Ziegfeld Follies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Ziegfeld Follies furono una serie di spettacoli teatrali prodotti a Broadway dal 1907 al 1931. Ispirato alle Folies Bergère di Parigi, gli spettacoli comprendevano numeri musicali e sketch comici.

Il tutto comincia grazie all'impresario teatrale Florenz Ziegfeld il quale, spinto dalla moglie dell'epoca, l'attrice Anna Held, prende sotto la sua ala musicisti come Victor Herbert, Irving Berlin, Jimmy Monaco ed artisti del calibro di Eddie Cantor, Fanny Brice, Bert Williams, Will Rogers, Beatrice Lillie, W.C. Fields e Ruth Etting, per dare vita ad una serie di spettacoli in grado di lanciare canzoni e numeri teatrali di grande successo, amati dal pubblico e dalla critica.

Il genere è semplice, tipico del vaudeville, ma l'alchimia tra il fasto delle scene, la verve delle musiche e il talento degli artisti è esplosivo.

Negli anni dieci e anni venti le Ziegfeld Follies infiammarono le scene di Broadway, ma nel 1932, dopo la morte di Ziegfeld la magia ebbe fine malgrado la moglie, l'attrice Billie Burke, ne avesse autorizzato in seguito diverse riprese. L'edizione del 1914 al New Amsterdam Theatre con Leon Errol, Annette Kellerman, Ann Pennington, Bert Williams, Ed Wynn e Bessie Love (una delle Ziegfeld Girls) raggiunge 112 recite. L'edizione del 1922 al New Amsterdam Theatre con Mary Eaton, Gilda Gray, Will Rogers e Barbara Stanwyck (una delle Ziegfeld Girls) arriva a 333 recite.

Nel 2010, è morta a 106 anni Doris Eaton, l'ultima delle Ziegfeld Girls.

I nomi famosi delle Follies[modifica | modifica wikitesto]

Lo spettacolo ha lanciato grandi nomi del teatro e del cinema, che lavorarono tanto a Broadway quanto a Hollywood, tra cui:

Eve Arden, Josephine Baker, Lina Basquette, Joan Blondell, Fanny Brice, Louise Brooks, Billie Burke, Eddie Cantor, Ina Claire, Dolores Costello, Marion Davies, The Dolly Sisters, Billie Dove, Doris Eaton, Mary Eaton, Ruth Etting, W.C. Fields, Jane Froman, Paulette Goddard, Gilda Gray, Bob Hope, Annette Kellerman, Lupino Lane, Kay Laurell, Beatrice Lillie, Lillian Lorraine, Claire Luce, Dorothy Mackaill, Ilona Massey, Marilyn Miller, Helen Morgan, Mae Murray, Nita Naldi, Ann Pennington, Will Rogers, Barbara Stanwyck, Lilyan Tashman, Olive Thomas, Bert Williams, Charles Winninger, Jane Winton, Ed Wynn.

Le Follies sullo schermo[modifica | modifica wikitesto]

Il paradiso delle fanciulle[modifica | modifica wikitesto]

William Powell in The Great Ziegfeld trailer.jpg

William Powell, nel 1936, interpreta Florenz Ziegfeld nel film Il paradiso delle fanciulle (The Great Ziegfeld) diretto da Robert Z. Leonard, biografia romanzata della vita del grande impresario. Oltre a Powell, il cast del film è formato da alcuni dei grandi nomi dello schermo. A una famosa attrice tedesca, Luise Rainer, venne affidata la parte della polacca Anna Held, la prima moglie di Ziegfeld, cantante e attrice oltremodo celebre nella Broadway del primo Novecento, famosa per il suo sguardo malizioso che incantava il pubblico. L'interpretazione di Anna Held fece vincere l'Oscar a Luise Rainer come migliore attrice.

Il ruolo di Billie Burke, una nota attrice che diventa la seconda moglie di Ziegfeld (e che poi sarebbe diventata la sua vedova), venne dato a Myrna Loy, al tempo già famosa in ruoli di conturbante maliarda. La Loy interpreta una Billie Burke graziosa, piena di verve, ma si propone anche come una moglie più tradizionale di quella che era stata Anna Held. Il film fa sfoggio di magnifiche scenografie che ricreano, esaltata dall'uso della fotografia in bianco e nero, l'atmosfera che si respirava agli spettacoli delle Follies. Il momento clou del film è quello dove la m.d.p. scivola in salita lungo una monumentale scalinata tutta bianca che si avvolge a spirale, con ogni gradino occupato da un ballerino (maschio o femmina) vestito rigorosamente di nero. L'effetto finale è quello di farci scoprire su quella che pare in effetti una gigantesca torta di panna bianca incrostata di decorazioni nere, una sorta di ciliegina posata sulla sua cima: una bellissima Virginia Bruce che celebra con la sua bellezza quella, gloriosa, della ragazza americana.

Le fanciulle delle follie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1941, uscì, diretto da Robert Z. Leonard, Le fanciulle delle follie (Ziegfeld Girl) interpretato da Judy Garland, Hedy Lamarr e Lana Turner. Il film, attraverso la storia di tre ragazze, ognuna diversa una dall'altra, ricrea il mondo delle Follies come il raggiungimento di un'aspirazione artistica, la realizzazione di un sogno. Le due bellissime, una bionda e l'altra bruna, sono rispettivamente interpretate da Lana Turner e Hedy Lamarr: la bionda, una ragazza della working class, bella spigliata e arrivista, finirà male, come tutte le "gold diggers", le cercatrici d'oro di cui Hollywood amava raccontare le storie ma alle quali poi, inevitabilmente (e moralisticamente), faceva fare una brutta fine. La bruna, meravigliosa e sofisticata bellezza europea (come in effetti era la vera Hedy Lamarr), non deve fare alcuno sforzo per apparire: basta che si presenti e il mondo si ferma ad ammirarla. Ma, sposata a un violinista, abbandona il palcoscenico per seguire la carriera artistica del marito. La terza, Judy Garland, non è particolarmente bella. È, invece, particolarmente brava. Cantante e ballerina, si è fatta le ossa fin da piccola, nata e cresciuta in una famiglia che lavorava nel vaudeville. Il teatro di rivista le scorre nel sangue come il talento: è lei la vera "ragazza di Ziegfeld". Le altre due sono bellissime e intercambiabili, come qualsiasi bella ragazza che offre la sua bellezza per qualche anno o, forse, solo per qualche mese. E che ha frotte di sostitute dietro di lei pronte a prendere il suo posto.

A parte la morale del racconto, il film è uno straordinario album di scene che fa rivivere i quadri delle Follies, con i costumi di Adrian uno più fantastico dell'altro, trame delicate di ragnatele che avvolgono le più belle ragazze del mondo.

Ziegfeld Follies[modifica | modifica wikitesto]

Dalla rivista per il teatro è stato tratto nel 1945 l'omonimo film Ziegfeld Follies interpretato da grandi nomi dello spettacolo, come Fred Astaire, Judy Garland, Gene Kelly, Fanny Brice, Red Skelton, Esther Williams, Cyd Charisse e Lucille Ball, con William Powell ancora una volta nel ruolo di Ziegfeld, dopo averlo già interpretato nel 1936.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria di foto[modifica | modifica wikitesto]

L'immagine del celebre teatro dove si svolgevano gli spettacoli di Ziegfeld compare al centro in basso nella storica foto del 1932 dei famosi operai che mangiano in cima al grattacielo (lunchtime atop a skyscraper).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Randolph Carter Ziegfeld The Time of His Life, Bernard Press (London, 1988) ISBN 0-9513557-0-8
  • (EN) Richard e Paulette Ziegfeld The Ziegfeld Touch: the life and times of Florenz Ziegfeld, Jr., Harry N. Abrams, Incorporated (New York, 1993) ISBN 0-8109-3966-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro