Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Godzilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Godzilla" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Godzilla (disambigua).
Godzilla
Gojira 1954 Japanese poster.jpg
Godzilla in un poster giapponese dell'omonimo film del 1954
Universo Godzilla
Nome orig. godzilla. (ゴジラ, Gojira)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego
  • Mostro Zero-1[1]
  • Predatore alfa[2]
Soprannome Re Dei Mostri
Editore Toho
1ª app. 3 novembre 1954
1ª app. in Godzilla (film 1954)
Editore it. RANK
app. it. 1954
app. it. in Godzilla (film 1954)
Interpretato da
Voce italiana Enzo Liberti (Godzilla contro i giganti)
Specie Dinosauro irradiato
Sesso Maschio
Luogo di nascita Oceano Pacifico
Data di nascita Era preistorica
Abilità
  • Controllo e manipolazione delle radiazioni atomiche
  • Raggio atomico
  • Ondata nucleare
  • Forza muscolare immensa
  • Anfibio
  • Scaglie di resistenza adamantina
  • Fattore rigenerante (potenziato dall'assorbimento di radiazioni)
  • Parziale invulnerabilità, esclusa elettricità artificiale
  • Magnetizzazione
  • Volo sfruttando il proprio raggio atomico come propulsore
  • Assorbimento dell'energia degli altri mostri
(EN)

« I thought of Godzilla as the embodiment of violence and hatred for mankind, because he was created by atomic energy. He carried this rage within him because of his origins. He's like a symbol of humanity's complicity in their own destruction. He doesn't have an emotion. He is an emotion. »

(IT)

« Immaginavo Godzilla come la personificazione della violenza e dell'odio per l'umanità, siccome fu creato dall'energia atomica. Portò in sé questa ira a causa delle sue origini. È come un simbolo della complicità umana nella sua propria distruzione. Non ha emozioni, lui è un'emozione. »

(Jun Fukuda[4])

Godzilla (AFI: /ɡoʣˈʣilla/[5]; in giapponese ゴジラ Gojira?, [ɡoꜜʥiɽa] Ascolta[?·info]) è un kaijū ("mostro misterioso") del cinema giapponese, protagonista di una lunga serie di film a partire da Godzilla (1954). La sua fama si è gradualmente espansa anche all'estero, tanto da divenire uno dei più famosi mostri del mondo e della storia del cinema di fantascienza e fantastico, apparendo in videogiochi, romanzi, fumetti, serie televisive, ventinove film prodotti dalla Toho e due film di Hollywood. Il personaggio viene spesso nominato "Il Re dei Mostri", un nomignolo coniato in Godzilla, King of the Monsters!, la versione americana del film del 1954.

Concepito quando il ricordo dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki e l'incidente del Daigo Fukuryu Maru era ancora vivido, Godzilla fu inteso come una metafora per le armi nucleari.[6] Più la serie progrediva, più certi film raffigurarono Godzilla come un eroe, mentre altri mantenevano la caratterizzazione originale di un mostro distruttivo. Con la fine della guerra fredda, vari film girati dopo 1984 cambiarono il simbolismo del personaggio da uno rappresentante le armi nucleari a uno che rappresenta la dimenticanza del Giappone verso il suo passato imperialista[7] e i disastri naturali.[8]

Nelle varie storie in cui è apparso, Godzilla è stato affiancato da un grande numero di personaggi secondari. Si è scontrato con avversari umani, come le Forze di autodifesa giapponesi, e altri mostri, da personaggi ricorrenti come King Ghidorah, Gigan e Mechagodzilla, a nemici apparsi solo una volta, come Biollante, Destoroyah e i MUTO. Godzilla si è anche unito ad alleati come Mothra, Rodan e Angilas (sebbene questi personaggi fossero prima i suoi rivali), e prole come Minira e Godzilla Junior. Godzilla si è anche battuto contro personaggi di altri media franchise come King Kong e i Fantastici Quattro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Teizô Toshimitsu scolpendo il design finale di Godzilla nel 1954

Creazione[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di Godzilla fu frutto dell'imaginazione del produttore di Toho Tomoyuki Tanaka che, nella primavera del 1954, si stava recando in aereo a Tokyo da Giacarta, dopo aver fallito nel tentativo di cominciare le riprese di un progetto cinematografico giapponese-indonesiano intitolato All'ombra dell'onore. Tanaka trascorse il volo cercando con ansia idee per un rimpiazzamento, siccome il budget per il film era già approntato. Gli venne l'ispirazione quando l'aereo passò sopra l'Atollo di Bikini, luogo in cui avvenne il test nucleare statunitense Castle Bravo.[9] Tanaka dichiarò decenni dopo che, sin dall'inizio, il tema del film sarebbe stato sulla natura che si vendica sull'umanità per aver creato la bomba atomica, siccome erano ancora vivide le memorie dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki e l'incidente del Daigo Fukuryu Maru, causato dallo stesso Castle Bravo, quest'ultimo avvenuto nel marzo di quell'anno. Tanaka affidò la sceneggiatura allo scrittore horror Shigeru Kayama e l'aspetto del mostro all'artista Kazuyoshi Abe. Entrambi questi collaboratori seguirono l'idea iniziale di Tanaka di raffigurare Godzilla come un incrocio tra un gorilla e una balena, mentre il direttore degli effetti speciali Eiji Tsuburaya propose di presentarlo come una piovra gigante. Traendo ispirazione da Il risveglio del dinosauro, Tanaka infine decise di trasformare Godzilla in una creatura dinosauresca, che lui riteneva "più adatto ai giorni d'oggi".[10]

Sotto la direzione di Tsuburaya, lo scultore Teizo Toshimitsu e l'artista Akira Watanabe scartarono gli abbozzi troppo antropomorfi di Abe, e disegnarono degli schizzi basati sui dinosauri raffigurati in un'edicola di Life. Decisero infine di combinare l'aspetto di un Iguanodon e un Tyrannosaurus, aggiungendo le spine di Stegosaurus per ulteriormente distinguerlo da qualsiasi altro animale estinto o vivente. Da questi disegni, Toshimitsu creò tre sculture in miniatura da presentare a Tsuburaya, Tanaka e il regista Ishiro Honda. La prima era dotata d'una pelle squamosa simile a quella d'un serpente, e enfatizzava i tratti del tirannosauro, avendo una testa grande. La seconda aveva una testa ridotta, gli arti inferiori più muscolosi, e una pelle brufolosa simile a quella d'un rospo. La terza, nominata "Godzilla alligatore", manteneva le proporzioni della seconda, ma al posto della pelle brufolosa presentava una consistenza irregolare simile alle cicatrici cheloide presenti sui superstiti di Hiroshima. Fu infine quest'ultima a essere approvata e usata nel film.[10][11]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono 29 film ufficiali appartenenti alla saga di Godzilla prodotti dalla giapponese Toho, suddivisi in quattro ere: Showa, Heisei, Millennium e Reboot. A essi si aggiungono il remake americano del 1998 ed un film, del 2014, prodotto dalla Legendary Pictures e Warner Bros.. A dicembre del 2014 la Toho ha confermato che produrrà un nuovo lungometraggio, uscito nel 2016, chiamato Shin Gojira in Giappone, mentre il titolo in lingua inglese e italiana del film, inizialmente annunciato come Godzilla Resurgence, è Shin Godzilla[12]. Nell'agosto del 2016 è stato inoltre annunciato un film animato su Godzilla. Esso sarà diretto da Kobun Shizuno e Hiroyuki Seshita, sceneggiato da Gen Urobuchi e prodotto dalla Toho e dalla Polygon Pictures. L'uscita è prevista per il 2017.

