Giuliano Ferrara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuliano Ferrara
Giuliano Ferrara ad un comizio davanti allo Spedale degli Innocenti a Firenze per le elezioni del 2008

Giuliano Ferrara ad un comizio davanti allo Spedale degli Innocenti a Firenze per le elezioni del 2008


Ministro per i Rapporti col Parlamento
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Barile
Successore Guglielmo Negri

Dati generali
Partito politico PCI (fino al 1989)
PSI (1989-1994)
Forza Italia (1994-2008)
Aborto? No, Grazie (2008)
Giuliano Ferrara
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Professione giornalista
Partito Partito Socialista Italiano

Giuliano Ferrara (Roma, 7 gennaio 1952) è un giornalista, conduttore televisivo e politico italiano; già comunista e poi socialista, completò la sua parabola politica negli anni novanta come fiancheggiatore di Silvio Berlusconi e del centro-destra e proponendosi come intellettuale di riferimento del teoconservatorismo italiano.

Fu europarlamentare del PSI (1989-94) e poi ministro per i rapporti con il Parlamento del primo Governo Berlusconi (1994-95). È fondatore (1996) e direttore del quotidiano Il Foglio nonché editorialista del Giornale.


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le origini sessantottine[modifica | modifica sorgente]

Figlio del senatore comunista Maurizio Ferrara (1921-2000, direttore de l'Unità e presidente della Regione Lazio) e di Marcella de Francesco (1920-2002[1], partigiana gappista e poi a lungo segretaria particolare di Togliatti), Ferrara, dopo aver lasciato la facoltà di Giurisprudenza[2], si avvicina alla politica da contestatore sessantottino. Partecipa agli scontri di Valle Giulia (1º marzo 1968).

In questo periodo ha anche un'esperienza nel mondo dello spettacolo, come corista nella prima opera rock realizzata in Italia, Then An Alley di Tito Schipa Junior (su musiche di Bob Dylan).

Nel PCI torinese (1973-1982)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1973 è responsabile, per il Partito Comunista Italiano di Torino, del coordinamento provinciale FIAT[3], e scrive sul quindicinale Nuova società. Nel 1977, sempre per il PCI torinese, è responsabile del settore scuola e cultura[4], per poi divenire due anni dopo segretario cittadino[5]. Come tale l'8 giugno 1980 viene eletto consigliere comunale nel capoluogo piemontese diventando in dicembre il capogruppo comunista[6].

Con la guerra del Libano del 1982 Ferrara è nominato dal primo cittadino di Torino, Diego Novelli, delegato del sindaco per i soccorsi alla popolazione di Beirut[7]. Il 18 settembre 1982 in piazza San Carlo a Torino il Comune organizza l'evento musicale Mille musicisti per la pace con Luciano Berio che esegue Accordo[8]. Per l'occasione Ferrara, a dieci minuti dall'inizio, chiede sia a Berio sia all'assessore alla cultura Giorgio Balmas che il concerto sia dedicato alle vittime di Sabra e Shatila, ma questi si rifiutano. A fine concerto Ferrara rende pubblico l'episodio e ne nasce una polemica pubblica: Balmas e Berio si difendono sostenendo che non era il caso di aprire con un «mini-comizio», mentre Ferrara dapprima il 19 sera rilancia la sua richiesta stavolta in apertura della replica e spalleggiato dal direttore del Teatro Stabile, Mario Missiroli, e infine, davanti al nuovo diniego, il 20 lascia clamorosamente il PCI restando consigliere[9][10]. Dopo la riunione del direttivo comunista torinese del 22 settembre, Ferrara si dimette anche da consigliere[11]. Per il PCI la richiesta di Ferrara era legittima, ma non il comportamento da lui tenuto nella vicenda, motivo per cui le dimissioni sono accettate[12]. Ferrara resterà formalmente consigliere comunale torinese fino al 25 ottobre 1982[13], nonostante il 4 ottobre il Consiglio Comunale avesse rigettato all'unanimità le sue dimissioni[14].

Il passaggio al PSI (1985)[modifica | modifica sorgente]

Il giovane Ferrara inizia a collaborare con il settimanale L'espresso, continuando a criticare il PCI come "migliorista", essendo nota la sua vicinanza alle posizioni di Giorgio Napolitano.
Per questo motivo nel 1985 viene avvicinato dal Partito Socialista Italiano tramite Claudio Martelli, intenzionato ad assorbire tutti gli amendoliani torinesi fuoriusciti negli ultimi anni dal PCI[15]. Ferrara negò le voci di un suo approdo al PSI, ma al tempo stesso ci tenne a ribadire che considerava «le scelte di fondo di Craxi e dei socialisti come le più giuste per il Paese e per la sinistra»[16][17]. Il 28 febbraio era stata già programmata una conferenza stampa che avrebbe annunciato l'entrata di Ferrara nel PSI e la sua candidatura alle elezioni comunali torinesi del 1985, ma all'ultimo momento preferì evitare l'impegno elettorale[18].

In seguito Ferrara ha sostenuto più volte di aver abbandonato l'ideologia comunista "in tempi non sospetti", cioè prima della caduta del Muro di Berlino. Marco Travaglio ha sostenuto che questa e altre sue posizioni politiche siano invece state dettate da convenienza, in quanto in quel periodo Bettino Craxi era comunque presidente del consiglio[19].

Nel corso degli anni ottanta inizia a lavorare per il Corriere della Sera, firmando gli articoli con lo pseudonimo Piero Dall'Ora e creando la rubrica "Bretelle rosse". Contemporaneamente entra nella redazione di Reporter, giornale d'inchiesta di area socialista diretto dai due ex-leader di Lotta Continua Adriano Sofri e Enrico Deaglio.

Nel 2003 Ferrara ha dichiarato di essere stato, in questo periodo, confidente retribuito della CIA.[20][21] L'azione disciplinare promossa nei suoi confronti presso l'Ordine dei giornalisti per determinare la compatibilità tra la professione e la collaborazione con un servizio segreto non ha seguito, tanto per decorrenza del termine di cinque anni "oltre i quali, in base alla legge professionale n. 69/1963, interviene la prescrizione per un fatto suscettibile di sanzione disciplinare", quanto perché all'epoca dei fatti Ferrara non era un giornalista professionista.[20]

Attività televisiva (1987) ed Europarlamentare PSI (1989-1994)[modifica | modifica sorgente]

Il 10 novembre 1987 Ferrara debutta in Tv su Raitre con Linea rovente[22]. Segue il 13 aprile 1988 su Raidue Il testimone[23], programma col quale si introduce in Italia l'infotainment[24]. All'inizio del 1989 con un contratto che gli garantisce un compenso molto alto, Ferrara si trasferisce in Fininvest[25] per condurre dal 13 febbraio su Canale 5 Radio Londra[26]. Dal 12 aprile condurrà, sempre su Canale 5, anche Il gatto[27].

Due mesi dopo viene eletto europarlamentare del PSI[28].

Giuliano Ferrara tornerà su Canale 5 con Radio Londra solo il 7 gennaio 1991[29]. Poco dopo, 21 gennaio, debutta su Italia 1 con L'istruttoria[30], la trasmissione che a partire dal 1993 Ferrara userà per esprimere le sue posizioni critiche nei confronti delle inchieste della magistratura sul cosiddetto caso Tangentopoli[31]. Dal 10 febbraio 1992 (dopo un'anteprima il 20 gennaio) con la moglie Anselma Dell'Olio conduce su Italia 1 la trasmissione Lezioni d'amore, incentrata sul sesso e ispirata al film Comizi d'amore di Pier Paolo Pasolini. Il programma diventa fin dall'inizio un caso politico[32] e dopo dieci giorni il programma viene cancellato da Silvio Berlusconi su pressioni della Democrazia Cristiana[33].

Ministro del Governo Berlusconi I e nascita de "Il Foglio"[modifica | modifica sorgente]

Con l'ascesa di Silvio Berlusconi e di Forza Italia, Ferrara decide di lasciare, assieme a molti compagni di partito, un PSI ormai in disfacimento. Diviene Ministro per i rapporti con il Parlamento del primo governo Berlusconi.

Nel gennaio del 1996 fonda il quotidiano Il Foglio (edito dall'omonima cooperativa editoriale, della quale fa parte Veronica Lario, seconda moglie di Silvio Berlusconi), di cui è ancora oggi direttore. Scherzando sul fatto che la proprietà del giornale è sempre attribuita all'allora moglie di Berlusconi, Ferrara una volta si definisce sarcasticamente un berlusconiano «tendenza Veronica», per andare contro «questo malvezzo sciocco usato per degradare il Foglio». Su questo giornale esprime posizioni definite neoconservatrici. È un sostenitore del centro-destra, e poi del secondo e terzo governo Berlusconi, anche se in maniera talvolta critica. Nello stesso giornale si batte a più riprese per la concessione della grazia ad Adriano Sofri.

Nel 1996, pur senza lasciare la direzione del Foglio, viene nominato per alcuni mesi direttore del settimanale Panorama.

Candidato per Forza Italia e la Casa delle Libertà alle elezioni politiche suppletive (per il seggio vacante del collegio elettorale del Mugello, in Toscana) per il Senato del 9 novembre 1997, viene sconfitto dall'ex-pm simbolo di Mani pulite, Antonio Di Pietro, candidato dell'Ulivo.

Il ritorno in tv e la conduzione di Otto e mezzo[modifica | modifica sorgente]

Giuliano Ferrara torna in tv l'11 dicembre 1997 alle 20:50 su Raidue[34]: presenta infatti una serata speciale intitolata Piazza Fontana - Storia di un complotto[34], in occasione del 28º anniversario della strage. Si tratta di una "lezione di storia"[35] condotta in studio dal giornalista, inframezzata dalle immagini di un documentario-inchiesta sui noti fatti a cura di Fabrizio Calvi e Fredric Laurent[35], con interviste ad alcuni protagonisti della vicenda[35].

Con gli eventi dell'11 settembre 2001 le sue posizioni politiche e ideali hanno una svolta antilaicista e socialmente conservatrice: pur essendo dichiaratamente un non cattolico, inizia a sostenere la necessità del rafforzamento dei valori giudaico-cristiani come baluardo dell'Occidente di fronte al pericolo crescente dell'estremismo islamico. Viene definito da Eugenio Scalfari un "ateo devoto".

Oltre a dirigere Il Foglio, conduce su LA7 la trasmissione Otto e mezzo, di cui è anche autore, con una breve parentesi nel 2008, quando la sua candidatura alle elezioni politiche lo rende incompatibile con il ruolo di commentatore. Viene affiancato nella conduzione del programma prima da Gad Lerner, poi da Luca Sofri, in seguito da Barbara Palombelli, giornalista del Corriere della Sera, e quindi da Ritanna Armeni, giornalista di Liberazione. Nel 2005 è ancora affiancato da Lerner, che dopo poche puntate lascia per dedicarsi al suo programma L'infedele, sostituito nuovamente da Ritanna Armeni.

Nel 2005 pubblica una raccolta di saggi dal titolo: Non dubitare. Contro la religione laicista (Edizioni Solfanelli, Chieti).

Il 7 luglio 2006 viene condannato in primo grado per diffamazione ai danni dei giornalisti de l'Unità e al risarcimento di 135 000 euro. Nel corso di una trasmissione di Porta a Porta del 2003, in una discussione sulla giustizia disse: «No, no, non è un giornale libero. Credo che l'unico modo di definirlo è un foglio tendenzialmente omicida!»[36][37][38].

Nel 2006 nell'elezione del Presidente della Repubblica Italiana Giuliano Ferrara ottiene 8 voti al primo scrutinio, 9 voti al secondo, 10 voti al terzo e 7 voti al quarto e ultimo scrutinio che elegge Giorgio Napolitano al Quirinale. Sull'elezione del nuovo Capo dello Stato Ferrara e Il Foglio (ma anche Vittorio Feltri con Libero) si erano schierati per l'elezione di Massimo D'Alema[39], il quale comunque ringraziò[40].

La campagna per una moratoria sull'aborto[modifica | modifica sorgente]

A metà dicembre del 2007, il giorno successivo all'approvazione da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite di una risoluzione non vincolante per una moratoria sulla pena di morte, durante la trasmissione Otto e mezzo Ferrara propone una moratoria universale sull'aborto, riaprendo di fatto il dibattito in Italia. Ferrara definisce l'aborto "lo scandalo supremo della nostra epoca"[41] e lo ritiene un omicidio. Ferrara individua tra le cause dell'aborto la solitudine delle donne, la mancanza di sostegno economico alle donne in gravidanza e la responsabilità degli uomini, colpevoli, a suo dire, di non sostenere le donne che rimangono incinte.
Egli ha riconosciuto che attorno ai vent'anni, tre sue partner ricorsero all'aborto[42]. Ferrara, a proposito di questi aborti, ha dichiarato: «Io sono stato per tre volte un mascalzone e un peccatore. Tre bambini non sono nati perché le loro madri hanno rifiutato la maternità ed io mi sono voltato dall’altra parte. Questo è indegno»[43].

Il quotidiano Il Foglio ha ospitato numerosi interventi di privati cittadini, personalità pubbliche e associazioni della società civile a favore e contro l'aborto. Il 2 febbraio 2008 Ferrara annuncia al pubblico del Teatro Manzoni di Monza l'invio di una lettera all'ONU. Il testo integrale è pubblicato su Il Foglio del 18 febbraio.[44]

Il ritorno in politica[modifica | modifica sorgente]

La moratoria proposta da Ferrara solleva un dibattito che tiene banco sui media e nella società civile. Il 12 febbraio il giornalista annuncia la fondazione di un partito politico, che definisce "di scopo", per portare il dibattito sulla vita in Parlamento e lascia la conduzione di Otto e mezzo. Chiama il partito Associazione difesa della vita. Aborto? No grazie. Ferrara manifesta l'intenzione di presentarsi alle Elezioni politiche 2008 come alleato del Popolo della Libertà, mantenendo però il simbolo della propria lista. La trattativa con Silvio Berlusconi si conclude senza un accordo quindi la lista Aborto? No, grazie si presenta da sola senza apparentarsi ad alcun'altra lista.

Durante la campagna elettorale, è duramente contestato dai giovani dei centri sociali nei suoi comizi a Bologna[45], a Pesaro[46], a Milano[47] e a Palermo[48].

La lista di Ferrara è presentata solo alla Camera e raccoglie 135.578 voti, pari allo 0,371% del totale[49], non superando la soglia di sbarramento e non conquistando alcun seggio. Di fronte a tale risultato Ferrara commenta: «Più che una sconfitta, una catastrofe: io ho lanciato un grido di dolore per un dramma e gli elettori mi hanno risposto con un pernacchio»[50].

Qui Radio Londra[modifica | modifica sorgente]

Dal 2011 fino al 2012 ha condotto su Rai 1 Qui Radio Londra, un programma di 5-7 minuti che andava in onda dopo il TG1 delle 20.00.

Posizioni politiche[modifica | modifica sorgente]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

Figlio del senatore comunista Maurizio Ferrara, Giuliano a diciassette anni partecipa a Roma alla manifestazione di protesta contro la polizia che aveva presidiato la facoltà di Architettura dell'Università La Sapienza da cui è scaturita la Battaglia di Valle Giulia, una delle prime manifestazioni del Sessantotto italiano.[51]

Nei primi anni settanta a 21 anni viene mandato dal PCI a Torino dove gli viene affidato l'incarico di responsabile fabbriche del partito a Torino.[52]

Negli anni ottanta abbandona il comunismo in polemica con la dirigenza del suo partito e si dedica al giornalismo sostenendo in questa veste il Partito Socialista Italiano e in particolare il suo segretario Bettino Craxi.[53]

Nel 1992, quando scoppia lo scandalo di Tangentopoli e Craxi viene costretto a lasciare la segreteria del partito, si schiera vicino alle posizioni garantiste, criticando con forza l'operato dei magistrati.[54]

Dal 1994 appoggia Silvio Berlusconi, prima come ministro[55] e poi come giornalista.[56]

Libertà individuali[modifica | modifica sorgente]

Ferrara prende posizione in tema di aborto già nel 1989, criticando dalle pagine del Corriere della Sera la deresponsabilizzazione del maschio che segue all'introduzione delle prime pillole abortive[57]. Negli anni seguenti, pur rimanendo un non credente, assume una posizione più vicina a quella della Chiesa cattolica in temi quali il sostegno della famiglia "tradizionale" e la difesa dei diritti del concepito. Si schiera a favore dell'astensione nei referendum sulla procreazione assistita del 12 e 13 giugno 2005.

Radici cristiane dell'Europa[modifica | modifica sorgente]

Ferrara condivide la posizione della Chiesa cattolica riguardo alla difesa delle radici giudaico-cristiane dell'Europa, ma ne accentua la funzione di contrasto al fondamentalismo islamista.

Posizioni sui gay[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013, su Radio24, Giuliano Ferrara ha affermato che «l’omosessualità è contronatura» e «l’adozione ai gay è spaventosa». Ha proseguito affermando che «la famiglia gay mi fa ridere».[58][59]

Politica estera[modifica | modifica sorgente]

Ferrara appoggia dagli anni novanta tutti gli interventi militari degli Stati Uniti, a partire dalla Prima guerra del Golfo. All'inizio del 2003, in un editoriale del Foglio, appoggia le iniziative militari degli USA in Iraq intraprese dal presidente George W. Bush, che culminano con l'invasione nonostante il parere contrario del segretario dell'ONU Kofi Annan e l'opposizione degli altri membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, voce quasi isolata tra gli appelli contrari alla guerra degli altri direttori dei maggiori quotidiani italiani.[senza fonte]

Ferrara e i neoconservatori statunitensi[modifica | modifica sorgente]

Il dibattito culturale sul Foglio spesso è finalizzato a far conoscere all'opinione pubblica italiana le posizioni dei neoconservatori statunitensi e Giuliano Ferrara è spesso citato come il principale esponente italiano di questo movimento.[60]

Questa identificazione tra l'orientamento culturale del Foglio (e del suo direttore) e l'ideologia dei neoconservatori statunitensi è giustificata dal fatto che Ferrara è stato uno dei primi studiosi italiani del filosofo della politica Leo Strauss, noto negli Stati Uniti come ispiratore del movimento neoconservatore. Di interesse è anche la posizione assunta da Ferrara in difesa dei valori tradizionali del cristianesimo come elemento necessario di coesione sociale per la civiltà occidentale liberale e democratica.

Religione e "ateismo devoto"[modifica | modifica sorgente]

Ferrara è annoverato tra i cosiddetti atei devoti (termine coniato da Beniamino Andreatta per indicare gli atei che dimostrano vicinanza con le posizioni della Chiesa cattolica). Egli ha dichiarato di non essere cattolico, ma di essere filosoficamente su posizioni teiste e quindi di credere in un Dio personale.[61]

Procedimenti legali[modifica | modifica sorgente]

Nell'ottobre 2003 lo scrittore Antonio Tabucchi invia al quotidiano francese Le Monde un articolo critico su Ferrara che, però, prima di essere pubblicato viene fatto pervenire allo stesso Ferrara da un redattore di Le Monde suo amico. Ferrara lo pubblica sul quotidiano Il Foglio, di cui era direttore, il giorno stesso (9 ottobre 2003) in cui sarebbe apparso sul quotidiano francese, che arriva in edicola alla sera, presentandolo con le parole "Applauditemi, sono riuscito a rubare un articolo a Le Monde". Da allora si trascina una vicenda legale in Francia, intentata da Tabucchi contro Ferrara per pubblicazione non autorizzata e violazione del diritto d'autore. Ferrara è condannato in primo grado e in appello, ma nel settembre 2008 la Corte di Cassazione francese annulla le due sentenze per mancanza di giurisdizione su fatti svoltisi in Italia[62].

Ferrara e la satira[modifica | modifica sorgente]

Ferrara è stato spesso bersaglio della satira italiana per le sue posizioni in politica estera e in materia giudiziaria, a partire dal settimanale Cuore, fino agli spettacoli di Roberto Benigni, Daniele Luttazzi e Sabina Guzzanti. In tutte le rappresentazioni satiriche, oltre a prendersi gioco della sua mole, lo si schernisce per aver cambiato appartenenza politica, suggerendo una logica di interessi quale motivazione principale del suo cambio di schieramento.

