Luigi Cadorna (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Cadorna
L'incrociatore Luigi Cadorna all'ancora a Pola durante la seconda guerra mondiale
L'incrociatore Luigi Cadorna all'ancora a Pola durante la seconda guerra mondiale
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Naval Ensign of Italy.svg
Tipo Luigi Cadorna
Classe Condottieri
Cantiere Cantieri Riuniti dell'Adriatico - Trieste
Impostata 1930
Varata 30 settembre 1931
Entrata in servizio 11 agosto 1933
Radiata 1951
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 6.620 t
a pieno carico: 7.113
Lunghezza 169,3 m
Larghezza 15,5 m
Pescaggio 5,5 m
Propulsione 6 caldaie, 2 gruppi turboriduttori, 2 eliche
95.000 CV
Velocità 36,5 nodi  (67.6 km/h)
Autonomia 2.930 mn a 16 nodi (5.426 km a 29,6 km/h)
1.230 t di nafta
Equipaggio 507
Armamento
Armamento cannoni:

siluri:

  • 4 tubi lanciasiluri da 533 mm in due complessi binati brandeggiabili
Corazzatura 20 mm (orizzontale)
24 mm (verticale)
23 mm (artiglierie)
40 mm (torrione)
Mezzi aerei 2 × IMAM Ro.43
catapulte situate a centro nave
Note
Motto Acriter in hostes

[senza fonte]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La Luigi Cadorna fu un incrociatore leggero della Regia Marina italiana, appartenente alla classe Condottieri tipo Luigi Cadorna. Venne così battezzata in onore del generale della prima guerra mondiale Luigi Cadorna. Non disponendo di una protezione sufficiente ad operare in azioni di squadra, durante la seconda guerra mondiale venne impiegato in ruoli di scorta e di protezione ai convogli italiani e tedeschi.

Nel 1940 le artiglierie da 40/39 mm vennero sostituite con 8 mitragliere da 20/65 mm. Nel 1943 anche le mitragliere da 13,2 mm furono sostituite con mitragliere da 20 mm. Nel 1944 vennero rimossi i tubi lanciasiluri. Era dotato anche di sistemazioni per paramine e posamine e di 2 lanciabombe antisommergibile

Al termine della seconda guerra mondiale venne lasciato in forza alla marina italiana, ma ormai obsoleto venne radiato nel 1951.

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina