Godzilla II - King of the Monsters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Godzilla II - King of the Monsters
Godzilla King of the Monsters logo.png
Logo originale
Titolo originaleGodzilla: King of the Monsters
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata132 min
Rapporto2,39:1
Generefantastico, fantascienza, azione, avventura
RegiaMichael Dougherty
Soggettodai personaggi creati da Ishirō Honda, Shigeru Kayama, Takeo Murata
SceneggiaturaMax Borenstein, Michael Dougherty, Zach Shields
ProduttoreAlex Garcia, Jon Jashni, Mary Parent, Brian Rogers, Thomas Tull
Produttore esecutivoYoshimitsu Banno, Roy Lee, Dan Lin, Kenji Okuhira, Zach Shields, Barry H. Waldman
Casa di produzioneLegendary Entertainment, Wanda Qingdao Studios, Warner Bros.
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaLawrence Sher
MontaggioRoger Barton
Effetti specialiEric Frazier, Guillaume Rocheron
MusicheBear McCreary
ScenografiaScott Chambliss
CostumiLouise Mingenbach
TruccoJamie Cline, Nancy Cummings, Chris Diamantides, Hagen Linss, Ashley McGuire, Leigh Ann Yandle
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Godzilla II - King of the Monsters (Godzilla: King of the Monsters) è un film del 2019 diretto da Michael Dougherty.

La pellicola, sequel del film del 2014 Godzilla, è interpretata da Kyle Chandler, Vera Farmiga, Ken Watanabe, Bradley Whitford, Charles Dance, Millie Bobby Brown, O'Shea Jackson Jr., Sally Hawkins, Thomas Middleditch, Zhang Ziyi, Aisha Hinds, Anthony Ramos e David Strathairn; gli unici attori a far ritorno dal film precedente sono Hawkins, Watanabe e Strathairn.

È il terzo film del MonsterVerse, universo cinematografico condiviso della Legendary,[1] e trentacinquesimo lungometraggio su Godzilla. Un sequel intitolato Godzilla vs. Kong è previsto per il 21 maggio 2021.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Godzilla affronta King Ghidorah in una scena del film.

La paleobiologa Emma Russell lavora per l'organizzazione cripto-zoologica Monarch per rintracciare e studiare i titani, giganteschi mostri simili a divinità che un tempo dominavano la Terra. Lei e sua figlia Madison assistono alla nascita di una larva gigante soprannominata Mothra. Emma calma la creatura con il dispositivo ORCA che è in grado di emettere frequenze che solo i titani possono ascoltare. Mothra diventa docile, finché un'organizzazione di eco-terroristi, guidata da Alan Jonah, attacca il sito e rapisce sia Emma che Madison. Mothra riesce a fuggire e a formare un bozzolo sotto una cascata.

Gli scienziati e i soldati della Monarch, guidati da Ishirō Serizawa e Vivienne Graham, mettono in contatto Mark, l'ex marito di Emma, per rintracciare lei e la figlia. Mark che è stato il progettista del prototipo dell'Orca è il solo che può trovarla e distruggerla, poiché è diventata un'arma che potrebbe controllare i titani come Godzilla. Mark, tuttavia, intende seguire il gruppo solo per ritrovare la sua famiglia e del resto non gli importa. Il team porta Mark alla base in elicottero, dove è aggiornato con suo sommo terrore che oltre a Godzilla, sono stati identificati altri diciassette titani dormienti sotto la crosta terrestre e che forse sono anche di più. Ishirō Serizawa e la dottoressa Emma spiegano che i governi del mondo li vorrebbero uccidere, poiché li ritengono delle pericolose minacce per la popolazione, ma loro sono convinti che alcuni di questi titani siano benevoli e che potrebbero difendere la vita sul pianeta. Il team giunge infine a Castel Bravo, una base segreta situata nelle Bermuda, che ha il compito di monitorare costantemente Godzilla. Degli scossoni improvvisi mettono in allarme la base. Esaminando i computer, gli scienziati scoprono che Godzilla dà segni di agitazione. I militari si preparano ad attaccarlo, ma Mark li ferma poiché è sicuro che questo farebbe solo infuriare il gigantesco titano. Disattivando le armi il team apre gli sportelli della base per far capire a Godzilla che non sono una minaccia. Nelle profondità marine la criniera ossea di Godzilla manda forti bagliori blu. La dottoressa Vivienne comprende che quelli sono segnali intimidatori ma capisce subito che non sono rivolti a loro. Godzilla con uno scatto si allontana dalla base. Mark esaminando le cartine, capisce che Godzilla ha lasciato il suo terreno di caccia perché si sente minacciato e che ora si sta dirigendo nel punto dove avverte la minaccia.

Seguendo Godzilla il team arriva fino in Antartide e realizza che Jonah intende liberare un titano racchiuso nel ghiaccio chiamato "Mostro Zero", un colossale drago a tre teste, il mostro che Godzilla avvertiva come una pericolosa minaccia. La squadra di Jonah attacca i soldati della Monarch e Mark si accorge che è Emma stessa a risvegliare il Mostro Zero. Il Titano attacca Mark e il suo team, finché Godzilla non emerge e i due si impegnano in un combattimento, durante il quale la dott.ssa Vivienne Graham viene divorata dal Mostro Zero che vola via poco dopo.

Quando la Monarch scopre che il prossimo obiettivo di Jonah è in Messico, vengono contattati da Emma che rivela il suo coinvolgimento con Jonah e afferma che risvegliare i titani è necessario a salvare il mondo, convinzione alimentata dopo aver perso il figlio Andrew durante l'attacco del 2014 a San Francisco. Jonah ordina ad Emma di risvegliare Rodan, un gigantesco uccello di fuoco racchiuso in un vulcano. I jet della Monarch lo attirano verso il Mostro Zero in arrivo e i due mostri combattono, ma il Mostro Zero si libera di Rodan scagliandolo in mare. Poco dopo, però, Godzilla emerge dall'oceano e affronta di nuovo il drago, strappandogli una delle teste. Nel bel mezzo della battaglia, l'esercito lancia un missile noto come "Oxygen Destroyer" verso di loro per ucciderli, ma l'arma uccide apparentemente solo Godzilla che affonda nell'oceano. Il Mostro Zero sopravvive rimanendo illeso e rigenera una nuova testa. Dopo che Rodan si sottomette a lui, il drago a tre teste risveglia tutti i titani dormienti.

Attraverso i testi mitologici, la Dr. Ilene Chen rivela che il Mostro Zero è Ghidorah, un antico predatore alpha alieno, nemico naturale di Godzilla, spiegando così come le sue capacità siano superiori a quelle degli altri mostri e perché il missile Oxygen Destroyer su di lui non abbia avuto effetto. Serizawa capisce infine che Ghidorah è un elemento estraneo dell'equilibrio della Terra e che egli non farà rinascere a nuova vita il mondo come si credeva all'inizio, ma lo porterà alla sua totale distruzione e solo Godzilla in quanto predatore alpha originale poteva fermarlo. Gli scienziati e i militari comprendono di avere ucciso il solo che poteva salvare la terra. Intanto, Mothra emerge dal suo bozzolo e vola nella struttura Monarch delle Bermuda, dove inizia a mandare un verso simile a un canto. A questi versi risponde Godzilla che si scopre infine essere sopravvissuto alla detonazione e si sta riprendendo all'interno di un'antica città sottomarina. Il gruppo capisce che, nonostante la differenza di specie, Mothra e Godzilla hanno una relazione simbiotica e la gigantesca falena sta richiamando l'aiuto di Godzilla per fermare Ghidorah, considerato un'anomalia sul pianeta Terra che presto porterà il caos. Mark e una squadra si imbarcano su un sottomarino per rianimare Godzilla, rendendosi conto che il processo naturale potrebbe richiedere anni. Decidono di far detonare un'arma nucleare, permettendo a Godzilla di nutrirsi delle radiazioni. Impossibilitati però a lanciarla nell'antica dimora del Titano per colpa di un guasto, il Dr. Serizawa si offre volontario e si sacrifica per far detonare manualmente l'arma, la quale rinvigorisce e potenzia il Titano.

A Boston, Emma si rende conto che molti altri titani si stanno risvegliando senza l'aiuto dell'ORCA. Capisce così che risvegliare Ghidorah è stato uno sbaglio perché ciò che sta accadendo, in realtà, non sta seguendo il corso "naturale" che lei prevedeva: ora che a controllare i titani è un essere alieno, i loro attacchi non stanno rigenerando l'ecosistema come quando erano sotto il controllo di Godzilla, perciò, una volta terminati, questi avranno portato solo ad un'estinzione di massa. Emma prova ad avvertire Jonah della propria scoperta, ma questi la ignora. Madison capisce che la madre è in errore e ruba l’ORCA. A Fenway Park, Madison trasmette una frequenza che attrae tutti i titani nella sua posizione. Ghidorah arriva a Boston e tenta di distruggere l'ORCA, ma Godzilla e l’esercito Monarch lo fermano. Mark guida un team per salvare Madison e fuggire dalla città prima che Godzilla si sovraccarichi ed emetta un'esplosione termonucleare. Mothra e Rodan si scontrano in cielo mentre Godzilla combatte contro Ghidorah. Mothra sconfigge Rodan infilzandolo col suo pungiglione e, anche se ferita e quasi stremata, si lancia in volo contro Ghidorah in difesa di Godzilla, ma viene disintegrata dal raggio dell'alieno nel tentativo di proteggere il suo compagno, trasmettendo però a quest'ultimo tutta la sua energia.

Mark, Emma e Madison si riuniscono e cercano di riavviare l'ORCA danneggiata per attirare Ghidorah lontano da Godzilla che è ferito. Mentre vengono evacuati, Emma si sacrifica scappando con l'ORCA per continuare ad attirare Ghidorah, cosicché Mark e Madison possano scappare. Godzilla, grazie al sacrificio di Mothra, si riprende e brucia Ghidorah con impulsi termonucleari. Rodan e gli altri titani convergono su Godzilla e si inchinano a lui, riconoscendolo come unico re dei mostri mentre il colossale titano lancia un poderoso ruggito di vittoria.

Durante i titoli di coda, viene rivelato che la Monarch ha divulgato le proprie informazioni sui titani al pubblico. I ritagli di notizie mostrano la scoperta di un secondo uovo di Mothra e di titani che convergono a Skull Island, mentre antichi dipinti ritraggono Godzilla che combatte contro Kong.

In una scena dopo i titoli di coda, un pescatore rivela di essere misteriosamente entrato in possesso della testa di Ghidorah e Jonah si rivela interessato ad acquistarla.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente Gareth Edwards doveva tornare come regista,[2] ma nel maggio 2016 viene sostituito da Dougherty, coautore anche della sceneggiatura insieme a Max Borenstein e Zach Shields.

Le riprese del film sono iniziate il 19 giugno 2017 ad Atlanta,[3][4] col titolo lavorativo Fathom.[5] Alcune riprese sono state effettuate nel centro storico di Città del Messico dal 19 al 22 agosto 2017.[6] Le riprese sono terminate il 27 settembre 2017.[7]

Il budget del film è stato di 170 milioni di dollari.[8]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«One King to rule them all»

(IT)

«Un re per domarli tutti»

(Tagline)

Il 18 luglio 2018 l'attrice Millie Bobby Brown diffonde la prima clip del film tramite il suo profilo Instagram,[9] mentre il trailer esteso è stato proiettato al San Diego Comic-Con International il 21 luglio e diffuso di seguito online.[10]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 31 maggio 2019, anche in 3D, IMAX ed IMAX 3D[9] ed in quelle italiane dal 30 maggio.[11]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Godzilla II - King of the Monsters ha incassato 110,5 milioni di dollari nel Nord America e 275,4 milioni nel resto del mondo, per un totale di 385,9 milioni di dollari.[8]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni miste dalla critica; è stato elogiato per gli effetti visivi e le sequenze d'azione, ma criticato per la trama sottile e lo scarso sviluppo dei personaggi umani.[12][13]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 41% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 5,16 su 10 basato su 320 critiche;[14] su Metacritic ottiene un punteggio di 48 su 100 basato su 46 critiche,[15] mentre su CinemaScore ottiene una B+.

Sul sito IGN, Scott Collura ha dato al film 7,8 su 10, aggiungendo che "sfortunatamente la trama del film è inutilmente confusa e non così furba, e i personaggi principali avrebbero potuto fare una maggiore carneficina. Tuttavia, King of the Monsters corregge in parte il film del 2014, dando agli spettatori un'abbondanza di azione mostruosa, dimostrando che Hollywood può ancora dare del suo meglio con Godzilla e i suoi compagni kaiju";[16] su /Film Chris Evangelista assegna al film un 6,5 su 10, criticando i personaggi umani ma lodando le sequenze d'azione tra kaiju.[17] Kate Erbland di IndieWire ha dato una C-, definendolo "oscuro, umido e inetto".[18]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il sequel, Godzilla vs. Kong, previsto inizialmente per il 13 marzo 2020 e poi posticipato al 19 novembre dello stesso anno, viene posticipato nuovamente al 21 maggio del 2021.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Legendary and Warner Bros. Pictures Announce Cinematic Franchise Uniting Godzilla, King Kong and Other Iconic Giant Monsters, su Legendary Pictures.
  2. ^ (EN) Borys Kit, Star Wars' Spinoff Hires 'Godzilla' Director Gareth Edwards (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 22 maggio 2014. URL consultato il 23 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Debi Moore, Filming Kicks off for Godzilla: King of the Monsters in Georgia, dreadcentral.com, 19 giugno 2017. URL consultato il 19 luglio 2018.
  4. ^ (EN) Steve Barton, Godzilla: King of the Monsters Begins Production This Summer, dreadcentral.com, 13 febbraio 2017. URL consultato il 19 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Matt Walljasper, What’s filming in Atlanta now? Avengers: Infinity War, Godzilla, The Passage, and more, atlantamagazine.com, 28 giugno 2017. URL consultato il 19 luglio 2018.
  6. ^ (ES) Así será el cierre vehicular por filmación de secuela de 'Godzilla', elfinanciero.com.mx, 15 agosto 2017. URL consultato il 19 luglio 2018.
  7. ^ (EN) David Stephens, Godzilla 2 is Officially Done Filming, screenrant.com, 27 settembre 2017. URL consultato il 19 luglio 2018.
  8. ^ a b (EN) Godzilla II - King of the Monsters, su Box Office Mojo. URL consultato il 21 giugno 2019. Modifica su Wikidata
  9. ^ a b Andrea Francesco Berni, Godzilla: King of Monsters, Millie Bobby Brown in cerca di Monarch nel primo teaser, badtaste.it, 18 luglio 2018. URL consultato il 18 luglio 2018.
  10. ^ Filmato audio Warner Bros., Godzilla: King of the Monsters - Official Trailer 1, su YouTube, 21 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  11. ^ Warner Bros., Ghidorah vi aspetta al cinema dal 30 maggio in #Godzilla II: King Of The Monsters!, su Facebook, 22 marzo 2019. URL consultato il 22 marzo 2019.
  12. ^ (EN) Adam Holmes, Godzilla: King Of The Monsters Reviews Are In, Here’s What The Critics Are Saying, su cinemablend.com, maggio 2019. URL consultato il 22 giugno 2019.
  13. ^ Simona Carradori, Godzilla: King of the Monsters, le prime reazioni della stampa parlano chiaro, su Best Movie, 11 maggio 2019. URL consultato il 22 giugno 2019.
  14. ^ (EN) Godzilla II - King of the Monsters, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 21 giugno. Modifica su Wikidata
  15. ^ (EN) Godzilla II - King of the Monsters, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 21 giugno 2019. Modifica su Wikidata
  16. ^ (EN) Godzilla: King of the Monsters review, su IGN. URL consultato il 21 giugno 2019.
  17. ^ (EN) Godzilla: King of the Monsters' Review: A Massive Monster Mash Dragged Down By Those Pesky Humans, su /Film. URL consultato il 21 giugno 2019.
  18. ^ (EN) ‘Godzilla: King of the Monsters’ Review: A Sequel That’s Dark, Wet, and Inept, su IndieWire. URL consultato il 21 giugno 2019.
  19. ^ (EN) Naomi Wakeling, Nominations for the 2nd annual National Film & TV Awards are announced, su National Film & TV Awards, ottobre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  20. ^ (EN) Greg Evans, E! People’s Choice Awards Finalists Announced; Voting Open Through Oct. 18 – Complete List, su deadline.com, 4 settembre 2019. URL consultato il 18 settembre 2019.
  21. ^ (EN) The 45th annual Saturn Awards (PDF), su deadline.com. URL consultato il 17 luglio 2019.
  22. ^ (EN) Beatrice Verhoeven e Jeremy Fuster, ‘Godzilla vs Kong’ Pushed to November 2020, su thewrap.com, 25 novembre 2019. URL consultato il 26 novembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]