Nel suo tour del 1996 Benigni ne prese di mira, in quasi tutte le sue battute, la struttura fisica. A tali battute Ferrara rispose già nel 1997 sul Foglio con una serie di stroncature del film di Benigni La vita è bella, proseguite anche con i successivi lavori dell'artista.

Durante il 52° Festival di Sanremo, nella cui serata finale era previsto uno sketch di Benigni, Ferrara polemizzò di nuovo contro l'artista, asserendo che nel caso in cui fosse salito sul palco, sarebbe stato in prima fila a «tirargli uova marce»[63]. Alla fine Ferrara si limitò a lanciare uova sullo schermo del televisore del proprio salotto, di fronte a una telecamera che lo riprendeva mentre assisteva all'esibizione dell'artista toscano. Quando Benigni si accorse che Ferrara non era in sala, ironizzando ipotizzò che fosse partito per Sanremo, ma che fosse tornato indietro dopo essersi mangiato le uova per strada[64][65].

L'8 dicembre 2007 Giuliano Ferrara fu menzionato in un monologo di Daniele Luttazzi durante la trasmissione Decameron in onda su LA7[66]: l'episodio causò la sospensione del programma[67]. Nel caso, Ferrara difese la sospensione del programma, pur ribadendo il diritto alla satira[68].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

È sposato dal 1987 con la scrittrice statunitense naturalizzata italiana Anselma Dell'Olio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Morta la mamma di Giuliano Ferrara, Corriere della Sera.
  2. ^ Giovanni Floris, La fabbrica degli ignoranti. La disfatta della scuola italiana, Milano, Rizzoli Editore, 2008, p. 215.
  3. ^ PCI e Lotta Continua, in "La Stampa", 24 febbraio 1976
  4. ^ La riforma si deve fare e va repressa l'anarchia, in "La Stampa", 15 giugno 1977
  5. ^ «Abbiamo le carte in regola per tornare nella Sala rossa», in "La Stampa", 27 aprile 1980
  6. ^ La città ha una brutta faccia Che cosa fare per ripulirla?, in "La Stampa", 2 dicembre 1980
  7. ^ Oggi da Beirut l'ultimo componente della delegazione comunale, in "Stampa Sera", 14 settembre 1982
  8. ^ Settembre Musica - Archivio fotografico dell'edizione 1982
  9. ^ Guerra nel pci per il concerto della pace, in "La Stampa", 21 settembre 1982
  10. ^ Ferrara: «Un gesto di ipocrisia cinica e meschina», in "La Stampa", 22 settembre 1982
  11. ^ Ferrara si dimette da ogni carica Nel pci torinese è di nuovo bufera, in "La Stampa", 24 settembre 1982
  12. ^ Il pci accoglie le dimissioni di Ferrara e deplora i suoi giudizi: «Inaccettabili», in "Stampa Sera", 27 settembre 1982
  13. ^ Ferrara lascia il Consiglio, in "La Stampa", 26 ottobre 1982
  14. ^ RESPINTE LE DIMISSIONI MA FERRARA NON TORNERÀ, in "Stampa Sera", 5 ottobre 1982
  15. ^ IL PSI APRE A TORINO AI 'DISSIDENTI' PCI, in "la Repubblica", 20 febbraio 1985
  16. ^ FERRARA E IL PSI, in "la Repubblica", 22 febbraio 1985
  17. ^ GIULIANO IL CONVERTITO SULLA VIA DI BETTINO, in "la Repubblica", 23 febbraio 1985
  18. ^ FERRARA: 'NON MI CANDIDO MA APPOGGIO IL PSI' , in "la Repubblica", 1 marzo 1985
  19. ^ Marco Travaglio sostiene che siano determinate di volta in volta dal seguire dove stanno il «potere ed il danaro» e che a partire dal 1992 Ferrara si schierò «con i ladri (...) infatti i ladri guadagnavano molto più dei giudici», cfr. La Cozza ha Sempre ragione in "l'Unità", 3 dicembre 2004; Un uomo da palinsesto, in "l'Unità", 27 gennaio 2006
  20. ^ a b Giuliano Ferrara "spia" della Cia: l'azione disciplinare è ormai prescritta, Ordine dei Giornalisti, 24 giugno 2003. URL consultato il 3-3-2011.
  21. ^ Ferrara: Io informatore della Cia, La Repubblica, 15 maggio 2003. URL consultato il 3-3-2011.
  22. ^ FERRARA ACCUSATORE VERDIGLIONE IMPUTATO, in "la Repubblica", 10 novembre 1987
  23. ^ Ferrara e il caso Moro: «Non volevano salvarlo», in "La Stampa", 13 aprile 1988
  24. ^ Giuliano Ferrara, in Aldo Grasso (a cura di), Enciclopedia della Televisione, Milano, Garzanti, 2003 (1996), p. 247.
  25. ^ FERRARA: 'SONO FELICE PERCHÉ BERLUSCONI MI DARÀ IL TELEGIORNALE' , in "la Repubblica", 1 febbraio 1989
  26. ^ DEBUTTA FERRARA IN RADIO LONDRA, in "la Repubblica", 14 febbraio 1989
  27. ^ Ecco il gatto con le bretelle, in "Stampa Sera", 12 aprile 1989
  28. ^ Parlamento Europeo - Giuliano FERRARA
  29. ^ Radio Londra ritorna con Ferrara, in "La Stampa", 6 gennaio 1991
  30. ^ Ferrara: faccio il bis, in "La Stampa", 20 gennaio 1991
  31. ^ CRAXI, DAGLI SCHERMI TV L' ULTIMA SFIDA AL PAESE, "la Repubblica", 1 maggio 1993
  32. ^ SORDINA DC AL "SESSO IN TV", in "la Repubblica", 13 febbraio 1992
  33. ^ FERRARA BOCCIATO DALLA FININVEST, in "la Repubblica", 21 febbraio 1992
  34. ^ a b pag.8 de L'Unità 2 dell'11/1271997, vd. Archivio Storico Unità [1].
  35. ^ a b c pag.7 de L'Unità 2 dell'11/12/1997, vd. Archivio Storico Unità [2].
  36. ^ L'Unità versus Ferrara. Condannato per diffamazione, L'Unità online, 7 luglio 2006.
  37. ^ Rachele Gonnelli, Diffamò l'Unità, Giuliano Ferrara condannato, L'Unità, 8 luglio 2006.
  38. ^ Onemoreblog
  39. ^ Ferrara al Botteghino Va per Fassino e incontra il candidato
  40. ^ D'Alema: al Cavaliere è mancato il coraggio
  41. ^ Caro Adriano, Abort macht frei, Il Foglio.it.
  42. ^ (EN) Rachel Donadio, The Atheist Urging Italy to Get Religion, The New York Times, 2008-04-08. URL consultato il 2008-06-17.
  43. ^ Maria Antonietta Calabrò, «So di essere al 7%: ora Silvio mi vorrà» in Corriere della Sera, 18 febbraio 2008. (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2013).
  44. ^ (ITENESFRDEPTPL) Moratoria sull'aborto, il Foglio. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  45. ^ Pomodori e botte per Ferrara a Bologna, Il Corriere della Sera, 2 aprile 2008. URL consultato il 12-3-2011.
  46. ^ Assalto a Ferrara, nuovi scontri a Pesaro, Il Corriere della Sera, 4 aprile 2008. URL consultato il 12-3-2011.
  47. ^ Ferrara, tensione anche a Milano, Il Corriere della Sera, 5 aprile 2008. URL consultato il 12-3-2011.
  48. ^ Palermo, uova per Ferrara. Poi «riceve» 500 Ave Maria, Il Corriere della Sera, 9 aprile 2008. URL consultato il 12-3-2011.
  49. ^ Elezione della Camera dei Deputati del 13 - 14 aprile 2008 - Italia complesso, Ministero dell'Interno. URL consultato il 2008-04-15.
  50. ^ Maria Antonietta Calabrò, La sconfitta di Giuliano Ferrara: «Il mio grido di dolore accolto da un pernacchio», Il Corriere della Sera. URL consultato il 2008-04-15.
  51. ^ Pasolini e il '68 (Giuliano Ferrara ed Enzo Siciliano), pasolini.net. URL consultato il 12-3-2011.
  52. ^ Giuliano il camaleonte
  53. ^ Ferrara: «Non mi candido ma appoggio il PSI» in la Repubblica, 1 marzo 1985. (archiviato il 14 agosto 2013).
  54. ^ A. C., «Fanno come Craxi, bisogna fermarli» in la Repubblica, 6 ottobre 1994. URL consultato il 14 agosto 2013 (archiviato il 14 agosto 2013).
  55. ^ 1° Governo Berlusconi in Governo Italiano (Roma). URL consultato il 14 agosto 2013 (archiviato il 14 agosto 2013).
  56. ^ Mediaset, Ferrara: «Sentenza vile e cazzona» in Libero, 1 agosto 2013. URL consultato il 14 agosto 2013 (archiviato il 14 agosto 2013).
  57. ^ Giuliano Ferrara, Maschio sempre più irresponsabile con la nuova "pillola" per abortire, Corriere della Sera, 5 novembre 1989.
  58. ^ L’omosessualità è contronatura e l’adozione ai gay è spaventosa. Parola di Giuliano Ferrara
  59. ^ “L’omosessualità è contro natura”
  60. ^ Paolo Bracalini, Ma in Italia che fine hanno fatto i neo-con? in il Giornale, 1 agosto 2008. URL consultato il 14 agosto 2013 (archiviato il 14 agosto 2013).
  61. ^ Né ateo né devoto
  62. ^ Pdf della sentenza della Corte di Cassazione francese, in lingua originale
  63. ^ Uova e ortaggi contro Benigni a Sanremo in Corriere della Sera, 6 marzo 2002. URL consultato il 12 marzo 2011.
  64. ^ Sanremo, un Benigni d'amore anche per Berlusconi in Corriere della Sera, 10 marzo 2002. URL consultato il 12 marzo 2011.
  65. ^ Tutto Benigni battuta per battuta. Ecco lo show che non ha diviso l'Italia in Corriere della Sera, 10 marzo 2002. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  66. ^ Luttazzi disse che per sopportare la visione delle atrocità della guerra in Iraq (conflitto appoggiato anche da Ferrara come risposta al terrorismo islamico) bisognava pensare «a Giuliano Ferrara dentro una vasca da bagno con Berlusconi e Dell'Utri che gli pisciano addosso, Previti che gli caga in bocca e la Santanchè in completo sadomaso che li frusta».
  67. ^ Offese a Ferrara: La7 sospende Luttazzi in la Repubblica, 8 dicembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  68. ^ Giuliano Ferrara, Luttazzi, lettera di Giuliano Ferrara "Era satira, ma un limite ci vuole" in la Repubblica, 10 dicembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2012.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Radio Londra, Milano, Leonardo, 1989, ISBN 88-355-0040-0.
  • Ai comunisti. Lettere da un traditore, Bari-Roma, Laterza, 1991, ISBN 88-420-3749-4.
  • Non dubitare. Contro la religione laicista, Chieti, Solfanelli, 2005, ISBN 88-89756-06-3.
  • Teoconservatorismo e ateoconservatorismo a confronto, Sonzogno, Venezia, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franco Corbelli, L'anti-Sgarbi. Diario di una rivolta ideale contro lo sgarbismo e la tv spazzatura di Giuliano Ferrara, Cosenza, Progetto 2000, 1991, ISBN 88-85937-41-1.
  • Marco Barbieri, Il grande fratello orco. La prima biografia non autorizzata di Giuliano Ferrara, Milano, Gruppo pubblicità Italia, 1997, ISBN 88-87136-00-9.
  • Pino Nicotri, L'arcitaliano Ferrara Giuliano, Milano, Kaos, 2004, ISBN 88-7953-133-6.
  • Luigi Castaldi, Giuliano Ferrara non è una muffa, Roma, Stampa Alternativa, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore de Il Foglio Successore
\\\ dal 30 gennaio 1996 in carica
Predecessore Direttore di Panorama Successore
Andrea Monti 28 novembre 1996 - 25 settembre 1997 Roberto Briglia

Controllo di autorità VIAF: 26181847 LCCN: n88647561