Schindler's List - La lista di Schindler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la voce che tratta del documento storico omonimo, vedi Lista di Schindler.
Schindler's List - La lista di Schindler
Schindler's List 01.JPG
Liam Neeson interpreta Oskar Schindler
Titolo originaleSchindler's List
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1993
Durata195 min
Dati tecniciB/N e a colori
Generebiografico, storico, drammatico, epico
RegiaSteven Spielberg
Soggettodal romanzo La lista di Schindler di Thomas Keneally
SceneggiaturaSteven Zaillian
ProduttoreSteven Spielberg, Gerald R. Molen, Branko Lustig
Produttore esecutivoKathleen Kennedy
FotografiaJanusz Kaminski
MontaggioMichael Kahn
MusicheJohn Williams (musiche originali) + AA.VV.
ScenografiaEwa Braun, Allan Starski
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Chiunque salva una vita salva il mondo intero. »

(Talmud babilonese)

Schindler's List - La lista di Schindler (Schindler's List) è un film del 1993 diretto da Steven Spielberg, interpretato da Liam Neeson, Ben Kingsley e Ralph Fiennes e dedicato al tema della Shoah.

Ispirata al romanzo La lista di Schindler di Thomas Keneally e basata sulla vera storia di Oskar Schindler, la pellicola permise a Spielberg di raggiungere la definitiva consacrazione tra i grandi registi, ricevendo ben 12 nomination agli Oscar e vincendo 7 statuette, tra cui quelle per il miglior film e la miglior regia. È considerato unanimemente uno dei migliori film della storia del cinema.

Caratteristica saliente del film è quella di essere stato girato interamente in bianco e nero, fatta eccezione per quattro scene: la prima è la scena iniziale, in cui si vedono due candele spegnersi, così come, simbolicamente, la fiammella di altre due candele riacquista colore verso il termine della storia. La seconda e la terza scena in bianco e nero, dove appare una bambina con un cappotto, solo quest'ultimo colorato di rosso, dapprima durante il rastrellamento del ghetto, poi durante la riesumazione delle vittime. Infine, è interamente a colori la sequenza finale del film, quando, ai giorni nostri, vengono rispettosamente deposti i sassi sulla tomba del vero Oskar Schindler presso il cimitero di Gerusalemme.

Nel 1998 l'American Film Institute l'ha inserito al nono posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi,[1] mentre dieci anni dopo, nella lista aggiornata, è salito all'ottavo posto.[2] Nel 2004 questo film è stato scelto dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti per essere preservato nel National Film Registry.[3]

A seguito dell'enorme interesse suscitato, Spielberg utilizzò parte degli incassi per creare la Survivors of the Shoah Visual History Foundation, organizzazione no-profit per la collezione audio-video delle testimonianze di circa cinquantaduemila sopravvissuti. Alcune di queste interviste compaiono nei contenuti extra del DVD di Schindler's List.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cracovia, 1939, poco dopo l'inizio della seconda guerra mondiale una volta terminata l'invasione della Polonia, gli ebrei polacchi che risiedono nei dintorni della città sono obbligati a recarvisi per essere registrati e schedati. Il grande afflusso di persone induce l'imprenditore tedesco Oskar Schindler ad approfittare del divieto imposto agli ebrei di avere attività commerciali, al fine di trovare il denaro necessario per impiantarvi un'azienda che produca pentole e tegami da fornire all'esercito tedesco.

La sua abilità nelle pubbliche relazioni lo porta in breve tempo a stringere rapporti in primo luogo con i vertici delle SS che amministrano il territorio occupato; in secondo luogo, con un giovane borsista nero - con l'incarico di reperire merci rare da utilizzare come regalie, per ottenere i permessi necessari per iniziare la sua attività; e soprattutto, infine, con un contabile ebreo, Itzhak Stern, in quel momento impiegato presso lo Judenrat Cracovia, il Consiglio ebraico, ma in passato amministratore di una fabbrica, che si incaricherà di reperire le somme necessarie per iniziare la nuova attività. Lo scetticismo del contabile nei suoi confronti è evidente ma, riscontrate le sue intenzioni e i possibili vantaggi che deriverebbero per i cosiddetti "investitori", acconsente di farlo incontrare con alcuni investitori ebrei che gli forniranno il denaro necessario in cambio di merci da scambiare al mercato nero.

Esaurite le formalità burocratiche viene inaugurata la Deutsche Emaillewarenfabrik (DEF), dove quotidianamente più di mille lavoratori ebrei, molti salvati dalla deportazione nei campi di concentramento dallo stesso Stern (tra i quali insegnanti, intellettuali o scrittori, ritenuti "non necessari" dalle autorità naziste), si recano a lavorare godendo di una posizione privilegiata rispetto alla maggioranza della popolazione ebraica, costretta a vivere in condizioni estremamente difficili all'interno del ghetto, mentre l'imprenditore inizia ad accumulare grandi quantità di denaro, grazie anche all'apertura del nuovo fronte a est.

La vita sembra essere avviata ad una sorta di stabilità, nonostante maltrattamenti ed esecuzioni sommarie da parte delle SS, fin quando giunge in città l'untersturmführer Amon Göth, con l'incarico di avviare la costruzione del nuovo campo di concentramento di Kraków-Płaszów, nel quadro dell'Operazione Reinhard e di liquidare l'eccedenza di persone ammassate nel ghetto di Cracovia. Schindler a cavallo, osserva da lontano le crudeltà che i nazisti stanno facendo e ne rimane scioccato. Costretto infine non soltanto ad assistere impotente al massacro che si svolge sotto i suoi occhi, ma anche a subire l'arresto della sua attività, non potendo più utilizzare la manodopera che gli era stata concessa fino a quel momento.

Temendo per la fine dei propri affari e del proprio arricchimento, ma anche preoccupato per la sorte delle persone a cui ha cominciato ad affezionarsi, l'imprenditore modifica la produzione della fabbrica, convertendola da civile a militare, iniziando a produrre armamenti quali munizioni e granate, traendo beneficio dalla benevolenza, ben ricambiata, del comandante del campo e continuando in questo modo ad avere il sostegno delle SS e la loro protezione, ed allo stesso tempo reclutando ulteriore personale ebraico, tra i quali i figli degli internati, per preservarli dalle deportazioni.

La residenza di Amon Göth, sovrastante il campo di concentramento di Plaszów

Con l'approssimarsi delle truppe sovietiche, tuttavia, il comandante Göth riceve l'ordine da Berlino di riesumare e incenerire i resti degli ebrei assassinati nel ghetto, di smantellare il campo di Plaszów e di trasferire gli ebrei sopravvissuti nel campo di concentramento di Auschwitz, allo scopo di occultare le prove dello sterminio di massa. Schindler, raggiunto dalla moglie dopo un periodo di libertinismo, sembrerebbe intenzionato a smantellare la sua attività e a fare ritorno in Cecoslovacchia, suo paese natale, ma la sua coscienza gli suggerisce di "comprare" i suoi lavoratori, pagandoli uno ad uno a Göth, compilando insieme a Stern una lista di coloro che saranno salvati, per trasferirli nella zona di Zwittau-Brinnlitz, in Moravia, al riparo dal sicuro destino del cosiddetto "trattamento speciale", ossia la soluzione finale, e solo allora il contabile prende totalmente coscienza di ciò che l'imprenditore sta realizzando.

Tutto sembra procedere bene, ma un errore burocratico modifica la direzione del treno su cui viaggiano le donne e i bambini: invece di seguire il treno precedente su cui viaggiavano gli uomini, arriva ad Auschwitz. Informato della notizia Schindler accorre e, grazie a un'ulteriore corruzione, realizzata con la consegna di alcuni diamanti, al comandante del campo Rudolf Höss, riesce ad ottenere la loro liberazione ed il loro trasporto a Zwittau-Brinnlitz, dove alle SS assegnate alla fabbrica viene fatto divieto di uccidere o di maltrattare i lavoratori. Riavviata la produzione, Schindler, pensando ingenuamente di accorciare la guerra, inizia a produrre proiettili non funzionanti, arrivando a comprare armamenti da altre industrie per rivenderli come suoi, finché il denaro finisce.

