Classe Orizzonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orizzonte/Horizon
Fregate Orizzonte in formazione
Fregate Orizzonte in formazione
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg Civil and Naval Ensign of France.svg
Tipo Fregata/Cacciatorpediniere
Costruttori Horizon Sas
Caratteristiche generali
Dislocamento 7.050 t
Lunghezza 152,9 m
Larghezza 20,3 m
Pescaggio 7,5 m
Propulsione CODOG:
Velocità Turbogas 29 nodi
diesel 18 nodi
Autonomia 7000 miglia a 18 nodi
3500 miglia a 25 nodi
Equipaggio 194 + 32 opzionali
Equipaggiamento
Sensori di bordo Radar:
  • Selex in banda E/F RASS
    (ricerca di superficie)
  • EMPAR
    (sensore principale del sistema PAAMS
    multifunzionale 3D tipo phased array in banda G)
  • Thales/Selex S1850M 3D in banda D
    (ricerca di superficie e aerea a lungo raggio)
  • Selex SPN 753(V)4 in banda I
    (navigazione)
  • Sistema di scoperta IR Sagem Vampir MB
  • SIR-R/S IFF
  • 2 Sistemi puntamento MSTIS NA 25X
    (multisensore radar ed elettro-ottico)
  • Sistema meteo-oceanografico
  • Sistema comunicazione Datalink
    (Link 11 e Link 16)
  • Sistema comunicazioni satellitare SATCOM
Guerra elettronica

ESM:

ECM:

sonar:

Armamento
Artiglieria
Siluri (siluri ASW MU 90)
Missili
  • PAAMS
    (Principal Anti-Air Missile System)
  • 3 VLS Sylver A-50
    (moduli da 16 celle per missili superficie/aria a corto raggio Aster 15 e a medio raggio Aster 30 MBDA + 16 celle opzionali (48+16 missili)
  • 8 lanciatori per missili antinave superficie/superficie
    Naval Ensign of Italy.svg Teseo/OTOMAT Mk2 Block IV
    Flag of France.svg Exocet MM40 Block 3 MBDA
Mezzi aerei Elicottero NH90 o EH 101
(2 siluri leggeri MU 90 o due missili antinave Marte Mk 2/S)

in collegamenti esterni

voci di navi presenti su Wikipedia

La classe Orizzonte (o Horizon Common New Generation Frigate - CNGF) è una nuova generazione di fregate/cacciatorpediniere che avrebbero dovuto realizzarsi in seguito ad un progetto congiunto tra Italia, Francia e Regno Unito.

Sviluppo del programma[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente il Regno Unito prevedeva di acquisire nella flotta navi attrezzate per la difesa antiaerea come parte del programma NFR-90 (NATO Frigate Replacement for 90s) partecipato da 8 nazioni e in seguito con lo sviluppo della classe Orizzonte insieme a Francia e Italia.

Dopo l'abbandono del progetto da parte del Regno Unito, però, il programma congiunto è stato proseguito soltanto da Italia e Francia.

Le unità Type 45 inglesi comunque utilizzano alcune soluzioni progettuali della classe Orizzonte ed hanno caratteristiche estetiche, dimensionali e di dislocamento simili a quello delle unità italiane e francesi.

Le industrie difesa italiane e francesi hanno quindi deciso di continuare la partnership con un progetto destinato alla realizzazione della classe FREMM (Fregata Europea Multi-Missione).

Le unità navali della classe Orizzonte sono:

Le navi italiane, ossia l'Andrea Doria ed il Caio Duilio, costituiscono, nella Marina militare italiana, la classe Andrea Doria.

Le due unità francesi, ossia il Forbin e il Chevalier Paul, costituiscono, nella Marine nationale, la classe Horizon.

Inoltre le prime due unità navali, il Forbin e l'Andrea Doria, sono denominate rispettivamente FOC 1 e FOC 2; le altre sono invece denominate FOS 1 (Chevalier Paul) e FOS 2 (Caio Duilio).

La Marina militare italiana definisce le sue due unità come cacciatorpediniere, mentre la Marine nationale come fregate di 1° rango.[2]

Per l'Italia, le industrie che hanno realizzato il progetto sono Fincantieri e Finmeccanica; per la Francia, DCN e Thales.

