Aéronautique navale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aéronautique navale
Aeronautica navale francese
French Naval Aviation
emblema della Aéronautique navale
emblema della Aéronautique navale
Descrizione generale
Attiva dal 20 marzo 1912 come aviazione navale
dal 19 giugno 1998 come Aviation navale
Nazione Francia Francia
Servizio aviazione di marina
Dimensione 6 747 uomini
211 velivoli[1]
Guarnigione/QG Tolone
Soprannome La Marine du Ciel
Motto Honneur - Patrie - Valeur - Discipline
Sito internet http://www.defense.gouv.fr/marine
Parte di
Comandanti
Comandante Contre-amiral Henri Bobin
Simboli
Coccarda Cocarde-aviation-marine.svg

[senza fonte]

Voci su marine militari presenti su Wikipedia

L'Aéronautique navale (dal 1998 al 2006 Aviation navale, sigla AVIA)[2], spesso abbreviata con il termine Aéronavale, è la componente aerea della Marine nationale, la marina militare della Francia, quest'ultima parte integrante delle forze armate francesi. È nata dalla fusione tra le forze dell'aviazione imbarcata e le forze aerei di pattugliamento il 19 giugno 1998.
Il 1910 segna la nascita dell'Aéronautique maritime, rinominata successivamente Aéronautique navale.

L'Aéronautique navale una forza aerea composta da 211 aeromobili e 6.747 uomini[1] distribuiti su sei basi aeronavali (Base d'aéronautique navale o BAN): Landivisiau, Lann-Bihoué, Hyères, Nîmes-Garons, Lanvéoc-Poulmic e Tontouta (Nuova Caledonia). Essa è posta sotto il comando di un Vice-amiral d'escadre (ALAVIA). Essa è composta da:

  • il gruppo aereo imbarcato (Gaé), destinato ad armare le portaerei e composto da quattro flottiglie di Rafale, di Super-Étendard e di E-2C Hawkeye;
  • gli elicotteri imbarcati sulle fregate, principalmente Panther e Lynx ;
  • gli elicotteri di servizio pubblico e di salvataggio in mare, basati a terra, principalmente EC225 e Dauphin;
  • gli aerei da pattugliamento marittimo (due flottiglie di Atlantique II) e di sorveglianza marittima (tre flottiglie di Falcon Gardian e Falcon 50);
  • un reparto aereo di collegamento che assicura missioni di trasporto e di addestramento.

Storia[modifica | modifica sorgente]

1870-1904[modifica | modifica sorgente]

Le somiglianze tra la navigazione in mare e in aria hanno portato molti marinai a volare su palloni liberi durante l'assedio di Parigi nel 1870, ma è stato solamente a partire dal 1880 che la Marine nationale si è interessata al contributo degli aerostati per realizzare le sue missioni.
Dopo alcuni test a bordo di batterie galleggianti e di navi da guerra, lo Stato Maggiore comandò dal 1888 allo stabilimento di Chalais-Meudon palloni sferici a idrogeno, il cosiddetto "tipo della Marina", realizzati in seta cinese coperta con una vernice di olio di lino. Un centro di test di palloni frenati per la Marine nationale, il Parc de Lagoubran, è allora stabilito a Tolone nel 1890. Nel 1904, Marine nationale rinuncia ai palloni i cui risultati sono considerati insufficienti e non li userà di nuovo se non durante la prima guerra mondiale.

1910-1918[modifica | modifica sorgente]

L'Aéronautique navale basata a terra

La traversata della Manica di Bleriot del 25 luglio 1909 segna l'inizio del trasporto aereo operativo e convince la Marine nationale a dotarsi di aeromobili. Nel 1910, un gruppo di sette ufficiali della Marine nationale è designato per prendere lezioni di volo e la Marine nationale ordina il suo primo aeroplano. Lo stesso anno, Henri Fabre, un ex marinaio, sviluppa e mette a punto l'idro-aeroplano Le Canard, l'antenato dell'idrovolante. Nel 1912, un decreto istituisce il Service de l'aviation maritime che comprende il Centro d'aviazione di Fréjus-Saint-Raphaël, 2 aerei e l'incrociatore La Foudre convertita in trasporto d'aviazione. Nel luglio del 1914, alla vigilia della prima guerra mondiale, un nuovo decreto crea il Service Central de l'Aéronautique maritime dalle competenze più estese. All'epoca, questo servizio disponeva di 25 aerei diversi pilotati da 14 piloti e un centinaio di marinai non-volanti, però, nessuna mongolfiera o dirigibile. Durante la guerra, la necessità di effettuare delle multiple operazioni di ricognizione a seguito di bombardamenti così come l'aumento delle lotta antisommergibile imprimono un'accelerazione degli ordini per i velivoli, in particolare di idrovolanti. 36 centri di aviazione marittima sono quindi situati lungo la costa per proteggere i convogli costieri e mercantili. Alla fine del conflitto, l'Aéronautique maritime impiega 650 aerei e il suo parco aerostatico è composto da 200 palloni liberi o frenati del tipo Caquot e 40 dirigibili messi in servizio dal 1916.

L'Aéronautique navale imbarcata

Nel novembre 1910 negli Stati Uniti d'America, il pilota Eugene Burton Ely è decollato da una piattaforma di legno montata sulla parte anteriore della corazzata Birmingham. Si tratta di una prima mondiale che è duplicata effettuando, nel gennaio 1911, il primo appontaggio della storia atterrando sul ponte della corazzata Pennsylvania. In Francia, dopo una campagna di test nel 1910, l'aviazione imbarcata debutta realmente nel 1912 con la trasformazione dell'incrociatore torpediniere La Foudre in trasporto d'aviazione. Un primo idrovolante è stato installato a bordo, il Canard Voisin, messo in acqua e recuperato sul ponte con un albero di carico specifico. È anche a bordo della Foudre, dotata di una piattaforma provvisoria, che il costruttore René Caudron fa un primo decollo a bordo del suo aereo a ruote nel maggio 1914, ma entrata in guerra ferma questi esperimenti. A quel tempo, l'aviazione imbarcata ha solo 14 aerei. La Foudre è presto seguita durante la guerra da 5 altre navi convertite in trasporto d'aviazione. Gli ultimi test di decollo a bordo della corazzata Paris nell'ottobre 1918, prima di essere interrotti dall'armistizio. I test riprenderanno nel 1920.

1919-1945[modifica | modifica sorgente]

L'Aéronautique navale basata a terra

Dopo la prima guerra mondiale, l'Aéronautique maritime francese a terra si limita all'uso di idrovolanti e dirigibili da osservazione. Questi ultimi, circa una trentina, scompariranno gradualmente fino alla loro estinzione nel 1937. Lo sviluppo di idrovolanti da esplorazione a grande autonomia nel 1920 ha dato luogo a numerosi raid e concorsi civili dove i giovani ufficiali di marina si distinguono e segnano record per la velocità e la distanza. Questi idrovolanti multimotore, che spianeranno la strada per il trasporto aereo commerciale, sono anche declinati come bombardieri pesanti che partecipano alla guerra del Rif in Marocco tra il 1925 e il 1927.
La creazione del ministère de l'Air nel 1928 e dell'Armée de l'air nel 1933 privano temporaneamente la Marine nationale della tutela della sua aeronautica, che essa ricopre nel 1936, con l'eccezione dello studio e della costruzione degli aerei e delle apparecchiature e della formazione iniziale dei piloti che restano assicurate dall'Armée de l'air. All'epoca della dichiarazione di guerra nel 1939, i 370 aerei e idrovolanti della Marine nationale sono vecchi e troppo diversi per preoccupare la forza aerea tedesca. Entro il giugno 1940, le formazioni si ritirarono nelle basi nel sud della Francia e il Nord Africa. Oltremare l'Aéronautique navale rimasta fedele al governo di Vichy si oppose alle forze aeree inglesi e americane a Mers-el-Kébir, a Dakar, in Siria e in Marocco, tanto che i piloti e tecnici mobilitati per France libre sono inclusi nelle forze aeree alleate.

L'Aéronautique navale imbarcata

All'inizio degli anni venti, a differenza di Stati Uniti, Gran Bretagna e Giappone, la Francia non si indirizza rapidamente verso le portaerei e continua a esitare tra l'aereo e l'idrovolante. I test di decollo di aeromobili a ruote da navi dotate di piattaforme non danno risultati soddisfacenti, la trasformazione in portaerei della corazzata Béarn ha portato alla sua messa in servizio nel 1927. Quest'ultima, tuttavia, è usata come nave per test. Nel 1938, è stata decisa la costruzione di due portaerei, ma l'entrata in guerra interrompe il programma.
Per gli idrovolanti, il desiderio della Marine nationale è quello di dotare le sue corazzate e gli incrociatori e di farli decollare da essi. Una prima catapulta è installata su un incrociatore nel 1927 e venti navi ne beneficeranno in dieci anni. Al fine di avere una base mobile di idrovolanti, un trasporto specifico di idrovolanti, la Commandant Teste è stata lanciata nel 1932. Nell'ottobre 1939, all'entrata in guerra, le flottilles della Béarn sono unite alle basi a terra. La portaerei è quindi inviata in Canada nel 1940 per ricevere un comando aereo ma viene deviata al ritorno per rimanere in Martinica fino al 1943. La nave Commandant Teste dopo alcune connessioni nel Mar Mediterraneo fu affondata a Tolone nel 1942.

