Pietravairano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietravairano
comune
Pietravairano – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Caserta-Stemma.png Caserta
Sindaco Francesco Zarone (lista civica La svolta) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 41°20′00″N 14°10′00″E / 41.333333°N 14.166667°E41.333333; 14.166667 (Pietravairano)Coordinate: 41°20′00″N 14°10′00″E / 41.333333°N 14.166667°E41.333333; 14.166667 (Pietravairano)
Altitudine 250 m s.l.m.
Superficie 33,23 km²
Abitanti 3 090[1] (31-12-2010)
Densità 92,99 ab./km²
Frazioni San Felice
Comuni confinanti Baia e Latina, Pietramelara, Raviscanina, Riardo, Roccaromana, Sant'Angelo d'Alife, Vairano Patenora
Altre informazioni
Cod. postale 81050
Prefisso 0823
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 061059
Cod. catastale G630
Targa CE
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti pietravairanesi
Patrono sant'Eraclio
Giorno festivo 1º settembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pietravairano
Posizione del comune di Pietravairano nella provincia di Caserta
Posizione del comune di Pietravairano nella provincia di Caserta
Sito istituzionale

Pietravairano è un comune italiano di 3.107 abitanti della provincia di Caserta in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Centro agricolo del subappennino campano, alle falde orientali del monte Caievola (588 metri). È posto su uno sprone volto a sudest, ed ha una struttura a gradinata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Menzionato in un documento del 1070,conservato nell'archivio dei Benedettini di Montecassino, come Castrum Petrae, il toponimo è anche citato in Catalogus Baronum (1150-1168) di epoca normanna che lo attribuisce come feudo ad un personaggio della famiglia de Petra, che proprio da quel feudo prende il suo nome, Alexander de Petra, definito signore del castello di Petra; in seguito altri personaggi della famiglia, citati nei registri angioini, vengono definiti signori di Petra: Giovanni de Petra (1272), suo figlio Roberto(1276), Seneballo de Petra (1289), Nicola III de Petra(1415). Successivamente fu feudo dei de Roccaromana, dei Marzano, dei Cicinello, dei Como, dei Montaquila e, alla fine del secolo XVI, passò stabilmente alla famiglia Grimaldi, che lo mantenne fino all'eversione della feudalità.

Persone legate a Pietravairano[modifica | modifica sorgente]

  • Tommaso Scorpio, parroco, professore, autore di commedie e di una grammatica latina

Cenni artistici[modifica | modifica sorgente]

L'antico nucleo del paese presenta alcune caratteristiche delle sue origini medievali; nella parte apicale è un torrione tronco-conico angioino. Di particolare interesse è il Santuario di Santa Maria della Vigna, a nord dell'abitato, ricostruito nel secolo XVII, che conserva nella sua cripta originaria interessantissimi affreschi tardogotici.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'agricoltura produce cereali, olive, uva e frutta. Vi sono allevamenti di bestiame ovino e bovino con raccolta di carne e latte.

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

-Associazione socio-culturale "Pietre Vive"

-Associazione onlus "Il pozzo di San Lorenzo"

-Associazione socio-culturale "S. Maria della Vigna"

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Campania Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Campania