Ray Patterson (animatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raymond "Ray" Patterson (Hollywood, 23 novembre 1911Encino, 30 dicembre 2001) è stato un animatore e regista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio con Charles Mintz[modifica | modifica wikitesto]

Patterson iniziò ad occuparsi di animazione fin da giovanissimo e nel 1929 fu assunto nel reparto di inchiostratura e coloritura della Screen Gems, studio di produzione aperto poco tempo prima da Charles Mintz ad Hollywood.[1]

Accortosi del suo talento, Mintz lo promosse prima a intercalatore, poi ad assistente e infine a disegnatore della serie Scrappy. Presso lo stesso studio lavorava anche suo fratello, Don Patterson, che avrebbe intrapreso una carriera parallela a quella di Ray, passando alla Disney, alla MGM, allo studio di Walter Lantz ed infine alla Hanna-Barbera. Patterson rimase da Mintz per dieci anni.[2]

Walt Disney Productions[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939 gli fu offerto un posto allo Disney, dove lavorò inizialmente come animatore di alcuni cortometraggi con protagonista il cane Pluto, come Un problema di ossi e Il compagno di giochi di Pluto (in questo corto Patterson lavorò anche sullo storyboard).[1]

Nel 1940 Patterson fu assegnato all'unità di animazione che, diretta dal regista T. Hee, creò una delle sequenze più celebri del film Fantasia: La danza delle ore. L'anno seguente lavorò come animatore nel film Dumbo, in particolare nella scena sui clown pompieri. In entrambi i film Disney partecipò anche il fratello.

Metro-Goldwyn-Mayer[modifica | modifica wikitesto]

Patterson lasciò la Disney nel 1941 durante lo sciopero degli animatori Disney per lavorare allo studio di animazione della Metro-Goldwyn-Mayer, dove venne assegnato all'unità di William Hanna e Joseph Barbera, creatori della serie Tom & Jerry.

Hanna e Barbera si occuparono dei cortometraggi della serie dal 1940 al 1958, ottenendo un grande successo grazie ad un gruppo di animatori di talento: Ed Barge, Irven Spence, Kenneth Muse e Pete Burness. Ad essi nel 1941 si unì Ray Patterson, che collaborò a più di sessanta episodi della serie, tra cui i premi Oscar Jerry nei guai (1944), Silenzio, prego! (1945), Il piccolo orfano (1949) e Caccia a tempo di valzer (1953). Si occupò inoltre dell'animazione di Jerry Mouse nella famosa sequenza di danza con Gene Kelly nel film del 1945 Due marinai e una ragazza (Canta che ti passa).

Alla MGM Ray poté affinare ulteriormente le proprie capacità lavorando con Tex Avery su diversi corti della serie Droopy.

Per un breve periodo tra il 1945 e il 1946 fu in Inghilterra, dove collaborò con David Hand, anch'egli uscito dalla Disney, nell'organizzare il reparto animazione della Rank Organisation. Fece quindi ritorno alla MGM, dove rimase fino al 1953.

La Grantray-Lawrence Animation e le collaborazioni negli anni '50 e '60[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954 lasciò la MGM e riuscì a far avverare il desiderio di avere una casa di produzione tutta sua, fondando la Grantray-Lawrence Animation insieme a Grant Simmons (suo collega e amico dei tempi della Disney) e al produttore Bob Lawrence. Nei suoi primi lavori, la Grantray-Lawrence fornì animazione per spot televisivi, tra cui quello per le sigarette Winston. Lo studio assunse diversi talenti del settore come collaboratori e divenne in seguito noto per la produzione di serie televisive a basso costo. La più famosa fu probabilmente The Marvel Superheroes, andata in onda nel 1966, trasposizione televisiva dei personaggi dei fumetti della Marvel Comics prodotta in collaborazione con la Krantz Films.

I costi di realizzazione furono mantenuti bassi riciclando alcune tavole dei fumetti Marvel e limitando al minimo l'animazione. Malgrado ciò ottenne un successo tale che nel 1967 la Marvel commissionò alla Grantray-Lawrence una nuova serie per la ABC: L'Uomo Ragno.[2]

La Grantray-Lawrence produsse in quegli anni altre serie di buon successo, come Rocket Robin Hood del 1966 e Max, the 2000-Year-Old Mouse nell'anno successivo. Tuttavia, a causa di problemi economici, sia Simmons che Patterson collaboravano come esterni con altre case di produzione, in special modo con Walter Lantz, che nel 1954 assegnò loro la sceneggiatura e la direzione di due cortometraggi, Dig that Dog e Broadway Bow Wow's. Del primo, che fu l'esordio del cane Cruddles (che divenne uno dei cavalli di battaglia di Lantz) Patterson fu anche sceneggiatore, mentre al secondo partecipò anche Don Patterson.

Nei primi anni sessanta Patterson iniziò a collaborare con la Hanna-Barbera, che i due famosi registi avevano fondato nel 1957 a seguito della chiusura del reparto animazione della MGM. Fu direttore dell'animazione in alcune delle loro prime storiche serie televisive: Gli Antenati, I Pronipoti, L'Orso Yoghi e Top Cat.

Sempre in quegli anni Patterson e Simmons collaborarono con la UPA come disegnatori nella serie Mr. Magoo e al lungometraggio Musetta alla conquista di Parigi. Nel 1963 i due produssero e diressero anche alcuni episodi della serie The New Casper Cartoon Show.

La Hanna-Barbera e gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado i numerosi lavori, la Grantray-Lawrence Animation fu mai redditizia economicamente e i due dovettero dichiarare fallimento nel 1967. Grant Simmons morì pochi anni dopo.

A seguito di ciò, Ray Patterson strinse rapporti di collaborazione ancora più stretti con i suoi vecchi amici Hanna e Barbera, presso cui si stabilì definitivamente verso la metà degli anni settanta, lavorando a The Tom & Jerry Show. Nella prima metà del decennio continuò a collaborare da esterno come direttore dell'animazione o supervisore in lungometraggi (La meravigliosa, stupenda storia di Carlotta e del porcellino Wilbur) e serie tv (Emergency +4).

Fu quindi supervisore all'animazione e alla regia in diverse serie televisive prodotte da Hanna-Barbera, tra cui The All-New Scooby and Scrappy-Doo Show e Hazzard, e lungometraggi dell'Orso Yoghi e Scooby-Doo.

Verso la metà degli anni ottanta fu promosso vicepresidente del settore animazione. Ebbe tale carica fino al ritiro lavorativo nel 1993, rimanendo comunque attivo fino all'ultimo, ad esempio come direttore nell'animazione de I pronipoti: Il film nel 1990 e timing director nel suo ultimo lavoro non occasionale: C'era una volta nella foresta del 1993.

Nel 1984 Patterson vinse un Golden Award, e tra il 1985 e il 1994 ricevette sei nomination al Premio Emmy. Nel 1999 venne premiato con il Winsor McCay Award dall'ASIFA-Hollywood per la sua vita di contributi al campo dell'animazione. Morì di cause naturali il 30 dicembre 2001 a Encino (Los Angeles), all'età di 90 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b - "In Memoriam" sul sito dell'Animation Guild Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive.
  2. ^ a b Ray Patterson, 90; Cartoon Animator of Tom and Jerry, Pluto, in Los Angeles Times, 9 gennaio 2002, pp. B–11.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147887619 · ISNI (EN0000 0000 9958 3648 · BNF (FRcb138982965 (data)