dal 1945[modifica | modifica sorgente]

L'Aéronautique navale basata a terra

La guerra d'Indocina (1946-1954) cambia la dimensione dell'Aéronautique navale francese che diventa una forza maggiore. La varietà delle sue missioni, sorveglianza marittima, protezione di convogli, trasporto truppe, bombardamento, continuerà durante la guerra d'Algeria (1956-1962) che generalizza anche l'uso dell'elicottero. All'inizio degli anni sessanta, gli idrovolanti da ricognizione sono abbandonati in favore di aeromobili più versatili come i Neptune e poi i Breguet Atlantic.
Oggi, l'Atlantique II, versione moderna del precedente, trasporta siluri anti-sommergibile e missili anti-nave e dispone una vasta gamma per strumenti per la rilevazione e la segnalazione.
Impiegata in tutti i conflitti esterni in cui la Francia è impegnata, l'Aéronautique navale basata a terra si trova ugualmente al cuore di operazioni di servizio pubblico, compresa la sorveglianza della pesca, l'assistenza e salvataggio in mare. Partecipa infine nella lotta contro il traffico e la pirateria.

L'Aéronautique navale imbarcata

L'avvento di aerei a reazione tra il 1945 e il 1948 precede di poco lo sviluppo di tre tecnologie principali a bordo delle portaerei:

  • La catapulta a vapore, in grado di spingere in poche decine di metri, con l'aiuto di un pattino scorrevole in una rotaia, un aereo pesante diverse tonnellate a oltre 200 chilometri all'ora.
  • Il miroir d'appontage, dispositivo ottico di sicurezza per le manovre di avvicinamento dei piloti.
  • La pista obliqua, l'aggiunta di un ponte disallineato a babordo, evita agli aerei che atterrano il rischio di incappare negli aeromobili parcheggiati di fronte al ponte di volo.

Nel dopoguerra, l'Aéronautique navale francese si ricostruisce con l'aiuto degli americani e dei britannici che le forniscono gli aerei e in particolare delle portaerei, diventati il fulcro delle grandi Marine militari. È attorno alla portaerei che l'Aéronautique navale è impegnata, in primo luogo nella guerra d'Indocina e successivamente in molte operazioni oltremare.
All'inizio degli anni sessanta, la Francia si è dotata di materiali ad alto rendimento e di progettazione e costruzione nazionale, tra cui due portaerei, una portaelicotteri, aerei ed elicotteri moderni. Oggi, gli aerei a bordo delle navi francesi sono francesi (Rafale, Super Etendard, Panther), statunitensi (Hawkeye) e europei (elicotteri Lynx poi NH 90).

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Cronologia dal 1910 ad oggi
1910 Sette ufficiali di marina sono scelti per prendere lezioni di volo. Henri Fabre fa decollare sulla laguna di Berre il suo idro-aeroplano, prototipo dell'idrovolante. La Marine nationale ordina e riceve il suo primo aereo, un biplano Farman.
1911 L'incrociatore porta-siluri La Foudre è trasformata in nave di sostegno perl l'aviazione navale. La Marine nationale ordina il suo primo idrovolante, un Voisin.
1912 Creazione del Service de l'Aviation Maritime.
1914 La Foudre è provvisoriamente dotata di una piattaforma che permette a est René Caudron di decollare a bordo di un aereo con ruote.
1914-1918 L'Aéronautique maritime, che conta circa 25 aerei all'entrata in guerra, participa a numerose missioni nel corso del conflitto, in particolare nella lotta antisommergibile.
1916 L'ingegnere Albert Caquot mette a punto il suo pallone frenato da osservazione, adottato da tutti gli eserciti alleati.
1918 Alla fine della guerra, l'Aéronautique maritime conta circa 650 idrovolanti e aerei, 200 palloni e 40 dirigibili.
1920 Un progetto di legge prevede la trasformazione della corazzata Béarn in portaerei. Il tenente di vascello Teste fa decollare e appontare un aereo utilizzando la scocca della Béarn rivestita da una pista in legno. Egli decolla anche da una piattaforma dell'aviso Bapaume.
1922 Inizio della messa a punto di catapulte imbarcate per idrovolanti.
1923 Esplosione del dirigibile Dixmude (ex LZ114) al largo della Sicilia.
1925 Ordine della nave da trasporto d'aviazione Commandant Teste
1926 Prima catapulta francese per idrovolanti montata sulla corazzata Primauguet.
1927 Immissione in servizio attivo della portaerei Béarn. Primo appontaggio in mare.
1932 Entrata in servizio della Commandant Teste armata di idrovolanti da caccia (Gourdou-Leseurre) e di idrovolanti aerosiluranti PL14 (Levasseur), in attesa dei bombardieri Goliath (Farman).
1933 Primo volo dell'idrovolante Breguet 501 Bizerte.
1933 Primo volo dell'idrovolante Loire 130 che è distribuito sulle corazzate, sugli incrociatori pesanti e su alcuni incrociatori leggeri.
1936 Prove in volo di autogiri (antenati degli elicotteri) a bordo della Béarn.
1938 Impostata la portaerei Joffre la cui costruzione è interrotta nel 1940. All'entrata in guerra, l'Aéronautique navale conta circa 370 idrovolanti e aerei da combattimento.
1940 Distruzione di una parte dei velivoli dell'Aéronautique navale nel corso della Campagna di Francia (maggio e giugno 1940).
1944-1945 L'Aéronautique navale si ricostruisce con l'aiuto americano e britannico. La Francia riceve la portaerei di scorta Biter ribattezzata Dixmude, 15 idrovolanti Catalina che rinforzano i 12 già consegnati alle Forces navales françaises libres e 36 bombardieri SBD Dauntless. I piloti francesi sono formati negli Stati Uniti.
1946 Invio in Indocina della portaerei Dixmude. È l'inizio delle operazioni dell''Aéronautique navale in Indocina che dureranno fino al 1956. L'Inghilterra trasferisce alla Francia la portaerei Colossus ribattezzata Arromanches.
1947 L'adesione della Francia all'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord (NATO) le permette di avere degli aerei americani: i caccia F6F-5 HELLCAT e successivamente F4U-7 Corsair, i bombardierei leggeri SB2C Helldiver, gli aerei anti-sottomarino TBM Avenger.
1951 Per aiutare le forze francesi in Indocina, gli Stati Uniti trasferiscono alla Francia la portaerei Langley ribattezzata La Fayette, seguita, nel 1953, dalla Belleau Wood ribattezzata Bois Belleau.
1952 Consegne dagli Stati Uniti dei primi aerei Loocked Neptune P2V6 destinati alla lotta antisommergibile.
1953 Ordine della portaerei Clemenceau destinata ad utilizzare gli aerei antisommergibile Breguet Br 1050 Alizé, gli intercettori Aquilon e gli aerei da caccia Étendard IV. Ricezione della Marine nationale del primo aereo a reazione imbarcato, l'Aquilon.
1955-1962 L'Aéronautique navale partecipa a numerose operazioni durante la guerra d'Algeria.
1957 Messa in cantiere della portaerei Foch, gemella della Clemenceau.
1957-1958 Modernizzazione della portaerei Arromanches per dotarla di una pista obliqua e di un miroir d'appontage.
1960 Messa in cantiere della portaelicotteri Résolue che prende il nome di de Jeanne d'Arc nel 1964.
1961 Immissione in servizio attivo della portaerei Clemenceau (la Foch nel 1963). Messa in servizio dei Breguet Br 1050 Alizé, aerei imbarcati per la lotta antisommergibile.
1962 Messa in servizio degli aerei da caccia a reazione imbarcati Etendards IV M. Primo volo dell'elicottero Super Frelon. Debutto dell'uso di elicotteri sulle navi da combattimento.
1964 Acquisto dagli Stati Uniti di 42 aerei da caccia imbarcati F8E (FN) Crusader.
1965 Consegne del Breguet Br 1150 Atlantic, aereo da pattugliamento marittimo.
1978 Entrata in servizio dell'elicottero franco-britannico ASM Lynx. Esso equipaggia le fregate.
1979 Decisione di rimpiazzare le portaerei Clemenceau e Foch con due portaerei a da 36.000 tonnes a propulsione nucleare, battezzate Richelieu e Charles de Gaulle.
1987 Lancio della costruzione della portaerei Richelieu ribattezzata Charles de Gaulle che durerà dodici anni. Essa dovrà poter operare con una quarantina di aerei destinati all'attacco di obiettivi terrestri o navali, alla difesa aerea e alla dissuasione nucleare con il missile ASMP.
1989 Messa in servizio dell'aereo da pattugliamento marittimo Breguet Atlantique 2.
1991 Primo volo del prototipo dell'aereo da caccia imbarcato Rafale.
1994 Messa in servizio dell'elicottero imbarcato Panther.
1995 Primo volo dell'elicottero europeo multiruolo NH 90 (prime consegne nel 2011).
1998 Consegne dell'aereo AWACS Hawkeye, acquistato in 3 esemplari dagli Stati Uniti.
2001 Immissione in servizio attivo della portaerei Charles de Gaulle.
2004-2005 Lancio delle navi di proiezione e comando (BPC) Mistral e Tonnerre, portaelicotteri d'assalto polivalenti.
2008 Campagne di test di decollo e appontaggi di droni (aerei senza pilota) su una fregata della Marine nationale.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Basi, flottiglie, squadriglie e aeromobili[1]

Aeromobili[modifica | modifica sorgente]

Aeromobili in uso[modifica | modifica sorgente]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[3],[4],[5] Note Immagine
AS565MA Panther Francia elicottero ricerca e soccorso AS565MA 16
Panther-051306-N-9546C-001.jpg
Br1150 Atlantique NG Francia aereo da pattugliamento marittimo Atlantique 2 25
Breguet atlantique2.JPG
Cap 10B Francia aereo da addestramento basico Cap 10B 7
CAP-10 Marine-Tours-2008.jpg
E-2C Hawkeye Stati Uniti aereo AEW imbarcato E-2C 3 La marina ricerca quarto
velivolo di questo tipo.
E2C Hawkeye french navy.JPG
EC225 Super Puma Francia elicottero ricerca e soccorso EC225 2
20100717 EC225 6.jpg
Emb121AA Xingu Brasile aereo da addestramento basico Emb121AA Xingu 10
EMB-121 marine.JPG
Falcon 10MER Francia aereo da addestramento e da trasporto VIP Falcon 10MER 6 32 • 101 • 129 • 133 • 143 • 185[6]
Falcon10-FrenchNavy101.jpg
Falcon 20G Francia aereo da pattugliamento marittimo Falcon 20G Gardian 5 48 • 65 • 72 • 77 • 80[6]
Gardian.JPG
Falcon 50M Francia aereo da pattugliamento marittimo e da trasporto VIP Falcon 50M Surmar 4 7 • 30 • 36 • 132[6]
Dassault.falcon.50m.fairford.arp.jpg
Lynx HAS2/4 Regno Unito elicottero antisommergibile Lynx HAS2/4 24
Lynx helo 2.jpg
MS893-100S Francia aereo da addestramento basico MS893-100S 9
Morane-Saulnier Rallye - Marine.jpg
NH90 Caiman Europa elicottero antisommergibile e ricerca e soccorso NH90-NFC Caiman
NH90-NFS Caiman
2
-
+12 ordini
+13 ordini
Salon du Bourget 20090619 112.jpg
Rafale M Francia aereo da caccia multiruolo navale Rafale M 31 +17 ordini (al 2010)
FS CdG Rafale.jpg
SA316B Alouette III Francia elicottero utility SA 316B 14
Alouette Motte Piquet.jpg
SA365 Dauphin Francia elicottero ricerca e soccorso SA 365 12
Dauphin 2.jpg
Super Etendard Francia aereo da caccia navale Super Étendard Modernisé (SEM) 38
Super-Etendard 2.jpg

Aeromobili dismessi[modifica | modifica sorgente]

Elenco degli aeromobili utilizzati in passato e dismessi:[7]

Le porta-aeromobili[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Aéronautique navale / Alavia, defense.gouv.fr, 01-09-2010. URL consultato il 27-10-2010.
  2. ^ (EN) Gregory Alegi, Francia: il ritorno dell'Aéronautique navale in Dedalonews, http://www.dedalonews.it, 11 lug 2006. URL consultato il 5 gen 2010.
  3. ^ French military aviation OrBat, milaviapress.com/orbat. URL consultato il 17-11-2010.
  4. ^ Aéronefs, defense.gouv.fr/marine, 23-09-2010. URL consultato il 17-11-2010.
  5. ^ Parc aérien au 1er janvier 2010, defense.gouv.fr/marine, 01-09-2010. URL consultato il 17-11-2010.
  6. ^ a b c Airliners Photo Search Results - France Aéronautique navale
  7. ^ netmarine.net - Aéronefs

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Jérôme Baroë, Cent ans d'Aéronautique navale en France, Rennes, Ouest-France, 2010. ISBN 978-2737351075.
  • (FR) Jean Moulin, L'aéronavale française : Les avions embarqués, Rennes, Marines Editions, 2007. ISBN 978-2915379433.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]