Ludovico Gonzaga (vescovo di Alba)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ludovico (Luigi) Gonzaga
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Alba
Nato 1587
Consacrato vescovo 12 agosto 1619
Deceduto 17 giugno 1630

Ludovico (Luigi) Gonzaga (1587Luzzara, 17 giugno 1630[1]) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio Prospero Gonzaga, secondo marchese di Luzzara, fu nominato vescovo il 12 agosto 1619 e tenne il sinodo nel 1626. Era nipote di Marcantonio Gonzaga (m. 1592), vescovo di Casale Monferrato dal 1589 al 1592.

A causa della guerra del Monferrato risiedette saltuariamente ad Alba. Per sfuggire al morbo della peste si rifugiò a Luzzara, presso il Casino della Tomba, residenza di campagna del cugino Federico Gonzaga di Luzzara ma fu ugualmente colpito e qui morì il 17 giugno 1630[2] e venne sepolto nella chiesa del convento degli Agostiniani.

A seguito della sua richiesta papa Clemente X elevò Margherita di Monferrato all'onore degli altari nel 1669.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio Parrocchiale di S. Giorgio - Luzzara.
  2. ^ Archivio Parrocchiale di S. Giorgio - Luzzara.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Brunelli, I Gonzaga con la tonaca, Ciliverghe, 2005.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Alba Successore BishopCoA PioM.svg
Vincenzo Agnello Suardo 1619 - 17 giugno 1630 Francesco Gandolfo