RMS Carpathia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RMS Carpathia
RMS Carpathia
RMS Carpathia
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Transatlantico
Proprietà Cunard Line
Costruttori Swan Hunter & Wigham Richardson
Cantiere Newcastle upon Tyne, Regno Unito.
Varata 6 agosto 1902
Entrata in servizio 22 aprile 1903
Destino finale Affondata il 17 luglio 1918 dal sommergibile tedesco U-55.
Caratteristiche generali
Dislocamento 8600
Stazza lorda 13.555 tsl
Lunghezza 165 m
Larghezza 19,7 m
Pescaggio 10,5 m
Propulsione A vapore, 8 cilindri a quadrupla espansione con doppia elica.
Velocità 17.5 nodi  (32.4 km/h)
Passeggeri
  • Prima classe: 100
  • Seconda classe: 200
  • Terza classe: 2500

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

L'RMS Carpathia era un transatlantico inglese della compagnia navale Cunard Line. Divenne particolarmente famoso nel 1912 per aver tratto in salvo i naufraghi dell'RMS Titanic.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Carpathia venne costruito da Swan Hunter & Wigham Richardson, nel loro cantiere a Newcastle upon Tyne, in Inghilterra. Varata il 6 agosto 1902, ha sostenuto le sue prove in mare tra il 22 e il 25 aprile 1903. Il suo dislocamento era di 8.600 tonnellate, la sua lunghezza era di 541 piedi (165 m) e la sua larghezza di 64 (19,66 m). Il Carpathia effettuò il suo primo viaggio il 5 maggio 1903 da Liverpool a Boston, in seguito prestò servizio sulla linea New York, Gibilterra, Genova, Napoli, Trieste, Fiume.
È stata utilizzata come per trasporto truppe dalla Canadian Expeditionary Force, durante la prima guerra mondiale.

Il disastro del Titanic[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte di domenica 14 aprile 1912, il Carpathia navigava da New York a Fiume. Tra i suoi passeggeri erano presenti i pittori americani Colin Campbell Cooper, Jr. e sua moglie Emma, il giornalista Lewis Skidmore, il fotografo Francis Blackmarr, e Charles Marshall, i cui tre nipoti stavano viaggiando a bordo del Titanic.

Alle 23:40 il Titanic ebbe una collisione con un iceberg, nell'Atlantico settentrionale.

Il telegrafista del Carpathia Harold Cottam ricevette un messaggio da Cape Race (Terranova), in cui si affermava che la stazione aveva traffico privato per il Titanic. Pensò che sarebbe stato utile e inviò un messaggio al Titanic affermando che Cape Race aveva traffico per loro. In risposta ricevette un segnale di soccorso. Cottam svegliò il Capitano Arthur Rostron, che subito tracciò una rotta da percorrere a velocità massima (17 nodi, corrispondenti a 31 km/h) per l'ultima posizione nota del Titanic, circa 58 miglia (93 km) di distanza.

Il Carpathia giunse sul luogo del disastro, dopo aver percorso una pericolosa rotta attraverso i campi di ghiaccio, alle ore 4:00 del 15 aprile, un'ora e mezzo dopo l'affondamento del Titanic. Nel corso delle ore successive l'equipaggio fece salire a bordo i 705 superstiti e le lance di salvataggio del transatlantico della White Star Line e partì per New York, dove giunse il 18 aprile.[1]

Il Capitano Arthur Henry Rostron.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Per l'aiuto prestato al Titanic, l'equipaggio del Carpathia venne premiato con medaglie dai superstiti: i membri dell'equipaggio vennero premiati con medaglie di bronzo, gli ufficiali con medaglie d'argento; il Capitano Rostron ricevette la medaglia d'oro e una coppa d'argento, presentata da Margaret Brown, una delle superstiti del Titanic. Rostron fu successivamente ospite del Presidente Taft alla Casa Bianca, e ricevette la Medaglia d'oro del Congresso, il più alto riconoscimento civile conferito dal Congresso degli Stati Uniti d'America.

La fine[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima guerra mondiale, il Carpathia venne utilizzato per trasferire le truppe americane in Europa (tra loro vi era anche Frank Buckles, che divenne l'ultimo veterano americano della guerra). Faceva parte di un convoglio quando fu silurato il 17 luglio 1918 al largo della costa orientale dell'Irlanda dal sommergibile tedesco U-55. L'esplosione uccise tre fuochisti e altre due persone nella sala macchine.[2] Il Carpathia cominciò a imbarcare acqua e ad affondare di prua.[3] A parte i cinque membri dell'equipaggio morti in sala macchine, tutte le altre 218 persone a bordo furono tratte in salvo il giorno seguente dalla nave Snowdrop.[2] L'ultimo avvistamento della nave fu alle 02:45, mentre la sezione di poppa spariva sott'acqua.

Il ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 settembre 1999, le agenzie di stampa Reuters e AP riportarono che nella settimana precedente l'associazione Argosy International Ltd. guidata da Graham Jessop (figlio dell'esploratore sottomarino di fama internazionale Keith Jessop) aveva trovato il relitto del Carpathia sul fondo dell'Oceano Atlantico, circa 185 miglia (298 km) a ovest di Lands End, il punto più occidentale dell'Inghilterra.
"È in condizioni discrete per un relitto di quell'età", disse Jessop. "È tutta d'un pezzo, ed è in piedi".[4]

L'anno successivo lo scrittore e subacqueo americano Clive Cussler annunciò che la sua organizzazione, NUMA, aveva trovato il relitto nella primavera del 2000[5][6], a una profondità di 150 metri.[7] Dopo l'attacco dell'U-55 il Carpathia girò su se stesso e atterrò in posizione verticale sul fondo del mare. NUMA ha dato la posizione del relitto a 120 miglia (222 km) al largo di Fastnet, Irlanda.[8]

L'attuale proprietario della nave è la compagnia Premier Exhibitions Inc. (precedentemente RMS Titanic Inc.), che prevede di recuperare oggetti dal relitto.[7]
La stessa società possiede i diritti del Titanic i cui reperti sono mostrati nelle mostre di tutto il mondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Titanic Inquiry Project" Electronic copies of British and American inquiries into the disaster
  2. ^ a b CARPATHIA SUNK; 5 OF CREW KILLED; in New York Times, 20 luglio 1918, p. 4.
  3. ^ R.M.S. Carpathia" A detailed description of the ship
  4. ^ UK Titanic rescue ship 'found'"
  5. ^ Wreck of the Carpathia, Titanic's Rescuer, Found" from www.numa.net
  6. ^ DISCOVERY OF THE R.M.S. CARPATHIA" from www.titanic-titanic.com
  7. ^ a b Dive to film Titanic rescue ship" from http://news.bbc.co.uk
  8. ^ Carpathia Rescue - Rescue Ship of Titanic Found

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]