Lady Duff Gordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Lucile" rimanda qui. Se stai cercando il nome proprio di persona, vedi Lucilla.
Lucy Christiana, Lady Duff Gordon (1916). Foto di Arnold Genthe

Lucy Christiana Duff Gordon, detta Lady Duff Gordon e nata Lucy Christiana Sutherland (Londra, 13 giugno 1863Londra, 20 aprile 1935), è stata una costumista e sarta britannica. Sorella della celebre scrittrice Elinor Glyn, lavorò come costumista per il teatro e, a Hollywood, per il cinema. La sua casa di mode era la famosa Lucile, costituita nel 1894, nome con cui firmava i suoi modelli: abiti da sera, abiti per le occasioni eleganti e lingerie di gran classe. Costumista teatrale e cinematografica, dopo il matrimonio nel 1900 con Sir Cosmo Duff-Gordon, usò il nome di Lady Duff Gordon per firmare i suoi lavori.

Insieme al marito Cosmo Duff-Gordon e alla segretaria, Laura Francatelli, fu una dei sopravvissuti al naufragio del RMS Titanic.

Morì a Putney.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata Lucy Christiana Sutherland, era la figlia maggiore di un ingegnere civile, Douglas Sutherland (1838–1865), e dell'anglo-franco canadese Elinor Saunders (1841–1937). Dopo la morte del padre a causa di una febbre tifoidea, la madre portò Lucy insieme alla sorellina Elinor in Canada, dove vivevano i nonni materni. La famiglia restò in Ontario fino al nuovo matrimonio di Elinor Saunders, che, nel 1871, sposò David Kennedy. La nuova famiglia si trasferì a Saint Helier, sull'isola di Jersey. Nel 1875, Lucy e la sorella Elinor furono vittime del naufragio della loro nave che le riportava a Jersey dopo essere state in visita a parenti che vivevano in Inghilterra.

Nel 1884, Lucy si sposò con James Stuart Wallace, da cui ebbe una figlia, Esme (1885–1973). Wallace era un alcoolizzato e Lucy trovò consolazione in altri uomini. Ebbe una lunga relazione con Sir Morell Mackenzie e, finalmente, nel 1893, poté divorziare dal marito.

Lucile, casa di moda[modifica | modifica sorgente]

Vestito da sera di Lucile (1912)
Raso, pizzo e chiffon, fascia di velluto di seta, corpetto foderato di gros grain e sostenuto da osso di balena
Abito conservato al Victoria and Albert Museum

Lucy aveva acquisito amore per la moda vestendo la sua collezione di bambole, studiando gli abiti indossati dalle donne nei dipinti della sua famiglia e creando vestiti per sé e per la sorella. Trovandosi in difficoltà finanziarie dopo il divorzio, pensò di mettere a frutto questa sua passione lavorando come sarta. Iniziò a lavorare a casa, poi, nel 1894, aprì la "Maison Lucile" in Old Burlington St., nel West End di Londra, il cuore del quartiere della moda. Nel 1897, un negozio più grande fu aperto al 17 di Hanover Square prima di spostarsi ulteriormente al 14 di George St.

Nel 1900, Lucile sposò un proprietario terriero scozzese, sir Cosmo Duff-Gordon, che era anche uno sportivo molto noto.

L'impresa creata da Lucy, nel 1903, fu incorporata nella "Lucile, Ltd" e, l'anno dopo, la casa di mode si spostò al 23 di Hanover Square. La Lucile Ltd serviva una clientela di alto rango e molto facoltosa, che includeva nobili e nomi appartenenti a case regnanti, oltre alle stelle dello spettacolo. L'azienda fu ampliata ancora di più e vennero aperte nuove filiali a New York, nel 1910, a Parigi, nel 1911 e a Chicago, nel 1915.

Lucile era famosa per la sua biancheria, i suoi abiti da tè e gli abiti da sera. Viene accreditata per essere stata la prima a usare la passerella alla presentazione delle sue collezioni. Alle modelle che sfilavano venne dato il nome di mannequins: il suo gusto per il teatro la indusse a usare nelle sfilate, i tendaggi, le luci e la musica per evocare atmosfere che erano influenzate dalla letteratura, dalla storia e dalla cultura popolare[1][2].

Andava famosa per la realizzazione di abiti estremamente lussuosi, costruiti a strati e drappeggiati in morbidi colori pastello, spesso accompagnati da tralci di fiori in seta realizzati a mano che diventarono il suo segno distintivo[3]. Tuttavia, Lucile creava anche abiti per il giorno, semplici, eleganti e su misura[4].

Set cinematografico[modifica | modifica sorgente]

Nel 1913, lo showroom di Lucile di New York venne usato come set per parte delle riprese di The American Princess, un cortometraggio di Marshall Neilan interpretato da Tom Moore e Alice Joyce, due tra gli attori più in voga del momento: vi si narrava di una principessa che vuole sposare un giovane diplomatico americano di cui si è innamorata, ma che deve scappare di casa se vuole coronare il suo sogno. Senza vestiti decenti, la ragazza si reca da Lucile a rifarsi il guardaroba, mandando subito in rovina le finanze del marito. Nel film, Lucile presentava la sua collezione di abiti autunno 1912.

Un altro film che venne girato da Lucile, a Manhattan, fu The Spendthrift, adattamento cinematografico di un lavoro teatrale di Porter Emerson Browne. Il film, diretto da Walter Edwin, era interpretato da Irene Fenwick.

Teatro e cinema[modifica | modifica sorgente]

Irene Castle in un abito estivo di Lucile

Molte delle sue clienti erano stelle famose del teatro e del cinema muto: portati dai grandi nomi dello spettacolo, gli abiti firmati da Lucile finirono per influenzare la moda dell'epoca. Tra le sue clienti, le più conosciute erano Irene Castle, che diventò una vera autorità in fatto di moda, Lily Elsie, una celebre cantante di operetta, Gertie Millar, star della commedia musicale londinese, Gaby Deslys che, dalla Francia conquistò anche il teatro USA, partner di Al Jolson e poi attrice di cinema, Billie Burke, attrice e cantante ma, soprattutto, moglie di Florenz Ziegfeld e Mary Pickford, la "fidanzata d'America" (e di tutto il mondo) ma anche la più potente donna di Hollywood.

Lady Duff Gordon disegnò i costumi per molte produzioni teatrali, inclusa la messa in scena della prima londinese dell'operetta di Franz Lehar The Merry Widow nel 1907; a Broadway, per numerose edizioni delle Ziegfeld Follies (dal 1915 al 1921) più una ventina di film, tra cui i costumi per Agonia sui ghiacci di D.W. Griffith.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Howell, Georgina, Vogue Women (1998), 85; Mulvey, Kate, and Richards, Melissa, Decades of Beauty: The Changing Image of Women, 1890s–1990s (1998), 35; "Fashion's Stage: The Methods of the Theatre at the Dressmaker's," The Illustrated London News, 13 June 1908; "Lady Duff Gordon – 'Lucile,'" Harper's Bazar, Aug. 1914, 38–41
  2. ^ Aspinwall, Grace, "Lady Duff Gordon: A Titled Designer of Clothes Who Aims to Dress the Soul," Good Housekeeping, Nov. 1910, 572–573
  3. ^ "Dream Dresses", Philadelphia Museum of Art (1998), Best Dressed, 22
  4. ^ Ginsburg, Madeleine, Four Hundred Years of Fashion (1984), 81

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 35905120 LCCN: n85275954