Il costo totale del programma è stato di circa 2.800 milioni di euro per le quattro unità.[3] FREMM

Classe Andrea Doria[modifica | modifica wikitesto]

Alla Classe Andrea Doria appartengono:

Si differenziano dalle sorelle francesi per la presenza di un terzo impianto OTO Melara 76/62 Super Rapido sul cielo hangar, il radar di ricerca di superficie Selex RAN 30X/I, alcuni apparati di guerra elettronica e la predisposizione per i missili S/S Teseo Mk2/A invece degli Exocet MM40. La comunanza tra le quattro unità rimane comunque superiore al 90%.

Entrambe le navi italiane sono state realizzate presso i cantieri navali Fincantieri di Riva Trigoso per poi essere completate presso gli stabilimenti del Muggiano. Queste due unità hanno rimpiazzato i cacciatorpediniere classe Audace, l'Ardito e l'Audace, ritirati dal servizio nel 2005 ed andati in disarmo nel 2006.

L'Andrea Doria è stato varato il 15 ottobre 2005 e consegnato alla Marina Militare il 22 dicembre 2007; il Caio Duilio è stato varato il 23 ottobre 2007 e consegnato il 3 aprile 2009.

Le due unità navali gemelle sono diventate operative nel corso del biennio 2010-2011.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo scafo ha una lunghezza fuori tutto 152,87 metri e di 141,7 metri alla linea di galleggiamento, con una larghezza massima di 20,3 metri ed un'immersione media di 5,10 metri

Il dislocamento standard è di 5.290,4 tonnellate che diventano 7.050 a pieno carico.

L'equipaggio è di 189 membri, di cui 24 ufficiali, 53 sottufficiali 33 sergenti e 79 militari di truppa oltre ad altri 41 componenti, di cui 13 per gli elicotteri, fino ad un massimo 20 per il comando complesso e 8 per la squadra Reggimento "San Marco". Rispetto alle precedenti unità cacciatorpediniere è necessario metà personale dato il livello di automazione di queste unità.[4]

Una delle caratteristiche principali delle Orizzonte è la tecnologia di "sopravvivenza passiva", con una sagoma inconfondibile e una struttura asimmetrica, che è stata studiata per rendersi meno visibili ai radar riducendo così il rischio di essere intercettati nelle missioni svolte in scenario ostile.

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

La propulsione è tipo CODOG (COmbined Diesel Or Gas) con 2 turbine a gas Avio-GE LM 2500 da 20,5 MW ciascuna e 2 motori diesel a 12 cilindri S.E.M.T. Pielstick 12 PA6 STC di fabbricazione francese da 4,32 MW (5.875 cv) ciascuno. L'apparato propulsore trova collocazione in due locali macchine, in due compartimenti stagni e insonorizzati, di cui uno nella zone di prora e l'altro nella zona poppiera ed in ciascuno dei due locali macchine un gruppo formato da un diesel ed una turbina a gas che scaricano in due fumaioli.

L'apparato propulsore scarica la sua potenza su 2 eliche a 5 pale a passo variabile della Fincantieri di 4,8 metri di diametro e ciascuna elica è collegata ad entrambe le sale macchine.

La velocità è di 18 nodi con la sola propulsione diesel e 29 nodi con le turbine a gas, mentre l'autonomia è di 7.000 miglia a 18 nodi e 3.500 miglia a 24 nodi.

Ai servizi elettrici di bordo provvedono 4 generatori diesel Isotta Fraschini VL 1716 T2 ME dalla potenza di 1,6 MW in due centrali elettriche.

Un impianto di automazione integrato detto PMS (Platform Management System della DCN) gestisce l’apparato motore, l'impianto elettrico, i servizi ausiliari e il servizio di sicurezza e può essere gestito dalla plancia o da postazioni situate nei singoli locali.[5]

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

La comunanza tra le versioni italiane e francesi è del 90% e la differenza principale tra le unità italiane e le francesi è nella dotazione missilistica e nell'armamento poppiero.

Le navi sono dotate di tre VLS Sylver A-50 con moduli da 16 celle per missili superficie/aria a corto raggio MBDA Aster 15 e a medio raggio Aster 30 per un totale di 48 missili più 16 celle opzionali.

