Diocesi di Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima sede vescovile titolare, vedi Diocesi di Alba (Numidia).
Diocesi di Alba
Dioecesis Albae Pompeiensis
Chiesa latina
AlbaCN0001.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Torino
Regione ecclesiastica Piemonte
  Alba diocesi.png
Vescovo Giacomo Lanzetti
Vescovi emeriti Sebastiano Dho
Sacerdoti 143 di cui 108 secolari e 35 regolari
879 battezzati per sacerdote
Religiosi 75 uomini, 240 donne
Diaconi 9 permanenti
Abitanti 130.800
Battezzati 125.700 (96,1% del totale)
Superficie 1.050 km² in Italia
Parrocchie 126
Erezione IV secolo
Rito romano
Cattedrale San Lorenzo
Indirizzo Piazza Mons. Grassi 9, 12051 Alba [Cuneo], Italia
Sito web www.diocesidialba.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Alba (in latino: Dioecesis Albae Pompeiensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Torino appartenente alla regione ecclesiastica Piemonte. Nel 2012 contava 125.700 battezzati su 130.800 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Giacomo Lanzetti.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi si sviluppa prevalentemente nella parte occidentale della provincia di Cuneo comprendo 69 comuni oltre a due della provincia di Asti (Coazzolo, Castagnole delle Lanze). Confina a nord con la diocesi di Asti, ad est con la diocesi di Acqui, a sud la diocesi di Mondovì e infine ad ovest con la diocesi di Fossano e l'arcidiocesi di Torino.

Sede vescovile è la città di Alba, dove si trova la cattedrale di San Lorenzo.

La mappa delle vicarie

Le 126 parrocchie della diocesi sono raggruppate in 8 vicarie:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la tradizione il primo vescovo di Alba è san Dioniso, che si narra abbia servito la diocesi per alcuni anni prima di essere nominato arcivescovo di Milano; per la sua opposizione all'arianesimo sarebbe stato esiliato nel 355 dall'imperatore Costanzo. Questa tradizione è ritenuta non affidabile[1] dato che nel IV secolo solitamente ad un vescovo era proibito lasciare la propria diocesi per un'altra.

Una lista di nove antichi vescovi di Alba, che inizia con un san Dioniso (diverso da quello precedente, nel 380) fino al vescovo Giulio (553), fu compilata sulla base di iscrizioni sepolcrali trovate nella cattedrale di Alba alla fine del XV secolo da Dalmazzo Berendenco, un antiquario; ma sia la lista che il suo scopritore risultarono essere dei falsi inventati da Giuseppe Meiranesio nel XVIII secolo.[2]

Il primo vescovo di Alba di cui è certa l'esistenza è Lampadio, che fu presente al sinodo tenutosi in Roma nel 499 sotto papa Simmaco.[3]

Per breve tempo, verso la fine del X secolo, la diocesi fu unita a quella di Asti. Tra i successivi vescovi, Benzone fu un noto avversario di papa Gregorio VII e sostenne l'impero durante la controversia sulle investiture.[4]

Nel 1511 cedette una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Saluzzo.

Un fatto di rilievo accadde il 22 aprile 1613: scoppiata la prima guerra del Monferrato, Alba fu assalita dai francesi e il vescovo Pendasio fu prelevato dalla chiesa, percosso e condotto oltraggiosamente per le strade della città.

Sotto il ministero di monsignor Roero, fu vicario generale monsignor Raulo Costanzo Falletti di Barolo.

