Ragioneria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La ragioneria è una disciplina che si occupa della rilevazione dei fenomeni aziendali e della loro traduzione in scritture contabili, allo scopo di fornire alle direzioni delle aziende o ad altri soggetti interessati le informazioni necessarie per esercitare le funzioni di controllo e di decisione. Il responsabile di tale attività è detto comunemente ragioniere.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La ragioneria è disciplina di semiotica scritturale aziendale (tripartizione in semantica, sintattica e pragmatica). Attraverso la "semantica" avviene la significazione di risorse e attività economiche tramite i linguaggi (contabili, letterali, grafici o a macchina). Successivamente tramite la "sintattica" si provvede alla loro rappresentazione tramite le rilevazioni propriamente dette (bilanci semplici, complessi o ultracomplessi). Infine la pragmatica polarizza i fini della ragioneria entro le relazioni tra soggetti fruitori delle suddette rilevazioni e le informazioni che ne derivano. Si tratta quindi della pratica dell'economia d'azienda e, riguardando l'intera attività di questa, ne analizza tutti gli aspetti operativi, comprese le materie inerenti al fisco ed alla finanza.

La contabilità è un ramo della ragioneria e storicamente ha coinvolto processi dai quali si possono registrare, classificare, ricapitolare, interpretare e comunicare informazioni finanziarie riguardo al commercio; per le aziende pubbliche, generalmente queste informazioni sono pubblicamente accessibili. Per contrastare la contabilità d'amministrazione le informazioni sono usate all'interno di una organizzazione che solitamente è accessibile a un gruppo ristretto di persone, gli amministratori. La contabilità d'imposta è la contabilità della quale si ha bisogno per aderire alle regolazioni giurisdizionali d'imposta.

La rilevazione degli accadimenti aziendali viene normalmente effettuata col metodo della partita doppia che rileva l'evento che dà origine alla registrazione sotto i due aspetti economico e patrimoniale. La naturale evoluzione della partita doppia consentita dallo sviluppo delle tecnologie informatiche è la partita doppia finanziaria che consente di rilevare anche la componente finanziaria delle rilevazioni contabili.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Amaduzzi, Percorsi di ricerca tra Storia della Ragioneria, aziende e contabilità, dottrine e professioni, Giuffrè, Milano 2004
  • Coronella Stefano, Compendio di storia della ragioneria, Rirea, Roma, 2010.
  • Coronella Stefano, Agli albori delle ricerche di storia della ragioneria in Italia. Il contributo degli studiosi del XIX secolo, Quaderno Monografico Rirea n. 75, Rirea, Roma, 2009.
  • Coronella Stefano “La ragioneria in Italia nella seconda metà del XIX secolo. Profili teorici e proposte applicative, Giuffrè, Milano, 2007.
  • Pezzoli, Profili di Storia della Ragioneria, Cedam, Padova, 1986
  • Siboni Benedetta, Introduzione allo studio della ragioneria. Attraverso il pensiero e le opere dei suoi maestri, FrancoAngeli, Milano, 2006, ISBN 88-464-7325-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ragioneria, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.