Elinor Glyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elinor Glyn

Elinor Glyn, nata Elinor Sutherland, (Saint Helier, 17 ottobre 1864Londra, 1943), è stata una scrittrice e sceneggiatrice britannica che lavorò a lungo a Hollywood anche come produttrice e regista.

Creò il genere letterario del romanzo rosa dai connotati erotici. Benché il suo nome sia stato dimenticato da gran parte del pubblico, negli anni venti del Novecento fu una delle personalità di maggior spicco della cultura popolare soprattutto nei paesi di area anglofona. Contribuì a creare in maniera decisiva i miti di Rodolfo Valentino, Gloria Swanson e Clara Bow. È sua la definizione inglese di It, il termine che indicava - nella traduzione italiana - Quel certo non so che, che diede anche il titolo a uno dei film di maggior successo di quegli anni e che portò nell'empireo di Hollywood il nome di Clara Bow.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Jersey, imparentata con gli aristocratici Lords Duffus, era la figlia più giovane di Douglas Sutherland (1838–1865), un ingegnere civile di origine scozzese e di Elinor Saunders (1841–1937), la cui famiglia di origine anglo-francese risiedeva in Canada. Dopo la morte del padre, avvenuta quando Elinor aveva solo due mesi, la famiglia - composta dalla madre e dalle sue due bambine, Lucy di un anno ed Elinor - si trasferì nell'Ontario, dove vivevano i nonni materni. L'educazione di Elinor fu affidata alla nonna Lucy Anne Saunders nata Willcocks, un'aristocratica anglo-irlandese figlia di Sir Richard Willcocks, la quale trasmise alla nipote le regole della rigida etichetta che sovrintendeva alla vita sociale delle classi aristocratiche inglesi. Questo patrimonio di conoscenze favorì Elinor al suo ritorno in Europa, facendola entrare senza difficoltà a far parte dei circoli più esclusivi della società inglese. Anni dopo, a Hollywood, fu considerata la più grande esperta in materia, venendo assunta dagli studios come consulente di stile e di buone maniere.

Sua sorella Lucy Christiana, dal canto suo, sarebbe diventata una famosa disegnatrice di moda con il nome di Lady Duff Gordon.

Libri e romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Visits of Elizabeth (1900)
  • The Seventh Commandment (1902)
  • The Reflections of Ambrosine (1903)
  • The Damsel and the Sage (1903)
  • The Vicissitudes of Evangeline o Red Hair (1905)
  • Oltre gli scogli (Beyond the Rocks) (1906)
  • Three Weeks (1907)
  • The Sayings of Gradmamma and Others (1908)
  • Elizabeth Visits America (1909)
  • His Hour (1910)
  • Love Itself (1912)
  • Halcyone (1912)
  • La ragione per cui... (The Reason Why) (1912)
  • The Sequence o Guinevere's Lover (1913)
  • The Contrast and Other Stories (1913)
  • Your Affectionate Godmother (1914)
  • Letters to Caroline (1914)
  • Three Things (1915)
  • The Career of Katherine Bush (1916)
  • Destruction (1918)
  • The Price of Things o Family (1919)
  • The Point of View (1920)
  • Man and Maid (1922)
  • The Elinor Glyn System of Writing (1922)
  • The Philosophy of Love (1923)
  • Sei giorni (Six Days) (1924)
  • The Great Moment (1925)
  • This Passion Called Love (1925)
  • Love's Blindness (1926)
  • 'It' and Other Stories (1927)
  • The Wrinkle Book, Or, How to Keep Looking Young (1927)
  • The Man and the Moment (1927)
  • Eternal Youth (1928)
  • Knowing Men (1930)
  • The Flirt and the Flapper (1930)
  • Love's Hour (1932)
  • Glorious Flames (1932)
  • Saint or Satyr? and Other Stories (1933)
  • Sooner or Later (1933)
  • Such Men Are Dangerous (1933)
  • Romantic Adventure (1936)
  • The Third Eye (1940)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La filmografia è completa. Quando manca il nome del regista, questo non viene riportato nei titoli

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Attrice e partecipazioni a film[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59204544 LCCN: n81032912