Nel 1803 la diocesi fu soppressa dal governo napoleonico e il suo territorio riunito a quello della diocesi di Asti. Fu ristabilita il 17 luglio 1817 con la bolla Beati Petri di papa Pio VII; contestualmente il papa la dichiarò suffraganea dell'arcidiocesi di Torino, venendo così tolta alla giurisdizione metropolitica dell'arcivescovo di Milano, a cui sempre Alba era stata soggetta.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • San Dionisio o Dioniso † (350 - 355)
  • Adelgiso † (355)
  • Severo † (391, 397)
  • Bruningo † (419)
  • Alderico † (443)
  • Lampadio I † (menzionato nel 499)
  • Manfredo † (482, 483)
  • Venanzio I † (503)
  • Oldarico † (532)
  • Pietro I † (563)
  • Venanzio II † (593)
  • Guglielmo † (627)
  • Vitelmo I † (661)
  • San Benedetto † (menzionato nel 680)
  • Lampadio II † (801)
  • Sigifredo † (829)[5]
  • Pietro Penso II ? † (menzionato nell'855)[6]
  • Olderado o Ildrado † (prima di febbraio 876 - dopo novembre 877)
  • Liutardo † (menzionato nel 901)[7]
  • Daiberto † (menzionato nel 945)
  • Flocardo o Fulcardo † (prima del 969 - circa luglio 985 deceduto)
    • Sede unita ad Asti)
  • Costantino † (prima del 997 - dopo il 1005)
  • Oberto † (menzionato nel 1027)
  • Anonimo (G.) † (menzionato nel 1057 circa)
  • Benzone (o Pietro Penso III ?) † (menzionato nel 1059 - dopo il 1085)[8]
  • Pellegrino † (menzionato nel 1098)
  • Pietro IV † (1124 - 1125)[9]
  • Robaldo † (prima di dicembre 1125 - 29 luglio 1135 nominato arcivescovo di Milano)[10]
  • Pietro V ? † (menzionato nel 1150)[11]
  • Rozone † (menzionato nel gennaio 1163)
  • Otto † (prima di giugno 1169 - dopo agosto 1177)
  • Federico del Monferrato ? † (menzionato nel 1180 circa)[12]
  • Bonifacio I † (prima del 1185 - dopo il 1188)
  • Gerardo † (menzionato nel 1191 o 1194)[13]
  • Ogerio † (prima di dicembre 1192 - dopo il 1202)
  • Bonifacio II † (prima del 1210 - dopo il 1213)
  • Reinerio, O.Cist. † (prima di agosto 1216 - dopo maggio 1226)
  • Sardo † (menzionato nel 1231)
  • Guglielmo Braida † (prima del 1237 - dopo il 1253)
  • Monaco † (22 gennaio 1255 - dopo febbraio 1260)[14]
  • Simone, O.F.M. † (prima di ottobre 1263 - dopo aprile 1271)
  • Martino, O.F.M. † (1276)
  • Bonifacio III † (prima di gennaio 1283 - 18 marzo 1306 deceduto)
  • Raimondo de Mausaco, O.F.M. † (prima del 1311 - 21 febbraio 1321 nominato vescovo di Chieti)
  • Guglielmo Isnardi, O.F.M. † (21 febbraio 1321 - 6 dicembre 1333 nominato arcivescovo di Brindisi)
  • Pietro Avogadro, O.P. † (7 febbraio 1334 - 28 gennaio 1349 nominato vescovo di Sisteron)
  • Lazzarino Flisco o Fieschi † (29 gennaio 1349 - 1368 deceduto)
  • Ludovico del Carretto † (27 aprile 1369 - 1388 deceduto)
  • Federico del Carretto † (1388 - ?)
  • Pietro del Carretto, O.P. † (menzionato nel 1391)
  • Bonifacio IV † (menzionato nel 1398)
  • Francesco I del Carretto † (20 novembre 1401 - ?)
  • Aleramo del Carretto † (menzionato nel 1407)
  • Francesco II del Carretto † (menzionato nel 1413)
  • Giacomo del Carretto † (? - ? deceduto)
  • Beato Alerino Rembaudi † (10 settembre 1419 - 21 luglio 1456 deceduto)
  • Bernardo del Carretto, O.S.B. † (18 ottobre 1456[15] - agosto 1460 deceduto)
  • Pietro del Carretto † (24 novembre 1460 - 1482 deceduto)
  • Andrea Novelli † (6 febbraio 1483 - 13 maggio 1521 deceduto)
  • Ippolito Novelli † (13 maggio 1521 succeduto - 11 novembre 1530 deceduto)[16]
  • Antonio Mollo † (28 novembre 1530 - 1532 deceduto)[17]
  • Giuliano Visconti † (16 agosto 1532 - 27 agosto 1532 deceduto) (vescovo eletto)[18]
  • Marco Gerolamo Vida, C.R.L. † (7 febbraio 1533 - 27 settembre 1566 deceduto)
  • Leonardo Marino, O.P. † (7 ottobre 1566 - 1572 dimesso)[19]
  • Vincenzo Marino † (19 novembre 1572 - 25 febbraio 1583 deceduto)[20]
  • Lelio o Aurelio Zibramonti † (28 marzo 1583 - 14 novembre 1583 nominato vescovo di Casale Monferrato)
  • Ludovico Michelio † (19 dicembre 1583 - 27 aprile 1590 deceduto)
  • Alberto Capriano † (30 luglio 1590 - 23 gennaio 1595 deceduto)
  • Giovanni Anselmo Carminato † (26 luglio 1596 - 6 luglio 1604 deceduto)
  • Francesco Pendasio † (18 luglio 1605 - 3 settembre 1616 deceduto)
  • Vincenzo Agnello Suardo † (5 dicembre 1616 - 13 maggio 1619 nominato vescovo coadiutore di Mantova)
  • Ludovico Gonzaga † (12 agosto 1619 - 26 giugno 1630 deceduto)[21]
  • Giovanni Francesco Gandolfo † (10 gennaio 1633 - 4 novembre 1638 deceduto)
  • Paolo Brizio, O.F.M.Obs. † (15 dicembre 1642 - 2 novembre 1665 deceduto)
  • Cesare Biandrà † (5 maggio 1666 - 26 agosto 1666 deceduto)[22]
  • Vittorio Nicolino della Chiesa † (16 marzo 1667 - 22 settembre 1691 deceduto)
  • Gerolamo Ubertino Provana, C.R. † (25 giugno 1692 - 28 luglio 1696 deceduto)
  • Giuseppe Roero † (27 marzo 1697 - 4 novembre 1720 deceduto)
  • Francesco Vasco, O.C.D. † (30 luglio 1727 - 31 dicembre 1749 deceduto)
  • Enrichetto Virginio (Raffaele Francesco) Natta, O.P. † (22 luglio 1750 - 29 giugno 1768 deceduto)
  • Giacinto Amedeo Vagnone † (11 settembre 1769 - 30 gennaio 1777 dimesso)
  • Giuseppe Maria Langosco di Stroppiana † (20 luglio 1778 - 13 dicembre 1788 deceduto)
  • Giovanni Battista Pio Vitale † (11 aprile 1791 - dopo il 29 maggio 1803 dimesso)
    • Sede soppressa (1803-1818)
  • Giovanni Antonio Niccola (Nicola) † (16 marzo 1818 - 12 gennaio 1834 deceduto)
  • Costanzo Michele Fea † (1º febbraio 1836 - 2 novembre 1853 deceduto)
    • Sede vacante (1853-1867)
  • Eugenio Roberto Galletti † (27 marzo 1867 - 5 ottobre 1879 deceduto)
  • Lorenzo Carlo Pampirio, O.P. † (27 febbraio 1880- 24 maggio 1889 nominato arcivescovo di Vercelli)
  • Giuseppe Francesco Re † (30 dicembre 1889 - 17 gennaio 1933 deceduto)
  • Luigi Maria Grassi, B. † (13 marzo 1933 - 5 aprile 1948 deceduto)
  • Carlo Stoppa † (27 dicembre 1948 - 13 febbraio 1965 deceduto)
    • Sede vacante (1965-1970)[23]
  • Luigi Bongianino † (15 gennaio 1970 - 6 giugno 1975 nominato vescovo di Tortona)
  • Angelo Fausto Vallainc † (7 ottobre 1975 - 8 dicembre 1986 deceduto)
  • Giulio Nicolini † (16 luglio 1987 - 16 febbraio 1993 nominato vescovo di Cremona)
  • Sebastiano Dho (3 luglio 1993 - 28 giugno 2010 ritirato)
  • Giacomo Lanzetti, dal 28 giugno 2010

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 130.800 persone contava 125.700 battezzati, corrispondenti al 96,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1905  ?  ?  ? 287 276 11  ?  ? ? ? 101
1950 150.300 150.350 100,0 325 265 60 462 176 425 136
1959 111.000 111.100 99,9 311 249 62 356 124 568 138
1970 120.265 120.350 99,9 264 210 54 455 68 586 140
1980 120.972 121.120 99,9 226 188 38 535 100 445 142
1990 120.200 120.400 99,8 207 168 39 580 93 414 126
2000 122.300 124.600 98,2 182 147 35 671 77 350 126
2001 122.200 124.500 98,2 179 146 33 682 76 347 126
2002 122.200 124.500 98,2 167 136 31 731 73 341 126
2003 122.200 124.500 98,2 163 131 32 749 64 306 126
2004 122.200 124.600 98,0 156 123 33 719 73 294 126
2006 125.230 128.170 97,7 162 120 42 773 3 83 291 126
2012 125.700 130.800 96,1 143 108 35 879 9 75 240 126

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Papebroch (Acta SS., VI, 40)
  2. ^ De Rossi, Bullettino di archeologia cristiana, 1868, 45-47. La lista dei vescovi fu pubblicata da Costanzo Gazzera nel 1857: Delle iscrizioni cristiane antiche del Piemonte, pp. 134-153.
  3. ^ Mansi, VIII, 235, Mon. Germ. Hist., Auct. Antiq. XII, 400.
  4. ^ Orsi, Un libellista del sec. XI, in Rivista storica Italiana, 1884, p. 427.
  5. ^ I vescovi da Adelgiso a Sigifredo sono menzionati da Palemone Luigi Bima nella Serie cronologica dei romani pontefici e degli arcivescovi e vescovi di tutti gli stati di Terraferma e di alcune del regno di Sardegna, Torino 1842, pp. 90-91. Ad eccezione di Lampadio I (499) e Benedetto (680), tutti gli altri sono totalmente sconosciuti al Savio; lo stesso Gams esclude dalla sua cronotassi tutti quelli precedenti Benedetto, così come Lanzoni, che specifica inoltre come Venanzio I sia stato vescovo non di Alba, ma di Viviers.
  6. ^ Questo vescovo, citato da Ughelli, che lo dice intervenuto a un concilio provinciale in Pavia nell'855, è messo in dubbio dal Savio, in quanto di quel concilio non sono stati riportati nomi di vescovi.
  7. ^ Secondo Cappelletti e Bima, che datano Liutardo all'800 circa, nel 901 è menzionato un Vitelmo II, ignorato da Savio.
  8. ^ Cappelletti e Gams menzionano il vescovo Alberto (1061 e 1074); secondo Savio questo Alberto è l'omonimo vescovo di Acqui.
  9. ^ Secondo Savio, potrebbe essere stato abate-vescovo di Fruttuaria, cosa che farebbe anticipare la sua elezione alla sede di Alba al 1118.
  10. ^ Secondo il Savio non ci sono prove che abbia mantenuto anche la sede di Alba; morì il 30 dicembre 1145 .
  11. ^ Menzionato da Ughelli (Italia sacra, vol. IV, col. 286), è messo in dubbio da Savio.
  12. ^ Federico era figlio di Guglielmo V del Monferrato, marchese del Monferrato, e di Giuditta di Babenberg.
  13. ^ L'Ughelli lo indica trasferito in epoca ignota a Nola, ma non sono documentati vescovi di nome Gerardo a Nola alla fine del XII secolo; lo stesso Ughelli non lo menziona affatto quando parla della diocesi campana.
  14. ^ Molti autori, a partire da Ferdinando Ughelli, inseriscono tra Monaco e Simone il vescovo Gandolfo (1259 - 1262), ricordato in un necrologio della cattedrale di Asti. Savio e Eubel invece ritengono che Gandolfo sia stato vescovo di Torino.
  15. ^ Secondo Eubel la nomina è del 6 agosto.
  16. ^ Secondo Eubel e Cappelletti, Ippolito Novelli è nominato il 5 novembre 1514 per la morte di Andrea Novelli l'anno precedente.
  17. ^ Secondo Gams e Eubel muore nel 1531.
  18. ^ Secondo Eubel Visconti è nominato il 16 agosto 1531 e muore il 5 gennaio 1533.
  19. ^ Secondo Gams, muore l'11 giugno 1572.
  20. ^ Secondo Gams muore nel mese di novembre 1582.
  21. ^ Secondo Gams muore nel 1633.
  22. ^ Secondo Gams muore nel mese di giugno 1666.
  23. ^ Durante la vacanza della sede fu amministratore apostolico Luigi Bongianino (dal 2 febbraio 1968 al 15 gennaio 1970), in seguito divenuto vescovo diocesano.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi