Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Cithaeronidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cithaeronidae
Immagine di Cithaeronidae mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Gnaphosoidea
Famiglia Cithaeronidae
Simon, 1893
Generi

Cithaeronidae Simon, 1893 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco Κιθαιρὼν, Kithairòn, cioè Citerone, monte greco situato fra l'Attica e la Beozia, dove è stato rinvenuto per la prima volta nel 1872, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I ragni di questa famiglia sono molto mobili e veloci, cacciano attivamente di notte e di giorno rimangono imbozzolati in involucri serici che costruiscono sotto le pietre. Le femmine del genere Cithaeron sono lunghe approssimativamente da 5 a 7 millimetri, i maschi sono più piccoli, al massimo 4 millimetri, di colore giallo pallido e con preferenza per luoghi pietrosi, molto caldi e asciutti.

Cithaeronidae - distribuzione

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

I ragni del genere Cithaeron sono diffusi in Africa principalmente, e in varie località dell'Eurasia fra cui spicca la Grecia dove venne rinvenuto il primo esemplare. Tre femmine adulte di Cithaeron praedonius sono state rinvenute a Teresina, nel Piauí, stato del Brasile; poiché il ritrovamento è avvenuto in prossimità di abitazioni umane, si presume sia stato introdotto accidentalmente in zona. Considerazioni analoghe valgono anche per gli esemplari trovati nel Territorio del Nord, in Australia[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a giugno 2017, si compone di due generi e otto specie[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • An Introduction to the Spiders of South East Asia. Malaysian Nature Society, Kuala Lumpur.
  • A revision of the Australasian ground spiders of the families Ammoxenidae, Cithaeronidae, Gallieniellidae, and Trochanteriidae (Araneae, Gnaphosoidea). Bulletin of the American Museum of Natural History 271. PDF (26Mb)Abstract
  • The first record of the family Cithaeronidae (Araneae, Gnaphosoidea) to the new world. Revista Brasileira de Zoologia 24(2): 512–514. PDF (124kb)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi