Jolyon Palmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jolyon Palmer
Jolyon Palmer, Donington Park, Apr 2012.jpg
Dati biografici
Nome Jolyon Carlyle Palmer
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria GP2 Series
 

Jolyon Carlyle Palmer (Horsham, 20 gennaio 1991) è un pilota automobilistico britannico. È il figlio dell'ex pilota di Formula 1 Jonathan Palmer.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

T Cars[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver trascorso un lungo periodo sui kart, Palmer passò alle monoposto nel 2005, più precisamente nel campionato T Cars Autumn Trophy - una serie di corse per piloti di età compresa tra i quattordici e i diciassette anni. Palmer arrivò quinto nel campionato con un totale di 92 punti, 46 dietro al vincitore Adrian Quaife-Hobbs. Si trasferisce nel campionato principale nel 2006, guadagnando una pole e quattro podi, e di nuovo arrivò quinto in campionato con 101 punti, 69 dietro al campione Luciano Bacheta. Palmer ha partecipato anche ad un secondo Autumn Trophy, dominando la serie con quattro vittorie su sei gare. Prese parte a due gare della stagione 2007, vincendo entrambe, ma scelse poi di concentrarsi sulla Formula Palmer Audi.

Formula Palmer Audi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, Palmer debuttò nella serie che il padre, Jonathan, aveva creato nove anni prima. Concluse 12º al debutto a Silverstone, e i suoi risultati lentamente migliorarono culminando con due vittorie (una a Brands Hatch e l'altra ad Oulton Park) e due pole position a Brands Hatch, concluse il campionato al decimo posto con un totale di 187 punti - nove posizioni dietro al vincente Tim Bridgman con un totale di 360 punti. Saltò le ultime due gare del campionato, a causa di un infortunio al torace subito in un incidente di moto a quattro ruote nella sua casa nel West Sussex.

Palmer a Monza nel 2011

Ha recuperato in tempo per l'inizio della stagione 2008, in cui è stato un serio candidato al titolo sino alle ultime gare della stagione, grazie ad una grande costanza che lo portò ad ottenere una sola vittoria (a Spa, in Belgio) e 11 podi, oltre a tre pole position (di nuovo a Brands Hatch) e che si è conclusa a soli 22 punti dietro Jason Moore, in terza posizione. Il trofeo d'autunno e l'FPA shooutout hanno portato dei altri terzi posti, conquistando tre podi in sei gare.

Formula 2[modifica | modifica wikitesto]

Jolyon Palmer debutta in campionato FIA di Formula 2 nel 2009 guidando l'auto numero 3. I suoi tre punti sono dovuti ad un sesto posto a Imola e termina con tale bottino il campionato in 21ª posizione. Torna nella serie nel 2010, vincendo la gara di apertura della stagione a Silverstone, ottenendo la prima vittoria per un pilota britannico dal Mugello 1983, dove vinse suo padre. Palmer ottiene un quinto posto nella gara successiva a Marrakech, ma poi riesce a risalire ed ottenere sia la vittoria che la testa della classifica al terzo weekend di gara a Monza. Al termine della stagione è secondo in classifica con 242 punti (42 in meno rispetto al vincitore Dean Stoneman), con cinque vittorie, quattro secondi posti e un terzo posto all'attivo.

GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 firma per correre in GP2 Series con il team Arden, squadra con cui aveva partecipato alla GP2 Asia Series 2011, a fianco di Josef Král.[1] Debutta a Istanbul, in Turchia, con un 17º posto nella gara lunga. Non ha ottenuto punti, avendo come migliori risultati due noni posti nella gara corta nuovamente in Turchia e nella gara lunga sulle strade di Valencia.

Nel 2012 ha firmato per l'iSport International, riuscendo a conseguire una vittoria a Monaco e due terzi posti, a Silverstone e Monza, e piazzandosi all'11º posto finale.

Con la chiusura dell'iSport, Palmer nel 2013 passa alla Carlin Motorsport, team nel quale affianca il brasiliano Felipe Nasr.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Formula 2[modifica | modifica wikitesto]

Anno No. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Punti Pos
2009 3 VAL
21
VAL
Rit
BRN
10
BRN
14
SPA
16
SPA
Rit
BRH
12
BRH
16
DON
16
DON
12
OSC
15
OSC
19
IMO
12
IMO
6
CAT
13
CAT
11
3 21º
2010 3 SIL
1
SIL
2
MAR
Rit
MAR
5
MON
1
MON
1
ZOL
2
ZOL
2
ALG
1
ALG
2
BRH
8
BRH
Rit
BRN
5
BRN
1
OSC
3
OSC
12
VAL
7
VAL
13
242

GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Pos.
2011 Arden International TUR
FEA

17
TUR
SPR

9
ESP
FEA

18
ESP
SPR

17
MON
FEA

NC
MON
SPR

11
EUR
FEA

9
EUR
SPR

Rit
GBR
FEA

20
GBR
SPR

16
GER
FEA

19
GER
SPR

Rit
HUN
FEA

22
HUN
SPR

18
BEL
FEA

Rit
BEL
SPR

14
ITA
FEA

Rit
ITA
SPR

19
0 28º
2012 iSport International MYS
FEA

17
MYS
SPR

12
BHR1
FEA

NP
BHR1
SPR

7
BHR2
FEA

24
BHR2
SPR

22
ESP
FEA

9
ESP
SPR

NP
MON
FEA

6
MON
SPR

1
VAL
FEA

Rit
VAL
SPR

Rit
GBR
FEA

3
GBR
SPR

5
GER
FEA

18
GER
SPR

18
HUN
FEA

6
HUN
SPR

5
BEL
FEA

Rit
BEL
SPR

10
ITA
FEA

7
ITA
SPR

3
SGP
FEA

Rit
SGP
SPR

Rit
78 11º
2013 Carlin MYS
FEA

6
MYS
SPR

9
BHR
FEA

5
BHR
SPR

6
ESP
FEA

ESP
SPR

MON
FEA

MON
SPR

GBR
FEA
GBR
SPR
GER
FEA

GER
SPR

HUN
FEA

HUN
SPR

BEL
FEA

BEL
SPR

ITA
FEA

ITA
SPR

SGP
FEA

SGP
SPR

ABU
FEA

ABU
SPR

6°* 22*

* Stagione in corso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kral-Palmer in Arden, Grosjean-Varhaug in DAMS, 422race.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]