Sally Hawkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sally Hawkins nel 2017

Sally Cecilia Hawkins (Londra, 27 aprile 1976) è un'attrice britannica.

La Hawkins ha debuttato nel 2002 con il film Tutto o niente di Mike Leigh, continuando a collaborare con il medesimo regista ne Il segreto di Vera Drake (2004) e La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky (2008). Per quest'ultimo si è aggiudicata un Golden Globe e un Orso d'argento per la migliore attrice al Festival di Berlino. Nel 2013 viene scelta da Woody Allen per il suo film Blue Jasmine, per il quale è stata candidata al Golden Globe, al Premio BAFTA, allo Screen Actors Guild Award e al Premio Oscar nella sezione miglior attrice non protagonista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Jacqui e Colin Hawkins, due noti scrittori e illustratori di libri per bambini.[1] È cresciuta a Dulwich, nel sud-est di Londra, dove ha frequentato la James Allen Girls' School, successivamente studia alla Royal Academy of Dramatic Art. Inizia la sua carriera lavorando in teatro, apparendo in produzioni shakespeariane come Romeo e Giulietta, Molto rumore per nulla e Sogno di una notte di mezza estate. Nel 1998, ancora studentessa, ottiene un piccolo ruolo in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma.[2] Nel 2005 lavora nella versione di David Hare dell'opera teatrale di Federico García Lorca La casa di Bernarda Alba.

Grazie ai suoi lavori teatrali viene notata dal regista Mike Leigh che le affida un ruolo nel film Tutto o niente, da quel momento inizia una collaborazione con il regista che la porta a lavorare anche nel successivo film Il segreto di Vera Drake del 2004. Nello stesso anno recita in The Pusher di Matthew Vaughn. La sua carriera continua in televisione, dove lavora nella serie televisiva Little Britain e nella miniserie Fingersmith. Nel 2006 ottiene una parte ne Il velo dipinto, mentre l'anno seguente recita per Woody Allen in Sogni e delitti.

Nel 2008 torna a lavorare per il suo mentore Mike Leigh in La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky, per la cui interpretazione vince numerosi premi tra cui l'Orso d'Argento per la migliore attrice[3] e il Golden Globe 2009[4]. Nel 2013 interpreta la parte di Ginger, la sorella della protagonista Cate Blanchett, in Blue Jasmine di Woody Allen,[2] che le fa ottenere la candidatura all'Oscar alla miglior attrice non protagonista,[5] al Golden Globe,[6] al Premio BAFTA.

Successivamente interpreta la dottoressa Wates nel reboot di Godzilla del 2014. Sempre nello stesso anno ottiene anche la parte di Mary Brown nell'acclamato film fantastico Paddington, diretto da Paul King, e verrà riconfermata anche per il sequel uscito nel 2017, Paddington 2. Nel 2016 è nel cast di Maudie - Una vita a colori, diretto da Aisling Walsh, che le fa guadagnare un premio come miglior attrice al San Diego Film Critics Society Awards.[7][8]

Nel 2017 viene presentato alla 74ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il film La forma dell'acqua - The Shape of Water, dove recita nei panni della protagonista Elisa, un'addetta alle pulizie affetta da mutismo, accanto a Michael Shannon ed Octavia Spencer. Riceve per la sua interpretazione la sua terza candidatura al Premio Golden Globe nella categoria migliore attrice in un film drammatico[9] e nella categoria migliore attrice agli Screen Actors Guild Award[10].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sally Hawkins è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Children's Books - Articles - Authorgraph No.116: Colin and Jacqui Hawkins | BfK No. 116, su booksforkeeps.co.uk. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  2. ^ a b (EN) Ramin Setoodeh, Sally Hawkins on her Secret ‘Star Wars’ Role and ‘Blue Jasmine’, in Variety, 16 dicembre 2013. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  3. ^ a b Berlino, il brasiliano "Tropa de elite" conquista da outsider l'Orso d'oro - Spettacoli & Cultura, su Repubblica.it, 16 febbraio 2008. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  4. ^ a b (EN) Stephen M. Silverman, Angelina Jolie, Brad Pitt Score Golden Globe Nods, in PEOPLE.com, 11 dicembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  5. ^ a b Le nomination agli Oscar 2014, in Il Post, 16 gennaio 2014. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  6. ^ a b Golden Globe 2014, le nomination. La grande bellezza miglior film straniero, in Il Fatto Quotidiano, 12 dicembre 2013. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  7. ^ a b (EN) 2017 San Diego Film Critics Society’s Award Nominations, San Diego Film Critics Society, 9 dicembre 2017. URL consultato il 10 dicembre 2017.
  8. ^ a b (EN) 2017 San Diego Film Critics Society Award Winners, in San Diego Film Critics Society, 11 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  9. ^ a b (EN) 2018 Golden Globes Nominations: See the Full List, Vanity Fair, 11 dicembre 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  10. ^ a b (EN) Here are the nominees for the 24th Annual Screen Actors Guild Awards, Los Angeles Times, 13 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017.
  11. ^ Andrea Francesco Berni, Los Angeles Film Critics Association: Chiamami col tuo Nome è il miglior film dell’anno, badtaste.it, 4 dicembre 2017. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  12. ^ (EN) 'Call Me By Your Name,' 'Shape of Water' lead Chicago Film Critics nominations, Daily Herald, 10 dicembre 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  13. ^ (EN) DFW Film Critics Name ‘The Shape of Water’ Best Picture of 2017, su Dallas-Fort Worth Film Critics Association, 13 dicembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  14. ^ (EN) 'Call Me by Your Name,' 'Lady Bird' Top Australian Academy Nominees, in TheWrap, 12 dicembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  15. ^ (EN) Pete Hammond, Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  16. ^ (EN) Nancy Tartaglione, ‘Three Billboards’ Leads London Critics’ Circle Film Award Nominations, in Deadline, 19 dicembre 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  17. ^ (EN) Steve Pond, 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, thewrap.com, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN107781794 · ISNI: (EN0000 0001 1697 3550 · LCCN: (ENnr2005009515 · GND: (DE140796002 · BNF: (FRcb160376886 (data)