Era Shōwa (1954-1975)[modifica | modifica wikitesto]

Godzilla raffigurato ne Il trionfo di King Kong (1962)
« [Godzilla] era destinato agli adulti. Ma in seguito abbiamo scoperto che il pubblico di quelle pellicole era formato in prevalenza dai bambini delle scuole elementari, e allora ci siamo adeguati... i film della serie di Godzilla sono diventati effettivamente pellicole per i ragazzini. »
(Ishirō Honda[13])

La prima serie prende il nome dal Periodo Shōwa in Giappone, siccome tutti questi film furono prodotti prima della morte dell'imperatore Hirohito nel 1989. Il periodo Shōwa si estende dal 1954 con Godzilla fino al 1975 con Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!. Con l'eccezione di Godzilla, Il re dei mostri, Watang! Nel favoloso impero dei mostri e Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!, la maggior parte dei film di questo periodo sono relativamente mirati a un pubblico giovanile. Da Ghidorah! Il mostro a tre teste in poi, Godzilla cominciò a trasformarsi in un personaggio eroico, una transizione compiuta con la distribuzione de Il figlio di Godzilla. Ghidorah! Il mostro a tre teste fu anche importante per l'introduzione di King Ghidorah, l'arcinemico ricorrente di Godzilla. I film Il figlio di Godzilla e Gojira Minilla Gabara - All kaijū daishingeki erano mirati specificamente ai bambini, avendo come protagonista il cucciolo Minira. Godzilla contro i robot era notevole per il debutto di Mechagodzilla, un altro arcinemico e doppione robotico di Godzilla. La serie Shōwa s'intrecciava con un numero di film Toho di cui Godzilla non era protagonista. Di conseguenza, la serie introdusse molti personaggi secondari: tre di essi (Mothra, Rodan e Varan) erano apparsi prima nei loro propri film omonimi, mentre gli altri tre (Baragon, Manda e Gorosaurus) erano apparsi come personaggi secondari.

Dal 1954 fino al 1972, Godzilla fu interpretato da Haruo Nakajima. In sua assenza, il personaggio fu interpretato da altri attori come Katsumi Tezuka, Yū Sekida, Ryosaku Takasugi, Seiji Onaka, Shinji Takagi, Isao Zushi e Toru Kawai. Eiji Tsuburaya fu responsabile degli effetti speciali dei primi sei film, per poi essere rimpiazzato nei successivi tre dal suo allievo Sadamasa Arikawa. Gli effetti degli ultimi sei film della serie furono gestiti da Teruyoshi Nakano.

Era Heisei (1984-1995)[modifica | modifica wikitesto]

Testa di uno dei costumi usati durante l'era Heisei, in cui il personaggio ebbe il suo aspetto fisico più costante[14]
« Siamo tornati al tema delle armi nucleari, siccome fosse il tema del film originale. Il Giappone ha ora imparato ben tre volte cosa sia un disastro nucleare, ma all'epoca ne aveva già avuti due. Il problema fu che la società giapponese stava gradualmente dimenticando di questi disastri. Stavano dimenticando quanto erano dolorosi. Tutti i giapponesi sapevano quanto erano terrificanti le armi nucleari quando fu girato il primo film, ma non fu così negli anni ottanta. Così, durante le riunioni, avevamo deciso di rammentarlo a tutta la gente che si era dimenticata. »
(Teruyoshi Nakano[15])

Dopo il disastro finanziario di Distruggete Kong! La Terra è in pericolo! e un intervallo di nove anni, Toho girò Il ritorno di Godzilla nel 1984, cominciando la cosiddetta serie "Heisei". Il film serve come sequel diretto del film originale del 1954, ed ignora gli altri eventi dell'era Shōwa. Pur essendo stato distribuito nel 1984, cinque anni prima della morte di Hirohito e la conclusione del periodo Shōwa, viene in ogni caso considerato l'inizio dell'era Heisei, siccome è il predecessore diretto di Godzilla contro Biollante (1989), che fu distribuito nel primo anno del regno di Akihito.

I film Heisei sono notevoli per la loro stretta continuità, e riportano Godzilla nel ruolo di temibile creatura distruttiva. La natura e la scienza dietro Godzilla sono molto più discussi, mostrando una maggiore concentrazione sugli aspetti morali della genetica (in particolare nel secondo film della serie, Godzilla contro Biollante). Godzilla contro King Ghidorah diede per la prima volta un'origine concreta per Godzilla, raffigurandolo come un "Godzillasauro" mutato dalle scorie atomiche. Il personaggio fu interpretato da Kenpachiro Satsuma, che in precedenza aveva interpretato i mostri Hydrax e Gigan durante l'era Shōwa. Con l'eccezione di Il ritorno di Godzilla, gli effetti speciali furono realizzati da Koichi Kawakita.

Era Millennium (1999-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Toho ricominciò la serie per una seconda volta con Gojira ni-sen mireniamu (1999), innescando così la terza serie, nominata "Millennium". L'era Millennium viene trattata come una serie antologica in cui, con l'eccezione di Gojira × Mekagojira e Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS, ogni film si svolge nella sua propria continuità, essendo tutti sequel diretti del film originale del 1954.

Dopo la distribuzione di Gojira - Final Wars nel 2004 (il cinquantesimo anniversario di Godzilla), Toho dichiarò che non avrebbe girato un altro film di Godzilla per i successivi dieci anni, e demolì il set usato nelle scene acquatiche di molti film precedenti.[16] Yoshimitsu Banno, il regista di Godzilla - Furia di mostri (1971), acquistò i diritti per fare un cortometraggio IMAX, il cui sviluppo si evolse nel film statunitense del 2014.

Tsutomu Kitagawa interpretò Godzilla per la maggior parte dei film Millennium, tranne in Gojira, Mosura, Kingu Gidora: Daikaijū sōkōgeki, dove il personaggio fu interpretato da Mizuho Yoshida. In contrasto ai film delle ere Shōwa e Heisei, gli effetti speciali dell'era Millennium erano realizzati da molteplici direttori, inclusi Kenji Suzuki (Gojira 2000 Millennium, Gojira × Megaguirus - G shōmetsu sakusen), Makoto Kamiya (Gojira Mothra King Ghidorah - Daikaijū sōkōgeki), Yuichi Kikuchi (Gojira × Mekagojira), e Eiichi Asada (Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS, Gojira - Final Wars).

Era Reboot (2016- )[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2014, Toho annunciò la produzione di un nuovo film di Godzilla per il 2016.[17] Il film è inteso come un reboot della serie, ed è diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi, entrambi veterani della serie anime Neon Genesis Evangelion.[18][19][20] Le riprese cominciarono a settembre del 2015 e finirono il mese dopo, mentre il novembre seguente iniziò la lavorazione agli effetti speciali.[21][22] Shin Godzilla è stato distribuito in Giappone il 29 luglio 2016, ed è stato un successo sia di critica che di botteghino.[23]

Nell'agosto del 2016, Toho annunciò che avrebbe prodotto un film animato di Godzilla per il 2017. L'animazione sarà realizzata da Polygon Pictures, e la sceneggiatura scritta da Gen Urobuchi. I registi saranno Kobun Sizuno e Hiroyuki Seshita.[24] Il 26 marzo 2017 è stato annunciato che Gojira kaijū wakusei sarà il primo film di una trilogia animata.[25]

I film statunitensi (1998, 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1956, Jewell Enterprises Inc. acquistò i diritti per Godzilla e produsse una versione "americanizzata"[26][27][28][29][30] intitolata Godzilla, King of the Monsters!. Il film scartò la maggior parte dei temi politici dell'originale, e rimpiazzò mezz'ora dei filmati giapponesi con nuove scene girate esclusivamente per la versione statunitense con Raymond Burr nei panni del giornalista Steve Martin, che interagisce con controfigure in modo da sembrare di far parte dell'originale giapponese. Tali "americanizzazioni" furono effettuate per Il trionfo di King Kong e Il ritorno di Godzilla.

Nel 1957, il produttore Harry Rybnick tentò di girare un remake hollywoodiano di Il re dei mostri intitolato The Volcano Monsters, ma fu invece doppiato e distribuito nel 1958 col titolo Gigantis, the Fire Monster, siccome AB-PT Pictures andò in bancorotta.[31]

Nel 1965, Toho produsse L'invasione degli astromostri insieme allo studio americano United Productions of America, la prima volta che Toho collaborò con uno studio straniero.

Negli anni ottanta, Steve Miner proppose a Toho di girare un film americano su Godzilla in 3d con un copione scritto da Fred Dekker intitolato Godzilla, King of the Monsters in 3D, in cui Godzilla avrebbe distrutto San Francisco rcare il suo cucciolo.[32] Sebbene avesse suscitato l'interesse di vari studi cinematografici, il progetto fu scartato a causa del budget elevato di cui avrebbe avuto bisogno.[33] Il film avrebbe avuto un enorme testa robotica di Godzilla scolpita da Rick Baker e una marionetta animata a passo uno.[34][35]

Tristar Pictures[modifica | modifica wikitesto]
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Godzilla (film 1998).

Nell'ottobre del 1992, TriStar Pictures acquistò i diritti da Toho con l'intenzione di produrre una trilogia di film su Godzilla.[36] Il regista Jan de Bont e gli sceneggiatori Terry Rossio e Ted Elliott svilupparono una sceneggiatura in cui Godzilla si sarebbe scontrato con un alieno mutaforme, il Grifone. De Bont abbandonò il progetto dopo disaccordi con lo studio sul budget.[37] L'incarico fu poi passato a Roland Emmerich e Dean Devlin.

Godzilla fu distribuito nel maggio del 1998, e ricevette critiche negative da parte dei recensori e i fan della serie.[38][39] Il film fu in ogni caso un successo moderato al botteghino, guadagnando $136 milioni domesticamente e $379 milioni internazionalmente.[40] I sequel furono scartati, e al loro posto fu girato la serie animata Godzilla: The Series.[41] Tristar mantenne i diritti fino alla loro scadenza nel 2003. Dopo il 2004, Toho cominciò a marchiare l'incarnazione Tristar di Godzilla col nome "Zilla" per le sue future apparizioni.[39][42]

Legendary Pictures: il MonsterVerse[modifica | modifica wikitesto]
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Godzilla (film 2014).

Nel 2004, il regista Yoshimitsu Banno ebbe il permesso dalla Toho per produrre un cortomettraggio IMAX di Godzilla. Il progetto passò poi alla Legendary Pictures dopo anni di inattività.[43][44][45] Il film, che sarebbe stato un reboot, fu annunciato nel 2010 come un progetto condiviso con la Warner Bros. Pictures con Gareth Edwards nel ruolo di regista.[46][47] Le riprese furono completate nel 2013 in Canada e gli Stati Uniti, e il film fu distribuito nel 2014.[48]

Godzilla fu ben accolto sia dai recensori che dai fan,[49][50] guadagnando $200 milioni domesticamente e $529 milioni internazionalmente.[51] Il suo successo incoraggiò Toho a girare un reboot intitolato Shin Godzilla nel 2016. Legendary procedette con i sequel e un media franchise,[52] denominato MonsterVerse[53], con Godzilla: King of Monsters previsto per il marzo del 2019 e Godzilla vs. Kong per il maggio del 2020.[54]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Gojira (ゴジラ?) è un portmanteau delle parole giapponesi per "gorilla" (ゴリラ gorira?), e "balena" (鯨(クジラ) kujira?). Il personaggio infatti fu descritto durante la pianificazione del primo film come "un incrocio tra un gorilla e una balena",[55] in riferimento alla sua grandezza e origine acquatica. Una voce popolare affermava che "Gojira" fosse il nomignolo d'un macchinista obeso assunto da Toho. Questa storia fu smentita dalla vedova di Ishiro Honda.[56]

Il nome di Godzilla fu prima scritto in ateji come (呉爾羅 Gojira?), dove i kanji sono usati per valore fonetico invece che per significato. La pronuncia giapponese del nome è ɡodʑiɽa; la versione inglese di ciò è ɡɒdˈzɪlə, con la prima sillaba pronunciata come "god" (dio) e il resto facendo rima con "gorilla". Nel sistema Hepburn, il nome di Godzilla è trascritto come "Gojira", mentre nel sistema Kunrei è "Gozira".

Durante lo sviluppo della versione americana di Il re dei mostri (1955), Godzilla fu rinominato "Gigantis", una mossa innescata dal produttore Paul Schreibman, che intendeva creare un nuovo personaggio.[57]

Aspetto e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Nel contesto dei film giapponesi, l'esatta origine di Godzilla tende a variare, ma viene raffigurato spesso come un enorme mostro marino preistorico risvegliato e potenziato dalle radiazioni nucleari.[58] Benché i dettagli specifici della sua apparenza fisica abbiano subito numerosi cambiamenti estetici col passare degli anni, l'impressione generale è rimasta costante.[59] Il suo aspetto ricorda molto quello del tirannosauro e dell'iguanodonte, ma con una postura più eretta, simile alle raffigurazioni di entrambe le specie di Zdeněk Burian e Rudolph Zallinger. Le sue mani sono fornite di quattro dita con un pollice opponibile, e la schiena presenta delle spine ossee.[60] Il personaggio viene spesso raffigurato con la pelle verde nei fumetti, nei cartoni animati e nei poster dei film, ma i costumi utilizzati nei film erano spesso dipinti in grigio antracite con spine di colore avorio.[11]

Il raggio atomico di Godzilla, raffigurato in Godzilla (1954).

Godzilla si nutre di energia nucleare, che digerisce in una ghiandola al plasma localizzata al posto dello stomaco. Durante i combattimenti, Godzilla può innescare una reazione nucleare nella ghiandola, sparando l'energia prodotta dalla bocca nella forma di un "raggio atomico", la sua arma principale. L'energia in eccesso viene scaricata dalle sue spine dorsali, illuminandole.[60] Gli artisti degli effetti speciali di Toho hanno utilizzato numerose tecniche per raffigurare il raggio, inclusi fiamme reali,[61] disegni superimposti e la cgi. Godzilla dimostra anche una forza fisica immensa. Haruo Nakajima, l'attore che interpretò Godzilla nei primi film, era una cintura nera in judo, e utilizzò le sue capacità per coreografare le scene di battaglia.[62] Kenpachiro Satsuma, che indossò il costume di Godzilla dal 1984 al 1995, inventò il cosiddetto "Godzilla kenpō" per la sua raffigurazione, che unì i movimenti di Godzilla con quelli del karate.[63][64] Riesce a respirare sott'acqua, e viene descritto nel film originale come una forma transizionale tra un rettile marino e terrestre. Il personaggio è impervio alle armi convenzionali, grazie alla sua pelle dura e la sua capacità di rigenerarsi.[65] Siccome è sopravvissuto a un'esplosione nucleare, non può essere abbattuto da qualsiasi ordigno meno potente.[66] Altri film e media hanno raffigurato Godzilla con ulteriori capacità, incluso un impulso atomico,[67] magnetismo,[68] precognizione,[69] velocità sovrumana,[70] occhi laser,[71] e persino il volo.[72]

Le motivazioni di Godzilla variano da film e film a seconda delle necessità narrative. Benché detesti gli umani,[73] lotterà accanto a loro contro minacce comuni. Il personaggio però non si sforza specificamente a proteggere le vite umane,[74] e può tradire i suoi alleati umani una volta che non ne ha più bisogno. Non si nutre di umani, sostenendosi invece con energia nucleare.[75] In risposta a una domanda su se Godzilla fosse "buono o cattivo", il produttore Shogo Tomiyama lo paragonò a un dio della distruzione Shinto, un'entità senza allineamento morale che non può essere giudicata in base agli standard umani.[76]

Nei film giapponesi, a Godzilla e agli altri mostri vengono dati pronomi neutrali equivalenti all'inglese "it",[77] mentre nei doppiaggi inglesi e italiani viene esplicitamente descritto col genere maschile.

Ruggito[modifica | modifica wikitesto]

Godzilla ha un ruggito disillabo particolare (trascritto in vari fumetti come Skreeonk!)[78][79] che fu creato dal compositore Akira Ifukube. Produsse il suono sfregando la corda di un contrabasso con un guanto coperto di resina di pino, per poi rallentare il playback.[80] Nella versione americana di Il re dei mostri (1955) intitolato Gigantis the Fire Monster, l'iconico ruggito di Godzilla fu sostituito con quello del mostro Angilas.[57] Da Il ritorno di Godzilla (1984) a Godzilla contro King Ghidorah (1991), a Godzilla fu dato un ruggito più baritono e minaccioso, ma questo cambiamento fu annullato da Godzilla contro Mothra (1992) in poi.[81] Per il film statunitense del 2014, i progettisti del suono Ethan Van der Ryn ed Erik Aadahl rifiutarono di svelare la fonte dei suoni che usarono per il ruggito di Godzilla, ma rivelarono che un brano di musica dei Rolling Stones ne fu un elemento.[80] Aadahl descrisse che intendeva che le due sillabe del ruggito rappresentassero due stati emotivi nel mostro, la prima esprimendo la sua furia, mentre la seconda evocava la sua anima.[82]

Grandezza[modifica | modifica wikitesto]

L'incarnazione Heisei del Godzilla Giapponese (alto cento metri) contro il Godzilla Hollywoodiano (alto 108 metri) nel videogioco Godzilla: The Game

La grandezza di Godzilla varia a seconda della licenza artistica.[76] I set in miniatura e i costumi sono tipicamente costruiti a una scala di 125150[83] e filmati a 240 fotogrammi al secondo per dare l'illusione di grandezza.[84] In Godzilla (1954), la creatura fu rappresentata con un'altezza di 50 metri,[85] così permettendo al mostro di poter essere visibile sulla panoramica di Tokyo a quell'epoca.[86] Nel doppiaggio della versione americana del film, Godzilla viene descritto come una creatura alta 122 metri, siccome il produttore Joseph E. Levine riteneva che 50 metri non fossero abbastanza spettacolari.[87] Dato che gli edifici costruiti in Tokyo dopo gli anni cinquanta superarono i 50 metri d'altezza, Godzilla fu spesso ingrandito, fino al punto di raggiungere i 100 metri, così permettendolo di distruggere il Palazzo del governo metropolitano di Tokyo in Godzilla vs. King Ghidorah (1991). Nel film americano Godzilla (2014), Godzilla misura 108 metri d'altezza,[88] così rendendolo l'incarnazione più grande fino a quel momento. Il regista Gareth Edwards disse che voleva che il mostro fosse abbastanza grande da poter essere visto in qualsiasi punto della città, ma non così enorme da non poter nascondersi.[89] Il Godzilla del film Shin Godzilla, che raggiunge i 118.5 metri, è l'incarnazione più alta del mostro.[90]

Rappresentazione[modifica | modifica wikitesto]

Preparazione d'una scena di Il re dei mostri (1955), con Haruo Nakajima nei panni di Godzilla alla sinistra.

Godzilla è stato tradizionalmente rappresentato attraverso un attore in un costume di lattice, ma il personaggio è stato realizzato anche attraverso l'animatronica, passo uno, e cgi.

Traendo ispirazione da King Kong, il direttore artistico Eiji Tsuburaya inizialmente intendeva rappresentare Godzilla attraverso la tecnica passo uno, ma una mancanza di animatori esperti in Giappone rese l'utilizzo d'un costume più pratico. Il primo costume consisteva d'una cavità fatta da cavi e bambù rinforzati con una tela metallica, e riempito di tessuto e cuscini ricoperti in lattice. Il punto d'entrata del primo costume fu chiuso con degli uncinetti, ma costumi usati nei film seguenti furono fabbricati con una cerniera. Il peso del primo costume superava i 100 chili.[11] Prima del 1984, la maggior parte dei costumi di Godzilla erano costruiti da zero, così risultando in varie differenze cosmetiche in ogni sua apparizione.[91] I cambiamenti più notevoli durante gli anni sessanta e settanta furono l'eliminazione delle zanne sporgenti, le orecchie esterne e il quarto dito del piede, tratti che però tornarono da Il ritorno di Godzilla (1984) in poi.[92] La raffigurazione fisica più costante fu mantenuta da Godzilla contro Biollante (1989) fino a Gojira VS Destroyer (1995), in cui a il personaggio furono date una faccia felina e una doppia fila di denti.[14] Molti attori nei panni di Godzilla subirono varie difficoltà nei loro ruoli, inclusi il peso del costume, la mancanza di ventilazione e la visibilità diminuita.[11] Kenpachiro Satsuma (che interpretò Godzilla dal 1984 al 1995) in particolare descrisse come i costumi che indossava fossero ancora più pesanti e caldi dei loro predecessori, siccome erano forniti di strumenti animatronici.[93] Satsuma stesso soffrì di numerose crisi mediche durante la sua occupazione del ruolo, inclusi la deprivazione d'ossigeno, l'affogamento parziale, scosse elettriche, e lacerazioni sulle gambe quando i rinforzi metallici del costume penetravano l'imbottitura del costume.[94] Il problema della ventilazione fu parzialmente risolto da Gojira VS Spacegojira (1994) in poi, con l'aggiunta d'un condotto d'aria nel costume.[95] Nel Il ritorno di Godzilla (1984), in certe scene fu adoperato un Godzilla robotico alto cinque metri nominato "cybot" per le inquadrature ravvicinate. Il cybot consisteva in un endoscheletro idraulico ricoperto di una pelle di poliuretano che conteneva 3.000 componenti di computer che gli permettevano di annuire e muovere le labbra e le braccia.[96]

In Godzilla (1998), l'artista Patrick Tatopoulos fu assegnato a creare un Godzilla incredibilmente veloce.[97] Fu prima progettato che il mostro venisse raffigurato attraverso il motion capture, ma risultò troppo simile a un uomo in costume.[98] In seguito, Tatopolous lo disegnò come un'iguana smilza e bipede raffigurata attraverso la cgi.[99] In certe scene, il mostro viene raffigurato da attori in costume, come nei film Toho, ma con l'aggiunta di estenditori sulle gambe, siccome il nuovo Godzilla aveva una postura orizzontale invece che eretta. Fu costruito anche un Godzilla animatronico con una scala di 1⁄6, superando in grandezza il T. rex animatronico di Jurassic Park.[100]

Nel film Godzilla (2014), il personaggio fu raffigurato interamente in CGI. L'aspetto del personaggio fu deliberatamente tratto dall'originale giapponese, ma con un'enfasi sul renderlo più dinamico di un uomo in costume.[101] Nel concepire il nuovo Godzilla, gli artisti del film studiarono i movimenti degli orsi, dei draghi di Komodo, dei leoni e dei lupi, usandoli come punti di riferimento per la struttura corporea del personaggio.[102] Alcuni movimenti di Godzilla furono realizzati attraverso la motion capture dell'attore TJ Storm.[103][104][105][106]

In Shin Godzilla (2016), nonostante un primo annuncio in cui venne comunicato che il mostro protagonista sarebbe stato realizzato con un misto tra suitmation e CGI, viene presentato il primo Godzilla nipponico interamente in computer grafica per tutta la durata del film. Mansai Nomura ha interpretato il kaiju grazie alla motion capture.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei film Toho[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Godzilla recandosi verso Tokyo in Godzilla (1954)

Un dinosauro anfibio sopravvissuto alla estinzione dei suoi simili viene risvegliato dai test nucleari subacquei statunitensi nel 1954, e comincia ad attaccare i pescherecci presso l'isola di Odo nel Giappone meridionale. Gli isolani lo identificano come "Godzilla", un mostro marino del loro folclore, e presto il mostro si dirige verso Tokyo, causando gravi danni strutturali e irradiando la zona. Impervio alle armi convenzionali delle Forze di autodifesa giapponesi, Godzilla viene finalmente sconfitto quando lo scienziato Daisuke Serizawa attiva il suo micidiale distruttore di ossigeno nel mare, corrodendo il corpo del dinosauro fino all'osso. Viene dichiarato dopo che è improbabile che Godzilla fosse l'unico della sua specie, e che c'è il rischio che ne arrivi un altro se si continuasse a effettuare test nucleari.[66]

Era Shōwa[modifica | modifica wikitesto]

Godzilla s'imbatte contro Kong in Il trionfo di King Kong (1962)

Un anno dopo gli eventi di Godzilla, un altro membro della sua specie viene avvistato lottando contro un altro mostro, Angilas. I due combattenti si dirigono verso Osaka, dove Godzilla uccide il suo avversario per poi essere seppellito sotto una montagna di ghiaccio.[107] Il dinosauro si libera dalla sua prigione ghiacciata otto anni dopo per poi scontrarsi con King Kong[108] e Mothra.[109] La sua faida contro il Giappone svanisce con l'arrivo del drago spaziale King Ghidorah, che costringe il re dei mostri ad allearsi con i suoi rivali Rodan e Mothra.[73] Nelle sue avventure successive, adotta un figlio nominato Minilla,[110] e viene trasferito insieme a lui ed altri mostri all'isola dei mostri.[111] Si scontra con vari avversari extraterrestri, inclusi Hydrax,[72] Gigan[111] e il suo doppelgänger robotico Mechagodzilla,[112] fino a che, nel 1999, viene costretto dagli alieni Kilaak a distruggere le città capitali della Terra. Godzilla e gli altri mostri alla fine si liberano dalla loro influenza, per poi affrontare King Ghidorah per un'ultima volta e ritirarsi pacificamente all'isola dei mostri.[113]

Era Heisei[modifica | modifica wikitesto]

Ne Il ritorno di Godzilla, un sequel diretto del primo film che ignora la continuità dei film precedenti, l'origine del secondo Godzilla rimane ambiguo.[114] La sua genesi viene svelata in Godzilla contro King Ghidorah, che rivela che Godzilla ebbe origine come un "godzillasauro" che fu gravemente ferito da soldati statunitensi sull'isola di Lagos nel 1944 durante la Campagna delle isole Gilbert e Marshall. Il dinosauro ferito viene trasportato nel mare di Bering da viaggiatori del tempo, sperando che così facendo avrebbero impedito la creazione di Godzilla, siccome Lagos sarebbe poi stato usato come sito dei test nucleari. Godzilla viene comunque creato quando un sommergibile nucleare sovietico affonda presso il dinosauro negli anni settanta, esponendolo alla radioattività.[67] Il nuovo Godzilla si risveglia nel 1984, quasi scatenando una guerra nucleare quando distrugge un sottomarino sovietico, che il Cremlino inizialmente crede sia opera degli Stati Uniti. Dopo aver distrutto un centro nucleare e Shinjuku, Godzilla viene adescato al monte Mihara, dove cade nel vulcano.[114] Viene sprigionato cinque anni dopo, scontrandosi col suo clone ibrido Biollante, per poi cadere in coma nel mare dopo essere stato infettato dal Battere Anti-Nucleare.[69] Godzilla supera la sua infermità tre anni dopo quando assorbe l'energia di un sottomarino nucleare, che lo fa crescere ancora di più. Dopo aver lottato contro King Ghidorah,[67] Mothra e Battra,[115] Godzilla si batte con Mechagodzilla, un robot creato dall'Onu, durante una ricerca per il cucciolo Godzilla Junior. Godzilla viene quasi ucciso, ma riesce ad assorbire l'energia di Rodan per potenziarsi ulteriormente e sconfiggere il robot.[116] Godzilla e Junior vivono brevemente in pace su Birth Island, ma tale isola in seguito affonda a causa di una esplosione nucleare dovuta a depositi di uranio sotterranei. Il risultante livello elevato di radioattività causa un sovraccarico energetico in Godzilla, così rischiando la possibilità d'un meltdown nucleare. Godzilla si riunisce con Junior a Tokyo, dove entrambi vengono assaliti da Destoroyah, un mostro creato dallo stesso distruttore di ossigeno che uccise il primo Godzilla. Nella battaglia successiva, Godzilla riesce ad avere la meglio su Destoroyah dopo che quest'ultimo ferisce gravemente Junior. Godzilla alla fine cede alle radiazioni che consumano il suo corpo, ma esse vengono assorbite da Junior, che raggiunge le dimensioni di suo padre adottivo.[117]

Era Millennium[modifica | modifica wikitesto]

I film della cosiddetta era Millennium sono notevoli per il fatto che, con una sola eccezione, non formano una continuità fra di loro, essendo tutti individualmente sequel diretti del primo film.

In Gojira 2000 - Millennium, il re dei mostri si imbatte in un alieno che tenta di conquistare la Terra adattandosi al suo clima attraverso l'utilizzo del fattore rigenerante di Godzilla. Le cellule di Godzilla però sopraffanno l'alieno, trasformandolo nel mostro Orga. I due si scontrano affinché Godzilla uccide Orga quando quest'ultimo cerca di inghiottirlo.[65]

In Gojira × Megaguirus - G shōmetsu sakusen, gli attacchi di Godzilla costringono i Giapponesi a trasferire la loro capitale da Tokyo a Osaka. Le Forze di autodifesa giapponesi formano un ramo dedicato a lottare contro Godzilla nominato "G-Graspers", che crea il "Dimension Tide", un ordigno capace di formare un buco nero in miniatura che in teoria dovrebbe sconfiggere Godzilla. L'ordigno permette a delle libellule preistoriche di entrare nel presente, e quindi di usare il sangue risucchiato da Godzilla per nutrire la loro regina colossale, Megaguirus. Godzilla distrugge Megaguirus e riesce a sopravvivere all'impatto col Dimension Tide.[118]

Il Godzilla di Gojira Mothra King Ghidorah - Daikaijū sōkōgeki è una reincarnazione del primo Godzilla, risvegliato ed animato dalle anime dei defunti della seconda guerra mondiale per punire il Giappone moderno per la sua dimenticanza del suo passato. La sua furia viene opposta dai tre mostri guardiani di Yamato; Baragon, Mothra e King Ghidorah.[119]

Le ossa del primo Godzilla vengono riesumate in Gojira × Mekagojira per formare la base del cyborg Kiryu, una macchina da guerra creata per sconfiggere Godzilla.[120] Godzilla viene finalmente abbattuto quando Kiryu si allea con Mothra.[121]

In Gojira - Final Wars, ambientato in un lontano futuro, Godzilla viene liberato dalla sua prigione in Antartide per contribuire alla difesa della Terra contro gli Xiliani e i loro alleati mostri. Si reca verso Tokyo, sconfiggendo una armata di mostri per poi imbattersi contro il Mostro X, che si rivela poi di essere il drago Kaiser Ghidorah. Godzilla lo sconfigge dopo un'ardua lotta, e si ritira nel mare insieme al suo figlio adottivo Minilla.[122]

Era Reboot[modifica | modifica wikitesto]

Shin Godzilla rappresenta un'eccezione rispetto ai precedenti film, in quanto non si ricollega al primo film ma è un reboot a tutti gli effetti: in questa pellicola, infatti, Godzilla attacca il Giappone per la prima volta.

Nei film statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Il Godzilla del film statunitense del 2014, raffigurato nel videogioco Godzilla: The Game

Nel film del 1998, Godzilla è un'iguana mutata dai test nucleari nella Polinesia Francese. La creatura si reca a New York, dove cova duecento uova a Madison Square Garden. Dopo uno scontro con dei sottomarini, Godzilla torna al suo nido ormai incenerito. Il mostro tenta di inseguire i colpevoli di tale atto, ma viene intrappolato nel ponte di Brooklyn, permettendo alle forze militari di ucciderlo. Tuttavia, un uovo sopravvissuto alla carneficina si schiude nella scena finale del film.[123]

Il Godzilla del film del 2014 viene raffigurato come un predatore alfa preistorico risalente a un'era in cui i livelli di radioattività sulla Terra erano più elevati. Col diminuire delle radiazioni, Godzilla si mise in letargo sotto l'Oceano Pacifico fino agli anni cinquanta, quando viene risvegliato dai test nucleari statunitensi. La sua esistenza rimane un segreto finché non si rivela per scontrarsi con i MUTO, una coppia di parassiti che si nutrono di energia nucleare.[2]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Stella di Godzilla sulla Hollywood Walk of Fame, Los Angeles (California)

Godzilla è uno dei simboli più riconoscibili della cultura popolare giapponese,[124][125] e rimane un personaggio importante del cinema giapponese, rappresentando la sottocategoria kaiju del genere tokusatsu. I tratti quasi antropomorfi di Godzilla, insieme ai suoi movimenti, lo resero simpatico agli occhi del pubblico giapponese, malgrado la sua natura furiosa.[126] Il pubblico ha risposto positivamente al personaggio, poiché agisce spinto dalla rabbia e da un istinto di auto-conservazione, e perché dimostra le conseguenze dell'abuso della scienza.[127]

Nel 1996, Godzilla ricevette il MTV Lifetime Achievement Award,[128] e nel 2004 gli fu dato una stella sulla Hollywood Walk of Fame per commemorare il sui cinquantesimo anniversario.[129] Il suo impatto sulla cultura popolare risulta in numerose parodie e tributi, come per esempio Bambi Meets Godzilla, considerato uno dei "50 miglior cartoni",[130] vari episodi di Mystery Science Theater 3000[131] e la canzone Godzilla dei Blue Öyster Cult.[132] Godzilla è stato persino usato nelle pubblicità, come ad esempio quella della Nike, dove Godzilla si scontra in una partita di pallacanestro contro Charles Barkley.[133] In Italia, Godzilla fece un'apparizione accanto ad Aldo, Giovanni e Giacomo nel 2008 per una pubblicità di Wind Telecomunicazioni.[134]

La fama di Godzilla influenzò la comunità scientifica nel 1997, con la scoperta del celofiside Gojirasaurus, nominato da Kenneth Carpenter, lui stesso un fan del personaggio.[135] Prima di essere formalmente nominato, al coccodrillo marino giurassico Dakosaurus fu dato il nomignolo "Godzilla".[136] Vari paleontologi hanno scritto trattati parodici sulla biologia di Godzilla; Kenneth Carpenter lo classificò come un ceratosauro in base al suo cranio, quattro dita e gli osteodermi lungo il dorso, mentre Darren Naish ne era più scettico, notando la morfologia anomala del personaggio.[137]

L'ubiquità del personaggio nella cultura popolare ha spesso condotto alla supposizione che Godzilla sia di pubblico dominio, col risultato di processi da parte di Toho per proteggere il loro bene aziendale. Nell'aprile del 2008, la Toho fece causa alla Subway dopo che l'azienda usò un mostro simile a Godzilla in una delle sue pubblicità, dovendo pagare $150,000 in compenso.[138] Lo stesso accadde alla Honda dopo che distribuì una pubblicità per la Honda Odyssey raffigurando un mostro sputafuoco.[139] Fu fatta causa anche alla Sea Shepherd Conservation Society quando battezzò uno dei suoi battelli "Gojira", e fu costretta a rinominarla "Brigitte Bardot" nel 2011.[140] Il gruppo musicale francese Gojira fu costretto ad adottare il loro nome quando Toho li costrinse a non usare "Godzilla".[141] Nel maggio del 2015, Toho fece causa allo studio cinematografico Voltage Pictures, dopo che essi distribuirono pubblicità per un film con Anne Hathaway con immagini di Godzilla.[142]

Lista Film[modifica | modifica wikitesto]

Era Shōwa (1954-1975)[modifica | modifica wikitesto]

Era Heisei (1984-1995)[modifica | modifica wikitesto]

Era Millennium (1999-2004)[modifica | modifica wikitesto]

MonsterVerse (2014-2020)[modifica | modifica wikitesto]

  • Godzilla (2014)
  • Godzilla: King of the Monsters (2019)
  • Godzilla vs. Kong (2020)

Era Reboot (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'invasione degli astromostri (1965). Regia di Ishirō Honda. Toho.
  2. ^ a b Godzilla (2014). Regia di Gareth Edwards. Legendary Pictures.
  3. ^ Brian Ashcraft, Meet Godzilla Resurgence's Motion Capture Actor, su Kotaku, 1º agosto 2016. URL consultato il 1º agosto 2016.
  4. ^ "Godzilla: King of the Monsters" (documentario), BBC 2 (11 luglio, 1998)
  5. ^ Luciano Canepari, Godzilla, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  6. ^ Brothers, Peter H. (2009). Mushroom Clouds and Mushroom Men - The Fantastic Cinema of Ishiro Honda. CreateSpace Independent Publishing Platform. ISBN 1492790354
  7. ^ Barr, J. (2016). The Kaiju Film: A Critical Study of Cinema's Biggest Monsters. McFarland. p. 83. ISBN 1476623953
  8. ^ Robbie Collin, Gareth Edwards interview: 'I wanted Godzilla to reflect the questions raised by Fukushima', The Telegraph, 13 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2016.
  9. ^ Davide Di Giorgio, Andrea Gigante, Gordiano Lupi (2012). Godzilla il re dei mostri: Il sauro radioattivo di Honda e Tsuburaya. Il Foglio Letterario. pp. 43-4. ISBN 978-88-7606-351-0
  10. ^ a b Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 19-23. ISBN 1550223488.
  11. ^ a b c d "Making of the Godzilla Suit!", Godzilla [DVD]. Classic Media (2006)
  12. ^ QMI/STARDUST PORTA AL CINEMA SHIN GODZILLA - Qmi, in Qmi. URL consultato il 03 giugno 2017.
  13. ^ Davide Di Giorgio, Andrea Gigante, Gordiano Lupi (2012). Godzilla il re dei mostri: Il sauro radioattivo di Honda e Tsuburaya. Il Foglio Letterario. p. 112. ISBN 978-88-7606-351-0
  14. ^ a b Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. pp. 254-257. ISBN 1550223488.
  15. ^ "EXTRA: The Return of Godzilla 30th / ゴジラ('84) 30周年スペシャル〜EXTRA〜 (SciFi JAPAN TV #36)", CHO Japan (December 11, 2014)
    We went back to the theme of nuclear weapons, since that was the theme of the original film. Japan has now learned three times what a nuclear disaster is, but at that time Japan had already had two. The problem was Japanese society was gradually forgetting about these disasters. They were forgetting how painful it had been. Everyone in Japan knew how scary nuclear weapons were when the original movie was made, but it wasn't like that by the 1980s. So in those meetings, we decided to remind all those people out there who had forgotten.
  16. ^ Bucket Hall of Fame: The Toho Big Pool, bucketmovies.com. URL consultato il 16 febbraio 2011.
  17. ^ Gavin Blair, Japan's Toho to Produce New 'Godzilla' for 2016, First in 12 Years, su The Hollywood Reporter, 7 dicembre 2014.
  18. ^ Patrick Frater, Hideaki Anno and Shinji Higuchi to Direct 'Godzilla 2016', su Variety, 31 marzo 2015. URL consultato il 31 marzo 2015.
  19. ^ August Ragone, "EVANGELION" CREATOR HELMS NEW "GODZILLA" Hideaki Anno & Shinji Higuchi Revive the King!, su The Good, The Bad, and Godzilla, 31 marzo 2015. URL consultato il 31 marzo 2015.
  20. ^ Evangelion's Hideaki Anno Is New Japanese Godzilla Film's Chief Director, Writer, su Anime News Network, 31 marzo 2015. URL consultato il 31 marzo 2015.
  21. ^ Todd Rigney, New Japanese Godzilla Movie Filming This Weekend in Tokyo, su Dread Central, 1º settembre 2015. URL consultato il 2 settembre 2015.
  22. ^ Shin-Godzilla Wraps Shooting, Begins FX Work, scified.com, 1º novembre 2015. URL consultato il 2 novembre 2015.
  23. ^ Gavin J. Blair, Japan Box Office: Toho's 'Godzilla Resurgence' Opens With $6.1 Million, su Hollywood Reporter, 1º agosto 2016. URL consultato il 1º agosto 2016.
  24. ^ August Ragone, Toho Gears Up First Godzilla Anime Movie From the Makers of Gargantia & Sidonia, su The Good, the Bad, and Godzilla, 18 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  25. ^ アニメーション映画『GODZILLA』OFFICIAL SITE, in アニメーション映画『GODZILLA』OFFICIAL SITE. URL consultato il 26 marzo 2017.
  26. ^ Classic Media Reissues the Original GODZILLA on DVD, Scifi Japan. URL consultato il 1º settembre 2014.
  27. ^ Patrick Hanlon, Godzilla: What Is It About Monsters?, su Forbes, 14 maggio 2014.
  28. ^ Terrence Rafferty, The Monster That Morphed Into a Metaphor, su NY Times, 2 maggio 2004.
  29. ^ John Rocco Roberto, Godzilla in America, su G-fan Magazine Issue #10, luglio 1994.
  30. ^ Godzilla (1954) - The Criterion Collection, Criterion. URL consultato il 1º settembre 2014.
  31. ^ Lizardman, The First Hollywood Attempt to "Reimagine" Godzilla Happened Back in 1957, su Observation Deck, 7 maggio 2014. URL consultato il 27 agosto 2015.
  32. ^ David Konow, The 3D Godzilla Movie That Almost Was, su Tested, 27 marzo 2014.
  33. ^ Pat Jankiewicz, 'Godzilla, American Style, nº 193, Starlog, August 1993.
  34. ^ Quint, Quint reports on William Stout's MondoCon panel about the unmade Fred Dekker-scripted Godzilla film!, su Ain't It Cool News, 22 settembre 2014. URL consultato il 21 settembre 2015.
  35. ^ William Stout, My Top Ten Dinosaur Films Part Two: Godzilla in 3D (1982–83), su William Stout.com, 28 aprile 2014. URL consultato il 21 settembre 2015.
  36. ^ John Evan Frook, TriStar lands monster of deal with 'Godzilla', in Variety, 29 ottobre 1992.
  37. ^ Simon Abrams, A History of the Disastrous Last Attempt to Make an American Godzilla, su Vulture. URL consultato il 4 marzo 2015.
  38. ^ Tom Breihan, Worst Godzilla Ever: Why Japan Hated (And Murked) The '98 U.S. Remake, su Concourse, 12 maggio 2014. URL consultato il 22 giugno 2015.
  39. ^ a b Keith Aiken, GODZILLA Unmade: The History of Jan De Bont’s Unproduced TriStar Film – Part 4 of 4, su Scifi Japan, 31 maggio 2015. URL consultato l'8 marzo 2016.
  40. ^ Godzilla (1998), su Box Office Mojo. URL consultato l'8 marzo 2016.
  41. ^ GODZILLA 2 RUMORS UNFOUNDED « SciFi Japan, Scifijapan.com. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  42. ^ Mark Schaefer, Godzilla Stomps into Los Angeles, su Penny Blood, novembre 2004. (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2005).
  43. ^ Godzilla 2014: Brian Rogers (Producer) On Legendary Pictures Film Plans, su Zennie62 Youtube channel. URL consultato il 20 luglio 2015.
  44. ^ Dave McNary, 'Godzilla' stomps back to screen, su Variety, 29 marzo 2010. URL consultato il 20 luglio 2015.
  45. ^ Roth Corneth, 'Godzilla' Will Return To His Roots In Legendary Pictures Reboot, su Screen Rant, 22 settembre 2010. URL consultato il 20 luglio 2015.
  46. ^ Dave McNary, 'Godzilla' stomps back to screen, in Variety, 29 marzo 2010. (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2011).
  47. ^ Borys Kit, EXCLUSIVE: 'Monsters' Director Stomps to 'Godzilla', in Hollywood Reporter, 4 gennaio 2011. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  48. ^ Frosty Weintraub, CCI: GODZILLA Invades Theaters May 16, 2014; Studio Expects 3D Release, su Collider, 13 settembre 2012. URL consultato il 13 settembre 2012.
  49. ^ Anna Silman, Review Roundup: One of the Scariest Things in Godzilla Is Bryan Cranston’s Wig, su Vulture, 16 maggio 2014. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  50. ^ H. Shaw-Williams, ‘Godzilla': First Audience Reactions Promise a Slow Reveal, su Screen Rant, 2 maggio 2014. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  51. ^ Godzilla (2014), Box Office Mojo. URL consultato il 29 agosto 2015.
  52. ^ Legendary and Warner Bros. Pictures Announce Cinematic Franchise Uniting Godzilla, King Kong and Other Iconic Giant Monsters, Legendary Pictures, 14 ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  53. ^ (EN) The Godzilla / King Kong cinematic universe officially dubbed The MonsterVerse! - Kong: Skull Island Movie News, in Scified. URL consultato il 28 gennaio 2017.
  54. ^ Abid Rahman, Warner Bros. Moves Dates For 'Godzilla 2,' 'Godzilla vs Kong', su Hollywood Reporter, 10 maggio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016.
  55. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 22. ISBN 1550223488.
  56. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 23. ISBN 1550223488.
  57. ^ a b Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 74. ISBN 1550223488.
  58. ^ Peter Bradshaw, Godzilla | Culture (Londra), The Guardian, 14 ottobre 2005. URL consultato il 25 settembre 2013.
  59. ^ Biondi, R, "The Evolution of Godzilla – G-Suit Variations Throughout the Monster King's Twenty One Films", G-FAN Issue #16 July/August 1995
  60. ^ a b Davide Di Giorgio, Andrea Gigante, Gordiano Lupi (2012). Godzilla il re dei mostri: Il sauro radioattivo di Honda e Tsuburaya. Il Foglio Letterario. p. 17. ISBN 978-88-7606-351-0
  61. ^ Haruo Nakajima, Godzilla Criterion Collection Blu-Ray special featurette
  62. ^ The Art of Suit Acting, featurette DVD. Godzilla Raids Again. Reg. Motoyoshi Oda. 1955. DVD. Classic Media, 2006
  63. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 263. ISBN 1550223488.
  64. ^ (Video) Godzilla’s Second Tour of Duty, Nippon.com, 9 settembre 2014. URL consultato l'8 giugno 2016.
  65. ^ a b Gojira 2000 - Millennium (1999). Regia di Takao Okawara. Toho.
  66. ^ a b Godzilla (1954). Regia di Ishiro Honda. Toho
  67. ^ a b c Godzilla contro King Ghidorah (1991). Regia di Kazuki Ōmori. Toho
  68. ^ Godzilla contro i robot (1974). Regia di Jun Fukuda. Toho
  69. ^ a b Godzilla contro Biollante (1989). Regia di Kazuki Ōmori. Toho
  70. ^ Zone Fighter (1973). Regia di Ishirō Honda et al. Toho
  71. ^ Godzilla (1978). Regia di Ray Patterson e Carl Urbano. Hanna-Barbera Productions
  72. ^ a b Godzilla - Furia di mostri (1971). Regia di Yoshimitsu Banno. Toho
  73. ^ a b Ghidorah! Il mostro a tre teste (1964). Regia di Ishirō Honda. Toho.
  74. ^ Godzilla: Unleashed - profilo di Godzilla 2000
  75. ^ Godzilla (1984). Regia di Koji Hashimoto. Toho
  76. ^ a b Ryuhei Ktamura & Shogo Tomiyama interview - Godzilla Final Wars premiere - PennyBlood.com, Web.archive.org, 3 febbraio 2005. URL consultato il 25 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2005).
  77. ^ Tsutsui, William M. (2003). Godzilla on My Mind: Fifty Years of the King of Monsters. New York: Palgrave Macmillan. p. 12. ISBN 1403964742.
  78. ^ Stradley, R., Adams, A., et. al. Godzilla: Age of Monsters (February 18, 1998), Dark Horse; Gph edition. ISBN 1569712778
  79. ^ Various. Godzilla: Past, Present, Future (March 5, 1998), Dark Horse; Gph edition. ISBN 1569712786
  80. ^ a b NPR Staff, What's In A Roar? Crafting Godzilla's Iconic Sound, National Public Radio. URL consultato il 7 settembre 2015.
  81. ^ David Milner, "Takao Okawara Interview I", Kaiju Conversations (December 1993)
  82. ^ Amber Ray, 'Godzilla': The secrets behind the roar, Entertainment Weekly, 22 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2016.
  83. ^ Godzilla, Gvsdestoroyah.dulcemichaelanya.com. URL consultato il 25 settembre 2013.
  84. ^ Amazing and Interesting Facts about Godzilla Special Effects - Special Effects in Godzilla Movies - Hi-tech - Kids, Web Japan. URL consultato il 25 settembre 2013.
  85. ^ Godzilla (1954) stats and bio page, www.tohokingdom.com. URL consultato l'8 marzo 2013.
  86. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 27. ISBN 1550223488.
  87. ^ Tsutsui, William M. (2003). Godzilla on My Mind: Fifty Years of the King of Monsters. New York: Palgrave Macmillan. p. 54-55. ISBN 1403964742.
  88. ^ Godzilla (2014) stats and bio page, www.tohokingdom.com. URL consultato il 3 giugno 2015.
  89. ^ The New Godzilla is 350 Feet Tall! Biggest Godzilla Ever!, Movie Tribute, 28 febbraio 2014. URL consultato il 25 marzo 2014.
  90. ^ 2016年新作『ゴジラ』 脚本・総監督:庵野秀明氏&監督:樋口真嗣氏からメッセージ, su oricon.co.jp. URL consultato il 1º aprile 2015.
  91. ^ Kalat, David (2010). A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series. McFarland. p. 36. ISBN 9780786447497.
  92. ^ Kalat, David (2010). A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series. McFarland. p. 160. ISBN 9780786447497.
  93. ^ Clements, J. (2010), Schoolgirl Milky Crisis: Adventures in the Anime and Manga Trade, A-Net Digital LLC, pp. 117-118, ISBN 0984593748
  94. ^ Kalat, David (2010). A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series. McFarland. pp. 258. ISBN 9780786447497.
  95. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 298. ISBN 1550223488.
  96. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 232. ISBN 1550223488.
  97. ^ Richard Rickitt, Designing Movie Creatures and Characters: Behind the Scenes With the Movie Masters, Focal Press, 2006, pp. 74–76, ISBN 0-240-80846-0.
  98. ^ Richard Rickitt, Special Effects: The History and Technique, Billboard Books, 2000, p. 174, ISBN 0-8230-7733-0.
  99. ^ Godzilla Lives! - page 1, Theasc.com. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  100. ^ Ryfle, Steve (1998). Japan's Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G. Toronto: ECW Press. p. 338. ISBN 1550223488.
  101. ^ Duane Dudek, Oscar winner & Kenosha native Jim Rygiel gets UWM award, jsonline.com, 8 novembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  102. ^ Carolyn Giardina, Oscars: 'Interstellar,' 'Hobbit' Visual Effects Artists Reveal How They Did It, The Hollywood Reporter, 25 dicembre 2014. URL consultato il 28 dicembre 2014.
  103. ^ TJ Storm Official Resume (PDF), mediafire.com. URL consultato il 27 luglio 2015.
  104. ^ TJ Storm Official Instagram, instagram.com. URL consultato il 27 luglio 2015.
  105. ^ TJ Storm, su Onyxcon. URL consultato il 27 luglio 2015.
  106. ^ Sergio Arce, Meet the actor who gives life to Godzilla, su crhoy.com, 29 maggio 2014. URL consultato il 26 marzo 2015.
  107. ^ Il re dei mostri (1955). Regia di Motoyoshi Oda. Toho
  108. ^ Il trionfo di King Kong (1962). Regia di Ishiro Honda. Toho
  109. ^ Watang! Nel favoloso impero dei mostri (1964). Regia di Ishiro Honda. Toho
  110. ^ Il figlio di Godzilla (1967). Regia di Jun Fukuda. Toho
  111. ^ a b Godzilla contro i giganti (1972). Regia di Jun Fukuda. Toho
  112. ^ Godzilla contro i robot (1974). Regia di Jun Fukuda. Toho
  113. ^ Gli eredi di King Kong (1968). Regia di Ishiro Honda. Toho
  114. ^ a b Il ritorno di Godzilla (1984). Regia di Koji Hashimoto. Toho
  115. ^ Godzilla contro Mothra (1992). Regia di Takao Okawara. Toho
  116. ^ Gojira VS Mekagojira (1993). Regia di Takao Okawara. Toho
  117. ^ Gojira VS Destroyer (1995). Regia di Takao Okawara. Toho
  118. ^ Gojira × Megaguirus - G shōmetsu sakusen (2000). Regia di Masaaki Tezuka. Toho
  119. ^ Gojira Mothra King Ghidorah - Daikaijū sōkōgeki (2001). Regia di Shūsuke Kaneko. Toho
  120. ^ Gojira × Mekagojira (2002). Regia di Masaaki Tezuka. Toho
  121. ^ Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS (2003). Regia di Masaaki Tezuka. Toho
  122. ^ Gojira - Final Wars (2004). Regia di Ryūhei Kitamura. Toho
  123. ^ Godzilla (1998). Regia di Roland Emmerich. TriStar Pictures
  124. ^ Jasper Sharp, Historical Dictionary of Japanese Cinema, Scarecrow Press, 2011, p. 67, ISBN 978-0-8108-5795-7.
  125. ^ Mark West, The Japanification of Children's Popular Culture: From Godzilla to Miyazaki, Scarecrow Press, 2008, p. vii, ISBN 978-0-8108-5121-4.
  126. ^ Tadao Sato, Godzilla Criterion Collection Blu-Ray special featurette
  127. ^ The Psychological Appeal of Movie Monsters (PDF), Calstatela.edu. URL consultato il 28 settembre 2013.
  128. ^ Godzilla Wins The MTV Lifetime Achievement Award In 1996 – Godzilla video, Fanpop, 3 novembre 1954. URL consultato il 13 aprile 2010.
  129. ^ USATODAY.com - Godzilla gets Hollywood Walk of Fame star, Usatoday30.usatoday.com, 30 novembre 2004. URL consultato il 25 settembre 2013.
  130. ^ Beck, Jerry (ed.) (1994). The 50 Greatest Cartoons: As Selected by 1,000 Animation Professionals. Atlanta: Turner Publishing. ISBN 1-878685-49-X.
  131. ^ "Godzilla Genealogy Bop" - MST3K season 2, episode 13, aired February 2, 1991
  132. ^ Song Review by Donald A. Guarisco, Godzilla - Blue Öyster Cult | Listen, Appearances, Song Review, AllMusic. URL consultato il 25 settembre 2013.
  133. ^ Martha T. Moore. "Godzilla Meets Barkley on MTV". USA Today. September 9, 1992. 1.B.
  134. ^ Davide Di Giorgio, Andrea Gigante, Gordiano Lupi (2012). Godzilla il re dei mostri: Il sauro radioattivo di Honda e Tsuburaya. Il Foglio Letterario. p. 59. ISBN 978-88-7606-351-0
  135. ^ K. Carpenter, 1997, "A giant coelophysoid (Ceratosauria) theropod from the Upper Triassic of New Mexico, USA", Neues Jahrbuch für Geologie und Paläontologie, Abhandlungen 205(2): 189-208
  136. ^ Gasparini Z, Pol D, Spalletti LA. 2006. An unusual marine crocodyliform from the Jurassic-Cretaceous boundary of Patagonia. Science 311: 70-73.
  137. ^ Darren Naish, The science of Godzilla, 2010 – Tetrapod Zoology, Scienceblogs.com, 1º novembre 2010. URL consultato il 25 settembre 2013.
  138. ^ Toho sues Subway over unauthorized Godzilla ads, The Japan Times (April 18, 2008)
  139. ^ Toho suing Honda over Godzilla, TokyoHive (February 12, 2011)
  140. ^ Sea Shepherd Conservation Society :: The Beast Transforms into a Beauty as Godzilla Becomes the Brigitte Bardot, Seashepherd.org, 25 maggio 2011. URL consultato il 25 settembre 2013.
  141. ^ Gojira htm Biography and Band at the Gauntlet, The Gauntlet
  142. ^ Voltage Pictures Sued For Copyright Infringement, torrentfreak.com. URL consultato il 9 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Esposito (curatore), Max Della Mora, Massimo Monteleone, Fant'Asia. Bologna, Granata Press, 1994
  • Alberto Corradi, Maurizio Ercole, Godzilla il re dei mostri. Venezia, Musa Edizioni, 1997
  • Michele Romagnoli, Godzilla contro Gamera. Storie dall'isola dei mostri. Bologna, Editrice PuntoZero, 1997
  • Francesco Argento, Godzilla: King of The Monsters - L'Era Marvel, Roma, A.C. Novecentonovanta, 1998
  • Alberto Corradi, Maurizio Ercole, Creature d'oriente. Firenze, Tarab, 1998
  • Luigi Cozzi – Riccardo Rosati, Godzilla 2014, Roma, Profondo Rosso, 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENnb2016020875 · BNF: (FRcb136010376 (data)