Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mechagodzilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Povero Godzilla! Ti accorgerai molto presto che non puoi competere con il nostro robot Godzilla. »
(Kuronuma[1])
Mechagodzilla
Godzilla - PS4-PS3 - Ultimate mayhem (E3 Trailer) - MG.png
Universo Godzilla
Nome orig. Mechagodzilla (Mekagojira)
Lingua orig. Giapponese
Soprannome
  • Robot Godzilla
  • Mega Godzilla
  • Kiryu
Autore Shinichi Sekizawa
Editore Toho
1ª app. 1974
1ª app. in Godzilla contro i robot
app. it. 1974
app. it. in Godzilla contro i robot
Interpretato da
Specie Mecha\Robot\Cyborg
Abilità
  • Stessi poteri di Godzilla

Mechagodzilla (メカゴジラ Mekagojira?)[2] è la designazione di tre mecha/cyborg che appaiono in vari film della serie su Godzilla. Fece il suo debuto cinematografico nel 1974 in Godzilla contro i robot, apparendo come un nemico extraterrestre di Godzilla. Nei film seguenti, il personaggio fu ri-immaginato come un arma di origine terrestre creato per difendere il Giappone da Godzilla. In tutte le sue incarnazioni, Mechagodzilla viene raffigurato come un doppelgänger robotico e arcinemico di Godzilla, facendo uso d'una marea di armi.

Il personaggio è fra i più popolari della serie di Godzilla. The Times lo assegno il quindicesimo posto nella sua lista dei 50 miglior robot del cinema,[3] Watchmojo.com lo mise al secondo posto della sua lista dei 10 miglior nemici di Godzilla,[4] mentre la rivista Complex lo assegno il sesto posto tra i 15 kaiju più tosti.[5] IGN lo diede il quarto posto nella sua lista dei 10 miglior mostri del cinema Giapponese.[6]

Storia cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Mechagodzilla fu concepito nel 1974 come un nemico più serio dei suoi predecessori immediati come Gigan e Megalon, siccome i film degli ultimi due erano considerati dei disastri creativi.[7] La decisione fu facilitata dal direttore degli effetti speciali Teruyoshi Nakano, che sostenne che un mostro mecchanico sarebbe stato più economico da creare degli animali mutanti dei film precedenti.[8] Con il successo di Godzilla contro i robot, il personaggio riapparse nel 1975 in Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!. La sceneggiatura fu ispirata dall'iscrizione vincente d'un concorso di scrittura vinto da Yukiko Takayama, che continuò il tono oscuro del film precedente con l'aggiunta d'una trama secondaria in cui il robot viene collegato ciberneticamente a una fanciulla. Il disegno di Mechagodzilla rimase più o meno uguale, ma fu reso più snello e angolare, con sfumature più scure e un insignia con scritto "MG2" fregiato sulle braccia. L'abbozzo originale del film avrebbe mostrato la distruzzione totale di Tokyo da parte del robot, ma il livello di carneficina fu ridotto a causa del budget proibitivo.[9]

Mechagodzilla fu risuscitato nel 1993 in Gojira VS Mekagojira, siccome il successo di Godzilla contro Mothra e la popolarità del personaggio Mothra incoraggiò Toho a ri-introdurre personaggi già familiari al pubblico invece di inventarne nuovi.[10] Il nuovo Mechagodzilla inizialmente fu nominato "Berserk", e fu concepito come una creatura mezza organica che si sarebbe ribellato contro i suoi creatori dopo essere stato infettato con un virus che lo rende autoconsapevole. Berserk avrebbe avuto la capacità di assorbire altri elementi mecchanici, fino al punto di digenerarsi in una massa di cavi e metallo, ma questo abbozzo fu scartato durante la pre-produzione del film.[11] Siccome Mechagodzilla doveva essere raffigurato come un arma militare invece di una macchina extraterrestre, fu ridisegnato con un fisico più liscio e aerodinamico.[10] Fu interpretato dall'attore Wataru Fukuda, che indossò un costume che consisteva di vari elementi separati come l'armatura a piastre. Il direttore degli effetti speciali Koichi Kawakita inizialmente voleva dare al personaggio la capacità di separarsi in due unità; una aerea, e un'altra terrestre, ma l'idea fu scartata e rimpiazzata con la nave da guerra volante Garuda. Il film fu promosso con il programma infantile Adventure Godzilla-land, che raffigurò Mechagodzilla e Godzilla come due anchorman rivali facendo reportage sugli eventi del film.[12] Akira Ifukube compose un tema per il personaggio che consisteva d'una lenta marcia militare con percussione forte e una scala pentatonica.[10]

La sua prossima apparenza è stato nel 2002 in Gojira × Mekagojira. La decisione d'incorporarlo nella serie Millennium fu presa dal produttore Shōgo Tomiyama, che diede l'abbozzo d'una possibile trama al regista Masaaki Tezuka.[13] Tezuka incaricò il suo staff a fare ricerche sulla cibernetica e l'ingenieria genetica per concepire un personaggio realistico. Inizialmente, Tezuka voleva che Mechagodzilla fosse molto più agile di quanto si vede nel film finale, imaginandolo diventando progressivamente più manovrabile più Godzilla gli strappa gli armamenti durante la loro lotta. Questa incarnazione fu deliberatamente raffigurato aereotrasportato invece di volare da solo, siccome Tezuka era dell'opinione che fosse illogico per un robot così grande di sprecare la sua energia in tal modo. Quando fu chiesto perché non scelse di colorare Mechagodzilla nello stile del camuffamento militare, Tezuka rispose "Mechagodzilla non ha bisogno di nascondersi.[14] Tezuka aveva progettato di far perire sia Godzilla che Mechagodzilla alla fine del film, ma fu costretto a cambiarlo all'insistenza dei manager di Toho, che sentivano che ciò sarebbe stato una fine troppo melancolica per un film proiettato a capodanno.[13]

Nel sequel del 2003, Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS, l'artista Shinichi Wakasa ridisegnò il personaggio ad apparire più consumato del suo predecessore. Vari cambiamenti cosmetici furono fatti alla testa, il torace e le braccia di Mechagodzilla allo scopo di renderlo più mecchanico che eroico. Il suo zaino jet fu rimpicciolito e rivolto in giù, e la testa fu diminuita in grandezza. Siccome i cannoni montati sulle sue spalle furono considerati ineleganti a causa della loro forma rettangolare, il direttore degli effetti speciali Eiichi Asada li rese più pentagonali, e i fucili presenti sulle braccia furono ingranditi.[15]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Shōwa Mechagodzilla

Shōwa (1974-1975)[modifica | modifica wikitesto]

In Godzilla contro i robot, Mechagodzilla è la creazione d'un gruppo di alieni antropoidi che intendono di conquistare la Terra prima che il loro pianeta venga rinsucchiato in un buco nero. Mechagodzilla appare a Okinawa camuffato da Godzilla, e si scontra con Angilas, ferendolo gravemente. Godzilla appare e costringe Mechagodzilla a gettare il camuffamento per rivelare la sua vera forma robotica. Lo scontro iniziale finisce al pareggio, ma il robot viene finalmente sconfitto da un alleanza tra Godzilla e re Sisar.[1]

I creatori di Mechagodzilla lo riparano in Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!. Questa volta, il robot viene modificato con cellule cerebrali umani, e i suoi circuiti di controllo vengono integrati nel corpo della fanciulla Katsura Mafune. Mechagodzilla si allea con il dinosauro marino Titano Kong, lui stesso controllato dal padre impazzito di Katsura. Benché il secondo Mechagodzilla si dimostra immune alla decapitazione (la tattica usata da Godzilla nel loro ultimo scontro), il robot viene disattivato quando Katsura si suicidia, permettendo a Godzilla di usare il suo raggio atomico per distruggere Mechagodzilla definitivamente.[16]

Heisei Mechagodzilla

Heisei (1993)[modifica | modifica wikitesto]

In Gojira VS Mekagojira, Mechagodzilla viene costruito dall'Onu attraverso la tecnologia futuristica estratta dai resti di Mecha-King Ghidorah. Mechagodzilla riesce a sopraffare Godzilla a Kyoto, ma viene disabilitato da un malfunzionamento delle sue armi. Mechagodzilla viene aggiustato e fuso con la nave da guerra volante Garuda, dandogli più manovrabilità. Mechagodzilla procede a scontrarsi con sia Godzilla che Rodan. Riesce a paralizzare Godzilla distruggendo il suo cervello secondario, ma viene incenerito quando Rodan sacrifica la sua energia a Godzilla, permettendo al dinosauro d'usare un raggio atomico super-potenziato per mettere fine al robot.[17]

In Gojira tai SupēsuGojira, viene rivelato che i resti di Mechagodzilla furono ricuperati ed utilizzati per creare l'automa M.O.G.U.E.R.A..

Millennium Mechagodzilla

Millennium (2002-2003)[modifica | modifica wikitesto]

L'incarnazione Millenium, Kiryu (機龍 Kiryū?) (derivato da Kikai ryu (機械龍 drago mecchanico?)) appare in due film: Gojira × Mekagojira e Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS. Quando un secondo Godzilla appare nel 1999, l'esercito Giapponese crea un Mechagodzilla usando lo scheletro del primo Godzilla morto nel 1954. Durante la sua prima battaglia con Godzilla, le memorie genetiche di Kiryu vengono svegliate, e comincia a devastare Tokyo fino a che non gli si esaure l'energia. Durante la sua seconda lotta contro il re dei mostri, Kiryu costringe Godzilla a ritirarsi dopo averlo colpito col suo "Absolute Zero Cannon".[18]

In Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS, le Shobijin avvertono il governo Giapponese che Mothra si offre come guardiana del Giappone al posto di Kiryu, siccome considera l'esistenza del cyborg come un abominio. L'ultimatum viene rifiutato, siccome Kiryu fu creato parzialmente per difendere Giappone d'un altro attacco da parte di Mothra. Quando Godzilla riappare, Kiryu e Mothra uniscono le loro forze contro di lui. Kiryu viene costretto a lottare brevemente da solo quando Godzilla ferisce mortalmente Mothra, ma poi viene assisstito dalle sue larve, che intrappolano Godzilla in una crisalide che il cyborg trasporta nell'oceano.[19]

Armamenti[modifica | modifica wikitesto]

Kiryu scatenando il suo "Triple Hyper Maser Cannon" contro SpaceGodzilla, raffigurato nel videogioco Godzilla: The Game (PS3 - 2014 PS3 PS4 - 2015)

Il primo Mechagodzilla è fatto di titanio spaziale, ed è capace di lanciare missili dalle dita e le ginocchia, e raggi laser oculari e toracici. La sua testa può girarsi a 360°, permettendolo di formare uno scudo deflettore capace di dare scosse agli aggressori.[1] Il modello potenziato di Distruggete Kong! La Terra è in pericolo! è fornito di missili girevoli, e non è più vulnerabile alla decapitazione, siccome il suo computer principale si trova in una fonte energetica esterna.[16]

Il secondo Mechagodzilla è fornito d'un reattore nucleare alimentato dal deuterio e l'elio-3 solido. Il suo corpo è ricoperto d'un armatura di diamante sintetico di nome codice "T-1", permettendo al robot di riflettere il raggio atomico di Godzilla e assorbirne l'energia, così potenziando il suo "Plasma Grenade", un raggio che spara dall'addome. Ulteriori armamenti includono raggi oculare e orali, e rampini capaci di penetrare la pelle di Godzilla e folgorarlo. Mechagodzilla viene poi fuso con la nave da guerra volante Garuda, così aggiungendo due cannoni laser al suo arsenale e permettendolo di planare.[17]

Il terzo Mechagodzilla è pilotato remotamente d'una aereo di controllo, e può essere ricaricato remotamente attraverso le microonde. I suoi armamenti includono un cannone maser orale, fucili laser bracciali, e uno zaino-jet fornito di lanciarazzi. La sua arma più micidiale ed energeticamente costosa è il suo "Absolute Zero Cannon", un raggio capace di surgelare e disintegrare i nemici.[18] In Gojira × Mothra × Mekagojira - Tōkyō SOS, questa arma viene rimpiazzata con il "Triple Hyper Maser Cannon".[19]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Godzilla contro i robot (1974). Regia di Jun Fukuda. Toho
  2. ^ Nel doppiaggio italiano di Godzilla contro i robot, il personaggio viene nominato robot Godzilla, mentre in Distruggete Kong! La Terra è in pericolo! viene chiamato Mega Godzilla
  3. ^ Michael Moran, The 50 best movie robots, The Times, 25 luglio 2007. URL consultato il 6 agosto 2007.
  4. ^ WatchMojo.com, Top 10 Godzilla Villains, su YouTube, 25 settembre 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  5. ^ Josh Robertson, "The 15 Most Badass Kaiju Monsters of All Time", Complex (18 maggio, 2014)
  6. ^ Tom Hawker, Top 10 Japanese Movie Monsters, su IGN, 15 maggio 2014. URL consultato il 17 maggio 2016.
  7. ^ S. Ryfle, Japan’s Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G, Toronto: ECW Press, 1998, pp. 195-7, ISBN 1-55022-348-8.
  8. ^ David Kalat, A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series, 2nd, Jefferson, N.C., McFarland & Co., 2010, pp. 136-9, ISBN 978-0-7864-4749-7.
  9. ^ S. Ryfle, Japan’s Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G, Toronto: ECW Press, 1998, pp. 200-6, ISBN 1-55022-348-8.
  10. ^ a b c S. Ryfle, Japan’s Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G, Toronto: ECW Press, 1998, pp. 287-93, ISBN 1-55022-348-8.
  11. ^ (JA) Koichi Kawakita, 平成ゴジラパーフェク [Heisei Godzilla Perfezione], Dengeki Hobby Books, 2012, ISBN 4-04-886119-0.
  12. ^ David Kalat, A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series, 2nd, Jefferson, N.C., McFarland & Co., 2010, pp. 196-201, ISBN 978-0-7864-4749-7.
  13. ^ a b "Tokyo SOS Director EXTRA / 東京SOSの監督〜EXTRA〜 (SciFi Japan TV #27)", CHO Japan (25 settembre, 2014)
  14. ^ "Interview: Masaaki Tezuka and Wataru Mimura", henshionline (accessed 2016-26-05)
  15. ^ "Godzilla X Mothra X Mechagodzilla: Tokyo SOS production report - The men behind the monsters discuss the latest Godzilla film", Uchusen #108 (Asahi Sonorama) (22 ottobre, 2003)
  16. ^ a b Distruggete Kong! La Terra è in pericolo! (1975). Regia di Ishiro Honda. Toho
  17. ^ a b Gojira VS Mekagojira (1993). Regia di Takao Okawara. Toho
  18. ^ a b Gojira × Mekagojira (2002). Directed by Masaaki Tezuka. Toho
  19. ^ a b Godzilla: Tokyo S.O.S. (2003). Directed by Masaaki Tezuka. Toho.