L'armamento missilistico antinave è costituito da otto lanciatori per missili Teseo/OTOMAT Mk2 Block IV nelle unità italiane e missili MBDA Exocet MM40 Block III in quelle francesi.

L'armamento artiglieresco è costituito da tre cannoni Oto Melara da 76/62mm Super Rapido, sistemati due nella zona prodiera e uno nella zona poppiera nelle unità italiane, mentre le unità francesi hanno rinunciato al terzo cannone poppiero sostituito da un sistema Sadral da dei celle per missili a corto raggio Mistral, una sorta di CIWS leggero.

L'armamento per la difesa ravvicinata è completato da due mitragliere KBA/KBB da 25/80mm nelle unità italiane e due mitragliere mod. F2 da 20mm in quelle francesi.

L'armamento silurante è costituito da due lanciasiluri singoli da 324mm Eurotorp B515/3 per siluri ASW MU 90 con una scorta di 24 siluri.

Elettronica[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema missilistico antiaereo è basato sul Principal Anti-Air Missile System (PAAMS) cui sono associati il radar multifunzionale 3D EMPAR, sensore principale del sistema e dal radar S1850M 3D per ricerca di superficie e aerea a lungo raggio. Il sistema dispone di una centrale secondaria in grado di subentrare in caso di distruzione o avaria del sistema principale.

Altri sensori sono il radar di scoperta di superficie RASS (RAN30 X/I) in banda E/F della Selex, il radar di navigazione Selex SPN 753(V) 4 in banda I, il sistema di scoperta IR Sagem Vampir MB, due sistemi di puntamento multisensore (radar ed elettro-ottico) MSTIS NA 25X (RTN-30X), radar per appontaggio elicotteri, sistema IFF SIR-R/S e di un sistema meteo-oceanografico.

Il sistema di guerra elettronica comprendente due lanciarazzi SCLAR H in funzione antimissile, il Sistema antisiluro SLAT.

Il lanciarazzi SCLAR H è di tipo multiplo e viene usato per azione di disturbo radar, mediante lancio di cortine di disturbo, per confondere i sistemi d'arma avversari basati sull'utilizzo del radar, mediante lancio di inganno radar e per ingannare i sensori ottici a guida infrarossa dei missili, mediante lancio di bengala illuminanti detti flare.

Le unità dispongono di sistema comunicazione Datalink Link 11 e Link 16 e di sistema comunicazioni satellitare SATCOM.

Il sonar è il Thompson/Marconi UMS 4110 CL montato a scafo a media frequenza.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Le due unità della Marina Militare Andrea Doria (D553) e Caio Duilio (D554) sono state costruite nel cantiere navale di Riva Trigoso, completando il loro allestimento a La Spezia negli stabilimenti di Muggiano ed hanno rimpiazzato i cacciatorpediniere Ardito (D550) e Audace (D551), ritirati dal servizio nel 2005 ed andati in disarmo nel 2006.

L'Andrea Doria (D553), varata il 15 ottobre 2005 è stata consegnato alla Marina Militare il 22 dicembre 2007 mentre il Caio Duilio (D554), varato il 23 ottobre 2007, dopo avere effettuato la prima prova in mare in moto autonomo il 12 febbraio 2008 è stata consegnata nel 2009.

Francia[modifica | modifica wikitesto]

La Marine nationale ha ordinato due unità classe Horizon denominate Forbin (D 620) e Chevalier Paul (D 621).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Horizon frigates in Journal of Electronic Defense (JED), Association of Old Crows (AOC),, maggio 2010, pp. 30-42.
  2. ^ Nella Marina francese il termine fregata designa attualmente due tipi di navi: le frégates de second rang cioè le fregate vere e proprie e gli avisos (navi simili a corvette) contraddistinte dal pennant number "F" (navi più piccole, leggere, furtive, di sorveglianza) e le frégates de premier rang cioè i cacciatorpediniere contraddistinti dal pennant number "D" (navi più grandi, da difesa aerea, anti-aerea, anti-sottomarino).
  3. ^ Programma Orizzonte. URL consultato il 13-11-2008.
  4. ^ Classe Doria. URL consultato il 13 -11-2008.
  5. ^ Mezzi militari. URL consultato il 13-11-2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]