Deutsche Bank

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deutsche Bank
Logo
Deutsche Bank Twin Towers, sede di Deutsche Bank a Francoforte sul Meno.
Deutsche Bank Twin Towers, sede di Deutsche Bank a Francoforte sul Meno.
Stato Germania Germania
Fondazione 1870
Sede principale Francoforte sul Meno
Settore Bancario
Dipendenti 98.219 (2012)
Sito web www.db.com

Deutsche Bank è una banca tedesca, con sede a Francoforte sul Meno, in Germania.

È uno dei principali gruppi bancari mondiali[1], con sedi in Europa, America, Asia e Pacifico ed è considerata tra le multinazionali più influenti al mondo.[2] Dal 2012 è co-presieduta da Juergen Fitschen e Anshu Jain, mentre il franchise Italia dal 2008 è guidato dal Chief Country Officer Flavio Valeri.[3]

Per Deutsche Bank, l’Italia rappresenta il primo mercato europeo, dopo la Germania.[4]

Deutsche Bank nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Deutsche Bank viene fondata il 10 marzo 1870 a Berlino con l’obiettivo di agevolare le relazioni commerciali tra la Germania e i mercati degli altri Paesi europei. Oggi il gruppo ha oltre 100.000 dipendenti in più di 70 Paesi con una vasta presenza in Europa, America, Asia e Pacifico e nei mercati emergenti. La sede principale è situata a Francoforte, presso le Deutsche Bank Twin Towers,[5] ma ha sedi dislocate in tutti i principali centri finanziari del mondo, come Londra, New York, Zurigo, Singapore, Hong Kong, Milano, Tokyo, Parigi, Mosca, Sydney, Toronto, Giacarta, Istanbul, Madrid, Dublino, Amsterdam, Varsavia, Mumbai, Pune, Kuala Lumpur, San Paolo, Dubai , Riyad, Bangkok, Karachi, Belgrado, Manila e George Town.

La banca offre una vasta gamma di servizi bancari e finanziari per clienti privati, corporate, aziende e istituzioni, sia come banca retail sia come banca d’affari: trading, ricerca e consulenza per operazioni sui mercati di capitale (debito ed equity), fusioni e acquisizioni, servizi di risk management, corporate finance, wealth management, private baking, retail banking, asset management e transaction banking.

Deutsche Bank in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Sede Deutsche Bank a Milano, Via Turati

Le prime attività di Deutsche Bank in Italia riguardano il collocamento di obbligazioni per il Governo italiano, diverse province, enti territoriali e società ferroviarie. La prima collocazione risale al 1883 per il Comune di Roma con la conseguente quotazione presso la Borsa di Berlino[senza fonte]. Sette anni più tardi Deutsche Bank fonda, in partnership con il Berliner Handels Gesellschaft, il Consorzio di Garanzia e collocamento per il business italiano ed è tra i fondatori dell’Istituto di Credito Fondiario.[6] Nel 1894, affiancata da istituzioni finanziarie tedesche, austriache e svizzere, dà origine alla Banca Commerciale di Milano, operando attivamente fino al 1914. Negli anni ‘60, la banca è protagonista come lead manager nella quotazione sia di FIAT che di Olivetti alla Banca di Francoforte e come co-manager nell’emissione di 15 milioni di dollari di Autostrade Concessioni e Costruzioni. Nel 1977 apre a Milano il suo primo ufficio di rappresentanza che, due anni dopo, diventa la prima filiale italiana del Gruppo.[7] I due decenni successivi sono caratterizzati dall’acquisizione del 100% della Banca d’America e d’Italia, ceduta dalla Bank of America nel 1986[8] e della Banca Popolare di Lecco nel 1994,[9] che – grazie a una continua crescita organica della banca negli anni - hanno portato il numero di sportelli oggi attivi sul territorio italiano a oltre 360.[10] Nel periodo tra il 1995 e il 1999 Deutsche Bank acquisisce Milano Mutui Spa, diventata poi la divisione Deutsche Bank Mutui, e Finanza & Futuro Banca, attuale rete dei promotori finanziari della Banca. Nel 2002 nasce in Italia Dws Investments Italy Sgr a seguito dell’estensione del marchio Dws Investments, sotto il controllo di Deutsche Bank, a tutti i prodotti dedicati al risparmio gestito a livello europeo.[11] Negli anni successivi Finanza & Futuro Banca entra a far parte della divisione retail Private and Business Clients di Deutsche Bank e la sua divisione assicurativa, Finanza & Futuro Vita, cambia denominazione in Dws Vita Spa. DWS Vita SpA viene poi venduta a Zurich Financial Services Group nel 2008. Nel 2006 DWS Investments Italy cede ad Anima SGR SpA la gestione dei fondi d’investimento,[12] stringendo inoltre una partnership attraverso la quale la Anima SGR ottiene l’autorizzazione alla distribuzione dei fondi Deutsche Bank.

Sedi di Deutsche Bank in Italia[modifica | modifica wikitesto]

La Direzione Generale di Deutsche Bank in Italia è situata a Milano in Piazza del Calendario (Bicocca). La banca possiede altre due sedi centrali: una a Milano in via Filippo Turati e una a Roma in Piazza SS. Apostoli.[13]

Struttura e Management Deutsche Bank in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Deutsche Bank in Italia opera attraverso quattro divisioni: la divisione retail denominata Private & Business Clients (PBC) che propone alla clientela privata e alle aziende di piccole e medie dimensioni un’offerta completa in termini di prodotti e servizi bancari; il Corporate Banking & Securities (CB&S) che offre servizi finanziari e di consulenza alle aziende di medie e grandi dimensioni, alle multinazionali, alle istituzioni finanziarie e alla pubblica amministrazione; il Global Transaction Banking (GTB) che opera attraverso l’offerta di prodotti e servizi di banca commerciale rivolti ad importanti clienti corporate e istituzionali a livello globale; la divisione Asset e Wealth Management (Deutsche AWM) che offre una gamma completa di prodotti e servizi di risparmio gestito ad investitori istituzionali e individuali, oltre alla consulenza nella gestione dei grandi patrimoni.[14]

Deutsche Bank e L'arte[modifica | modifica wikitesto]

Deutsche Bank possiede una delle più ampie collezioni di arte contemporanea a livello aziendale al mondo, grazie a una raccolta di oltre 60 mila opere, denominata Deutsche Bank Collection, dislocate in 900 sedi espositive delle banca tra le quali Francoforte sul Meno, Londra, New York, Tokyo, Hong Kong e Milano.[15] A Milano la collezione è stata inaugurata nel 2007,[15] oggi conta oltre 400 opere disposte nelle sedi di Milano (Bicocca e via Turati) e a Roma (SS. Apostoli). I poli di Milano aprono periodicamente al pubblico in occasione di eventi, visite guidate e incontri d’arte,[16] come durante la manifestazione “Invito a Palazzo” promossa dal 2002 dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI). Nel 2012 Forbes ha inserito la Deutsche Bank Collection nelle migliori corporate collection al mondo, insieme a quelle delle banche JPMorgan Chase e UBS.[17]

La Fondazione Deutsche Bank in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 a Milano nasce la Fondazione Deutsche Bank Italia, la prima fuori dai confini tedeschi.[18] Il primo progetto realizzato dalla Fondazione, sviluppato insieme alla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, è stato l’iniziativa culturale “La Regola del Talento”, che ha portato alla redazione di un volume da parte della casa editrice Marsilio Editori e della prima directory dedicati alle scuole d’arti e mestieri in Italia.[19] Le iniziative promosse dalla Fondazione rientrano nel più ampio impegno di Deutsche Bank in ottica di Corporate Responsibility (CR).[20]

Sponsorship, Collaborazioni e Convegni[modifica | modifica wikitesto]

Deutsche Bank promuove il territorio italiano grazie a partnership in diversi ambiti. La banca è partner del Fondo Ambiente Italiano (FAI) con il quale sviluppa dal 2009 il progetto “Grandi Orchestre Sinfoniche Internazionali per Deutsche Bank a favore del FAI” con l’obiettivo di far esibire in Italia i principali ensamble del mondo[21] della Comunità di Sant’Egidio; della Fondazione Cologni per i Mestieri d’Arte; della Fondazione con il Sud; della Fondazione Theodora Onlus e di altri.[22] La banca collabora anche con la Fondazione Banco Alimentare, a favore della quale il 2 luglio 2014 è stato emesso il primo social bond della banca in Italia[23] per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro,[24] promuovendo lo sviluppo delle attività della Fondazione DB su tutto il territorio nazionale. Deutsche Bank è anche partner della comunità di San Patrignano e dell’associazione italiana sindrome di Williams Onlus. A partire dalla stagione 2013-2014, Deutsche Bank è top sponsor e banca ufficiale della squadra di calcio FC Internazionale.[25] Nel 2013 è stata promotrice e organizzatrice, insieme ad Eni, della prima edizione in Italia della conferenza Women in Business & Society[26] e, nel Febbraio 2015, è stata main sponsor del 21° Congresso Assiom Forex, l’incontro annuale che vede coinvolti i principali operatori del mercato finanziario in Italia.[19]

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 due dirigenti italiani di Deutsche Bank e altri manager delle banche UBS, JPMorgan Chase e Depfa Bank, sono stati rinviati a giudizio in seguito ad un'inchiesta sui derivati al Comune di Milano con l'accusa di truffa aggravata.[27] Dopo la condanna di primo grado, il 7 marzo 2014 la Corte d'appello di Milano ha assolto le quattro banche e tutti i manager perché “il fatto non sussiste”.[28]

Consiglio di sorveglianza[modifica | modifica wikitesto]

  • Stuart Lewis (Presidente)
  • Giovanni Maria Garegnani (Vice Presidente)
  • Fabrizio Campelli
  • Michele Carpinelli
  • Wolfgang Gaertner
  • Joachim Müller
  • Frank Rückbrodt
  • Alessandro Solidoro
  • Till Staffeldt

Consiglio di gestione[modifica | modifica wikitesto]

  • Flavio Valeri (Presidente e Consigliere Delegato)
  • Mario Cincotto
  • Carmine Di Martino
  • Carlos Gonzaga
  • Roberto Parazzini
  • Carlo Paesani
  • Giordano Villa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vault – The Best Banking Companies 2015
  2. ^ Il Sole 24 Ore - La posizione in classifica delle principali società europee ed italiane e Mercati/2007/07/tabella-europa.shtml?uuid=de7a6b52-3094-11dc-9504-00000e251029
  3. ^ Corriere della Sera – Valeri, un ingegnere per ricalibrare Deutsche
  4. ^ 360by360competition – Deutsche Bank
  5. ^ Edilportale.com - Francoforte: inaugurata la nuova sede Deutsche Bank firmata Bellini
  6. ^ Francesco Crispi: "Questioni Internazionali. Diario e documenti", Fratelli Treves Editori Milano
  7. ^ Sodalitas Social Solution – Deutsche Bank [1]
  8. ^ Repubblica - Deutsche Bank decide l’acquisto della Banca d’America e d’Italia[2]
  9. ^ Il Giorno - La Deutsche Bank si trasferisce, In centro il nuovo sportello [3]
  10. ^ Tuttitalia - Deutsche Bank [4]
  11. ^ Morningstar - A DeAM Italy tutto l’asset management [5]
  12. ^ Repubblica - Anima Sgr compra i fondi di Dws Italia [6]
  13. ^ Deutsche Bank - Sedi [7]
  14. ^ FC Internazionale – Tutto su Deutsche Bank [8]
  15. ^ a b Corriere della Sera – Dal premio alla collezione “attiva” [9]
  16. ^ Comunicato stampa – Deutsche Bank inaugura in Italia la collezione d’arte contemporanea [10]
  17. ^ Forbes – The Top Corporate Art Collection [11]
  18. ^ Fondazione Deutsche Bank – Chi Siamo [12]
  19. ^ a b Fondazione Cologni dei Mestieri D’arte – La Regola del Talento [13]
  20. ^ Deutsche Bank – CR Report [14]
  21. ^ Deutsche Bank - Grandi Orchestre Sinfoniche per Deutsche Bank a favore del FAI [15]
  22. ^ Deutsche Bank – I Partner [16]
  23. ^ Investireoggi - Deutsche Bank lancia social bond per il Banco Alimentare [17]
  24. ^ Deutsche Bank: primo social bond Italia, 20 milioni euro le sottoscrizioni [18]
  25. ^ FC Internazionale – I partner [19]
  26. ^ Eni: con Deutsche Bank per Women in Business and Society [20]
  27. ^ Il Sole 24 Ore - Derivati, truffa al Comune di Milano: sequestri in 4 banche [21]
  28. ^ Il Post - Le banche accusate di aver truffato il Comune di Milano sono state assolte [22]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4100148-5
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aziende