Chiesa di Santa Maria della Vittoria (Mantova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Santa Maria della Vittoria
Chiesa di Santa Maria della Vittoria (Mantova)
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Località Mantova
Religione cristiana cattolica
Diocesi Diocesi di Mantova
Stile architettonico Tardo Gotico
Inizio costruzione 1495
Completamento 1496

La chiesa di Santa Maria della Vittoria fu fatta edificare dal Marchese Francesco Gonzaga nel 1496 in memoria della vittoria ottenuta contro l'esercito Francese comandato da Carlo VIII, nella battaglia di Fornovo presso il fiume Taro, su richiesta del suo consigliere, frate Girolamo Redini[1], fondatore della Congregazione degli Eremiti di Santa Maria in Gonzaga.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1495 si scontrarono a Fornovo gli eserciti dei Francesi di Carlo VIII e della Lega Antifrancese, sostenuta da papa Alessandro VI, dall'imperatore Massimiliano I, da re spagnolo Ferdinando d'Aragona, da Ludovico il Moro e dai Veneziani. La Lega Santa, guidata da Francesco II Gonzaga, riportò la vittoria, cacciando temporaneamente i Francesi dalla penisola.

Durante l'assenza del marchese da Mantova, un banchiere ebreo, Daniele da Norsa, aveva acquistato una casa in borgo San Simone ed aveva sostituito una rappresentazione sacra della Vergine che ne decorava la facciata con il suo stemma personale. L'azione venne considerata sacrilega e Sigismondo Gonzaga intimò l'uomo di ripristinare l'opera pena l'impiccagione. Nonostante l'ebreo avesse accettato, l'ira popolare montò contro di lui e la sua casa venne rasa al suolo. Col ritorno di Francesco la pena venne commutata in un'ingiunzione a pagare una cappella e un dipinto devozionale, che ribadisse la devozione del marchese alla Vergine, soprattutto nell'ottica della fortunata protezione che, secondo loro, aveva permesso la vittoria sul campo di battaglia. Fu così che Mantegna, pittore di corte, venne incaricato di dipingere la pala, che venne solennemente inaugurata nel 1496, in occasione dell'anniversario della vittoria, collocandola nella cappella di Santa Maria della Vittoria, nel frattempo costruita al posto della casa dell'ebreo sacrilego.

Il progetto si doveva a Bernardino Ghisolfo, all'epoca responsabile delle fabbriche dei Gonzaga.

Il dipinto fu poi trafugato dai francesi nel 1797.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Costruita in stile tardo gotico, si affaccia sulla piazzetta di san Simone.

Internamente l'edificio mantiene la suddivisione in due piani del 1877, al piano superiore è ancora possibile distinguere tre volte a crociera.

Il piano inferiore è delimitato da un soffitto ligneo con mensole. La parete interna è ritmata da tre fornici incernierati da paraste decorate con candelabri. La parete di fronte alla porta d’ingresso presenta ancora parti di una raffinata tappezzeria a finto cuoio cordovano ed è contro di essa che si innalzava la pala di Santa Maria della Vittoria, di Mantegna.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Amici di Palazzo Te - Santa Maria della Vittoria

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Santini, ...E Sia Bella, Gentil, Cortese e Saggia... - Isabella D'Este Gonzaga o del Rinascimento, Milano, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]