Penestomidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Penestomidae
Immagine di Penestomidae mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Zodaroidea
Famiglia Penestomidae
Simon, 1903
Generi

Penestomidae Simon, 1903 è una famiglia di ragni appartenente all'infraordine Araneomorphae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco πήνη, péne che significa filo, trama, tessuto, e στόμα, -τος, stòma, stòmatos, cioè bocca, probabilmente per i movimenti dei cheliceri durante la tessitura della tela, e il suffisso -idae, che designa l'appartenenza a una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Appartiene agli Entelegynae. La lunghezza del corpo non supera i 6 millimetri.

Sono ragni di forma appiattita, il cefalotorace ha forma quasi rettangolare. Possiedono otto occhi disposti su due file, quella posteriore è leggermente ricurva e ha gli occhi più distanziati di quella anteriore[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Sono diffusi nel Sudafrica e nel Lesotho[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Considerata una sottofamiglia degli Eresidae, a seguito di uno studio di Miller, Griswold e Haddad del 2010 è stata elevata al rango di famiglia e posta, per varie affinità, accanto agli Zodariidae[2].

Attualmente, a luglio 2017, si compone di un genere e nove specie[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi