Pandemia di COVID-19 del 2020 in Senegal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 del 2020 in Senegal
epidemia
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaSenegal Senegal
Periodo2 marzo -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi3 836[2] (2 giugno 2020)
Numero di guariti1 954 (2 giugno 2020)
Numero di morti42 (2 giugno 2020)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Senegal è stato confermato il 2 marzo 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[3][4]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[5] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[6]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Il governo del Senegal ha confermato il primo caso di COVID-19 nel paese il 2 marzo 2020; la persona contagiata era un cinquantaquattrenne francese residente in Senegal di ritorno da un viaggio in Francia. L'uomo viveva in particolare nell'Almadies Arrondissement di Dakar e la sua positività era stata riscontrata nella sede dell'Istituto Pasteur di Dakar, dove l'uomo si era recato il 27 febbraio dopo essersi sentito male e dopo essere tornato, il giorno prima, dalla Francia.,[7] Il Senegal è diventato così il secondo paese subsahariano a dichiarare la presenza sul suo suolo del COVID-19 dopo la Nigeria.[7] Il secondo caso è stato confermato il giorno dopo, e anche in questo caso si trattava di un cittadino francese residente a Dakar di ritorno da un viaggio in Francia,[8] e così pure il terzo caso, che era la moglie del primo contagiato, mentre la quarta persona ad essere stata trova infetta era una cittadina inglese che era arrivato in Senegal da Londra il 24 febbraio.[9] La prima persona di nazionalità senegalese ad ammalarsi è stato un uomo di ritorno dall'Italia, che è diventato così, il 10 marzo, il quinto caso in tutto il Paese.[10]

I casi si sono poi via via susseguiti, trattandosi sia di persone che erano state a contatto con i contagiati nel paese, sia di persone di ritorno da altri paesi,[11] e il mese di marzo si è chiuso con 175 casi confermati e con una sola vittima, morta proprio l'ultimo giorno del mese; si trattava di Mababa Pape Diouf, noto semplicemente come Pape Diouf, noto giornalista e procuratore sportivo, che era stato anche presidente dell'Olympique de Marseille dal 2005 al 2009.[12]

Nel mese di aprile i contagi sono proseguito ma ad un ritmo pari a quello di Marzo, superando i 200 casi già il terzo giorno del mese e i 1 000 casi alla fine del mese, il ritmo delle guarigioni, invece, è incrementato.

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 in Senegal  V · D · M )
      Morti         Guarigioni         Casi attivi

Mar Mar Apr Apr Mag Mag Giu Giu Ultimi 15 giorni Ultimi 15 giorni

Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero in %)
02-03-2020
1(n.a.)
1(=)
04-03-2020
4(+300%)
4(=)
10-03-2020
5(+25%)
5(=)
12-03-2020
10(+100%)
10(=)
15-03-2020
24(+140%)
24(=)
19-03-2020
36(+50%)
20-03-2020
47(+31%)
21-03-2020
56(+19%)
22-03-2020
67(+20%)
23-03-2020
79(+18%)
24-03-2020
86(+8,9%)
25-03-2020
99(+15%)
26-03-2020
105(+6,1%)
27-03-2020
119(+13%)
28-03-2020
130(+9,2%)
29-03-2020
142(+9,2%)
30-03-2020
162(+14%)
31-03-2020
175(+8%)
175(=)
02-04-2020
195(+11%) 1(n.a.)
03-04-2020
207(+6,2%) 1(=)
04-04-2020
219(+5,8%) 2(+100%)
219(=) 2(=)
06-04-2020
226(+3,2%) 2(=)
07-04-2020
237(+4,9%) 2(=)
08-04-2020
244(+3%) 2(=)
09-04-2020
250(+2,5%) 2(=)
10-04-2020
265(+6%) 2(=)
11-04-2020
278(+4,9%) 2(=)
12-04-2020
280(+0,72%) 2(=)
13-04-2020
291(+3,9%) 2(=)
14-04-2020
299(+2,7%) 2(=)
15-04-2020
314(+5%) 2(=)
16-04-2020
335(+6,7%) 2(=)
17-04-2020
342(+2,1%) 2(=)
18-04-2020
350(+2,3%) 3(+50%)
19-04-2020
367(+4,9%) 3(=)
20-04-2020
377(+2,7%) 5(+67%)
21-04-2020
412(+9,3%) 5(=)
22-04-2020
442(+7,3%) 6(+20%)
23-04-2020
479(+8,4%) 6(=)
24-04-2020
545(+14%) 7(+17%)
25-04-2020
614(+13%) 7(=)
26-04-2020
671(+9,3%) 9(+29%)
27-04-2020
736(+9,7%) 9(=)
28-04-2020
823(+12%) 9(=)
29-04-2020
882(+7,2%) 9(=)
30-04-2020
933(+5,8%) 9(=)
01-05-2020
1.024(+9,8%) 9(=)
02-05-2020
1.115(+8,9%) 9(=)
03-05-2020
1.182(+6%) 9(=)
04-05-2020
1.271(+7,5%) 10(+11%)
05-05-2020
1.329(+4,6%) 11(+10%)
06-05-2020
1.433(+7,8%) 12(+9,1%)
07-05-2020
1.492(+4,1%) 13(+8,3%)
08-05-2020
1.551(+4%) 13(=)
09-05-2020
1.634(+5,4%) 17(+31%)
10-05-2020
1.709(+4,6%) 19(+12%)
11-05-2020
1.886(+10%) 19(=)
12-05-2020
1.995(+5,8%) 19(=)
13-05-2020
2.105(+5,5%) 21(+11%)
14-05-2020
2.189(+4%) 23(+9,5%)
15-05-2020
2.310(+5,5%) 25(+8,7%)
16-05-2020
2.429(+5,2%) 25(=)
17-05-2020
2.480(+2,1%) 25(=)
18-05-2020
2.544(+2,6%) 26(+4%)
19-05-2020
2.617(+2,9%) 30(+15%)
20-05-2020
2.714(+3,7%) 30(=)
21-05-2020
2.812(+3,6%) 33(+10%)
22-05-2020
2.909(+3,4%) 33(=)
23-05-2020
2.976(+2,3%) 34(+3%)
24-05-2020
3.047(+2,4%) 35(+2,9%)
25-05-2020
3.130(+2,7%) 35(=)
26-05-2020
3.161(+0,99%) 36(+2,9%)
27-05-2020
3.253(+2,9%) 38(+5,6%)
28-05-2020
3.348(+2,9%) 39(+2,6%)
29-05-2020
3.429(+2,4%) 41(+5,1%)
30-05-2020
3.535(+3,1%) 42(+2,4%)
31-05-2020
3.645(+3,1%) 42(=)
01-06-2020
3.739(+2,6%) 42(=)
02-06-2020
3.836(+2,6%) 43(+2,4%)
03-06-2020
3.932(+2,5%) 45(+4,7%)
04-06-2020
4.021(+2,3%) 45(=)
05-06-2020
4.155(+3,3%) 45(=)
06-06-2020
4.249(+2,3%) 47(+4,4%)
07-06-2020
4.328(+1,9%) 49(+4,3%)
08-06-2020
4.427(+2,3%) 49(=)
09-06-2020
4.516(+2%) 52(+6,1%)
10-06-2020
4.640(+2,7%) 52(=)
11-06-2020
4.759(+2,6%) 55(+5,8%)
12-06-2020
4.851(+1,9%) 56(+1,8%)
13-06-2020
4.996(+3%) 60(+7,1%)
14-06-2020
5.090(+1,9%) 60(=)
15-06-2020
5.173(+1,6%) 64(+6,7%)
16-06-2020
5.247(+1,4%) 70(+9,4%)
17-06-2020
5.369(+2,3%) 73(+4,3%)
18-06-2020
5.475(+2%) 76(+4,1%)
19-06-2020
5.639(+3%) 79(+3,9%)
20-06-2020
5.783(+2,6%) 82(+3,8%)
21-06-2020
5.888(+1,8%) 84(+2,4%)
22-06-2020
5.970(+1,4%) 86(+2,4%)
23-06-2020
6.034(+1,1%) 89(+3,5%)
24-06-2020
6.129(+1,6%) 93(+4,5%)
25-06-2020
6.233(+1,7%) 94(+1,1%)
26-06-2020
6.354(+1,9%) 98(+4,3%)
Fonti:


Risposta del governo[modifica | modifica wikitesto]

Pochi giorno dopo la conferma del primo caso in Senegal, la Basketball Africa League ha annunciato di aver posticipato l'inizio della sua stagione inaugurale, che avrebbe dovuto tenersi proprio a Dakar.[13] Ciò ha fatto sì che nel paese crescesse la paura che presto il governo avrebbe sospeso anche tutti gli eventi religiosi e i pellegrinaggi associati ad essi, specialmente quelli legati al Grand Magal, una festività della confraternita islamica Muridiyya che si svolge nella città di Touba, e che nel 2020 dovrebbe avere luogo il 5 ottobre.[14] Per calmare un po' gli animi, il 10 marzo il ministro della salute, Abdoulaye Diouf Sarr, ha comunicato alla stampa locale che il governo avrebbe sospeso ogni manifestazione religiosa solo se strettamente necessario, ma il 14 marzo, con il numero di contagiati arrivato a 24, il presidente Macky Sall ha annunciato la chiusura di tutte le scuole, la sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche (anche se gli eventi calcistici, pur senza pubblico, continueranno fino al 9 aprile), la chiusura dei porti a tutte le navi da crociera e la cancellazione delle celebrazioni previste per il 4 aprile 2020 in onore dei 60 anni di indipendenza del Paese.[15] L'annuncio trovò solamente poche proteste da parte dell'opinione pubblica poiché tra i cinque nuovi casi che erano stati annunciati il 12 marzo, uno era stato riscontrato a Touba, una città considerata sacra, dove molte persone erano state convinte dai religiosi del luogo di essere immuni al COVID-19 proprio perché lì residenti.[16][17]

Il 19 marzo, il governo senegalese ha annunciato l'istituzione di un fondo di solidarietà contro gli effetti del COVID-19 (Fonds de riposte et de solidarité contre les effets du Covid-19, Force-Covid-19) con una dotazione di vari miliardi di franchi CFA, per mitigare gli effetti dovuti alla pandemia sull'economia nazionale e, quattro giorni dopo, Macky Sall ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale, con il coprifuoco dalla 20:00 alle 6:00, su tutto il territorio del Senegal fino al 4 aprile, per poi posticipare la fine dello stato di emergenza al 4 maggio.[18]

Il 7 aprile, con il ritmo dei casi che non accennava ancora a rallentare, il ministro della sanità e dell'azione sociale ha annunciato che la gestione dei casi di COVID-19 sarebbe stata lasciata ai governatori delle regioni.

L'8 aprile, riprendendo un appello che aveva già lanciato il 25 marzo, il presidente Sall ha chiesto l'approntamento di una strategia di cancellazione del debito dei paesi africani accompagnato da un piano di riprogrammazione del debito commerciale, per far sì che i paesi possano riprendersi dalla crisi economica derivata dalla crisi sanitaria.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ CORONAVIRUS : COMMUNIQUE DE PRESSE : Point de Situation sur le COVID-19, Ministero della sanità del Senegal. URL consultato il 21 aprile 2020.
  3. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  4. ^ Novel Coronavirus Information Center, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 30 gennaio 2020).
  5. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  6. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato il 10 aprile 2020.
  7. ^ a b Coronavirus, primo caso in Senegal: "Contagiato viene dalla Francia", Tgcom 24, 2 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  8. ^ Coronavirus, secondo caso in Senegal: positivo anziano francese, su Yahoo! News, 4 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  9. ^ Senegal confirms third and fourth coronavirus cases, Reuters, 4 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  10. ^ James Tasamba, Senegal confirms fifth case of COVID-19, AA. URL consultato il 16 aprile 2020.
  11. ^ Senegal announces 5 new coronavirus cases, su News24, 12 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  12. ^ Coronavirus, morto Pape Diouf: è stato presidente del Marsiglia, in Corriere dello Sport - Stadio, 31 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  13. ^ Basketball Africa League postpones start of inaugural season, NBA, 3 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  14. ^ Danielle Paquette e Borso Tall, Coronavirus fears rise in Senegal as thousands travel for religious festivals, The Washington Post, 6 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  15. ^ Matteo Fraschini Koffi, Coronavirus. Il contagio in Africa subsahariana: coinvolti già 17 Paesi, in Avvenire, 14 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  16. ^ Abdur Rahman Alfa Shaban, Coronavirus hits Senegal's holy city as cleric declares faithful are immune, su Africanews, 12 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  17. ^ Mogomot Si Magome, Several African nations roll out measures to fight virus, su Yahoo! News, Associated Press, 15 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  18. ^ Chiara Barison, Senegal: Lotta al Covid-19, una sfida tra prevenzione, comunicazione e interventi mirati, Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, 31 marzo 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.
  19. ^ Armand Djoualeu, L’Africa spinge per la cancellazione del debito, Città Nuova, 14 aprile 2020. URL consultato il 16 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]