Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Selenopidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Selenopidae
Selenops sp. (Marshal Hedin).jpg
Selenops sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Superfamiglia Selenopoidea
Famiglia Selenopidae
Simon, 1897
Generi

Selenopidae Simon, 1897 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco σελήνη, selène, cioè luna e ὄψ, òps, cioè vista, aspetto, per la disposizione degli occhi in vista frontale simile ad una mezzaluna, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Detti anche ragni-granchio, (in inglese crab-spiders), in quanto nel fronteggiare la preda o un nemico si muovono lateralmente proprio come fanno i granchi. Grazie ad una certa robustezza riescono a trasportare anche notevoli pesi. Come tutti gli appartenenti alla sezione Entelegynae, hanno otto occhi disposti in due file di quattro.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono ragni abbastanza piatti e si trovano comunemente sui muri, nelle fessure e sotto le pietre. Sono anche piuttosto agili e difficili da catturare; ciò è agevolato anche da un colore fortemente mimetico.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è primariamente tropicale col genere Anyphops distribuito nell'Africa sub-sahariana ed il genere Hovops confinato nel Madagascar. Il genere Selenops, più comune si trova nell'America centro-meridionale, in Australia, Cina e Giappone[1].

Selenopidae, distribuzione

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a luglio 2017, si compone di 10 generi e 257 specie[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi