranea, in Giappone, nello Yemen, in Sudafrica e vari generi sono nativi dell'Australia. Venne introdotto accidentalmente negli USA[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a luglio 2017, si compone di 26 generi e 178 specie[1]:

  1. Akamasia Bosselaers, 2002 — Cipro (genere monospecifico)
  2. Anachemmis Chamberlin, 1919 — USA, Messico (5 specie)
  3. Austrotengella Raven, 2012 — Australia (6 specie)
  4. Birrana Raven & Stumkat, 2005 — Australia (genere monospecifico)
  5. Cauquenia Piacentini, Ramírez e Silva, 2013 - Cile (genere monospecifico)
  6. Ciniflella Mello-Leitão, 1921 — Brasile (genere monospecifico)
  7. Devendra Lehtinen, 1967 — Sri Lanka (3 specie)
  8. Griswoldia Dippenaar-Schoeman & Jocqué, 1997 — Sudafrica (12 specie)
  9. Hoedillus Simon, 1898 — Guatemala (genere monospecifico)
  10. Huntia Gray & Thompson, 2001 — Australia (2 specie)
  11. Itatiaya Mello-Leitão, 1915 — Brasile (8 specie)
  12. Kilyana Raven & Stumkat, 2005 — Australia (10 specie)
  13. Krukt Raven & Stumkat, 2005 — Australia (5 specie)
  14. Lauricius Simon, 1888 — USA, Messico (2 specie)
  15. Liocranoides Keyserling, 1881 — USA (5 specie)
  16. Megateg Raven & Stumkat, 2005 — Australia (8 specie)
  17. Phanotea Simon, 1896 — Sudafrica (13 specie)
  18. Pseudoctenus Caporiacco, 1949 - Kenya, Malawi (2 specie)
  19. Socalchemmis Platnick & Ubick, 2001 — USA, Messico (17 specie)
  20. Takeoa Lehtinen, 1967 — Cina, Corea, Giappone (2 specie)
  21. Tengella Dahl, 1901 — dal Messico a Panamá (5 specie)
  22. Titiotus Simon, 1897 — USA (16 specie)
  23. Uliodon L. Koch, 1873 — Nuova Zelanda, Australia (4 specie)
  24. Wiltona Koçak & Kemal, 2008 — Nuova Zelanda (genere monospecifico)
  25. Zorocrates Simon, 1888 - America centrale e America settentrionale (stati meridionali degli USA) (31 specie)
  26. Zoropsis Simon, 1878 — Mediterraneo, Ucraina, Corea (16 specie e una sottospecie)

Generi fossili[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertkau, 1882 - Über das Cribellum und Calamistrum. Ein Beitrag zur Histologie, Biologie und Systematik der Spinnen. Archiv für Naturgeschichte, vol.48, p. 316-362.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi