Marcus Ericsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcus Ericsson
Marcus Ericsson 2014.jpg
Marcus Ericsson (2014)
Dati biografici
Nome Marcus Thorbjörn Ericsson
Nazionalità Svezia Svezia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Squadra Caterham
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 16 marzo 2014
Stagioni 2014
Scuderie Caterham
GP disputati 11
Statistiche aggiornate al Gran Premio d'Ungheria 2014

Marcus Thorbjörn Ericsson (Kumla, 2 settembre 1990) è un pilota automobilistico svedese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Kart[modifica | modifica sorgente]

Il primo assaggio nel motorsport Ericsson lo ebbe quando a nove anni iniziò a gareggiare con i kart. Provò quasi per caso al kartodromo di Fredrik Ekblom, ex pilota di Formula 3000 e Indy Lights e per poco non batté il record sul giro. Ekblom riuscì a convincere il padre di Ericsson, Tomas, a comprare al figlio un kart e così il giovane svedese passò i quattro anni successivi nei kartodromi, nonostante non credesse di poter andare avanti a lungo a causa di problemi economici in famiglia.[1]

Ericsson vince la sua seconda gara in Formula BMW, a Brands Hatch, con sei secondi di vantaggio.

Formula BMW[modifica | modifica sorgente]

Kenny Bräck, già vincitore della 500 miglia di Indianapolis del 1999, si imbatté in Ericsson durante una corsa di kart a Gothenburg nel 2006 e venne colpito dalle sue capacità, tanto da riuscire a convincere Richard Dutton, proprietario del team Fortec Motorsport, a dargli un posto in squadra per il 2007. Gli obiettivi di inizio stagione erano arrivare tra i primi otto, per poi lentamente provare a vincere qualche gara verso la fine del campionato.[1] La prima vittoria arrivò però prima del previsto, alla prima gara della serie, a Brands Hatch, dove arrivò 3º in gara-1 e vinse partendo dalla pole position in gara-2. Dopo questa vittoria, Bräck lo elevò a miglior giovane talento che avesse mai visto. Ericsson combatté per il titolo per l'intera stagione contro il pilota ceco Josef Král e l'inglese Henry Arundel. Alla fine, l'allora sedicenne svedese vinse il titolo con 40 punti di vantaggio su Král, diventando vincitore della Formula BMW britannica (prima ancora che questa si fondesse con quella tedesca e formassero insieme la Formula BMW europea).

Formula 3[modifica | modifica sorgente]

Ericsson alla guida della TOM'S al Gran Premio di Macao del 2009 in Formula 3, dove finì 4º.

Dopo la vittoria in Formula BMW, Ericsson iniziò a concorrere per un sedile in Formula 3. I test con il team britannico Räikkönen Robertson Racing (del quale il pilota di Formula 1 Kimi Räikkönen era proprietario) era una conseguenza della vittoria del titolo in quell'anno. Successivamente provò nuovamente una vettura di questa categoria, il team ASM, oggi ART Grand Prix. Nonostante ebbe un'offerta da parte della scuderia francese, Ericsson decise di stare in Inghilterra e correre per il team Fortec, la stessa squadra per la quale corsa in Formula BMW. Lo svedese si presentò con due pole position e diversi podi ma senza vittorie, il che gli fruttò un 5º posto nel campionato.

Durante l'inverno del 2008, Ericsson firmò un contratto per la squadra di Formula 3 giapponese TOM'S per competere nell'intero al campionato per la stagione successiva. Lo svedese pensò così di guadagnare l'esperienza necessaria per vincere il Gran Premio di Macao.[2] Ericsson vince il campionato giapponese di F3 e corse anche facendo qualche comparsa nella F3 inglese. Di conseguenza partecipò al Gran Premio di Macao dove si qualificò in pole position e finì la gara lunga 4º.

GP2 Series[modifica | modifica sorgente]

Ericsson sull'iSport durante il round svoltosi all'Autodromo Nazionale di Monza della GP2 Series 2011.

Ericsson entrò a far parte della GP2 Asia Series per la stagione 2009-2010, guidando per il team ART Grand Prix.[3] Comunque, successivamente venne confermato che Ericsson avrebbe dovuto guidare per il team Super Nova Racing nella stagione 2010 della GP2.[4] Si aspettò di completare la serie asiatica con il team, ma Jake Rosenzweig fu incaricato di sostituire lo svedese per le ultime due corse.[5] Ericsson tornò alla Super Nova per la stagione 2010 come compagno di Josef Král e, più avanti, Luca Filippi. Fece la sua prima serie di vittorie a Valencia, ma l'aver segnato punti in sole due occasioni lo fecero arrivare 17º nel campionato piloti.

Ericsson passò al team iSport International per il 2011, insieme a Sam Bird. Finì 6º nel campionato asiatico e 10º nella main series. Rimase all'iSport per il 2012, partner di Jolyon Palmer. Dopo un inizio della stagione relativamente deludente, riuscì a vincere a Spa, iniziando una serie di sei arrivi consecutivi a punti, inclusi tre podi. Questo grande finale di stagione lo portò all'8º posto in campionato.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Ericsson guidò una Brawn GP ai test per giovani piloti a Jerez per tre giorni, dal 1º al 3 dicembre 2009, dividendo la vettura con il pilota Indycar Mike Conway. Quest'ultimo ebbe la meglio per tre decimi sullo svedese, ciononostante il team principal Ross Brawn si complimentò con Ericsson per la sua performance.[6]

Il 21 gennaio 2014 la Caterham ufficializzò il suo ingaggio, al fianco del nipponico Kamui Kobayashi, per la stagione 2014. Nella prima parte di stagione non riuscì a collezionare nessun punto (come il compagno di squadra), ottenendo come miglior piazzamento un 11º posto a Montecarlo.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Sommario[modifica | modifica sorgente]

Stagione Serie Team Gare Vittorie Pole Gpv Podi Punti Pos.
2007 Formula BMW inglese Fortec Motorsport 18 7 11 6 13 676
2008 Formula 3 inglese Fortec Motorsport 20 2 1 0 3 65
Gran Premio di Macao Carlin Motorsport 1 0 0 0 0 N/A N.C.
2009 Formula 3 inglese Räikkönen Robertson Racing 6 2 1 0 3 65 11º
Formula 3 giapponese TOM'S 16 5 5 9 11 112
Gran Premio di Macao 1 0 1 0 0 N/A
2009–10 GP2 Asia Series ART Grand Prix 4 0 0 0 0 0 24º
Super Nova Racing
2010 GP2 Series Super Nova Racing 20 1 0 0 1 11 17º
2011 GP2 Series iSport International 18 0 0 0 2 25 10º
GP2 Asia Series 4 0 0 0 1 9
GP2 Finali 2 0 0 0 1 10
2012 GP2 Series iSport International 24 1 0 1 5 124
2013 GP2 Series DAMS 22 1 2 3 5 121

Risultati in GP2[modifica | modifica sorgente]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Pos.
2010 Super Nova Racing ESP
FEA

11
ESP
SPR

Rit
MON
FEA

12
MON
SPR

9
TUR
FEA

Rit
TUR
SPR

Rit
VAL
FEA

7
VAL
SPR

1
GBR
FEA

12
GBR
SPR

18
GER
FEA

6
GER
SPR

Rit
HUN
FEA

12
HUN
SPR

10
BEL
FEA

13
BEL
SPR

7
ITA
FEA

Rit
ITA
SPR

11
ABU
FEA

11
ABU
SPR

Rit
11 17º
2011 iSport International TUR
FEA

9
TUR
SPR

8
ESP
FEA

5
ESP
SPR

3
MON
FEA

Rit
MON
SPR

Rit
VAL
FEA

Rit
VAL
SPR

11
GBR
FEA

3
GBR
SPR

4
GER
FEA

5
GER
SPR

16
HUN
FEA

5
HUN
FEA

16
BEL
FEA

Rit
BEL
SPR

12
ITA
FEA

14
ITA
SPR

8
25 10º
2012 iSport International MYS
FEA

13
MYS
SPR

Rit
BAH1
FEA

13
BAH1
SPR

16
BAH2
FEA

7
BAH2
SPR

7
ESP
FEA

13
ESP
SPR

22
MON
FEA

2
MON
SPR

4
VAL
FEA

2
VAL
SPR

Rit
GBR
FEA

21
GBR
SPR

7
GER
FEA

11
GER
SPR

15
HUN
FEA

18
HUN
SPR

Rit
BEL
FEA

1
BEL
SPR

4
ITA
FEA

3
ITA
SPR

7
SIN
FEA

7
SIN
SPR

2
124
2013 DAMS MYS
FEA

Rit
MYS
SPR

13
BAH
FEA

13
BAH
SPR

Rit
ESP
FEA

Rit
ESP
SPR

20
MON
FEA

Rit
MON
SPR

18
GBR
FEA

11
GBR
SPR

8
GER
FEA

1
GER
SPR

13
HUN
FEA

2
HUN
SPR

4
BEL
FEA

2
BEL
SPR

15
ITA
FEA

Rit
ITA
SPR

23
SIN
FEA

7
SIN
SPR

2
ABU
FEA

3
ABU
SPR

6
121

Risultati in GP2 Asia[modifica | modifica sorgente]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Stagione Team 1 2 3 4 5 6 7 8 Punti Pos.
2009–10 ART Grand Prix ABU1
FEA

11
ABU1
SPR

12
0 24º
Super Nova Racing ABU2
FEA

17
ABU2
SPR

12
BHR1
FEA
BHR1
SPR
BHR2
FEA
BHR2
SPR
2011 ART Grand Prix ABU
FEA

4
ABU
SPR

3
ITA
FEA

10
ITA
SPR

16
9

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

2014 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Caterham CT05 Rit 14 Rit 20 20 11 Rit 18 Rit 18 Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Interview with Marcus Ericsson, Vol. 188, No. 4, pp. 59 in Autosport Magazine, 26 aprile 2007.
  2. ^ (EN) Steven English, Ericsson switches to Japanese F3 in Autosport.com, 4 dicembre 2008. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Glenn Freeman, Pit & Paddock: In Brief in Autosport, 15 ottobre 2009, p. 27.
  4. ^ (EN) Steven English, Super Nova signs Ericsson, Kral in autosport.com, 14 gennaio 2010. URL consultato l'8 gennaio 2010.
  5. ^ (EN) Jake Rosenzweig signs for Super Nova, Super Nova Racing, 23 febbraio 2010. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  6. ^ (EN) Jerez day three - Ricciardo on top as test ends in formula1.com, 3 dicembre 2009. URL consultato il 29 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]