Terminata la guerra in Europa con la resa della Germania, Schindler, ancora ufficialmente membro del Partito Nazista, deve allontanarsi precipitosamente al fine di evitare la cattura da parte dei soldati sovietici, non prima però di avere evitato l'ultimo inutile massacro da parte delle guardie tedesche, convinte, a dispetto degli ordini ricevuti, a fare ritorno a casa senza macchiarsi di una inutile strage. Al momento del commiato, gli operai gli consegnano una lettera da esibire nel caso venisse catturato, con tutte le loro firme (più di 1000) in cui spiegano che egli non è un criminale nazista ma che è stato l'autore della loro salvezza, ed oltre alla lettera, gli donano un anello in oro forgiato di nascosto, su cui è incisa una citazione del Talmud, "Chi salva una vita salva il mondo intero".

Prima di allontanarsi dalla sua fabbrica, Schindler si mostra per la prima volta fortemente turbato per quanto accaduto: di fronte ai suoi ex operai confida a Stern di aver sperperato un sacco di denaro che avrebbe invece potuto utilizzare per "comprare" dalla morte altre persone e ritiene di non aver fatto abbastanza. Il contabile però lo consola, ricordandogli che grazie a lui non andranno perse centinaia di generazioni di ebrei, affermando invece che si è spinto più in là di quanto un uomo, da solo, sarebbe stato in grado di fare in una situazione così orribile.

Dopo che l'imprenditore è partito insieme alla moglie, il gruppo di ebrei composto da più di mille persone passa la notte all'interno dei cancelli della fabbrica e, al mattino seguente, viene annunciata loro, da parte di un soldato sovietico a cavallo, la liberazione: alla domanda di Stern se siano rimasti ebrei in Polonia, il soldato tace mestamente e li informa che essi sono sgraditi sia a est che a ovest, e li consiglia di fermarsi nella città più vicina.

Le ultime immagini del film, a colori e girate nel 1993, mostrano gli anziani ebrei ancora in vita, accompagnati dagli attori che li hanno interpretati, porre delle pietre, secondo l'usanza ebraica, sulla tomba di Oskar Schindler.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Steven Spielberg doveva solo essere il produttore del film. Furono inizialmente proposti i registi Martin Scorsese e Billy Wilder. In una intervista del 2002[4], il regista Roman Polanski, ex deportato polacco, affermò di esser stato chiamato per la regia di questo film, ma di aver rifiutato per un coinvolgimento "troppo personale", affermando di aver scelto poi di dirigere una trama più "leggera" ne Il pianista (2002).

Inizialmente la parte di Schindler fu proposta agli attori Stellan Skarsgård, Harrison Ford e Bruno Ganz, ma questi ultimi rifiutarono.[5] Anche Mel Gibson e Kevin Costner manifestarono l'intenzione di fare parte del progetto, ma vennero scartati perché Spielberg voleva evitare la presenza di nomi troppo noti per far concentrare lo spettatore sul film.[5] Per la parte del comandante Amon Goth, fu considerato l'attore Tim Roth, che rifiutò. Spielberg scelse quindi l'attore Ralph Fiennes, allora poco conosciuto, il quale ingrassò di tredici chili per la parte.[5] Circa 2/5 del film sono stati girati con una telecamera palmare.[5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film furono eseguite interamente a Cracovia e dintorni, nonostante girino alcune notizie infondate su luoghi di ripresa a Leopoli, in Ucraina. Inoltre, inizialmente si vollero girare le scene al Campo di concentramento di Auschwitz. Tuttavia pare che, appena iniziate le riprese sul vero luogo di Auschwitz, si ruppe una cinepresa, e questo fu interpretato da Spielberg come un "segno". Inoltre, la comunità ebraica si oppose nel continuare ad usare indiscriminatamente Auschwitz come un set per i film sull'Olocausto. Fu infine scelto il campo di concentramento di Kraków-Plaszów, sebbene sia stato ricostruito su un finto set cinematografico, utilizzando le piantine originali del campo dell'epoca. Le riprese, completate in 72 giorni (4 giorni prima del previsto),[5] del film durarono dal 1º marzo al 23 maggio 1993.

Girare Schindler's List fu profondamente difficile per Spielberg, in quanto il soggetto trattato lo costrinse a confrontarsi con elementi traumatici della sua infanzia, come l'antisemitismo del quale era stato vittima. Il regista si sorprese di non aver pianto visitando Auschwitz; sentendosi invece pieno di sdegno ed oltraggio. Fu uno dei molti membri della troupe che non vollero assistere alle riprese della scena dove gli ebrei anziani vengono costretti a correre nudi durante la selezione da parte dei medici nazisti ad Auschwitz.[6] Spielberg commentò di sentirsi sul set più come un reporter che come un regista – che assiste agli avvenimenti piuttosto che mettere in atto una scena predeterminata da un copione.[7] Svariate attrici ebbero una crisi nervosa durante la scena nelle docce, inclusa una che era nata in un campo di concentramento. Spielberg, la moglie Kate Capshaw, e i loro cinque figli affittarono una casa nella periferia di Cracovia per tutta la durata della lavorazione del film.[8]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Influenzato dal documentario del 1985 Shoah, Spielberg decise di non pianificare il film con l'ausilio di storyboard, e di girarlo con uno stile documentaristico. Il 40% del film venne girato con la camera a mano, e il budget modesto significò una lavorazione veloce che occupò non più di 72 giorni.[9] Spielberg sentiva che questo tipo di lavorazione avrebbe dato al film spontaneità.[10] Le riprese furono effettuate senza utilizzare Steadicam, zoom, o altri artifici tecnici che avrebbero potuto "spettacolarizzare" la vicenda.

La decisione di girare la pellicola principalmente in bianco e nero contribuì allo stile documentaristico dell'opera, che il direttore della fotografia Janusz Kamiński paragonò all'Espressionismo tedesco e al neorealismo italiano.[11] Kamiński disse che voleva dare al film un'impronta senza tempo, così il pubblico non avrebbe potuto capire quando il film era stato girato.[12] Il dirigente della Universal Tom Pollock chiese a Spielberg di girare il film a colori, ma il regista rifiutò categoricamente.[13]

Tematiche e simbolismo[modifica | modifica wikitesto]

Il bianco e nero[modifica | modifica wikitesto]

Il film affronta la tematica universale del bene contro il male, ricorrendo a un protagonista visto come un "tedesco buono", in contrapposizione alla figura del malvagio e psicopatico Göth; Schindler evolve gradualmente da sostenitore del partito Nazista ad eroe salvatore di vite umane.[14] Viene così introdotto un secondo tema inerente la redenzione, in quanto Schindler, uno spregiudicato affarista ai margini della rispettabilità, diventa una figura paterna responsabile del salvataggio di più di mille persone.[15][16] Per Spielberg, la rappresentazione della realtà in bianco e nero rappresenta l'Olocausto stesso: «L'Olocausto fu vita senza luce. Per me il simbolo della vita è il colore. Per questo un film che parla dell'Olocausto deve essere in bianco e nero».[17]

La bambina in rosso[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il film sia prevalentemente in bianco e nero, un cappottino rosso è utilizzato per distinguere dalla massa una bambina durante la scena della liquidazione del ghetto di Cracovia. Più avanti nel film, Schindler vede il cadavere della stessa bambina, riconoscibile solo dallo stesso cappotto che indossa. Spielberg riferì che la trovata era da intendersi come simbolo di quanti erano consapevoli ai più alti livelli del governo statunitense, del massacro degli ebrei in atto in Europa ma che non fecero nulla per impedirlo. A tal proposito Spielberg dichiarò: «Era evidente come una bambina con un cappotto rosso che cammina per la strada, ma nessuno pensò di bombardare le linee ferroviarie tedesche. Nulla fu fatto per fermare... l'annientamento degli ebrei europei. Quindi questo è il mio messaggio nel lasciare quel particolare del film a colori».[18] Il professor André H. Caron della Università di Montréal si chiese se il rosso potesse simbolizzare "l'innocenza, la speranza, o il sangue degli ebrei sacrificati nell'orrore dell'Olocausto".[19] Infine, il dettaglio a colori della bambina che corre con il cappotto rosso è, probabilmente, un omaggio a Akira Kurosawa che aveva già usato questo espediente in Anatomia di un rapimento (天国と地獄 Tengoku to jigoku?) del 1963.

La bambina venne interpretata sullo schermo da Oliwia Dąbrowska, tre anni d'età all'epoca delle riprese. Spielberg le chiese di non vedere il film fino a quando non avesse compiuto diciotto anni, ma lei lo vide a undici anni e ne rimase "terrorizzata".[20] Rivedendo poi la pellicola da adulta, si disse orgogliosa del ruolo da lei interpretato.[21]

Candele[modifica | modifica wikitesto]

La scena d'apertura del film mostra una famiglia ebrea durante la celebrazione dello Shabbat. Spielberg disse che "iniziare il film con l'accensione delle candele... con la celebrazione di un normale Shabbat era come rappresentare la quiete prima della tempesta che travolse gli ebrei".[22] Quando il colore sfuma nei momenti iniziali del film, lascia il posto a un mondo dove il fumo simbolizza i corpi bruciati ad Auschwitz. Solo alla fine, quando Schindler permette ai suoi operai di effettuare i preparativi per lo Shabbat, l'immagine della candela torna ad ardere infondendo calore. Per il regista, esse rappresentano "un bagliore di speranza".[23]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Il compositore John Williams
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Schindler's List (colonna sonora).

La colonna sonora del film ha vinto un Oscar, un BAFTA e un BMI Film Music Award; il film ha vinto un Grammy Award per la migliore composizione strumentale per musica per film. Nel trailer promozionale che circolava in Italia le musiche non erano le originali di John Williams ma del compositore Polacco Wojciech Kilar e precisamente parte della composizione Exodus.[senza fonte]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì negli USA il 15 novembre 1993. In Italia la pellicola uscì nell'aprile 1994.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget stimato attorno ai 22.000.000 $, la pellicola è riuscita ad incassarne negli U.S.A. circa 96.065.768 $, mentre globalmente 321.300.000 $, risultando così il 9° maggior incasso USA e il 4° maggior incasso globale dell'anno 1993, mentre in Europa ha riscosso un incasso di ben 143.000.000 €.[24] Il regista Spielberg però dichiarò di aver rifiutato, per rispetto, il suo compenso personale.[senza fonte]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato acclamato da critica e pubblico, ricevendo diversi premi e nomination[25] ed alte votazioni sui principali siti di recensioni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante il rastrellamento del ghetto di Cracovia col sottofondo di una musica al pianoforte, un soldato nazista chiede al suo commilitone Was ist das? Ist Bach? Bach? e gli viene risposto Nein, Mozart; in realtà viene davvero suonato Bach, per la precisione Auftakt der Englischen Suite Nr. 2 BWV 807[31]
  • In omaggio alla nota storia della deportata Anna Frank, nel film si intravede una foto della suddetta, in cima al mucchio di foto di ebrei, nella scena della stazione dove Schindler cerca Stern durante la partenza del treno
  • La tag-line del film Colui che salva una sola vita salva il mondo intero è una frase del Talmud babilonese, esattamente citata nel trattato Sanhedrin, 37a; uno dei primi editori ebrei del Talmud, Soncino (IV secolo), tradusse:

« For this reason was man created alone, to teach thee that whosoever destroys a single soul of Israel, Scripture imputes [guilt] to him as though he had destroyed a complete world; and whosoever preserves a single soul of Israel, Scripture ascribes [merit] to him as though he had preserved a complete world »

(Traduzione inglese del Soncino)

« Per questa ragione l'uomo fu creato solo, per insegnarti che chiunque distrugge una singola anima di Israele, la Scrittura gli imputa [la colpa] come se avesse distrutto un mondo intero; e chiunque preserva una singola anima di Israele, la Scrittura gli scrive [il merito] come se avesse preservato un mondo intero »

(Traduzione italiana)
  • Il riferimento all'"anima di Israele" (assente in alcuni manoscritti, che riportano semplicemente "l'anima di un uomo") va compresa nel contesto come una discussione sulla liceità di un tribunale in terra di Israele di giudicare israeliti e non come una limitazione alla portata etica di questo motto. Inoltre, la mishnah relativa a questa frase fu discussa anche per la liceità nel contesto della più ampia legge capitale ebraica, riportata soprattutto nel Levitico e alla fine dell'Esodo
  • Il titolo originale del film ha un curioso doppio significato bilinguistico: in inglese infatti "Schindler's list" significa "La lista di Schindler", mentre in lingua yiddish (la lingua ebraica parlata dalle comunità ebraiche dell'est Europa) i termini "Schindler's list" si traducono in "Il trucco di Schindler". La lingua tedesca, notoriamente simile allo yiddish, conferma questa interpretazione: "Liste" sta per "lista", "elenco", mentre "List" per "astuzia", "furbizia", da cui l'aggettivo "listig": "scaltro", "astuto". La traduzione Il trucco di Schlinder,[5] oltre che dal tedesco listig, potrebbe derivare anche dalla parola russa lisà (volpe), da cui l'aggettivo lìsjy (volpino, furbo) e per derivazione semantica aver dato vita alla parola trucco: lo yiddish, oltre a parole di origine tedesca, ha molte parole di origine slava, essendosi particolarmente sviluppato in Polonia e in Russia
  • Il vero Oskar Schindler morì per morte naturale a Hildesheim, un piccolo paese della Germania, nel 1974: per suo preciso volere, la sua salma fu subito traslata, e riposa tutt'oggi laddove vengono girate le ultime scene del film, cioè nel piccolo cimitero francescano cattolico vicino al sito della Dormizione di Maria sul monte Sion, nella parte vecchia di Gerusalemme.[5]
  • La persona che depone il fiore rosso sulla lapide della vera tomba di Oskar Schindler a Gerusalemme, nell'ultima scena, è lo stesso Liam Neeson.[5]
  • Spielberg si intravede in un suo breve cameo, in mezzo agli ebrei che attraversano i campi alla fine del film[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies, American Film Institute. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  2. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies - 10th Anniversary Edition, American Film Institute. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  3. ^ (EN) Sheryl Cannady, Librarian of Congress Adds 25 Films to National Film Registry, Library of Congress, 28 dicembre 2004. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  4. ^ Szpilman Wladyslawm Il pianista, szpilman.net. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  5. ^ a b c d e f g h i La giornata della memoria: 40 curiosità su Schindler's List, cineblog.it, 27 gennaio 2012. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  6. ^ McBride, 1997, pag. 433
  7. ^ McBride, 1997, pag. 431
  8. ^ Palowski, 1998, pag. 44
  9. ^ McBride, Joseph. Steven Spielberg: A Biography. 1997, New York, Simon & Schuster, pp 431–432, 434, ISBN 0-684-81167-7
  10. ^ McBride, 1997, pag. 432
  11. ^ McBride, 1997, pag. 432
  12. ^ McBride, 1997, pag. 431
  13. ^ McBride, 1997, pag. 432
  14. ^ McBride, 1997, pag. 428
  15. ^ Loshitsky, 1997, pag. 43
  16. ^ McBride, 1997, pag. 436
  17. ^ Palowski, 1998, pag. 112
  18. ^ Schickel, 2012, pp=161–162
  19. ^ Caron, 2003
  20. ^ Gilman, 2013
  21. ^ Gilman, 2013
  22. ^ Thompson, 1994
  23. ^ Thompson, 1994
  24. ^ (EN) Schindler's List, boxofficemojo.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  25. ^ (EN) Awards for Schindler's List, imdb.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  26. ^ (EN) Schindler's List, rottentomatoes.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  27. ^ (EN) Schindler's List, metacritic.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  28. ^ (EN) Schindler's List, imdb.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  29. ^ Schindler's List, comingsoon.it. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  30. ^ Schindler's List, mymovies.it. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  31. ^ (EN) Schindler's List (1993), soundtrackinfo.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN177903653 · LCCN: (ENn95031476 · GND: (DE4361605-7 · BNF: (FRcb13320928c (data)