Arkyidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arkyidae
Arkys cornutus 1.jpg
Arkys cornutus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Araneoidea
Famiglia Arkyidae
L. Koch, 1872
Generi

Arkyidae L. Koch, 1872 è una famiglia di ragni appartenente all'infraordine Araneomorphae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco ἄρκυς, àrkys, cioè rete da caccia, a causa del modo di disporre la ragnatela. Di seguito il suffisso -idae che ne denota l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Questi ragni si distinguono macroscopicamente per le seguenti peculiarità: entrambi i sessi hanno la fila posteriore degli occhi di forma procurva; gli occhi mediani posteriori sono distanziati maggiormente rispetto agli occhi mediani anteriori. La forma dell'opistosoma è marcatamente triangolare nei maschi. Si distinguono inoltre dagli araneidi e dai tetragnatidi per non utilizzare le ragnatele al fine di catturare prede[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

I 2 generi sono stati rinvenuti in Oceania e Indonesia[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia è stata creata con due generi già noti alla scienza, accomunati dall'avere caratteristiche sia delle Araneidae che delle Tetragnathidae, a seguito di un lavoro dell'aracnologo Dimitrov e altri del 2017[1].

Attualmente, a giugno 2017, si compone di 2 generi e 37 specie[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Walckenaer, C.A., 1837 - Histoire naturelle des insectes. Aptères. Paris, vol.1, pp. 1–682. (p. 497)
  • Karsch, F., 1878 - Exotisch-araneologisches, 2. Zeitschrift für die gesammten Naturwissenschaften, vol.51, pp. 771–826.
  • Keyserling, E., 1890 - Die Arachniden Australiens. Nürnberg, vol.2, pp. 233–274.
  • Urquhart, A.T., 1891b - On new species of Tasmanian Araniedae [sic]. Pap. Proc. Roy. Soc. Tasm. n.1890, pp. 236–253. (Aerea alticephala, p. 245)
  • Strand, E., 1929 - Zoological and palaeontological nomenclatorical notes. Acta Universitatis Latviensis, vol.20, pp. 1–29.
  • Reimoser, E., 1936 - Fauna Buruana. Arachnoidea. Treubia vol.7(Suppl.), pp. 405–413.
  • Scharff, N. & J.A. Coddington, 1997 - A phylogenetic analysis of the orb-weaving spider family Araneidae (Arachnida, Araneae). Zool. J. Linn. Soc. vol.120, pp. 355–434. Articolo in PDF
  • Framenau, V.M., N. Scharff & M.S. Harvey, 2010 - Systematics of the Australian orb-weaving spider genus Demadiana with comments on the generic classification of the Arkyinae (Araneae: Araneidae). Invertebr. Syst. vol.24, pp. 139–171. Articolo in PDF
  • Dimitrov, D., Benavides Silva, L.R., Arnedo, M.A., Giribet, G., Griswold, C. E., Scharff, N. & Hormiga, G., 2017 - Rounding up the usual suspects: a standard target-gene approach for resolving the interfamilial phylogenetic relationships of ecribellate orb-weaving spiders with a new family-rank classification (Araneae, Araneoidea). Cladistics vol.33, n.(3), pp. 221–250 & Suppl. PDF

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi