Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Homalonychidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Homalonychidae
Homalonychus sp. (Marshal Hedin).jpg
Homalonychus sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Infraordine Entelegynae
Superfamiglia incertae sedis
Famiglia Homalonychidae
Simon, 1893
Generi

Homalonychidae Simon, 1893 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco ὀμαλός, omalòs, cioè uguale, uniforme, pari, liscio e νύχιος, nychios, cioè notturno, che agisce di notte, e il suffisso -idae che indica l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Sono ragni che non costruiscono alcuna ragnatela e si trovano di frequente sotto le pietre o in agguato nella vegetazione.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Le specie americane vivono nei deserti, dove si sono adattate molto bene, acquisendone il colore in modo da mimetizzarsi con le zampe distese semisommersi nella sabbia. Con le loro secrezioni, pur non costruendo tele, riescono a cementare nei loro pressi parte della sabbia in modo da avvertire per tempo l'avvicinarsi di una preda o di una minaccia.

Homalonychus sp., con sacco ovigero

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le due specie americane dell'unico genere sono state trovate nella parte ovest del Colorado, (l'Homalonychus theologus), e nella Valle della Morte e nei pressi di Mercury, nel Nevada, (l'Homalonychus selenopoides). Una terza specie è diffusa nella parte orientale dell'India[1].

Homalonychidae - distribuzione

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2004 considerata dall'aracnologo Jörg Wunderlich una sottofamiglia degli Zodariidae, per la maggioranza degli specialisti del settore ha le caratteristiche per rimanere una famiglia a sé stante.

Attualmente, a giugno 2017, si compone di un genere e tre specie[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi