RMS Aquitania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RMS Aquitania
L'Aquitania nel 1914
L'Aquitania nel 1914
Descrizione generale
Government Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Transatlantico
Proprietario/a Cunard Line
Costruttori John Brown and Company
Impostata 8 dicembre 1910
Completata 21 aprile 1913
Destino finale Demolita a Faslane, in Scozia nel 1950
Caratteristiche generali
Stazza lorda 45.647 tsl
Lunghezza 264,76 m
Larghezza 29,6 m
Propulsione 29 caldaie, 2 macchine, 4 cilindri alternativi a tripla espansione, bassa pressione turbina, 2 eliche, 3 pale laterali, 1 elica centrale di 4 pale.
Velocità 24 nodi massimi, 23 nodi normali nodi
Equipaggio 972

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

L'RMS Aquitania è stata una nave della Cunard Line, nota per aver ricevuto il premio di "Nave bella" e per esser stata nave ospedale nelle guerre mondiali. Il suo nome è preso dall'ex regione della Gallia (Francia) franca del Medioevo.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Per rispondere alle enormi navi costruite dalla White Star Line, Olympic e Titanic (ed in seguito anche il Britannic), a loro volta costruite per superare in grandezza proprio la 2 navi precedenti della Cunard, Mauretania e Lusitania, l'Aquitania stazza molto più delle appena citate sorelle, perché molto più grande.

Infatti si voleva creare una nave che in grandezza raggiungesse le 3 navi della Classe Olympic, ma anche il loro lusso.

I viaggi[modifica | modifica wikitesto]

La nave venne varata il 21 aprile 1913 (il Lusitania, non era stato ancora affondato).

L'Aquitania è la seconda nave nella storia per maggior tempo di impiego, quasi 40 anni di servizio.

Venne, perciò, impiegata sia nella 1^ che nella 2ª guerra mondiale.

Nonostante le sue dimensioni, riusciva ad andare anche un po' più veloce delle navi della White Star Line.

La triste fine[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il suo lunghissimo impiego in mare, a malincuore nel 1950 la nave fu portata a Faslane, in Scozia, dove venne demolita.

L'Aquitania prima del varo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]